Fumetto d'Autore ISSN: 2037-6650
Dal 2008 il Magazine della Nona Arte e dintorni - Vers. 3.0 - Direttore: Alessandro Bottero
A+ A A-

Comix Show

comixshowdi Giorgio Messina

Conosco Sergio Algozzino dal 1996. Nel 1997,sono stato quasi sicuramente il primo a pubblicarlo. Erano i tempi in cui "dirigevo" Area51, l'inserto a fumetti del quotidiano regionale "Il Mediterraneo". Da allora ho sempre seguito quello che ha fatto Sergio. Oggi posso tranquillamente affermare che Sergio Algozzino è colpevole di alto tradimento nei confronti del Fumetto.
Ha ceduto anche lui, già in tempi non sospetti, al canto delle sirene della Graphic Novel e i risultati sono stati via via sempre più mediocri sino a diventare con questo suo ultimo libro, Comix Show  - diario semiserio di un fumettista (001 edizioni, ottobre 2009), del tutto disastrosi. Sono lontani  e purtroppo sepolti nella memoria di pochi fortunati i tempi in cui si potevano leggere le avventure fantasy del folletto Foolys, disegnato da Algozzino con una linea chiara sicuramente debitrice di Moebius, ma ricca di personalità.
Poi, abbandonata quella strada sicura per la sperimentazione più sfrenata,  l'autore aveva iniziato a non convincere più.  Non mi aveva convinto concettualmente nel suo saggio "Tutt'a un tratto", una storia della linea nel fumetto (Tunuè, 2005). Già tra quelle pagine teoriche sembrava confuso, alla ricerca di una sua identità artistica stabile snocciolando e passando attraverso identità artistiche altrui. Mi aveva convinto ancora di meno in "Pioggia d'Estate" (001 edizioni, 2008). La fragilità della sua autobiografia usata come spunto narrativo e l'inizio di una ricerca stilistica involuta rispetto al passato non riuscivano ad essere nascoste dal fatto che questo libro fosse stato dapprima pubblicato in Francia dagli Umanoidi.Il vuoto narrativo e stilistico si ripeteva in "Ballata per Fabrizio De Andrè" (Beccogiallo, 2008), ma stavolta veniva nascosto bene grazie all'appeal commerciale e mediatico derivato dall'immensa icona del cantautore genovese.
In Comix Show arriva il crollo verticale. Algozzino vorrebbe raccontare con ironia, usando sempre il solito pizzico di autobiografia (molto mal dosato in questo caso), la vita e le traversie quotidiane, lavorative e sentimentali di un giovane autore professionista di fumetti. Quello che ne risulta alla fine della lettura è invece una grottesca parodia del mestiere e dei mestieranti del fumetto. Andrea, il protagonista della storia, è un bamboccione, una specie di Fracchia in erba che fa il fumettista ma che non riesce a fare ridere delle sue "disgrazie" come la maschera del dipendente d'azienda ideata da Paolo Villaggio. Andrea non è completamente preparato alla vita e alle sue difficoltà ed è, come il tutto il libro del resto, un personaggio involuto su se stesso, mai capace di maturare, di diventare "adulto".
Vedere il personaggio di Andrea in preda agli incubi notturni a causa della mancanza di ispirazione o all'ansia della consegna del lavoro, dovrebbe essere divertente nelle pretese dell'autore, invece fa solo amaramente e tristemente pensare che Algozzino, nonostante con questo libro abbia l'intenzione di cantare l'amore del fumettista per il fumetto, riesca però solo a dare dell'autore di fumetti l'immagine di colui che vive sotto una campana di vetro, lontano dalla realtà (soprattutto quella lavorativa) "vera" di tutti i giorni.
Immaginate un dipendente FIAT, che con i tempi che corrono, ha già la fortuna di non essere in cassaintegrazione e che ha anche gli incubi notturni perché lo attanaglia l'ansia di raggiungere l'indomani il numero minimo di pezzi da lavorare sulla linea di montaggio che lo aspetta per il suo turno di otto ore del mattino o del pomeriggio. O immaginate sempre lo stesso dipendente FIAT che non ha voglia di andare a lavorare perché la compagna lo ha lasciato.
Il mestiere del fumettista professionista, se permette di vivere dignitosamente, è un mestiere "fortunato", rispetto a quello che ci offre davvero il mondo del lavoro, come ormai ci racconta la cronaca di tutti i giorni dove non mancano mai tagli al personale e agli stipendi. Ecco perché, nonostante si deve garantire sempre e comunque la completa libertà di espressione, un libro come Comix Show può essere considerato come un'occasione sprecata, un vero e proprio tradimento al fumetto come lavoro e come genere di intrattenimento, perché con nelle orecchie la stura della Graphic Novel cantata da ammalianti sirene che per vendere più libri a fumetti stanno usando senza tanti scrupoli questa denominazione radicalchic, stiamo portando il fumetto sempre più verso la nicchia invece che all'ampliamento dei lettori.
Sembra che ci siamo dimenticati che storicamente il fumetto si impone come lettura nazional-popolare di svago, sia esso figlio dell'avventura, del giallo, del  noir, della fantascienza, del western o di qualsiasi altro genere i disegni con le nuvolette piene di parole abbiano raccontato il beau geste. Solo che se dici Fumetto, sembra intrattenimento per bambini, mentre parlando di Graphic Novel, tra gli intellettuali (e non solo) ci si sente meno bamboccioni di Andrea nel leggere i fumetti. Il fumetto, agnello sacrificale, è stato bruciato nel falò delle vanità della Graphic Novel
Per quanto riguarda i disegni di Comix Show, Algozzino può essere messo in liquidazione con un "disegnava meglio quando disegnava peggio". In conclusione, Comix Show dovrebbe essere fatto vedere nelle scuole del fumetto di tutta Italia, compresa quella in cui Algozzino stesso insegna, per fare rendere conto ai giovani autori del domani (o del tra poco) cosa può succedere quando si cede alla seduzione degli innocenti che stiamo permettendo al il/lo/la Graphic Novel. Sperando però che nel frattempo le scuole del fumetto non siano diventate "Scuole delle Graphic Novel".

Titolo: Comix Show - diaro semiserio di un fumettista

Testi e Disegni: Sergio Algozzino

Editore: 001 Edizioni

Descrizione: 96 pagine, B/N, brossurato

Prezzo: € 13,00

Magazine

INTERVISTA ESCLUSIVA CON MORENO BURATTINI su "Zagor - Darkwood Novels"

26-07-2020 Hits:1557 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

   Ritratto ad opera di Lorenzo Barruscotto, autografato dallo stesso Burattini.     Buongiorno e grazie per il suo tempo. Facciamo quattro chiacchiere sulla nuova miniserie di Zagor “Darkwood Novels”.   - Nel primo volume viene presentata ai lettori questa nuova iniziativa editoriale targata Spirito con la Scure anche con dotte citazioni e riferimenti ai Dime Novels...

Leggi tutto

L'Intervista - Kirby Academy, a Cassino un punto di riferimento unico per chi vuole fare fumetti

17-01-2020 Hits:963 Autori e Anteprime Super User

A cura della redazione L'Associazione Culturale Cagliostro E-Press, ha 15 anni alle spalle di meritoria attività di scountng di nuovi talenti e diffusione del media fumetto sul territorio nazionale: la storia dell'Associazione, sempre presente alle principali fiere di settore, racconta di più di 150 volumi pubblicati in questi tre lustri e...

Leggi tutto

Saggio e analisi di "TESLA AND THE SECRET LODGE"

17-12-2019 Hits:2909 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

 La cover variant (a sinistra) e quella ufficiale (a destra)   Ucronia. Cosa significa questa parola? Con tale termine viene indicato un genere di narrativa fantastica basato sulla premessa che la storia del mondo abbia seguito un corso alternativo a quello reale. Deriva dal greco e significa letteralmente “nessun tempo”, analogamente a come...

Leggi tutto

Intervista con OSKAR su ZAGOR

17-12-2019 Hits:3041 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

    Facciamo quattro chiacchiere in merito al volume “L'eroe di Darkwood”, il sesto e conclusivo della mini serie “Zagor – Le Origini” che ha visto Oskar, nome d'arte di Oscar Scalco, classe 1971, disegnatore con all'attivo numerosi traguardi prestigiosi, impegnato ai disegni sui testi di Moreno Burattini. Le sue due opere che vedrete di seguito sono presenti...

Leggi tutto

Moleskine 125 » Quella falsa differenza tra Fumetto e Graphic Novel

30-08-2019 Hits:2720 Moleskine Conte di Cagliostro

Sottotitolo: Artibani e Recchioni avanti, dietro tutti quanti (Plazzi compreso) per piacere di Topolino. di Conte di Cagliostro Houston il fumettomondo ha un problema. Ci sono dei pazzi che vanno in giro spacciandosi per Francesco Artibani, Andrea Plazzi e Roberto Recchioni? O Artibani, Plazzi e Recchioni sono pazzi? Ricapitoliamo. Qualche giorno fa, il...

Leggi tutto

RECENSIONE CARTONATO DEADWOOD DICK "TRA IL TEXAS E L'INFERNO"

29-07-2019 Hits:3006 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

    "Avete mai fatto caso che nella vita ogni tanto si incontra qualcuno che non va fatto in…alberare?” Ecco, quel qualcuno è Deadwood Dick. Mutuandola ed adattandola per i nostri scopi, la celeberrima frase pronunciata da un granitico Clint Eastwood in “Gran Torino” serve perfettamente a delineare il carattere del personaggio...

Leggi tutto

Moleskine 124 » Quando scappa un fumettosauro dallo zoo del fumettomondo

15-06-2019 Hits:2205 Moleskine Conte di Cagliostro

di Conte di Cagliostro Interrompiamo il silenzio di questa disgraziata rubrica su questo disgraziatissimo sito, perchè pare che sia scappato il fumettosauro dallo zoo del fumettomondo. Per sgombrare subito il campo da qualsiasi possibile dubbio, durante la nostra assenza dal vergare queste righe siamo diventati grandissimi estimatori del famigerato Sauro Pennacchioli...

Leggi tutto