Fumetto d'Autore ISSN: 2037-6650
Dal 2008 il Magazine della Nona Arte e dintorni - Vers. 3.0 - Direttore: Alessandro Bottero
A+ A A-

Spot, Comics e TV: intervista a Guido De Maria

di Giuseppe Pollicelli*

«Aspetti un attimo che m'infilo pure la seconda scarpa, ne ho una soltanto. Poi iniziamo a chiacchierare...». Esordisce così, Guido De Maria, quando gli telefoniamo per intervistarlo. Può apparire un avvio di conversazione eccentrico, ma chi conosce un po' la personalità di De Maria sa che in realtà è normalissimo: la principale caratteristica del nostro è infatti una lucida e simpatica bizzarria. De Maria è stato il protagonista dell'incontro intitolato "Fare fumetti, l'evoluzione delle matite. Dalla carta al digitale, dall'edicola al web, dall'editore al crowdfunding, com'è cambiato il mestiere del fumettista", svoltosi il 22 febbraio scorso, presso il Foro Boario di Modena, nel contesto dell'ottava edizione di Buk. Festival della piccola e media editoria. Essendo nato 82 anni fa proprio in provincia di Modena, De Maria ha dunque potuto ripercorrere la sua lunga carriera di creativo, pubblicitario e disegnatore di fronte a un pubblico particolarmente ben disposto. «Ho realizzato le mie prime vignette ai tempi del liceo, su un giornalino scolastico che si chiamava "Zero in condotta"», racconta. «Terminato il militare, sono andato alla redazione di "Epoca", a Milano, e ho fatto vedere una mia vignetta a Enzo Biagi. Mostrava una coppietta di russi intenta in un pic-nic e una lunga fila di formiche ormai prossima alle vivande. Lui fa a lei: "Lasciale avvicinare, sono formiche rosse!". A Biagi piacque e così iniziai a collaborare: lui mi avrebbe pubblicato una vignetta per ogni esame universitario dato. Se veramente avessi fatto tutti gli esami che ho detto a Biagi, ora avrei tre lauree...».

La sua carriera ebbe una svolta con l'ideazione, nel 1972, del programma Gulp!, poi divenuto SuperGulp! Fumetti in TV.

«Giancarlo Governi, allora responsabile dei Programmi Speciali della Rai, era rimasto molto colpito da un carosello realizzato nel 1968 da Paul Campani per la Zoppas: in un minuto e mezzo vi si raccontava una storia in cui delle immagini statiche venivano "animate" con carrellate, zoom e altri movimenti di macchina. Governi pensò che l'espediente si sarebbe potuto utilizzare per portare i fumetti in televisione e così, avendo letto e apprezzato le strisce delle Sturmtruppen sulle pagine di "Paese Sera", si rivolse a Bonvi, il quale creò assieme a me la serie umoristico-poliziesca di Nick Carter».

L'impatto della trasmissione fu deflagrante.

«Nel 1972, sul Secondo Programma (l'antenato di Rai 2), facemmo ascolti clamorosi. E all'epoca non veniva calcolato il pubblico dei bambini. Eravamo certi di proseguire subito l'esperienza, invece la Rai non aveva più una lira avendo investito un sacco di soldi nello sceneggiato-kolossal su Mosè interpretato da Burt Lancaster. Per ripartire dovemmo quindi attendere il 1977 e l'avvento alla presidenza della Rai di un uomo illuminato come Massimo Fichera. A quel punto andammo avanti alla grande fino al 1981».

Che tipo era Bonvi?

«Ero legato a lui da un rapporto fraterno. Gli si attagliava bene la definizione di "genio e sregolatezza", precisando che la sua era una sregolatezza piacevole, mai antipatica. Era un pazzoide divertente. Aveva una gran cultura cinematografica e amava soprattutto i film con Alberto Sordi, di cui sapeva citare quasi ogni battuta. La sua morte, nel 1995, è stata davvero una beffa atroce: investito a Bologna da un ubriaco, proprio lui che in vita sua non aveva mai disdegnato l'ebbrezza alcolica».

E Jacovitti?

«Il più grande disegnatore umoristico di tutti i tempi. Disegnava direttamente a penna, senza mai sbagliare nulla, scene affollate dei più strambi personaggi e inquadrate da prospettive arditissime. Era come se avesse un computer nella testa. Per non dire del suo humour surreale, ancora oggi insuperato. Se fosse nato in Francia o negli Usa oggi sarebbe noto in tutto il mondo».

guido de maria 80

*Articolo tratto da "Libero" del 22 febbraio 2015. Per gentile concessione dell'autore.

Magazine

INTERVISTA ESCLUSIVA CON MORENO BURATTINI su "Zagor - Darkwood Novels"

26-07-2020 Hits:1544 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

   Ritratto ad opera di Lorenzo Barruscotto, autografato dallo stesso Burattini.     Buongiorno e grazie per il suo tempo. Facciamo quattro chiacchiere sulla nuova miniserie di Zagor “Darkwood Novels”.   - Nel primo volume viene presentata ai lettori questa nuova iniziativa editoriale targata Spirito con la Scure anche con dotte citazioni e riferimenti ai Dime Novels...

Leggi tutto

L'Intervista - Kirby Academy, a Cassino un punto di riferimento unico per chi vuole fare fumetti

17-01-2020 Hits:956 Autori e Anteprime Super User

A cura della redazione L'Associazione Culturale Cagliostro E-Press, ha 15 anni alle spalle di meritoria attività di scountng di nuovi talenti e diffusione del media fumetto sul territorio nazionale: la storia dell'Associazione, sempre presente alle principali fiere di settore, racconta di più di 150 volumi pubblicati in questi tre lustri e...

Leggi tutto

Saggio e analisi di "TESLA AND THE SECRET LODGE"

17-12-2019 Hits:2890 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

 La cover variant (a sinistra) e quella ufficiale (a destra)   Ucronia. Cosa significa questa parola? Con tale termine viene indicato un genere di narrativa fantastica basato sulla premessa che la storia del mondo abbia seguito un corso alternativo a quello reale. Deriva dal greco e significa letteralmente “nessun tempo”, analogamente a come...

Leggi tutto

Intervista con OSKAR su ZAGOR

17-12-2019 Hits:3007 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

    Facciamo quattro chiacchiere in merito al volume “L'eroe di Darkwood”, il sesto e conclusivo della mini serie “Zagor – Le Origini” che ha visto Oskar, nome d'arte di Oscar Scalco, classe 1971, disegnatore con all'attivo numerosi traguardi prestigiosi, impegnato ai disegni sui testi di Moreno Burattini. Le sue due opere che vedrete di seguito sono presenti...

Leggi tutto

Moleskine 125 » Quella falsa differenza tra Fumetto e Graphic Novel

30-08-2019 Hits:2711 Moleskine Conte di Cagliostro

Sottotitolo: Artibani e Recchioni avanti, dietro tutti quanti (Plazzi compreso) per piacere di Topolino. di Conte di Cagliostro Houston il fumettomondo ha un problema. Ci sono dei pazzi che vanno in giro spacciandosi per Francesco Artibani, Andrea Plazzi e Roberto Recchioni? O Artibani, Plazzi e Recchioni sono pazzi? Ricapitoliamo. Qualche giorno fa, il...

Leggi tutto

RECENSIONE CARTONATO DEADWOOD DICK "TRA IL TEXAS E L'INFERNO"

29-07-2019 Hits:2991 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

    "Avete mai fatto caso che nella vita ogni tanto si incontra qualcuno che non va fatto in…alberare?” Ecco, quel qualcuno è Deadwood Dick. Mutuandola ed adattandola per i nostri scopi, la celeberrima frase pronunciata da un granitico Clint Eastwood in “Gran Torino” serve perfettamente a delineare il carattere del personaggio...

Leggi tutto

Moleskine 124 » Quando scappa un fumettosauro dallo zoo del fumettomondo

15-06-2019 Hits:2193 Moleskine Conte di Cagliostro

di Conte di Cagliostro Interrompiamo il silenzio di questa disgraziata rubrica su questo disgraziatissimo sito, perchè pare che sia scappato il fumettosauro dallo zoo del fumettomondo. Per sgombrare subito il campo da qualsiasi possibile dubbio, durante la nostra assenza dal vergare queste righe siamo diventati grandissimi estimatori del famigerato Sauro Pennacchioli...

Leggi tutto