Fumetto d'Autore ISSN: 2037-6650
Dal 2008 il Magazine della Nona Arte e dintorni - Vers. 3.0 - Direttore: Alessandro Bottero
A+ A A-

Gli scritti sul fumetto di Oreste Del Buono

sulfumetto OdBdi Giuseppe Pollicelli

Daniele Brolli non tollera che l’eclettismo e lo spessore intellettuale di Oreste del Buono non vengano pienamente riconosciuti. E allora eccolo impegnarsi periodicamente in imprese editoriali che, di OdB, antologizzano gli scritti, siano essi di taglio narrativo, critico o giornalistico. Anni addietro, per esempio, si era prefisso, d’intesa con l’editore Scheiwiller, di riproporre l’intero corpus narrativo di Del Buono, ma poi l’impresa si è purtroppo limitata a un unico volume, pur pregevolissimo, che ospita i romanzi La parte difficile e Racconto d’inverno, oltre ad alcuni scritti più brevi. Recentemente, invece, Brolli - che collaborò varie volte con OdB (scomparso a Roma nel 2003 dopo una vita trascorsa, lui toscano dell’Elba, nell’amata Milano) - ha curato per la casa editrice Comma 22 un’ampia raccolta di interventi di varie epoche dedicati da Del Buono a uno dei suoi amori più grandi: i fumetti. In Sul fumetto (pp. 312, euro 20) ci si imbatte in puntuali ricostruzioni storiche di fenomeni e vicende fondamentali nella storia dei comics ma anche in valutazioni e giudizi di grande acume e finezza, i quali dimostrano come l’esegesi di un fumetto possa avere la stessa profondità, e richiedere la stessa erudizione, di quella di un romanzo, di un film o di un dipinto. Bastano, per rendersene conto, queste righe imperniate sull’arte straordinaria di Dino Battaglia: «Il maggior disegnatore italiano d’avventure (insieme con Pratt) non è d’impronta nordamericana, ma casomai d’impronta inglese, senza trascurare il suo rapporto di odio-amore per il mondo pangermanico che comunque - da Hoffmann a Musil a Mann - costituisce la sua componente letteraria più spiccata». «Avventurandosi tra tanti generi», ha scritto Oreste Pivetta, «Oreste del Buono faceva qualcosa d’originale e di serio per la cultura italiana: la liberava di qualche gesso e di qualche colletto inamidato. Soprattutto rendeva un servizio meraviglioso al cosiddetto consumatore culturale: spalancava le finestre».

Articolo tratto da “Libero” del 21 gennaio 2015. Per gentile concessione dell'autore.

Magazine

Intervista a Paolo di Orazio, il pioniere dell’horror estremo in Italia

12-05-2017 Hits:546 Autori e Anteprime Redazione

di Giorgio Borroni Da ragazzi li nascondevamo sotto il letto dai rastrellamenti, guardavamo con un occhio le loro pagine e con l’altro la porta della camera: questo per percepire ogni minimo movimento ed evitare di essere colti in flagrante mentre li sfogliavamo. No, non erano i banali giornalini porno, erano opere che...

Leggi tutto

Intervista con Brian Smuin

03-05-2017 Hits:578 Autori e Anteprime Redazione

  The Brian Smuin’s Interview. A cura di Giorgio Borroni.   A volte internet non è solo battaglie sui social, haters o groupie.  A volte internet ti offre la possibilità di allargare i propri orizzonti conoscendo artisti che provengono dall’altro capo del mondo, hanno lavorato per colossi dell’editoria o dell’intrattenimento, ma non vengono...

Leggi tutto

Terror INC: tra action e gore

02-05-2017 Hits:585 Critica d'Autore Redazione

di Giorgio Borroni. “Vivo per guerreggiare, ce l’ho nel sangue e se è quel che voglio io me lo prendo \ gli uomini che ho massacrato, i bambini schiavizzati e tutte le donne di cui ho abusato [...] Mangio le cervella dal teschio dei miei nemici \ e con orgoglio...

Leggi tutto

Anacanapana si presenta!

17-04-2017 Hits:872 Autori e Anteprime Redazione

Spazio alle autoproduzioni. SI presenta la rivista Anacanapana! La rivista “Anacanapana”, uscita su carta in due numeri a tiratura limitata nel 2009 e 2012, ripercorre le orme delle vecchie riviste-contenitore, con tante strisce umoristiche ed un po’ di materiale avventuroso. La gestazione è lunga e complessa, comunque alla fine la rivista...

Leggi tutto

Daltanious

11-04-2017 Hits:10467 Cuore e Acciaio Redazione

di Tiziano Caliendo. Lo scenario post-apocalittico è, da sempre, un topos importante nell’immaginario giapponese. Basti pensare a Violence Jack (1973), l’opera seminale del maestro Go Nagai, capace di anticipare di almeno otto anni il fulcro estetico e concettuale della trilogia milleriana di Mad Max, ossia il film Interceptor – Il...

Leggi tutto

Una storia del panopticon – Un capolavoro mancato

10-04-2017 Hits:927 Critica d'Autore Redazione

di Giorgio Borroni. L’ospedale psichiatrico di Panopticon Bentham è un edificio antico, lugubre e austero. Un luogo perfetto per racchiudere la sofferenza dei suoi degenti, per contenerne la malattia, ma anche per diventare teatro di eventi sanguinosi e indicibili. Nel 1912 il direttore della struttura, il dottor Bonticou, decretò la...

Leggi tutto