Fumetto d'Autore ISSN: 2037-6650
Dal 2008 il Magazine della Nona Arte e dintorni - Vers. 3.0 - Direttore: Alessandro Bottero
A+ A A-

Benny, il caricaturista che cattura l'anima dei calciatori (juventini)

benny01di Giuseppe Pollicelli*

I caricaturisti più bravi sono quelli che, della persona ritratta, non si limitano a riprodurre in maniera fedele - e solo lievemente accentuata - i lineamenti fisionomici. Questi ultimi sono semplicemente dei buoni caricaturisti, come se ne trovano anche a Piazza Navona. I fuoriclasse fanno altro, e di più. I rari maestri della caricatura riescono a cogliere, del soggetto disegnato, quella che siamo soliti chiamare anima. O, se si preferisce, l’indole e il carattere. Insomma, l’intima essenza di una personalità, il suo nucleo fondamentale. Da una caricatura eseguita a dovere si può risalire agli umori profondi di un individuo, alle sue ambizioni, alle frustrazioni, alle esperienze accumulate, alla storia che ha alle spalle. In fondo la caricatura, quando praticata ai livelli più alti, non è altro che una modalità attraverso la quale si esercita la fisiognomica, la disciplina secondo cui lo studio attento dei connotati di un uomo o di una donna permette di comprenderne l’interiorità, accedendo a ciò che è solitamente inaccessibile. «Leggo dentro ai tuoi occhi da quante volte vivi, dal taglio della bocca se sei disposto all’odio o all’indulgenza, nel tratto del tuo naso se sei orgoglioso, fiero oppure vile…» canta Franco Battiato in una canzone del 1988 che s’intitola appunto “Fisiognomica”. Non sappiamo se quello che, oggi, è il miglior caricaturista italiano sia un estimatore di Battiato e conosca il brano in questione. Quel che è certo è che l’attuale miglior caricaturista italiano, vignettista principe di «Libero» e di «Tuttosport», è - forse senza saperlo - un virtuoso della fisiognomica. Il suo nome è Benedetto Nicolini, è nato a Modena nel 1974 (ma è torinese d’adozione) e ha scelto di siglare i propri lavori con lo pseudonimo di Benny, lo stesso con cui ha dato alle stampe il suo primo libro, che consente di apprezzarne appieno il talento.

Essendo un innamorato della Juventus, Benny ha avuto l’idea di realizzare una strenna che contenesse un centinaio di caricature inedite di campioni ed ex campioni della Vecchia Signora (più Gianni Agnelli, Andrea Agnelli, Trapattoni, Lippi e Capello), suddivisi in quattro categorie: la rosa attuale, le stelle (i nomi indiscutibili, da Platini a Del Piero), le stelline (quelli che, pur senza diventare bandiere, hanno lasciato un segno, da Boninsegna a Schillaci) e le stellacce (i reprobi e gli ingrati, da Boniek a Ibrahimovic). Ogni caricatura è accompagnata da una sapida scheda firmata dal coautore Marcello Chirico, giornalista con all’attivo numerosi testi di argomento bianconero (tra cui “Il novissimo gobbo. Dizionario del tifo juventino” e il recente “Universo Juve”) nonché volto familiare ai telespettatori di Telelombardia e Antenna 3. Il volume, tutto a colori, s’intitola Firmamento Juve (Ed. Minerva, euro 20) ed è impreziosito da una prefazione di Gianluigi Buffon e da una postfazione dell’opinionista tv Massimo Zampini.

Forte della lezione di caricaturisti eccelsi come Franco Bruna, Achille Superbi e soprattutto il tedesco Sebastian Krüger, autentico genio del ritrarre deformando, Benny riesce sempre nell’impresa di mostrarci il cuore dei personaggi che disegna, fermandone su carta un’espressione, uno sguardo, un movimento che non sono soltanto tipici di questi assi del pallone ma costituiscono una perfetta sintesi del loro essere. Anzi, quanto più Benny ne esaspera i lineamenti, tanto più ne cattura la verità segreta e recondita: dal Chiellini drugo col naso enorme e gli occhi buoni al Giovinco Mazinga Z con l’aria determinata di chi per affermarsi deve faticare il doppio degli altri, fino al Baggio dallo sguardo furbetto che si nasconde dentro una coppa Uefa come chi abbia una marachella da farsi perdonare.

Essendo a mia volta juventino, non posso che compiacermi di condividere la fede calcistica con Benny. Se lui avesse tenuto per un’altra squadra mi sarebbe seccato recarmi in libreria per acquistare un libro di caricature, che so, interiste o granata. Lo avrei fatto lo stesso, però. Perché il tifo è il tifo, ma l’arte vale di più.

benny02

benny03

benny04

benny05

benny06

*Articolo apparso originariamente su "Libero" del 8 dicembre 2012. Per gentile concessione dell'autore.

Magazine

Monolith - il film: Recensione e Analisi

21-08-2017 Hits:451 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

di Lorenzo Barruscotto (contiene – forse - spoiler) Il nostro Lorenzo Barruscotto, titolare della seguitissima rubrica Osservatorio Tex, recensisce Monolith, il film coprodotto da Sky che vede l'esordio alla produzione cinamtografica di Sergio Bonelli Editore.Il fim, distribuito in 200 sale, dal 12 agosto, giorno della prima, al 20 agosto ha incassato 265.808...

Leggi tutto

Masters of the Universe: storia di un cult - Parte #04

07-08-2017 Hits:527 Off Topic Davide Mosciaro

di Davide Mosciaro (QUI trovate le altre puntate) Tanto fu il successo da parte dei MOTU - che ricordiamolo sempre, è l’acronimo di Masters of the Universe -, che addirittura vennero suddivise in  ben 4 schiere di guerrieri. Una votata al bene, le altre tre votate al male: gli eroi di Eternia;...

Leggi tutto

Intervista ad Andrea Manfredini, nuovo Direttore Editoriale di Cagliostro E-Press

01-08-2017 Hits:966 Autori e Anteprime Redazione

Di Giorgio Borroni Di recente alla Cagliostro E-Press c’è stato un cambio di ruoli nella direzione editoriale e la patata bollente è passata ad Andrea Manfredini, già creatore del super eroe sopra le righe Lo Scarafaggio e al timone della serie fantascientifica "Incrociatore Stellare E. Salgari".Oggi abbiamo il piacere di torchiare...

Leggi tutto

Masters of the Universe: storia di un cult - Parte #03

26-07-2017 Hits:949 Off Topic Davide Mosciaro

di Davide Mosciaro (QUI trovate le altre puntate) Il cartone animato di He-Man è composto da due serie di 65 episodi ciascuna (per un totale di 130 episodi e ne era prevista pure una terza serie, che però non fece in tempo mai a vedere la luce in quanto i giocattoli non...

Leggi tutto

Gravetown 10th. Intervista a Paolo Zeccardo

25-07-2017 Hits:981 Autori e Anteprime Redazione

Di Giorgio Borroni Vi ricordate “Kickboxer”? Già, il film che lanciò Jean Claude Van Damme e che hanno di recente rifatto (male) con più budget e meno idee? Ecco, io quando da piccolo lo vidi al cinema ne rimasi estasiato: un tizio occidentale andava in Tailandia e faceva nero Tong Po, il...

Leggi tutto

Masters of the Universe: storia di un cult - Parte #02

11-07-2017 Hits:1359 Off Topic Super User

di Davide Mosciaro (QUI trovate le altre puntate) La dirigenza della Filmation era composta da tre persone: la coppia Lou Scheimer e Norm Prescott (adesso entrambi defunti), e il direttore artistico Hal Sutherland. Nel 1981 uscì BLACKSTAR (un cartone di genere fantasy), composto da 13 puntate, che però si rivelò un fiasco...

Leggi tutto

Masters of the Universe: storia di un cult - Parte #01

04-07-2017 Hits:1794 Off Topic Davide Mosciaro

di Davide Mosciaro (QUI trovate le altre puntate) Se esiste un’icona mondiale, per quanto riguarda la sezione giocattoli e cartoni, che hanno trasformato una semplice moda in un vero a proprio ‘dogma’, He-man and The Masters of the Universe rappresenta, almeno al pari dei Transformers, uno dei pilastri di maggior successo degli...

Leggi tutto