Fumetto d'Autore ISSN: 2037-6650
Dal 2008 il Magazine della Nona Arte e dintorni - Vers. 3.0 - Direttore: Alessandro Bottero
A+ A A-

Benny, il caricaturista che cattura l'anima dei calciatori (juventini)

benny01di Giuseppe Pollicelli*

I caricaturisti più bravi sono quelli che, della persona ritratta, non si limitano a riprodurre in maniera fedele - e solo lievemente accentuata - i lineamenti fisionomici. Questi ultimi sono semplicemente dei buoni caricaturisti, come se ne trovano anche a Piazza Navona. I fuoriclasse fanno altro, e di più. I rari maestri della caricatura riescono a cogliere, del soggetto disegnato, quella che siamo soliti chiamare anima. O, se si preferisce, l’indole e il carattere. Insomma, l’intima essenza di una personalità, il suo nucleo fondamentale. Da una caricatura eseguita a dovere si può risalire agli umori profondi di un individuo, alle sue ambizioni, alle frustrazioni, alle esperienze accumulate, alla storia che ha alle spalle. In fondo la caricatura, quando praticata ai livelli più alti, non è altro che una modalità attraverso la quale si esercita la fisiognomica, la disciplina secondo cui lo studio attento dei connotati di un uomo o di una donna permette di comprenderne l’interiorità, accedendo a ciò che è solitamente inaccessibile. «Leggo dentro ai tuoi occhi da quante volte vivi, dal taglio della bocca se sei disposto all’odio o all’indulgenza, nel tratto del tuo naso se sei orgoglioso, fiero oppure vile…» canta Franco Battiato in una canzone del 1988 che s’intitola appunto “Fisiognomica”. Non sappiamo se quello che, oggi, è il miglior caricaturista italiano sia un estimatore di Battiato e conosca il brano in questione. Quel che è certo è che l’attuale miglior caricaturista italiano, vignettista principe di «Libero» e di «Tuttosport», è - forse senza saperlo - un virtuoso della fisiognomica. Il suo nome è Benedetto Nicolini, è nato a Modena nel 1974 (ma è torinese d’adozione) e ha scelto di siglare i propri lavori con lo pseudonimo di Benny, lo stesso con cui ha dato alle stampe il suo primo libro, che consente di apprezzarne appieno il talento.

Essendo un innamorato della Juventus, Benny ha avuto l’idea di realizzare una strenna che contenesse un centinaio di caricature inedite di campioni ed ex campioni della Vecchia Signora (più Gianni Agnelli, Andrea Agnelli, Trapattoni, Lippi e Capello), suddivisi in quattro categorie: la rosa attuale, le stelle (i nomi indiscutibili, da Platini a Del Piero), le stelline (quelli che, pur senza diventare bandiere, hanno lasciato un segno, da Boninsegna a Schillaci) e le stellacce (i reprobi e gli ingrati, da Boniek a Ibrahimovic). Ogni caricatura è accompagnata da una sapida scheda firmata dal coautore Marcello Chirico, giornalista con all’attivo numerosi testi di argomento bianconero (tra cui “Il novissimo gobbo. Dizionario del tifo juventino” e il recente “Universo Juve”) nonché volto familiare ai telespettatori di Telelombardia e Antenna 3. Il volume, tutto a colori, s’intitola Firmamento Juve (Ed. Minerva, euro 20) ed è impreziosito da una prefazione di Gianluigi Buffon e da una postfazione dell’opinionista tv Massimo Zampini.

Forte della lezione di caricaturisti eccelsi come Franco Bruna, Achille Superbi e soprattutto il tedesco Sebastian Krüger, autentico genio del ritrarre deformando, Benny riesce sempre nell’impresa di mostrarci il cuore dei personaggi che disegna, fermandone su carta un’espressione, uno sguardo, un movimento che non sono soltanto tipici di questi assi del pallone ma costituiscono una perfetta sintesi del loro essere. Anzi, quanto più Benny ne esaspera i lineamenti, tanto più ne cattura la verità segreta e recondita: dal Chiellini drugo col naso enorme e gli occhi buoni al Giovinco Mazinga Z con l’aria determinata di chi per affermarsi deve faticare il doppio degli altri, fino al Baggio dallo sguardo furbetto che si nasconde dentro una coppa Uefa come chi abbia una marachella da farsi perdonare.

Essendo a mia volta juventino, non posso che compiacermi di condividere la fede calcistica con Benny. Se lui avesse tenuto per un’altra squadra mi sarebbe seccato recarmi in libreria per acquistare un libro di caricature, che so, interiste o granata. Lo avrei fatto lo stesso, però. Perché il tifo è il tifo, ma l’arte vale di più.

benny02

benny03

benny04

benny05

benny06

*Articolo apparso originariamente su "Libero" del 8 dicembre 2012. Per gentile concessione dell'autore.

Magazine

L'Intervista - Paul Izzo, sceneggiatore per tutti i gusti

15-12-2017 Hits:32 Autori e Anteprime Giorgio Borroni

Oggi, qui in esclusiva su Fumetto d’Autore ho il piacere di intervistare un fumettista a 360 gradi, che può vantare esperienze che vanno dalla pubblicazione indipendente su web fino a collaborazioni con una testata del calibro di Diabolik. Ladies and Gentlemen, ecco a voi… Paul izzo! FdA: Benvenuto su FdA, Paul, tolgo...

Leggi tutto

BERSERK: LUCI E OMBRE

27-11-2017 Hits:624 Critica d'Autore Redazione

  Di Giorgio Borroni Un paio di anni fa, quando ancora frequentavo i gruppi facebookiani relativi ai fumetti, mi capitò di esprimere un paio di mie idee sulla deriva presa da Berserk, il celebre manga di Kentaro Miura. La fauna che più spesso è attiva sui social, si sa, per una bella...

Leggi tutto

Justice League - Una critica d'autore - Parte 2

21-11-2017 Hits:819 Critica d'Autore Redazione

  Justice League of Marvel   Di Alessio Sgarlato Dopo questa lunga ma necessaria premessa, veniamo all’oggetto del contendere, ovvero Justice League, il più bel sequel di Avengers uscito finora. I film Marvel e quelli della DC con questa pellicola si trovano a dover rendere conto allo spettatore di ingombranti somiglianze estetiche. Tanto negli...

Leggi tutto

Justice League - Una critica d'autore - Parte 1

20-11-2017 Hits:905 Critica d'Autore Redazione

  Marvel VS DC – La battaglia del secolo   Di Alessio Sgarlato   Nel 2016 esce Batman V Superman – Dawn of Justice e diventa immediatamente un film controverso, nel quale il pubblico non riesce a ritrovare lo spirito originale dei personaggi e delle storie che lo hanno ispirato. Eppure, per me si rivela...

Leggi tutto

La distopia ucronica di “Space Anabasis"

13-11-2017 Hits:858 Critica d'Autore Redazione

    Per aspera ad astra, deinde a caelo usque ad centrum!  La distopia ucronica di “Space Anabasis”: tra i giochi di potere, nella fantascienza del passato   Roma, anno 2770 ab urbe condita: un 2017 d.C. alternativo in cui, come recita la didascalia già dalla prima striscia: « L’impero ha tenuto il sistema...

Leggi tutto

I voli pindarici di Mister No

10-11-2017 Hits:1048 Critica d'Autore Redazione

      In requiem del pilota Jerry Drake, paladino dei diritti umani nel fumetto italiano: verso il rilancio! Premessa: i vecchi nostalgici lo rivorrebbero dal 380. Difatti non tutte le cose, in ossequio alla realtà non (o anti ?) relativa, cominciano dallo 0 e proseguono direttamente con l’1, per poi giungere al 2...

Leggi tutto

C’è del Ferro in questo fumetto. Intervista alla casa editrice Ferrogallico

31-10-2017 Hits:1628 Autori e Anteprime Redazione

Di Alessandro Bottero Quando nasce una nuova casa editrice non si può che essere contenti. Significa che nonostante la crisi ci sono ancora  pazzi innamorati del fumetto. Ferrogallico è una casa editrice nata nel 2017, abbastanza snobbata da critica e pubblico (almeno quello che agita il mondo dei social) perché si...

Leggi tutto