Fumetto d'Autore ISSN: 2037-6650
Dal 2008 il Magazine della Nona Arte e dintorni - Vers. 3.0 - Direttore: Alessandro Bottero
A+ A A-

Il Filo Rosso

filorossodi Roberto Recchioni

Se seguite il mio blog e quello di Paola Barbato, vi dovrebbe essere chiaro che il nostro rapporto è conflittuale. Nel senso che, in maniera molto affettuosa, lei mi odia. O qualcosa del genere.

E io ho paura di lei. Pur volendole molto bene.

Quindi è con un certo timore che andrò a parlare del suo terzo romanzo.

BREVE RIASSUNTO DELLE PUNTATE PRECEDENTI:

Bilico, il primo romanzo di Paola, venne presentato come un thriller all'americana, scritto da una nuova regina del terrore sullo stile di Patricia Cornwell.

Non era nulla di tutto questo.

Era un romanzo strano, disturbante, sinistramente squilibrato, contorto, per molti versi involuto e, soprattutto, era un romanzo che non dava al lettore nulla di quanto si aspettasse o volesse e lo mandava a dormire con un senso di disagio ben poco rassicurante.

In sostanza, aldilà della bontà o meno della scrittura e delle meccaniche del racconto, Bilico aveva tutte quelle qualità che dovrebbe avere un VERO horror.

Mani Nude, il secondo romanzo di Paola, è stato presentato come un ibrido tra Figth Club, un thrilleraccio alla Jeffrey Deaver e un romanzo di formazione.

Anche in questo caso, mai descrizione fu più ingannevole.

Perché Paola, nel raccontare la storia dei suoi fragili gladiatori, tratta pochissimo (e, bisogna dirlo, anche con una certa superficialità) le dinamiche fisiche dei combattimenti e sembra quasi disinteressata (inconsapevolmente e per scelta cosciente) alle canoniche meccaniche del thriller, se non per adempiere agli obblighi del racconto. In compenso, il romanzo scava (a mani nude) nell'emotività dei personaggi e lo fa con perizia e squisita crudeltà. Crudeltà che Paola riversa sui suoi lettori, scontentandoli in tutto, anche nel finale (alleluia).

E veniamo a Il Filo Rosso.

Questa volta la Rizzoli non ci ha provato nemmeno a dare una descrizione del romanzo, trattandolo come un oggetto del mistero (anche nella campagna virale che ha accompagnato il lancio).

Strano perché, dei tre romanzi di Paola, questo è quello forse più riconducibile a una serie di elementi più facilmente riconoscibili per gli appassionati di genere.

Strano perché dei tre romanzi questo è quello strutturato meglio e narrato nella maniera meno contorta.

Strano perché dei tre romanzi, questo è (per me) quello meglio riuscito sotto tutti i punti di vista.

Una prosa scevra da inutili sofismi, una narrazione avvincente, ottimi colpi di scena (distribuiti bene e in maniera logica e mai forzata), personaggi che è facile amare e odiare e, finalmente, un perfetto equilibrio tra un plot forte, raccontato in maniera solida e professionale e uno stile ricercato (nella sua semplicità).

In questo romanzo, Paola riesce a non perdere nemmeno un pizzico del suo stile autoriale, delle sue ossessioni, della sua incapacità di scendere a compromessi e di scontentare, irritare, provocare il lettore ma, al tempo stesso, mette se stessa al servizio delle meccaniche di genere, venendone arricchita.

Insomma, facciamola breve che mi sono dilungato già troppo: è un bel romanzo.

Compratelo.

Questa recensione è apparsa sul blog di Roberto Recchioni ed è stata pubblicata da Fumetto d'Autore per gentile concessione dell'autore.

Magazine

Intervista a SILVIA ZICHE su "QUEI DUE"

01-01-2021 Hits:1165 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto e Dafne Riccietti

      Bentrovati, appassionati delle nuvole parlanti. Sono lieto ed orgoglioso di presentarvi la versione integrale dell'intervista, comparsa sull'importante numero 300 di “Fumo di China”, realizzata con la mitica Silvia Ziche, che ringrazio nuovamente.   Ritratto di Silvia Ziche, visionato anche dall'artista prima della pubblicazione, ad opera di Lorenzo Barruscotto.   Le tre vignette che troverete ad...

Leggi tutto

INTERVISTA ESCLUSIVA CON MORENO BURATTINI su "Zagor - Darkwood Novels"

26-07-2020 Hits:2746 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

   Ritratto ad opera di Lorenzo Barruscotto, autografato dallo stesso Burattini.     Buongiorno e grazie per il suo tempo. Facciamo quattro chiacchiere sulla nuova miniserie di Zagor “Darkwood Novels”.   - Nel primo volume viene presentata ai lettori questa nuova iniziativa editoriale targata Spirito con la Scure anche con dotte citazioni e riferimenti ai Dime Novels...

Leggi tutto

L'Intervista - Kirby Academy, a Cassino un punto di riferimento unico per chi vuole fare fumetti

17-01-2020 Hits:1883 Autori e Anteprime Super User

A cura della redazione L'Associazione Culturale Cagliostro E-Press, ha 15 anni alle spalle di meritoria attività di scountng di nuovi talenti e diffusione del media fumetto sul territorio nazionale: la storia dell'Associazione, sempre presente alle principali fiere di settore, racconta di più di 150 volumi pubblicati in questi tre lustri e...

Leggi tutto

Saggio e analisi di "TESLA AND THE SECRET LODGE"

17-12-2019 Hits:3995 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

 La cover variant (a sinistra) e quella ufficiale (a destra)   Ucronia. Cosa significa questa parola? Con tale termine viene indicato un genere di narrativa fantastica basato sulla premessa che la storia del mondo abbia seguito un corso alternativo a quello reale. Deriva dal greco e significa letteralmente “nessun tempo”, analogamente a come...

Leggi tutto

Intervista con OSKAR su ZAGOR

17-12-2019 Hits:4083 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

    Facciamo quattro chiacchiere in merito al volume “L'eroe di Darkwood”, il sesto e conclusivo della mini serie “Zagor – Le Origini” che ha visto Oskar, nome d'arte di Oscar Scalco, classe 1971, disegnatore con all'attivo numerosi traguardi prestigiosi, impegnato ai disegni sui testi di Moreno Burattini. Le sue due opere che vedrete di seguito sono presenti...

Leggi tutto

Moleskine 125 » Quella falsa differenza tra Fumetto e Graphic Novel

30-08-2019 Hits:3681 Moleskine Conte di Cagliostro

Sottotitolo: Artibani e Recchioni avanti, dietro tutti quanti (Plazzi compreso) per piacere di Topolino. di Conte di Cagliostro Houston il fumettomondo ha un problema. Ci sono dei pazzi che vanno in giro spacciandosi per Francesco Artibani, Andrea Plazzi e Roberto Recchioni? O Artibani, Plazzi e Recchioni sono pazzi? Ricapitoliamo. Qualche giorno fa, il...

Leggi tutto

RECENSIONE CARTONATO DEADWOOD DICK "TRA IL TEXAS E L'INFERNO"

29-07-2019 Hits:4047 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

    "Avete mai fatto caso che nella vita ogni tanto si incontra qualcuno che non va fatto in…alberare?” Ecco, quel qualcuno è Deadwood Dick. Mutuandola ed adattandola per i nostri scopi, la celeberrima frase pronunciata da un granitico Clint Eastwood in “Gran Torino” serve perfettamente a delineare il carattere del personaggio...

Leggi tutto