Fumetto d'Autore ISSN: 2037-6650
Dal 2008 il Magazine della Nona Arte e dintorni - Vers. 3.0 - Direttore: Alessandro Bottero
A+ A A-

La distopia ucronica di “Space Anabasis"

 spaceanabasis

 

Per aspera ad astra, deinde a caelo usque ad centrum!

 La distopia ucronica di “Space Anabasis”: tra i giochi di potere, nella fantascienza del passato

 

Roma, anno 2770 ab urbe condita: un 2017 d.C. alternativo in cui, come recita la didascalia già dalla prima striscia:

« L’impero ha tenuto il sistema solare in relativa pace. Fino ad oggi. »

Con questa premessa principia la narrazione, sullo sfondo cristallino della Città Eterna: nella fattispecie – si potrebbe azzardare – proprio sempiterna, dato il suo fulgido splendore estetico promanato, dalla commistione tra un’ineffabile archeologia dell’architettura futurista, commisurata ad un impianto urbanistico da far invidia ai migliori progettisti contemporanei; e perdurato incontrastato per quasi tre imperituri millenni: il trionfo del classicismo, col maestoso Colosseo ed altri celeberrimi monumenti latini a far capolino qua e la tra le vignette manifestando vistosamente la gloria di una potenza che, viceversa a quanto pensavamo, non si è mai estinta.  

Se qualcuno pensasse pure a posteriori d’aver sbagliato a studiare sui libri di scuola e, naufragato ormai nell’incessante ondata di quel revisionismo storico, figlio spurio e prematuro scaturito dal lupanare delle svariate teorie del complotto che ci hanno investito negli ultimi decenni – e specie nell’era social della post-verità – debba rivedere con ciò le proprie reminiscenze scolastiche, non si preoccupi. 

La vera Roma soggiace tuttora parecchio nel degrado, laddove assai meno edulcorata di quella viceversa rappresentata in “Space Abasis”, una sorta di graphic novel a puntate edita per i tipi di “Segni d’autore” e di cui sono usciti sinora i primi due volumi, rispettivamente nell’Aprile e nel Novembre 2017, principalmente sceneggiati da Francesco Vacca. Per gli altri collaboratori si rimanda direttamente alla gradevole lettura di ciascun volume, singolarmente suddiviso in 4 capitoli, internamente ad ognuno dei quali si assiste spesso impotenti all’alternanza ritmata del presente narrativo con ripetuti flashback spiegazionisti, rischiando – si fa per dire – di mettere seriamente in dubbio le conoscenze pregresse di ogni lettore.

Il quale per orizzontarsi nel testo dovrà farne tabula rasa, dando “spazio” – è il caso di dirlo, dato l’argomento – ad una realtà totalmente ucronica la cui giugulare distopica viene parzialmente smorzata dallo stile grafico adoperato che, nonostante sia realizzato da più autori e pertanto arbitrariamente e doverosamente personale, tra i punti a favore appare certamente collettivamente omogeneo, integrato ed in sintonia con la venatura “leggera” con cui la materia è trattata; di contro, troppo spesso quegli stessi tratti paiono spesso un po’ ingenuamente acerbi e naif: a ciò fa da contraltare, per converso, l’apprezzabile colorazione che ne valorizza la ricchezza di particolari e dettagli.

Tuttavia è la storia il vero motore: di un bivector o di quadrivector? Ai centauri – non del mito – il compito di dirimere la quaestio, in altra sede. Quale un automobile club o un raduno di biker del nostro vissuto: o meglio e forse più contestualmente in uno spazioporto, date le circostanze. Crocevia emblematico di snodi commerciali e traffici vari, da qui partono e approdano principalmente i destini della pax romana (l’organismo sovranazionale il cui leader, primus inter pares, è il Cesare romano) che richiama neppure troppo velatamente quella “augustea”.

Essa fu storicamente quell’arco temporale che perdurò dal 29 a.C. quando l’imperatore Augusto considerò concluso il periodo della guerra civile, fino al 180 a.C.; anno cruciale per l’infausta morte di Marco Aurelio che segnò irrimediabilmente la graduale discesa dell’impero negli inferi geopolitici, allorché a quegli successe il figlio Commodo, “degno” erede spirituale degli esuberanti predecessori Caligola e Nerone ed il cui gemello Tito Aurelio nella realtà perì nel 165 d.C., ad appena quattro anni. Nell’universo narrativo a sorti ribaltate di “Space Anabasis” invece fortunatamente gli sopravvive, prendendo il potere in subentro al padre e vagliando almeno due grandi riforme che avrebbero garantito, col senno di poi, la sopravvivenza stessa dell’impero. 

Difatti, nonostante persino il plot abbastanza scorrevole e lineare e la presenza di taluni dialoghi talvolta evitabili poiché superflui o contingenti, a rendere davvero interessante quest’opera è soprattutto l’ambigua ed affascinante suggestione suscitata dall’universo alternativo ricreato dall’autore, il quale ripropone in maniera forse troppo azzardata ma senz’altro ponderata e ben congetturata in chiave fantasmagorica da periodo ipotetico del n-tipo, ciò che sarebbe potuto essere se la più grande potenza occidentale del mondo conosciuto non fosse implosa su se stessa per l’incancrenirsi interno del potere medesimo; corroborato e suffragato in ciò dalle invasioni sortite dalle più remote periferie che sgretolarono, sfaldarono, disgregarono ed inabissarono l’S.P.Q.R. capitolino, capitolato in pochi secoli sino a precipitare nell’oscurantismo medievale. 

Partendo dai reali eventi e, per associazione di idee e con le dovute differenze, nella vicenda narrata giunge proprio dalle periferie del nostro sistema solare l’ennesima sfida all’impero. Le colonie extraterrestri, site sulle lune dei vari pianeti laddove non sugli stessi, rivendicano al potere centrale della madrepatria terrestre il diritto alla “terraformazione”, ossia la possibilità concreta di ottenere in quei luoghi un’atmosfera di tipo terrestre. 

Tuttavia i costi di gestione e mantenimento per la realizzazione del progetto, già riusciti e affrontati in un non lontano passato, avrebbero ripercussioni economiche esorbitanti su scala globale, ragion per cui il Cesare Caio Valerio Sereno rigidamente si oppone; quindi, ottenuto l’appoggio delle fazioni corrotte dell’Esercito e di qualche compiacente e maneggione senatore del Quirinale (tra cui il subdolo Manio Aquillio Floro, la cui figlia Lethi Aquillia Flora è una lesbica comandante putacaso dell’Esercito), il guerrigliero biondo e controrivoluzionario Odder Aker, vichingo colono su Titano (dove la combinazione tra densa atmosfera e bassa gravità consente persino di volare!) e di origini scandinave, irrompe bruscamente con le sue truppe durante una riunione del senato, producendosi in un risolutivo scontro verbale con il Cesare che, negatogli il consenso alla richiesta della terraformazione, viene brutalmente ucciso a sangue freddo da quegli. Comincia dunque la fuga del figlio Lucio, che dopo aver assistito alla morte della madre viene aiutato da un amico sodale all’imperatore appena defunto, tale Yoshiro Sato, un ronin dotato di un’armatura mutaforma, in grado di padroneggiare abilmente la propria katana: ai due si aggiunge presto l’araba Fatima Claudia, comandante della Guardia Pretoriana ed un collega. 

Spostandosi tra le superstrade a levitazione di un mondo che ha scisso l’atomo, il ronin insegnerà l’arte del combattimento al giovane erede, cresciuto però secondo i dettami della filosofia stoica e quindi portatore sano di un sapere umanistico che convergerà, con l’ausilio del senatore greco Decimo Antiochio, fedelissimo del padre, nella visita alla mitica biblioteca di Alessandria. Dove Lucio apre l’ipercubo rinvenendo finalmente in Marte, il pianeta rosso, la meta del loro viaggio picaresco e di formazione riassumibile, nient’affatto semplicisticamente, nella congiunzione – quanto mai – astrale e temporale assieme, tra due celebri locuzioni latine: Per aspera ad astra, deinde a caelo usque ad centrum! Ossia: attraverso le asperità sino alle stelle, poi dal cielo fino al centro. 

Frattanto che l’usurpatore vichingo già proclamato imperatore romano ordina la caccia spietata dei fuggitivi e alcune fazioni dei pretoriani gli si fingono temporaneamente alleate per agevolare la fuga di Lucio e compagni, gli immarcescibili senatori (vagamente rimembranti la nostra oligarchica classe politica da terza repubblica) eludono momentaneamente le rivalità intestine tra “sereniani” ed “auxiani” (un po’ come dire guelfi neri e bianchi) per volgere a proprio favore il nuovo assetto sociale, ciascuno mirando a specularvi e, per le strade della metropoli, i tribuni dall’uniforme vagamente nazifascista segnano il trionfo del più impensabile razionalismo dalla distopia ucronica, nella fantascienza del passato.

Roberto Scaglione

 

Magazine

Moleskine 125 » Quella falsa differenza tra Fumetto e Graphic Novel

30-08-2019 Hits:520 Moleskine Conte di Cagliostro

Sottotitolo: Artibani e Recchioni avanti, dietro tutti quanti (Plazzi compreso) per piacere di Topolino. di Conte di Cagliostro Houston il fumettomondo ha un problema. Ci sono dei pazzi che vanno in giro spacciandosi per Francesco Artibani, Andrea Plazzi e Roberto Recchioni? O Artibani, Plazzi e Recchioni sono pazzi? Ricapitoliamo. Qualche giorno fa, il...

Leggi tutto

RECENSIONE CARTONATO DEADWOOD DICK "TRA IL TEXAS E L'INFERNO"

29-07-2019 Hits:714 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

    "Avete mai fatto caso che nella vita ogni tanto si incontra qualcuno che non va fatto in…alberare?” Ecco, quel qualcuno è Deadwood Dick. Mutuandola ed adattandola per i nostri scopi, la celeberrima frase pronunciata da un granitico Clint Eastwood in “Gran Torino” serve perfettamente a delineare il carattere del personaggio...

Leggi tutto

Moleskine 124 » Quando scappa un fumettosauro dallo zoo del fumettomondo

15-06-2019 Hits:784 Moleskine Conte di Cagliostro

di Conte di Cagliostro Interrompiamo il silenzio di questa disgraziata rubrica su questo disgraziatissimo sito, perchè pare che sia scappato il fumettosauro dallo zoo del fumettomondo. Per sgombrare subito il campo da qualsiasi possibile dubbio, durante la nostra assenza dal vergare queste righe siamo diventati grandissimi estimatori del famigerato Sauro Pennacchioli...

Leggi tutto

Il Duce, la storia di Mussolini che la Panini non vi farà mai leggere...

15-06-2019 Hits:914 Off Topic Super User

...Fumetto d'Autore ve la presenta corredata da un imprescindibile apparato critico. Dopo avere scoperchiato il caso della storia dedicata a Mussolini misteriosamente omessa dalla Panini, in nome della stessa libertà con cui M.M. Lupoi si riempe i profili social tutti i giorni, potete scoprire da soli se era da censurare...

Leggi tutto

Rinaldo Traini, un ricordo tra luci e ombre

05-06-2019 Hits:941 Autori e Anteprime Alessandro Bottero

di Alessandro Bottero Di sicuro per Rinaldo Traini, scomparso ieri, non assisteremo ad una beatificazione post mortem come è stato per Sergio Bonelli. Troppo divisiva la sua figura, e troppo ‘profondo’ l’impatto che ha avuto nella storia del fumetto italiano, profondo non nel senso positivo del termine, ma nel senso di...

Leggi tutto

L’Europa: grande assente dal fumetto italiano mainstream

29-05-2019 Hits:484 Critica d'Autore Alessandro Bottero

di Alessandro Bottero Alcuni giorni fa si sono svolte le elezioni europee. Mi ricordo che anni e anni fa, le prime volte che si votava per il Parlamento Europeo ci si rideva su. Non si capiva a cosa servisse. Poi progressivamente ci si è resi conto (chi VUOLE rendersene conto, ovvio)...

Leggi tutto

Casa Cagliostro a Lucca 2018: Chi, Cosa, Dove, Quando, Perché

25-10-2018 Hits:3806 Critica d'Autore Redazione

Di Alessandro Bottero Anche per il 2018 Lucca vedrà nei giorni di Lucca Comics & Games l’evento Casa Cagliostro, cinque giorni Autonomi & #EscLUSive nel centro della città. Chi Casa Cagliostro non fa parte di Lucca Comics. È uno spazio autonomo, indipendente, autogestito (termine che fa molto anni ’70 e che...

Leggi tutto