Fumetto d'Autore ISSN: 2037-6650
Dal 2008 il Magazine della Nona Arte e dintorni - Vers. 3.0 - Direttore: Alessandro Bottero
A+ A A-

MAXMAGNUS – MAX BUNKER (OSCAR INK)


MaxMagnus

 

di  FRANCESCO CECCAMEA

Di solito le introduzioni a un volume lasciano il tempo che trovano ma nel caso di quella firmata da Gabriele Frasca all’inizio del Maxmagnus di Bunker non è così. Oltre a essere scritta davvero bene offre uno sguardo intrigante e accorto sull’epopea dell’irresistibile tiranno e il suo (in)fido amministratore. Le strisce complete raccolte nel libro edito dalla Mondadori per la collana Oscar Ink in edizione restaurata, ha il pregevole merito di offrire al pubblico un momento magari non così noto del sodalizio Bunker-Magnus ma da riscoprire doverosamente. Nato sulla rivista Eureka dell’Editoriale Corno nel 1968 e raccolto in volume per la prima volta nel 1971, Maxmagnus mantiene lo stile tipico delle strisce basate sul meccanismo dell’eterno ritorno ma solo a Il giorno dei bagordi, episodio che anziché mantenere la solita lunghezza si protrae per otto pagine meravigliose. Da lì in poi storia guadagna un passo consequenziale fino all’epilogo tragicomico del re Maxmagnus destituito dal popolo in rivolta e mandato in esilio con l’intera sua famiglia reale in groppa a un somaro. L’ironia e l’aspetto buffo dei personaggi principali, perfidi e miserabili, ingentiliscono una vicenda piuttosto sanguinaria e crudele che mostra il filo genetico di Maxmagnus con l’autore di Satanik e Kriminal. (Un esempio su tutti è l’albero di natale con gli impiccati). Il re pacioccone e l’amministratore furbastro sono macchiette irresistibili e nonostante spremano la plebaglia senza alcuna pietà, spazzando via con violenza qualsiasi manifestazione di scontento, non riusciamo ad avercela con loro. E quasi ci dispiace quando nelle risolutive tavole un corteo di contadini armati di forconi, zappe falci e martelli (più chiaro di così) prendono d’assedio il troneggiante e cupo castello ai cui piedi per 60 e passa pagine sono stati consumati i soprusi più detestabili e le angherie più inverosimili. L’amministratore è in cella durante la rivolta (ci finisce spesso in punizione per tentativi di furto ai danni del Re) e sta attendendo la sua esecuzione. Preferisce la morte piuttosto che sposare la figlia inguardabile del sovrano. L’arrivo dei facinorosi è una manna per lui che si ritrova da indifendibile sanguisuga delle finanze reali e mastino tassatore in una specie di martire del popolo. Il capovolgimento delle parti lascia sempre il potere in cima a tutto e come un contadino in fila dice nelle ultime vignette in maniera populistica e inevitabile “cambiano i suonatori ma la musica l’è sempre la stessa”. E va detto che lo sguardo disincantato di Max Bunker si nota da cima a fondo. La pugna conclusiva dei poveri contadini vessati e angariati da un sovrano disumano e insaziabile è solo un’occasione per chiosare in modo estremamente cinico su quanto sia la natura stessa degli uomini il vero limite contro cui nessuna forma di idealismo, sempre concepito dagli uomini, possa far molto. Le leggi di natura vincono sui principi e quando i poveri prendono il potere e dichiarano che i ricchi pagheranno e i poveri saranno esentati dalle tasse, l’ex Amministratore di Maxmagnus, ricondotto al suo ruolo di maneggione dal popolo stesso che tanto l’ha odiato, fa notare che ora i ricchi sono proprio loro!

Magazine

L'Intervista - Kirby Academy, a Cassino un punto di riferimento unico per chi vuole fare fumetti

17-01-2020 Hits:570 Autori e Anteprime Super User

A cura della redazione L'Associazione Culturale Cagliostro E-Press, ha 15 anni alle spalle di meritoria attività di scountng di nuovi talenti e diffusione del media fumetto sul territorio nazionale: la storia dell'Associazione, sempre presente alle principali fiere di settore, racconta di più di 150 volumi pubblicati in questi tre lustri e...

Leggi tutto

Saggio e analisi di "TESLA AND THE SECRET LODGE"

17-12-2019 Hits:2427 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

 La cover variant (a sinistra) e quella ufficiale (a destra)   Ucronia. Cosa significa questa parola? Con tale termine viene indicato un genere di narrativa fantastica basato sulla premessa che la storia del mondo abbia seguito un corso alternativo a quello reale. Deriva dal greco e significa letteralmente “nessun tempo”, analogamente a come...

Leggi tutto

Intervista con OSKAR su ZAGOR

17-12-2019 Hits:2542 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

    Facciamo quattro chiacchiere in merito al volume “L'eroe di Darkwood”, il sesto e conclusivo della mini serie “Zagor – Le Origini” che ha visto Oskar, nome d'arte di Oscar Scalco, classe 1971, disegnatore con all'attivo numerosi traguardi prestigiosi, impegnato ai disegni sui testi di Moreno Burattini. Le sue due opere che vedrete di seguito sono presenti...

Leggi tutto

Moleskine 125 » Quella falsa differenza tra Fumetto e Graphic Novel

30-08-2019 Hits:1849 Moleskine Conte di Cagliostro

Sottotitolo: Artibani e Recchioni avanti, dietro tutti quanti (Plazzi compreso) per piacere di Topolino. di Conte di Cagliostro Houston il fumettomondo ha un problema. Ci sono dei pazzi che vanno in giro spacciandosi per Francesco Artibani, Andrea Plazzi e Roberto Recchioni? O Artibani, Plazzi e Recchioni sono pazzi? Ricapitoliamo. Qualche giorno fa, il...

Leggi tutto

RECENSIONE CARTONATO DEADWOOD DICK "TRA IL TEXAS E L'INFERNO"

29-07-2019 Hits:2544 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

    "Avete mai fatto caso che nella vita ogni tanto si incontra qualcuno che non va fatto in…alberare?” Ecco, quel qualcuno è Deadwood Dick. Mutuandola ed adattandola per i nostri scopi, la celeberrima frase pronunciata da un granitico Clint Eastwood in “Gran Torino” serve perfettamente a delineare il carattere del personaggio...

Leggi tutto

Moleskine 124 » Quando scappa un fumettosauro dallo zoo del fumettomondo

15-06-2019 Hits:1767 Moleskine Conte di Cagliostro

di Conte di Cagliostro Interrompiamo il silenzio di questa disgraziata rubrica su questo disgraziatissimo sito, perchè pare che sia scappato il fumettosauro dallo zoo del fumettomondo. Per sgombrare subito il campo da qualsiasi possibile dubbio, durante la nostra assenza dal vergare queste righe siamo diventati grandissimi estimatori del famigerato Sauro Pennacchioli...

Leggi tutto

Il Duce, la storia di Mussolini che la Panini non vi farà mai leggere...

15-06-2019 Hits:2186 Off Topic Super User

...Fumetto d'Autore ve la presenta corredata da un imprescindibile apparato critico. Dopo avere scoperchiato il caso della storia dedicata a Mussolini misteriosamente omessa dalla Panini, in nome della stessa libertà con cui M.M. Lupoi si riempe i profili social tutti i giorni, potete scoprire da soli se era da censurare...

Leggi tutto