Fumetto d'Autore ISSN: 2037-6650
Dal 2008 il Magazine della Nona Arte e dintorni - Vers. 3.0 - Direttore: Alessandro Bottero

Editoriali

L'Editoriale - Nel Fumettomondo mai parlare male degli amichetti

17-06-2020 Hits:866 Editoriali Alessandro Bottero

di Alessandro Bottero Potremmo stare tutto il giorno a fare battute sui critici e sugli amici, ma non voglio farvi perdere tempo, per cui arrivo subito al punto. Qualche settimana fa il corpaccione del fumettomondo ha sussultato per le affermazioni di Alessandro Di Nocera, di professione professore di liceo e a tempo perso giornalista della Repubblica sede di Napoli con spazio sulla pagina della cultura dell’edizione di quel giornale per argomenti dedicati ai fumetti e a tempo sempre perso critico di fumetti, presenza cospicua sui social, amico di Roberto Recchioni e parte del salotto buono del fumetto italiano, secondo cui un critico se viene invitato a una prima del film di un amico o riceve un volume a fumetti di un amico se il film e brutto o il fumetto è brutto non ne deve parlare e deve lasciare il compito a qualcun altro. Se invece il...

Ultime Notizie

Roberto Riccio e Comics X Africa: dopo il massacro mediatico arriva l'archiviazione del tribunale

17-07-2019 Hits:1809 Dal Mondo Super User

E come al solito, Fumetto d'Autore vi da le notizie che gli altri tacciono. Eppure ci ricordiamo bene le edizioni di Comics X Africa a Telese Terme dove tantissimi fumettomondisti erano grandissimi amici di Roberto Riccio... dagli Avvocati Angelo Riccio ed Antonio Leone riceviamo e pubblichiamo DOPO 24 PUNTATE, MILIONI DI...

La Panini censura Mussolini (e Paperon de Paperoni)?

12-06-2019 Hits:2538 Fumetti Super User

Pare che il sonno dei fan italiani più duri e puri dei comics americani sia stato turbato da una omissione dell'editore Panini. Infatti sembra che ai fan più attenti non sia sfuggito il fatto che il volume "Le grandi storie di guerra", che a detta dell'editore modenese, dovrebbe contenere l'integrale...

A+ A A-

L'Editoriale » E venne il giorno del comuncato ufficiale

statigeneralidi Alessandro Bottero

Ebbene, miei piccoli e fedeli lettori, finalmente il comunicato dell’evento più atteso,  commentato, discusso di questa Lucca 2010, che si annuncia ricca di scintille e meraviglie, è finalmente arrivato. Sto parlando del Comunicato relativo alla T.R.T.A.S.S.G.D.F. (Tavola Rotonda Tra Autori Sugli Stati Generali Del Fumetto), di cui abbiamo adesso un programma più definito. Il comunicato è chiaro, e quindi non è necessario intervistare nessuno, ma al tempo stesso pur essendo chiaro, suscita in me alcune perplessità che –bonariamente e paciosamente, come uno zio coccoloso e benevolo- passo ad elencare.

Vi ho detto che il comunicato è chiaro, e quindi non è necessario intervistare nessuno? Beh, ripetiamolo, sennò poi si pensa che non vogliamo intervistare le persone.  A parte questo che perplessità nutro?

QUI potete leggere il testo nei suoi punti salienti

Letto?  Allora la prima cosa che mi salta all’occhio è che il punto di arrivo è molto diverso da dove si era partiti a luglio. A luglio doveva essere un incontro tra autori, ed adesso è diventato una specie di “Tutti gli elementi dell’Universo – tranne alcuni - si incontrano per discutere sulla vita, la morte, e tutto quanto”. Un po’ Guida Galattica per Autostoppisti, se mi permettete.

Seconda cosa. Si parte alle 17, e presumibilmente si arriverà al massimo fino alle 20. Tre ore di discussione. E, se contate solo i nomi effettivamente citati, 15 (QUINDICI) persone che interverranno. Ossia abbiamo 180 minuti (più o meno) di tempo utile, e 15 persone. Anche dando solo dieci minuti a testa (tempo direi oggettivamente poco per fare un discorso compiuto), arriviamo al pelo, mettendo assieme solo una serie di quindici micro-monologhi, senza alcun dibattito, né tra relatori, né col pubblico.

È sensato? Mi pare un ennesimo esempio della sindrome da “Tutto, e Tutto nello stesso pomeriggio” che caratterizza SEMPRE gli incontri alle manifestazioni a fumetti. In questo modo che scambio di opinioni, o dialogo può esserci? Il numero stesso degli interventi previsti – anche solo limitandoci a cosa sta scritto nel comunicato - impedisce un vero scambio di opinioni.

Terza cosa. L’AFUI parlerà dello stato delle vendite nelle librerie specializzate. Ok. Ma sulla base di quali dati, e di quale campione statistico attendibile? In Italia le fumetterie sono più o meno 200, massimo 250. Non di più. Ed è una realtà estremamente variegata, con esercizi commerciali diversissimi l’uno dall’altro. Questa analisi di come si vende nelle librerie specializzate è frutto di un’indagine effettuata dall’AFUI in tutte le fumetterie? E il campione statistico rappresentativo, come è stato composto? E soprattutto: se l’AFUI non dice quante fumetterie raccoglie sotto di sé (ricordo che l’AFUI non dice quante fumetterie aderiscono all’AFUI), come faccio a ritenere significativo quello che ci dirà il presidente dell’AFUI? Sarebbe come se la CGIL andasse al tavolo delle trattative per il rinnovo del contratto e alla domanda “Scusi, tanto per sapere, ma quanti iscritti avete?”, rispondesse “Non lo dico.”. A questo punto qualsiasi controparte con un minimo di buon senso risponderebbe “Grazie, è stato un piacere. Chi c’è dopo?”. Ossia, se tu associazione X ti proponi come interlocutore credibile in un dato settore, mi devi dimostrare di avere una forza ed una presenza effettiva nel settore, tale da poterti dare un minimo di credibilità. E se mi proponi degli “studi di settore”, beh….devono essere fatti – per essere presi sul serio - con un minimo di serietà. Dire “Gli editori pubblicano un sacco di cazzate, e soffocano il mercato, perché non si vendono”, non è PROPRIO PROPRIO un’analisi approfondita e che meriti  considerazione.

Quarta cosa. Se ci fate caso tra gli invitati a parlare abbiamo autori, rappresentanti dell’AFUI (quindi in senso lato le fumetterie), sindacalisti, avvocati, ma né distributori né editori. Perché? Mi si potrebbe dire “Perché la T.R.T.A.S.S.G.D.F. (Tavola Rotonda Tra Autori Sugli Stati Generali Del Fumetto) coinvolge gli autori.” Perfetto. Ma allora che c’entra l’AFUI? O che c’entra col discorso autori Michele Ginevra? O l’intervento storiografico di Toninelli? (che poi….allora se facciamo storiografia, perché non invitare anche Carlo Chendi, che negli ’70 aveva provato a creare un sindacato degli autori a fumetti? Già che ci siamo, uno in più o uno in meno…). Se proprio si è deciso di affrontare ANCHE il tema delle vendite nelle fumetterie (e l’intervento dell’AFUI è esplicitamente su questo tema), un intervento dei distributori da fumetteria poteva essere più indicato, o perlomeno completare quello dell’AFUI. O no? E magari interventi da parte di distributori da edicola (Marco, Parrini, ec…) o di libreria di varia (Messaggerie, PDE, ec…) poteva se non sfatare molte leggende urbane, aiutare la gente a CHIARIFICARE alcuni concetti tragicamente confusi. E invece AFUI sì, e niente distributori. Perché?

Quinta cosa. Perché prevedere interventi o presenze ridondanti, come quelle di Milazzo, dell’avvocato Pellegrino, e del rappresentante del SILF? Sono inutili, e triplicano lo spazio dedicato –sostanzialmente- allo stesso tema, ossia la tutela del diritto d’autore, e come si coniuga con la legislazione vigente e la contrattualistica in essere in Italia. Allora, piccola esperienza personale. All’ultima Romics c’è stato un incontro sul diritto d’autore, copyleft, ed altro. Beh, solo per dire due-cose-due sul diritto d’autore, e sul copyleft, semplicemente chiarendo i TERMINI, c’è voluta mezz’ora. E adesso si spera che in dieci minuti a testa si illustri la legge sul diritto d’autore, la contrattualistica possibile che lo mette in essere, e tutti i problemi legati? Beata ingenuità…

Vi bastano cinque perplessità? Secondo voi sto “proponendo merda da mangiare”, perché sarei una locusta? Oppure starei gettando fango, perché sono una “macchina che getta fango, invece di fare informazione”? O non sto semplicemente esprimendo delle perplessità, perché vorrei che fossero evitati i rischi che invece vedo chiari, evidenti, e probabili?

Un’ultima annotazione, giusto per chiarirci. Come Fumetto d’Autore abbiamo dedicato sinora oltre TRENTA pezzi –tra articoli, editoriali, news- a questo argomento, dandoci come obiettivo proprio quello di tenerlo sempre al centro dell’attenzione del mondo del fumetto online. Tanto per dirne una siamo stati noi a contattare per primi Ivo Milazzo, chiedendogli un commento sulla notizia, e Milazzo  ci rispose che non ne sapeva nulla, ma che se lo avessimo invitato sarebbe stato più che lieto di partecipare. Noi chiarimmo che non eravamo noi ad organizzare la cosa, e lo indirizzammo verso gli organizzatori. E per chi non ci crede ho le mail a conferma. Nessun altro sito (Comicus, Mangaforever, lo Spazio Bianco) ha dedicato a questo tema tutta l’attenzione che abbiamo dedicato noi. E adesso devo sentirmi dare del “coglionazzo” da Alessandro Di Virgilio, sul blog di Claudio Stassi?

Non credete sia possibile? Ecco il testo, ad imperitura memoria:

“la cosa che, oltre a rendermi perplesso, mi fa anche leggermente incazzare è che, tra tutti i siti di informazione, gli unici che stanno dando risalto (distorto) all'evento, sono quei coglionazzi di FdA, a parte vari forum e blog. Mah!”

Allora, vorrei dire che se fare il proprio dovere di sito di informazione con oltre 30 pezzi, è essere dei “coglionazzi”, allora è impossibile qualsiasi dialogo, perché proprio viaggiamo su binari diversi. E vorrei dire anche che dicendo “quei coglionazzi di FdA” Alessandro Di Virgilio non insulta solo me ma tutti quelli che scrivono e collaborano per Fumetto d’Autore e che magari non conosce nemmeno. Lo inviterei quindi, se proprio deve insultare qualcuno, a rispettare le persone e a non fare di tutta un’erba un fascio. Anche Francesco Murrone, che cura la pagina Facebook di Fumetto d’Autore è un coglionazzo? O Vittorio Fabi, che scrive dei pezzi per FdA? O Adriano Monti buzzetti? O Marco Laggetta? O Carmine Treanni? Li conosce? Sa chi sono? Trova così naturale e “normale” catalogarli come “coglionazzi”?

O forse sono io che capisco male, e che non ho letto gli interventi precedenti, e che “decontestualizzo” le cose, e che sono sempre cattivo.

Magazine

INTERVISTA ESCLUSIVA CON MORENO BURATTINI su "Zagor - Darkwood Novels"

26-07-2020 Hits:1383 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

   Ritratto ad opera di Lorenzo Barruscotto, autografato dallo stesso Burattini.     Buongiorno e grazie per il suo tempo. Facciamo quattro chiacchiere sulla nuova miniserie di Zagor “Darkwood Novels”.   - Nel primo volume viene presentata ai lettori questa nuova iniziativa editoriale targata Spirito con la Scure anche con dotte citazioni e riferimenti ai Dime Novels...

Leggi tutto

L'Intervista - Kirby Academy, a Cassino un punto di riferimento unico per chi vuole fare fumetti

17-01-2020 Hits:857 Autori e Anteprime Super User

A cura della redazione L'Associazione Culturale Cagliostro E-Press, ha 15 anni alle spalle di meritoria attività di scountng di nuovi talenti e diffusione del media fumetto sul territorio nazionale: la storia dell'Associazione, sempre presente alle principali fiere di settore, racconta di più di 150 volumi pubblicati in questi tre lustri e...

Leggi tutto

Saggio e analisi di "TESLA AND THE SECRET LODGE"

17-12-2019 Hits:2784 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

 La cover variant (a sinistra) e quella ufficiale (a destra)   Ucronia. Cosa significa questa parola? Con tale termine viene indicato un genere di narrativa fantastica basato sulla premessa che la storia del mondo abbia seguito un corso alternativo a quello reale. Deriva dal greco e significa letteralmente “nessun tempo”, analogamente a come...

Leggi tutto

Intervista con OSKAR su ZAGOR

17-12-2019 Hits:2859 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

    Facciamo quattro chiacchiere in merito al volume “L'eroe di Darkwood”, il sesto e conclusivo della mini serie “Zagor – Le Origini” che ha visto Oskar, nome d'arte di Oscar Scalco, classe 1971, disegnatore con all'attivo numerosi traguardi prestigiosi, impegnato ai disegni sui testi di Moreno Burattini. Le sue due opere che vedrete di seguito sono presenti...

Leggi tutto

Moleskine 125 » Quella falsa differenza tra Fumetto e Graphic Novel

30-08-2019 Hits:2607 Moleskine Conte di Cagliostro

Sottotitolo: Artibani e Recchioni avanti, dietro tutti quanti (Plazzi compreso) per piacere di Topolino. di Conte di Cagliostro Houston il fumettomondo ha un problema. Ci sono dei pazzi che vanno in giro spacciandosi per Francesco Artibani, Andrea Plazzi e Roberto Recchioni? O Artibani, Plazzi e Recchioni sono pazzi? Ricapitoliamo. Qualche giorno fa, il...

Leggi tutto

RECENSIONE CARTONATO DEADWOOD DICK "TRA IL TEXAS E L'INFERNO"

29-07-2019 Hits:2877 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

    "Avete mai fatto caso che nella vita ogni tanto si incontra qualcuno che non va fatto in…alberare?” Ecco, quel qualcuno è Deadwood Dick. Mutuandola ed adattandola per i nostri scopi, la celeberrima frase pronunciata da un granitico Clint Eastwood in “Gran Torino” serve perfettamente a delineare il carattere del personaggio...

Leggi tutto

Moleskine 124 » Quando scappa un fumettosauro dallo zoo del fumettomondo

15-06-2019 Hits:2099 Moleskine Conte di Cagliostro

di Conte di Cagliostro Interrompiamo il silenzio di questa disgraziata rubrica su questo disgraziatissimo sito, perchè pare che sia scappato il fumettosauro dallo zoo del fumettomondo. Per sgombrare subito il campo da qualsiasi possibile dubbio, durante la nostra assenza dal vergare queste righe siamo diventati grandissimi estimatori del famigerato Sauro Pennacchioli...

Leggi tutto