Fumetto d'Autore ISSN: 2037-6650
Dal 2008 il Magazine della Nona Arte e dintorni - Vers. 3.0 - Direttore: Alessandro Bottero
A+ A A-

I am hero

di Gianmarco Fumasoli

E' difficile mettere da parte l'entusiasmo quando si deve recensire un'opera che ti affascina e ti colpisce per la sua originalità (qualcuno l'ha definita stranezza); è difficile non apparire di parte e rimanere obiettivi. Ma forse, perchè no, può anche essere giusto così.


Se vengo trascinato da una lettura è giusto comunicare questo trasporto ai lettori, è giusto cercare di far arrivare il messaggio che "I am hero" è assolutamente da leggere!
Ma partiamo dall'inizio...


Hideo ha 35 anni, soffre di complessi e di strane visioni, ha paura del mondo e di quello che lui ritiene essere una realtà sovrannaturale che circonda quella reale; una realtà dalla quale cerca quotidianamente di difendersi rintanandosi in casa tra i suoi manga e le sue terribili fissazioni.
Insomma Hideo è un bel tipo strano da tantissimi punti di vista. Così come altrettanto strane sembrano le persone che lo circondano: la sua ragazza, con la quale intrattiene uno strano rapporto affettivo basato su dipendenza e morbosità e i suoi colleghi, personaggi realizzati attraverso l'estremizzazione dei comportamenti umani più bizzarri.


Quando però l'orrore vero arriva nascondendosi dietro un apparente banale virus influenzale, le fissazioni di Hideo lo aiuteranno a salvarsi da morte certa. Si perchè vedete, "I am hero" è un manga horror, un horror surreale, splatter e grottesco, un horror fuori dagli schemi ma che regala sensazioni nuove.


Sarà merito della "regia" cinematografica e claustrofobica, dell' introduzione al cuore della storia e alla psiche dei personaggi talmente lunga che quando si entra nel vivo non se ne esce più oppure semplicemente da come Hideo tenti di instaurare un dialogo (spoiler) con la sua ragazza morta mentre un pony express cerca di mangiarla...


I am hero è un manga "strano" ma è una splendida lettura che consiglio vivamente agli amanti del bel disegno, delle novità e, soprattutto, dell'horror puro.


Titolo: I am hero Vol.1 & 2
Editore: GP publishing
Testi e disegni: Kengo Hanazawa
Formato: 248 pg. Brossurato B/N e colori
Prezzo: 5,90 Euro

Magazine

Intervista a Paolo di Orazio, il pioniere dell’horror estremo in Italia

12-05-2017 Hits:553 Autori e Anteprime Redazione

di Giorgio Borroni Da ragazzi li nascondevamo sotto il letto dai rastrellamenti, guardavamo con un occhio le loro pagine e con l’altro la porta della camera: questo per percepire ogni minimo movimento ed evitare di essere colti in flagrante mentre li sfogliavamo. No, non erano i banali giornalini porno, erano opere che...

Leggi tutto

Intervista con Brian Smuin

03-05-2017 Hits:578 Autori e Anteprime Redazione

  The Brian Smuin’s Interview. A cura di Giorgio Borroni.   A volte internet non è solo battaglie sui social, haters o groupie.  A volte internet ti offre la possibilità di allargare i propri orizzonti conoscendo artisti che provengono dall’altro capo del mondo, hanno lavorato per colossi dell’editoria o dell’intrattenimento, ma non vengono...

Leggi tutto

Terror INC: tra action e gore

02-05-2017 Hits:586 Critica d'Autore Redazione

di Giorgio Borroni. “Vivo per guerreggiare, ce l’ho nel sangue e se è quel che voglio io me lo prendo \ gli uomini che ho massacrato, i bambini schiavizzati e tutte le donne di cui ho abusato [...] Mangio le cervella dal teschio dei miei nemici \ e con orgoglio...

Leggi tutto

Anacanapana si presenta!

17-04-2017 Hits:873 Autori e Anteprime Redazione

Spazio alle autoproduzioni. SI presenta la rivista Anacanapana! La rivista “Anacanapana”, uscita su carta in due numeri a tiratura limitata nel 2009 e 2012, ripercorre le orme delle vecchie riviste-contenitore, con tante strisce umoristiche ed un po’ di materiale avventuroso. La gestazione è lunga e complessa, comunque alla fine la rivista...

Leggi tutto

Daltanious

11-04-2017 Hits:10542 Cuore e Acciaio Redazione

di Tiziano Caliendo. Lo scenario post-apocalittico è, da sempre, un topos importante nell’immaginario giapponese. Basti pensare a Violence Jack (1973), l’opera seminale del maestro Go Nagai, capace di anticipare di almeno otto anni il fulcro estetico e concettuale della trilogia milleriana di Mad Max, ossia il film Interceptor – Il...

Leggi tutto

Una storia del panopticon – Un capolavoro mancato

10-04-2017 Hits:933 Critica d'Autore Redazione

di Giorgio Borroni. L’ospedale psichiatrico di Panopticon Bentham è un edificio antico, lugubre e austero. Un luogo perfetto per racchiudere la sofferenza dei suoi degenti, per contenerne la malattia, ma anche per diventare teatro di eventi sanguinosi e indicibili. Nel 1912 il direttore della struttura, il dottor Bonticou, decretò la...

Leggi tutto