Fumetto d'Autore ISSN: 2037-6650
Dal 2008 il Magazine della Nona Arte e dintorni - Vers. 3.0 - Direttore: Alessandro Bottero
A+ A A-

Ulli Lust, Coconino Press e quella Sicilia solo mafia ed eroina che violenta le donne

ullilustMoleskine #100

La rubrica più politicamente scorretta del fumetto italiano. Appunti di viaggio nel mondo del fumetto, attraverso i suoi protagonisti e l'informazione di settore.

Ulli Lust, Coconino Press e quella Sicilia solo mafia ed eroina che violenta le donne

di Giorgio Messina

Che in Germania ci sia una visione stereotipata dell'Italia, è cosa risaputa. Rimane dimenticabilissima quella copertina di Der Spiegel di più di quindici anni fa dove campeggiava la foto di un piatto di spaghetti con sopra una pistola e Il titolo era "Italia paese delle vacanze", lo strillo di copertina, poi, probabilmente  solo nelle intenzioni, voleva essere ironicamente stridente: "sequestro, scippo, estorsione". Nel 2006, durante i mondiali di calcio tedeschi, vinti in finale dalla nostra nazionale, sempre su Der Spiegel, la penna dell'editorialista Achim Achilles paragonò i nostri calciatori ai tipi da spiaggia che incontrava in vacanza sull'Adriatico, quei tanti «Luigi, forme di vita parassitarie, mammoni maligni che sfruttano le donne e sanno solo lamentarsi». Naturalmente l'articolo suscitò un vespaio di polemiche che non impedirono alla tradizione pallonara di riperpetrarsi comunque: in semifinale, calcisticamente gliele suonammo ai padorni di casa teutonici.

Ma che sia in questi giorni un editore italiano di fumetti - pardon, graphic novel - a rinfocolare questi luoghi comuni made in Alemania e spiccatamente anti-italiani, la cosa già fa storcere il naso, ma se a farlo sia proprio quella Coconino Press, di proprietà della Fandango. realtà editoriale da sempre indcata da addetti ai lavori e lettori come casa editrice raffinata e seria, la cosa fa ancora più basire.

E' pur vero che un libro lo si giudica dopo averlo letto, ma un giudizio lo si può anche inziare a esprimere da come l'editore lo presenta nei suoi comunicati ufficiali. Per chi fosse arrivato sin qui e non resiste più alla curiosità, stiamo parlando del volume, in uscita per Coconico Press, dal titolo "Troppo non è mai abbastanza" realizzato dalla fumettista (classe 1967) di origini austriache - ma residente in Germania dal 1995 - Ulli Lust, che l'ufficio stampa della casa editrice presenta come: «autobiografia, indagine sociale e road movie a fumetti: un toccante atto d'accusa contro il machismo e la violenza sessuale, una splendida lezione di coraggio».  

Ecco, integralmente, come prosegue il comunicato, con la sinossi della storia: «"Qual è il suicidio più lento? Nascere e aspettare che tutto finisca." Siamo all'inizio degli anni 80: a 17 anni Ulli Lust, austriaca di nascita e berlinese d'adozione, annota queste righe nel suo diario. Nello stesso anno la giovane punk decide di partire con la sua amica Edi, senza denaro o documenti, per un viaggio attraverso l'Italia in autostop. Con la matita e la china Ulli Lust descrive le tappe del suo viaggio: le due amiche passano per Verona, Cattolica, Perugia, Roma, ma la loro vera meta è la Sicilia. Che però si rivelerà non la terra promessa sognata, ma un mondo difficile, straniero, che non rispetta le donne. Il road movie alla Thelma e Louise, ispirato dalla voglia di libertà, ribellione e avventura dell'adolescenza, è inizialmente allegro ma si tramuta presto in un incubo. In Sicilia le due protagoniste incontrano l'eroina e un ambiente dominato dalla presenza della mafia.Diversi uomini prima infastidiscono, poi aggrediscono sessualmente e umiliano le due ragazze. L'amica di Ulli diventerà una tossicomane, ma alla fine entrambe riescono a salvarsi".»

Ora, premesso che capiamo il dolore e le ferite sicuramente ancora aperte per la brutta esperienza vissuta dalla giovane Ulli che trenta anni dopo ha sentito la necessità di trasformare il terribile accadauto in una catartica "graphic novel"; premesso che per quello che le è successo ha tutta la nostra solidarietà incondizionata; premesso che lo scrivente è sicilano ed è cresciuto in Sicilia proprio in quegli anni '80. Premesso tutto ciò: descrivere la Sicilia degli anni '80 solo come un mondo difficile che non rispetta le donne, un ambiente dominato dalla mafia e dall'eroina, popolato in pratica esclusivamente da uomini che aggrediscono sessualmente e umiliano le donne non è solo volere fare "di tutta l'erba un fascio", ma è soprattutto un insulto a tutti quei bravi siciliani che da sempre, onestamente e basandosi su seri e sani principi, vive e lavora in Sicilia. E questo va detto senza nemmeno bisogno di scomodare anche tutti coloro che, perbene e onesti, hanno pure sacrificato la vita per combattere mafia e droga in Sicilia anche in quegli anni '80 senza redenzione che la Lust racconterebbe nel suo libro..

spiegel-spaghettiMutatis mutandum, non potremmo certo dire che se a un turista rubano il portafoglio a Napoli, allora il capoluogo partenopeo è prevalentemente abitato da borsaioli. E ancora, sempre mutatis mutandum: non potremmo certo dire che, visto i natali austriaci dell'autrice e visto che l'Austria ha dato i natali anche ad Adolf Hitler, se qualche turista ha avuto una qualche brutta esperienza in Austria con i neonazisti locali si potrebbe allora concludere che è un paese prevalentemente di nazisti. Come se, inoltre, in Austria o in Germania il machismo, il mafiare, il malaffare e la droga non esistessero. Oppure come se anche nei paesi teutonici non accadessero pure vergognosi fatti di cronaca nera locale nei confronti delle donne. E allora a questo descrivere così l'Italia e la Sicilia non rimane che contrapporre un banale ma efficacissimo: "tutto il mondo è paese e  in ogni paese ci sono le persone perbene e oneste e stupratori e delinquenti". E per ricordarci meglio questa banalità pregna di onesta intellettuale, al netto delle brutte esperienze vissute davvero dall'autrice, basta ricordare quel caso di cronaca locale accaduto nel riminese a fine luglio 2009. Una olandese, all'epoca dei fatti 18enne, si era appartata in spiaggia in compagnia di un amico tedesco, ma poi la giovane aveva raccontato e denunciato che dal nulla erano apparsi due magrebini che avevano abusato sessualmente di lei. In realtà gli inquirenti scoprirono rapidamente che «la donna (olandese - ndr) aveva conosciuto il ragazzo (tedesco - ndr) in discoteca e che successivamente si erano recati sulla spiaggia dove poi, entrambi ubriachi, avevano incominciato ad avere un rapporto sessuale, grazie anche alle continue insistenze del ragazzo e alla fine nemmeno consumato a causa delle precarie condizioni psico-fisiche dei due dovute al loro stato di non totale coscienza». Oibò, questo sembrerebbe proprio un caso di machismo teutonico su suolo italiano. E quindi? Che vogliamo concludere? Che appena arrivano sul suolo italiano anche i freddi germani diventano dei mostri? O magari che sarà l'aria del Belpaese a ispirare la violenza sulle donna? Suvvia, oltre a materiale per una "graphic novel", non sembra vi sia altro in questo capovolgere le dinamiche comunicative usate da Coconino Press per pubblicizzare questo volume. Sembra solo, al netto degli orpelli sensazionali, un modo per cercare di suscitare clamore con degli stereotipi.

Comunque, in attesa di leggere il volume - ne abbiamo richiesto copia all'editore tramite il suo ufficio stampa - e di farci così un'idea definitiva sull'opera, non possiamo non concludere che la strategia comunicativa scelta da Coconino per publicizzare questo volume è davvero pessima stavolta, visto che si tratta di una pubblicazione di una casa editrice italiana destinata al mercato italiano. Se invece la comunicazione è pensata per fare del volume realizzato da Ulli Lust un allegato editoriale a Der Spiegel, allora invece no: è un capolavoro di comunicazione e soprattutto di anti-italianità. I lettori tedeschi non potranno che applaudire.

Riassunto breve per anime belle: quello che è successo in Sicilia alla Lust da ragazza è una cosa gravissima e indecente, ma questo non autorizza l'autrice, nè il suo editore italiano, a raccontare una Sicilia, e di conseguenza, dove non esiste la gente onesta e perbene. Lo so, qualcuno dirà che sono caduto con tutte le scarpe nel tranello comunicativo teso da Coconino con questo comunicato stampa, ma io me ne fotto. La mia terra non merita questo modo di fare per vendere qualche libro in più.

Ps: Ulli Lust presenterà questo suo libro a Palermo il 7 marzo (ore 18, Cantieri culturali alla Zisa – Incontro col pubblico e ritratti). Visto che la Lust torna in quella Sicilia "dominata dalla mafia" a presentare il suo libro il giorno prima della festa della donna (8 marzo), delle due, una: o la mafia e il machismo sono stati sconfitti in Sicilia durante questi 30 anni che saperano l'autrice dai fatti autobiografici che racconta nel suo libro, oppure rischierà la Lust che - tristemetne - la storia si ripeta. Potrebbe infatti trovarsi davanti ad un uditorio formato da "diversi uomini (che) prima infastidiscono (e) poi aggrediscono sessualmente e umiliano le donne". Ma forse c'è anche una terza via di interpretazione che ci viene suggerita proprio dal titolo del volume: "Troppo non è mai abbastanza". 

Magazine

Analogie kafkiane tra Egon Schiele e Angelo Stano

12-09-2017 Hits:431 Critica d'Autore Redazione

    Le atmosfere gotiche nell’opprimente angoscia di un comune tratto artistico di Roberto Scaglione   Forse non aveva tanto torto Hugo Pratt a definire il fumetto quale “letteratura disegnata”, con un chiaro omaggio autoreferenziale alle proprie indelebili opere ed in particolare alla più rilevante, quel Corto Maltese che lo rese celebre come uno dei...

Leggi tutto

Monolith - il film: Recensione e Analisi

21-08-2017 Hits:1445 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

di Lorenzo Barruscotto (contiene – forse - spoiler) Il nostro Lorenzo Barruscotto, titolare della seguitissima rubrica Osservatorio Tex, recensisce Monolith, il film coprodotto da Sky che vede l'esordio alla produzione cinamtografica di Sergio Bonelli Editore.Il fim, distribuito in 200 sale, dal 12 agosto, giorno della prima, al 20 agosto ha incassato 265.808...

Leggi tutto

Masters of the Universe: storia di un cult - Parte #04

07-08-2017 Hits:1295 Off Topic Davide Mosciaro

di Davide Mosciaro (QUI trovate le altre puntate) Tanto fu il successo da parte dei MOTU - che ricordiamolo sempre, è l’acronimo di Masters of the Universe -, che addirittura vennero suddivise in  ben 4 schiere di guerrieri. Una votata al bene, le altre tre votate al male: gli eroi di Eternia;...

Leggi tutto

Intervista ad Andrea Manfredini, nuovo Direttore Editoriale di Cagliostro E-Press

01-08-2017 Hits:1650 Autori e Anteprime Redazione

Di Giorgio Borroni Di recente alla Cagliostro E-Press c’è stato un cambio di ruoli nella direzione editoriale e la patata bollente è passata ad Andrea Manfredini, già creatore del super eroe sopra le righe Lo Scarafaggio e al timone della serie fantascientifica "Incrociatore Stellare E. Salgari".Oggi abbiamo il piacere di torchiare...

Leggi tutto

Masters of the Universe: storia di un cult - Parte #03

26-07-2017 Hits:1627 Off Topic Davide Mosciaro

di Davide Mosciaro (QUI trovate le altre puntate) Il cartone animato di He-Man è composto da due serie di 65 episodi ciascuna (per un totale di 130 episodi e ne era prevista pure una terza serie, che però non fece in tempo mai a vedere la luce in quanto i giocattoli non...

Leggi tutto

Gravetown 10th. Intervista a Paolo Zeccardo

25-07-2017 Hits:1618 Autori e Anteprime Redazione

Di Giorgio Borroni Vi ricordate “Kickboxer”? Già, il film che lanciò Jean Claude Van Damme e che hanno di recente rifatto (male) con più budget e meno idee? Ecco, io quando da piccolo lo vidi al cinema ne rimasi estasiato: un tizio occidentale andava in Tailandia e faceva nero Tong Po, il...

Leggi tutto

Masters of the Universe: storia di un cult - Parte #02

11-07-2017 Hits:2099 Off Topic Super User

di Davide Mosciaro (QUI trovate le altre puntate) La dirigenza della Filmation era composta da tre persone: la coppia Lou Scheimer e Norm Prescott (adesso entrambi defunti), e il direttore artistico Hal Sutherland. Nel 1981 uscì BLACKSTAR (un cartone di genere fantasy), composto da 13 puntate, che però si rivelò un fiasco...

Leggi tutto