Fumetto d'Autore ISSN: 2037-6650
Dal 2008 il Magazine della Nona Arte e dintorni - Vers. 3.0 - Direttore: Alessandro Bottero
A+ A A-

L'Intervista » Francesco Settembre: Narnia Fumetto no more, la versione di Antani

narniafumetto2013di Alessandro Bottero

Ci sono manifestazioni a fumetti enormi, e altre meno enormi. Ce ne sono di fredde, di organizzate, di commerciali, di assolutamente professionali fino al midollo e anche di più. E ciascuna ti invita, ti blandisce, cerca di sedurti con promesse di vario genere. Ma alla resa dei conti ognuna è unica e irripetibile, e quando una svanisce la perdita è per tutti. Narnia Fumetto non è la manifestazione più grande, né quella con più visitatori. Ma Narnia Fumetto esisteva. Aveva carne e sangue. E il fatto che in questi giorni nel 2014 non si terrà la nuova edizione, non è una bella cosa. Per nessuno. E allora ci siamo detti “Perché non chiedere direttamente a Francesco Settembre, organizzatore e dittatore unico di Narnia Fumetto, cosa è successo?”. Ed ecco cosa ci ha risposto.

Prima di parlare di cosa è accaduto per l’edizione 2014 dobbiamo necessariamente contestualizzare il tutto. Cos’è stato Narnia Fumetto fino ad oggi?

Una bella esperienza.

Insieme ad un gruppo di appassionati, divenuti poi associazione, abbiamo provato a mettere insieme idee e proposte, per realizzare, nella nostra provincia, quello che ritenevamo fosse "il meglio possibile". Nata Narnia Fumetto (2006), che doveva fare - nelle previsioni del comune - trecento ingressi, per arrivare, invece, a sfiorare i duemila, poi è toccato a Fumetterni (2009 e 2010).

Ad oggi, NF, era diventata - consentitemelo! - un gioiellino: organizzata con poco, credo che l'ingrediente principale (il cuore), l'abbia portata ad essere uno degli eventi meglio riusciti del centro italia. Soprattutto in proporzione alla grandezza del centro nel quale veniva realizzata...

All'inizio dell'estate tramite il tuo blog hai diffuso un comunicato dove dichiari ufficialmente che Narnia fumetto 2014 non si terrà. Puoi dirci perché?

Le strutture, i fondi ed i tempi non consentivano di far crescere la manifestazione.
Non quest'anno.

Quali sono le promesse, o se preferisci “assicurazioni”, che avevi ricevuto e che non sono state mantenute? 

Diciamo che speravamo in aiuti più robusti.
Non polemizziamo col Comune, che ha fatto - credo e spero - quello che ha potuto.
Ma altri enti hanno latitato troppo...

Qual è il senso di una manifestazione come Narnia Fumetto, oggettivamente più piccola come dimensioni rispetto a nomi storici come Romics o Lucca Comics?

Diffondere la cultura del fumetto e della lettura.

Se, oltre a Lucca, organizziamo altri dieci eventi di qualità, che raggiungono anche persone diverse, non togliamo niente a quell'eventone, pur dando tantissimo in termini qualitativi al fumetto ed alle realtà locali. E non solo.
E poi, scusa: Lucca ha l'esclusiva del fumetto, in Italia?

Ci sono tanti eventi più piccoli di Lucca (ancora per poco, magari) che culturalmente la superano o stanno per farlo: Etna Comics, il Comicon di Napoli.

E tanti altri, che sono in zone "desertiche", nelle quali nessuno investe, in termini di fumetto, se non pochi negozianti: vogliamo parlare di Teramo Comix?

Anni fa avevi provato ad organizzare anche una manifestazione a Terni, e anche quella dopo pochi anni è naufragata tra promesse mai mantenute. È l’Umbria in sé che non è favorevole alle manifestazioni a fumetti?

Si, e Terni poteva dare tanto di più.
Ma sono storie diverse: a Terni c'è una amministrazione sorda agli eventi culturali.
A Narni no.
I problemi non sono "in Umbria", ma nel sud della regione. Come per tutto: figli dell'egemonia culturale e politica di Perugia, che è comune, provincia più grande e capoluogo di regione.

Magazine

Novegro 2017 Spring Edition - Festival del Fumetto

27-05-2017 Hits:207 Reportage Redazione

di Leandro Amodio. Nelle giornate del 20 e 21 maggio, il Parco Esposizioni di Novegro, frazione del comune di Segrate (MI), ha ospitato il Festival del Fumetto Spring Edition 2017. Dinanzi alla biglietteria, la fila era interminabile (per fortuna avevo l'accredito stampa), e l'interno era gremito di gente di tutte...

Leggi tutto

Intervista a Pietro Gandolfi, autore di The Noise

25-05-2017 Hits:578 Autori e Anteprime Redazione

A cura di Giorgio Borroni Nel fumetto italiano da edicola l’horror manca da un bel po’. E io intendo l’horror vero, quello crudo e crudele che ti prende subito alla carotide senza neanche annunciarsi. Insomma, non mi riferisco all’horror patinato, lontano dall’underground che sfocia nel fantasy o se la cava con...

Leggi tutto

Intervista a Paolo di Orazio, il pioniere dell’horror estremo in Italia

12-05-2017 Hits:701 Autori e Anteprime Redazione

di Giorgio Borroni Da ragazzi li nascondevamo sotto il letto dai rastrellamenti, guardavamo con un occhio le loro pagine e con l’altro la porta della camera: questo per percepire ogni minimo movimento ed evitare di essere colti in flagrante mentre li sfogliavamo. No, non erano i banali giornalini porno, erano opere che...

Leggi tutto

Intervista con Brian Smuin

03-05-2017 Hits:705 Autori e Anteprime Redazione

  The Brian Smuin’s Interview. A cura di Giorgio Borroni.   A volte internet non è solo battaglie sui social, haters o groupie.  A volte internet ti offre la possibilità di allargare i propri orizzonti conoscendo artisti che provengono dall’altro capo del mondo, hanno lavorato per colossi dell’editoria o dell’intrattenimento, ma non vengono...

Leggi tutto

Terror INC: tra action e gore

02-05-2017 Hits:742 Critica d'Autore Redazione

di Giorgio Borroni. “Vivo per guerreggiare, ce l’ho nel sangue e se è quel che voglio io me lo prendo \ gli uomini che ho massacrato, i bambini schiavizzati e tutte le donne di cui ho abusato [...] Mangio le cervella dal teschio dei miei nemici \ e con orgoglio...

Leggi tutto

Anacanapana si presenta!

17-04-2017 Hits:979 Autori e Anteprime Redazione

Spazio alle autoproduzioni. SI presenta la rivista Anacanapana! La rivista “Anacanapana”, uscita su carta in due numeri a tiratura limitata nel 2009 e 2012, ripercorre le orme delle vecchie riviste-contenitore, con tante strisce umoristiche ed un po’ di materiale avventuroso. La gestazione è lunga e complessa, comunque alla fine la rivista...

Leggi tutto