Fumetto d'Autore ISSN: 2037-6650
Dal 2008 il Magazine della Nona Arte e dintorni - Vers. 3.0 - Direttore: Alessandro Bottero
A+ A A-

L'Intervista - Paul Izzo, sceneggiatore per tutti i gusti

intervista paul izzo06Oggi, qui in esclusiva su Fumetto d’Autore ho il piacere di intervistare un fumettista a 360 gradi, che può vantare esperienze che vanno dalla pubblicazione indipendente su web fino a collaborazioni con una testata del calibro di Diabolik.

Ladies and Gentlemen, ecco a voi… Paul izzo!

FdA: Benvenuto su FdA, Paul, tolgo subito ogni indugio e ti chiedo così a bruciapelo… perché il nome d’arte? Hai sempre pubblicato firmandoti così?

Ciao a tutti e grazie a te e a FdA  per l'interessamento al mio lavoro. Ho sempre firmato le mie opere come Paul Izzo che banalmente non è altro che la storpiatura del mio cognome  ma  fa più glamour. Il motivo per cui  l'ho scelto, come da tradizione, non si può svelare, o dovrei poi uccidere tutti come il buon Frank Castle.

FdA: Raccontaci dei tuoi esordi e degli anni di Verticomics: a cosa è dovuta la scelta di puntare sul Web?

Era il 2010, finito il corso di sceneggiatura mi sono guardato intorno e ho notato il forte interesse per i famosi webcomic, grazie al passaparola di alcuni amici ho cominciato a scrivere per Verticalismi (ora Verticomics) storie brevi e spesso autoconclusive che per me erano una palestra nella quale allenarmi, provando anche a sperimentare su generi diversi. Poi è arrivata l'idea di Viole(n)T Hill dove ho coordinato oltre 50 artisti, alcuni stranieri e altri di molto famosi, che è stata una sorta di consacrazione.

FdA: ti sei formato come sceneggiatore, quali sono i generi che scrivi più volentieri?

Noir, fantascienza, fantasy e come il mio personaggio  Azarov, l'Orso di Kodiak, edito su The Steams della Noise Press, commedia travestita però da action. Ma la scommessa è riuscire a scriverli tutti i generi.

FdA: Appare innegabile che oggi nel fumetto italiano il livello grafico sia notevole, ma spesso si lamenta la scarsezza di buone storie…cosa pensi che renda una storia a fumetti buona?

Bella domanda, per quanto insidiosa, credo sia la capacità di emozionare e di far immedesimare il lettore che in tal modo può vivere la storia, inoltre la capacità di narrare le storie con la giusta atmosfera e fluidità.

intervista paul izzo02

FdA: Una sceneggiatura che hai nel cassetto e una che invece hai nel cestino della carta straccia…domanda sadica per farmi gli affari tuoi, naturalmente

Quella di THUG TEAM e di Trasparente, due opere diverse, un action con sfumature sulle questioni razziali e l'altra, all'opposto, è una storia intimista ambientata in Italia ai giorni nostri, tutte e due mi piacerebbe  vederle realizzate insieme al disegnatore Alessandro Germani, un puro talento. Nella spazzatura in verità ne ho una che sarebbe dovuta uscire come numero tre di una  serie   da edicola che è stata fermata al numero due ed è praticamente impossibile riutilizzare.

intervista paul izzo01

FdA: su quale personaggio a fumetti esistente ti piacerebbe mettere le mani e che genere di storia scriveresti?

Ce ne sono tanti, te ne dico due: uno famoso a livello internazionale che è Hellboy (meglio se in compagnia del Bureau) in Italia e l'altro un vero pilastro nazionale, ovvero Nathan Never. Per quest'ultimo mi piacerebbe lavorare su una storia “a solo” fuori continuity con un taglio molto violento e crudo.

FdA: La tua più grossa soddisfazione e la tua più cocente delusione (sempre per farmi allegramente gli affari tuoi!)

Ovviamente non posso che citare il mio amato “figlio” Ernest Egg, il famoso Cacciatore di Leggende, creato editorialmente come un diario di Viaggio con Stefano Bosi Fioravanti, che è stato un progetto in crowdfunding finanziato per il 140% del goal e che ha dato il là alla realizzazione di un corto animato in stop motion che ha ottenuto un grande successo e che mi ha fatto entrare nel “magico mondo” del cinema, approfitto per annunciare che stiamo lavorando alla sceneggiatura del lungometraggio.

FdA: Emergere come sceneggiatore è davvero complicatissimo, come hai trovato la prima volta un disegnatore che appoggiasse il tuo progetto?

Ce ne sono stati  diversi, conosciuti in rete via Facebook o grazie al portale di Verticalismi, che hanno apprezzato le mie storie, con alcuni collaboro ancora oggi come Andrea Manfredini, Federico Peteliko e il mio partner in crime, Marco Della Verde, scrittore, anima di Mokapop e letterista indefesso.

intervista paul izzo03

FdA: Hai qualche rituale quando scrivi? Parlaci del processo che va dall’ispirazione alla storia conclusa.

Di solito prendo degli appunti su carta, poi  preparo dei layout sui quali poi costruisco le scene che passerò poi al disegnatore per dargli una (mia) idea precisa di come impostare la regia di una tavola, quasi sempre il tutto viene accompagnato con della musica in sottofondo che mi inspiri nelle atmosfere della storia, non ho generi preferiti per quanto riguardo l'ascolto da scrittura, per il resto sono un vecchio Bboy.

intervista paul izzo04

FdA: Stai naufragando con tutta la tua collezione di fumetti… hai spazio per portarne solo 3 nella scialuppa, quale porti?

Crudele,! Oggi (e solo per poco) ti direi questi: Scalped, B.P.R.D., Sandman... ma 3 è un numero davvero piccolo.

intervista paul izzo05

FdA: A quale progetto stai lavorando ora?

Ernest Egg, sul film come detto e sul secondo libro, alla promozione di InScena, altro libro illustrato che esce in questi giorni per Lavieri Edizioni, a un Graphic Novel che dovrebbe uscire a fine del 2018 e a un progetto segreto per ora che dovrebbe portarmi in edicola (e stavolta è il primo numero). Il tutto mentre continuo a portare ogni due mesi al web le (dis)avventure de Lo Scarafaggio su Ronin Magazine. Poi ci sono altre cose a cui sto lavorando che però ancora sono premature da annunciare.

intervista paul izzo07

intervista paul izzo08

intervista paul izzo09

Ringrazio Paul per la sua disponibilità, e vi invito a tenerlo d’occhio perché  se il mio quinto senso e mezzo non mi inganna… credo che questo autore ci riservi moltissime sorprese in futuro!

Magazine

Moleskine 125 » Quella falsa differenza tra Fumetto e Graphic Novel

30-08-2019 Hits:831 Moleskine Conte di Cagliostro

Sottotitolo: Artibani e Recchioni avanti, dietro tutti quanti (Plazzi compreso) per piacere di Topolino. di Conte di Cagliostro Houston il fumettomondo ha un problema. Ci sono dei pazzi che vanno in giro spacciandosi per Francesco Artibani, Andrea Plazzi e Roberto Recchioni? O Artibani, Plazzi e Recchioni sono pazzi? Ricapitoliamo. Qualche giorno fa, il...

Leggi tutto

RECENSIONE CARTONATO DEADWOOD DICK "TRA IL TEXAS E L'INFERNO"

29-07-2019 Hits:1358 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

    "Avete mai fatto caso che nella vita ogni tanto si incontra qualcuno che non va fatto in…alberare?” Ecco, quel qualcuno è Deadwood Dick. Mutuandola ed adattandola per i nostri scopi, la celeberrima frase pronunciata da un granitico Clint Eastwood in “Gran Torino” serve perfettamente a delineare il carattere del personaggio...

Leggi tutto

Moleskine 124 » Quando scappa un fumettosauro dallo zoo del fumettomondo

15-06-2019 Hits:1040 Moleskine Conte di Cagliostro

di Conte di Cagliostro Interrompiamo il silenzio di questa disgraziata rubrica su questo disgraziatissimo sito, perchè pare che sia scappato il fumettosauro dallo zoo del fumettomondo. Per sgombrare subito il campo da qualsiasi possibile dubbio, durante la nostra assenza dal vergare queste righe siamo diventati grandissimi estimatori del famigerato Sauro Pennacchioli...

Leggi tutto

Il Duce, la storia di Mussolini che la Panini non vi farà mai leggere...

15-06-2019 Hits:1231 Off Topic Super User

...Fumetto d'Autore ve la presenta corredata da un imprescindibile apparato critico. Dopo avere scoperchiato il caso della storia dedicata a Mussolini misteriosamente omessa dalla Panini, in nome della stessa libertà con cui M.M. Lupoi si riempe i profili social tutti i giorni, potete scoprire da soli se era da censurare...

Leggi tutto

Rinaldo Traini, un ricordo tra luci e ombre

05-06-2019 Hits:1175 Autori e Anteprime Alessandro Bottero

di Alessandro Bottero Di sicuro per Rinaldo Traini, scomparso ieri, non assisteremo ad una beatificazione post mortem come è stato per Sergio Bonelli. Troppo divisiva la sua figura, e troppo ‘profondo’ l’impatto che ha avuto nella storia del fumetto italiano, profondo non nel senso positivo del termine, ma nel senso di...

Leggi tutto

L’Europa: grande assente dal fumetto italiano mainstream

29-05-2019 Hits:666 Critica d'Autore Alessandro Bottero

di Alessandro Bottero Alcuni giorni fa si sono svolte le elezioni europee. Mi ricordo che anni e anni fa, le prime volte che si votava per il Parlamento Europeo ci si rideva su. Non si capiva a cosa servisse. Poi progressivamente ci si è resi conto (chi VUOLE rendersene conto, ovvio)...

Leggi tutto

Casa Cagliostro a Lucca 2018: Chi, Cosa, Dove, Quando, Perché

25-10-2018 Hits:4001 Critica d'Autore Redazione

Di Alessandro Bottero Anche per il 2018 Lucca vedrà nei giorni di Lucca Comics & Games l’evento Casa Cagliostro, cinque giorni Autonomi & #EscLUSive nel centro della città. Chi Casa Cagliostro non fa parte di Lucca Comics. È uno spazio autonomo, indipendente, autogestito (termine che fa molto anni ’70 e che...

Leggi tutto