Fumetto d'Autore ISSN: 2037-6650
Dal 2008 il Magazine della Nona Arte e dintorni - Vers. 3.0 - Direttore: Alessandro Bottero
A+ A A-

Rinaldo Traini, un ricordo tra luci e ombre

traini

di Alessandro Bottero

Di sicuro per Rinaldo Traini, scomparso ieri, non assisteremo ad una beatificazione post mortem come è stato per Sergio Bonelli. Troppo divisiva la sua figura, e troppo ‘profondo’ l’impatto che ha avuto nella storia del fumetto italiano, profondo non nel senso positivo del termine, ma nel senso di scavare fossati, "o con me o contro di me". Eppure Rinaldo Traini è stato un personaggio di primo piano nel mondo del fumetto italiano dalla metà degli anni ’60 fino alla metà degli anni ’90, epoca in cui si ritrovò ai margini del Salotto Buono.

Rinaldo Traini era sicuramente un appassionato del fumetto, era un conoscitore del fumetto, ed era competente. Sapeva cosa fosse il fumetto, cosa significasse essere un autore di fumetti e come si organizzassero manifestazioni a fumetti, cosa che non sempre si può dire delle giovani generazioni. La competenza della storia del fumetto USA anni ’30 e ’40 di Traini è un dato di fatto, e a lui va dato merito delle prime ristampe filologiche e per quanto possibili integrali di classici del comics, come Radio Patrol, Terry e i Pirati, Flash Gordon. Era appassionato della Disney e per anni ha realizzato ristampe eccellenti dei grandi classici Disney frutto del lavoro dei maestri italiani e USA.

Rinaldo Traini lo conoscevo, come chiunque sia nato come professionista in questo settore almeno fino a metà anni ’90, e quando ho iniziato a lavorare professionalmente nel campo dei fumetti era uno die nomi di punta. Poi ci ho anche lavorato, quando la Comic Art realizzò una versione formato ‘topolino’ di Tiramolla, sceneggiando alcune storie di Tiramolla. E ancora collaborai con lui per un’edizione di Expocartoon, curando la mostra “150 Comic Art” che ripercorreva la storia della rivista attraverso le copertine dei primi 150 numeri.

Nessuno beatificherà Rinaldo Traini, come dicevo, perché nel suo caso vale la legge del “I Cortigiani che osannano il Signore quando egli è all’apice, quando il Signore crolla si affrettano a dire che non erano mai stati legati a lui”. Con Traini successe così. Da metà anni ’80 in poi la contrazione del mercato, il cambiamento di gusti del pubblico, il sorgere di una nuova generazione di autori non più legati ai modelli classici, iniziarono a far vacillare il dominio di Traini sul Fumetto. Triani era l’organizzatore di Lucca comics, era l’editore di Comic Art e l’Eternauta, le RIVISTE D’AUTORE, dove tutti bramavano di apparire, per poter essere considerati “autori”. Traini era quello che dava i pass per Lucca, che permetteva ai giovani aspiranti autori di entrare nel salotto buono. Ma lo faceva pesare. Questa non ì un’agiografia. È un ricordo. E diciamoci le cose come erano. Traini era il Dominus, colui che sapeva cosa era il fumetto e cosa vendeva. Finché ci fu sintonia tra la visione di Traini e il mercato, finché le vendite ressero, la Comic Art era LA casa editrice. La Bonelli era la casa editrice popolare, umile ma onesta, senza aspirazioni artistiche. Quando la Bonelli provò a fare le riviste finì male. Traini invece era l’editore delle riviste d’autore. Dei fumetti d’autore. Dei fumetti colti, raffinati, intellettuali. Era l’editore dei BEI fumetti.

Ma come si dice “Quando gli Dei vogliono punirti prima ti innalzano”. Nel giro di pochi anni Traini si ritrovò esautorato da Lucca comics, dovette chiudere le riviste, e la casa editrice da un giorno all’altro sparì. Ci sono ancora persone che ricordano come arrivando negli uffici delle Comic Art una mattina, trovarono la serratura cambiata e i telefoni staccati.

Eppure Traini sopravvisse. Cacciato da Lucca inventò Expocartoon, prima manifestazione di fumetti a Roma capace di movimentare numeri importanti. E dopo anni tornò a Lucca, per ricevere attestati e targhe omaggio, con autori e addetti ai lavori che in privato spettegolavano su questo ritorno.

Molti che avevano cercato di lavorare con lui infatti, nel momento di difficoltà lo attaccarono, come sempre accade in Italia. Si sale sul carro del vincitore, e si corre via da quello del presunto perdente.

Traini è stata una figura divisiva, non c’è dubbio, ma paragonato a molti sedicenti editori o esperti del fumetto attuali è un gigante. Si può discutere sulle sue strategie editoriali, sui problemi e sui danni che ha lasciato dietro di sé, soprattutto alla fine dell’esperienza Comic Art, ma se si parla di competenza e passione sicuramente Traini non è mai stato secondo a nessuno.

Rimangono luci e ombre. Rimane il Trainismo. Rimane un certo modo di concepire le manifestazioni a fumetti. Oggi è facile dimenticarlo, ma il modello Expocartoon, ossia una contaminazione estrema tra fumetto, videogiochi, e altri media è la norma ovunque. Traini fu il primo a dare spazio ai Cosplay nelle manifestazioni, come anche il primo a dare spazio ai videogiochi.

Chiudo. Questa non è un’agiografia, o una beatificazione post mortem. Rinaldo Traini non ne ha bisogno. Posso solo dire questo. A prescindere se sia stato antipatico, simpatico, accentratore, se abbia pagato o meno i collaboratori, Rinaldo Traini era una persona intelligente, con cui si poteva parlare, competente, e capace di dire cose sensate sul fumetto. Oggi la stragrande maggioranza degli editori e degli addetti ai lavori presenti nel mondo del fumetto sa tutto di marketing, ma io vorrei più persone come Rinaldo Traini.

Ciao Rinaldo.

 

Magazine

Moleskine 125 » Quella falsa differenza tra Fumetto e Graphic Novel

30-08-2019 Hits:656 Moleskine Conte di Cagliostro

Sottotitolo: Artibani e Recchioni avanti, dietro tutti quanti (Plazzi compreso) per piacere di Topolino. di Conte di Cagliostro Houston il fumettomondo ha un problema. Ci sono dei pazzi che vanno in giro spacciandosi per Francesco Artibani, Andrea Plazzi e Roberto Recchioni? O Artibani, Plazzi e Recchioni sono pazzi? Ricapitoliamo. Qualche giorno fa, il...

Leggi tutto

RECENSIONE CARTONATO DEADWOOD DICK "TRA IL TEXAS E L'INFERNO"

29-07-2019 Hits:1197 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

    "Avete mai fatto caso che nella vita ogni tanto si incontra qualcuno che non va fatto in…alberare?” Ecco, quel qualcuno è Deadwood Dick. Mutuandola ed adattandola per i nostri scopi, la celeberrima frase pronunciata da un granitico Clint Eastwood in “Gran Torino” serve perfettamente a delineare il carattere del personaggio...

Leggi tutto

Moleskine 124 » Quando scappa un fumettosauro dallo zoo del fumettomondo

15-06-2019 Hits:877 Moleskine Conte di Cagliostro

di Conte di Cagliostro Interrompiamo il silenzio di questa disgraziata rubrica su questo disgraziatissimo sito, perchè pare che sia scappato il fumettosauro dallo zoo del fumettomondo. Per sgombrare subito il campo da qualsiasi possibile dubbio, durante la nostra assenza dal vergare queste righe siamo diventati grandissimi estimatori del famigerato Sauro Pennacchioli...

Leggi tutto

Il Duce, la storia di Mussolini che la Panini non vi farà mai leggere...

15-06-2019 Hits:1032 Off Topic Super User

...Fumetto d'Autore ve la presenta corredata da un imprescindibile apparato critico. Dopo avere scoperchiato il caso della storia dedicata a Mussolini misteriosamente omessa dalla Panini, in nome della stessa libertà con cui M.M. Lupoi si riempe i profili social tutti i giorni, potete scoprire da soli se era da censurare...

Leggi tutto

Rinaldo Traini, un ricordo tra luci e ombre

05-06-2019 Hits:1027 Autori e Anteprime Alessandro Bottero

di Alessandro Bottero Di sicuro per Rinaldo Traini, scomparso ieri, non assisteremo ad una beatificazione post mortem come è stato per Sergio Bonelli. Troppo divisiva la sua figura, e troppo ‘profondo’ l’impatto che ha avuto nella storia del fumetto italiano, profondo non nel senso positivo del termine, ma nel senso di...

Leggi tutto

L’Europa: grande assente dal fumetto italiano mainstream

29-05-2019 Hits:553 Critica d'Autore Alessandro Bottero

di Alessandro Bottero Alcuni giorni fa si sono svolte le elezioni europee. Mi ricordo che anni e anni fa, le prime volte che si votava per il Parlamento Europeo ci si rideva su. Non si capiva a cosa servisse. Poi progressivamente ci si è resi conto (chi VUOLE rendersene conto, ovvio)...

Leggi tutto

Casa Cagliostro a Lucca 2018: Chi, Cosa, Dove, Quando, Perché

25-10-2018 Hits:3894 Critica d'Autore Redazione

Di Alessandro Bottero Anche per il 2018 Lucca vedrà nei giorni di Lucca Comics & Games l’evento Casa Cagliostro, cinque giorni Autonomi & #EscLUSive nel centro della città. Chi Casa Cagliostro non fa parte di Lucca Comics. È uno spazio autonomo, indipendente, autogestito (termine che fa molto anni ’70 e che...

Leggi tutto