Fumetto d'Autore ISSN: 2037-6650
Dal 2008 il Magazine della Nona Arte e dintorni - Vers. 3.0 - Direttore: Alessandro Bottero
A+ A A-

Bricklberry, i nipotini dei Griffin vivono con gli orsi

di Giuseppe Pollicelli*

I parchi naturali non sono una novità nel mondo dei cartoons ma sarà bene dimenticarsi le delicate scaramucce che dal lontano 1958 - quando fu ideato dagli animatori statunitensi William Hanna e Joseph Barbera - caratterizzano il Jellystone Park, dove il ranger Smith si adopera perché l’orso Yoghi non sottragga troppi cestini da pic-nic ai visitatori. Di ben diverse situazioni è teatro un altro immaginario parco degli Usa, il Brickleberry, set di un’omonima sit-com animata che dal settembre del 2012 si sta dando apprezzabilmente da fare per allargare i confini del politicamente scorretto. Il filone, all’ingrosso, è il medesimo dei Simpsons, di South Park e soprattutto dei Griffin (a cui Brickleberry rimanda anche nello stile grafico), ovvero quello di una satira sociale corrosiva e fortemente incline a un umorismo «scostumato». Per farsi un’idea di ciò che Brickleberry propone ai suoi spettatori è sufficiente guardare uno dei trailer del programma, in cui, com’è giusto che sia, le carte vengono scoperte subito e bene. La macchina da presa ci regala una serie di panoramiche del Brickleberry Park: scenari incantevoli in cui gli animali appaiono in perfetta sintonia con l’ambiente, il tutto enfatizzato dalle soavi note del Mattino di Edvard Grieg, dal Peer Gynt di Ibsen. Presto, tuttavia, ci si rende conto che l’idillio che sembra regnare ovunque ha motivazioni più prosaiche di quelle che ci erano state suggerite: buona parte delle bestie residenti nel parco è infatti intenta in una forsennata orgia che obbliga a rivedere radicalmente l’opinione che ci si è creati del Brickleberry. A maggior ragione dopo aver fatto la conoscenza di chi il Brickleberry sarebbe incaricato di custodirlo. Per esempio lo stordito ranger Steve Williams, che al termine dello spiazzante trailer mostra i vigorosi accoppiamenti tra animali a un drappello di sconcertati e giovanissimi scout commentando il tutto con queste parole: «Godetevi lo spettacolo fino in fondo, figlioli, quella che avete dinnanzi è la natura in tutto il suo splendore!». Colleghi di questo bel tomo sono Ethel Anderson, una ragazza bionda che viene regolarmente tradita dagli uomini di cui s’infatua; Woodrow “Woody” Johnson, l’anziano capo dei ranger, repubblicano fanatico e giocatore incallito; il nero Denzel Jackson, convinto di essere vittima di discriminazioni razziali benché approfitti bellamente delle agevolazioni che gli derivano dalla sua appartenenza etnica; la gigantesca Connie Cunaman, una lesbica dall’aspetto iper mascolino. Senza dimenticare l’orsetto Mally, la mascotte (parlante) del parco, dolcissimo esteriormente quanto rozzo e sprezzante nei comportamenti. La squadra dei protagonisti, insomma, non lascia dubbi sulle intenzioni dei due ideatori della serie, Roger Black e Waco O’Guin: urtare gli spettatori adulti attentando alle loro fragili «certezze» in materia di comunicazione sociale e suscitare in essi, per reazione, una risata liberatoria. Trasmessa negli Usa dal canale Comedy Central e giunta al termine della seconda stagione (ma già una terza è annunciata), dal 16 dicembre Brickleberry è proiettata anche nel nostro Paese grazie a Fox Italia. In un momento in cui persino i Griffin si sono parzialmente piegati ai buoni sentimenti facendo risorgere, a furor di popolo, il personaggio del cane Brian, gli autori di Brickleberry hanno tutto l’interesse a battere la strada del cattivismo, e bisogna dire che ci stanno riuscendo molto bene. Detto questo, se uno va a rivedersi certi vecchi cortometraggi della MGM con Tom & Jerry (sempre firmati da Hanna & Barbera) o, ancora meglio, quelli diretti dal grande Tex Avery, l’inventore dell’anatra Daffy Duck e del cane Droopy, si rende conto che già lì la cattiveria non mancava affatto. Ma all’epoca nessuno si poneva il problema di infrangere il politicamente corretto, poiché - bei tempi - non esisteva ancora.

brickleberry 01

brickleberry 02

brickleberry 03

brickleberry 04

*Articolo tratto “Libero” del 28 dicembre 2013. Per gentile concessione dell'autore.


Magazine

L'Intervista - Kirby Academy, a Cassino un punto di riferimento unico per chi vuole fare fumetti

17-01-2020 Hits:575 Autori e Anteprime Super User

A cura della redazione L'Associazione Culturale Cagliostro E-Press, ha 15 anni alle spalle di meritoria attività di scountng di nuovi talenti e diffusione del media fumetto sul territorio nazionale: la storia dell'Associazione, sempre presente alle principali fiere di settore, racconta di più di 150 volumi pubblicati in questi tre lustri e...

Leggi tutto

Saggio e analisi di "TESLA AND THE SECRET LODGE"

17-12-2019 Hits:2432 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

 La cover variant (a sinistra) e quella ufficiale (a destra)   Ucronia. Cosa significa questa parola? Con tale termine viene indicato un genere di narrativa fantastica basato sulla premessa che la storia del mondo abbia seguito un corso alternativo a quello reale. Deriva dal greco e significa letteralmente “nessun tempo”, analogamente a come...

Leggi tutto

Intervista con OSKAR su ZAGOR

17-12-2019 Hits:2549 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

    Facciamo quattro chiacchiere in merito al volume “L'eroe di Darkwood”, il sesto e conclusivo della mini serie “Zagor – Le Origini” che ha visto Oskar, nome d'arte di Oscar Scalco, classe 1971, disegnatore con all'attivo numerosi traguardi prestigiosi, impegnato ai disegni sui testi di Moreno Burattini. Le sue due opere che vedrete di seguito sono presenti...

Leggi tutto

Moleskine 125 » Quella falsa differenza tra Fumetto e Graphic Novel

30-08-2019 Hits:1884 Moleskine Conte di Cagliostro

Sottotitolo: Artibani e Recchioni avanti, dietro tutti quanti (Plazzi compreso) per piacere di Topolino. di Conte di Cagliostro Houston il fumettomondo ha un problema. Ci sono dei pazzi che vanno in giro spacciandosi per Francesco Artibani, Andrea Plazzi e Roberto Recchioni? O Artibani, Plazzi e Recchioni sono pazzi? Ricapitoliamo. Qualche giorno fa, il...

Leggi tutto

RECENSIONE CARTONATO DEADWOOD DICK "TRA IL TEXAS E L'INFERNO"

29-07-2019 Hits:2548 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

    "Avete mai fatto caso che nella vita ogni tanto si incontra qualcuno che non va fatto in…alberare?” Ecco, quel qualcuno è Deadwood Dick. Mutuandola ed adattandola per i nostri scopi, la celeberrima frase pronunciata da un granitico Clint Eastwood in “Gran Torino” serve perfettamente a delineare il carattere del personaggio...

Leggi tutto

Moleskine 124 » Quando scappa un fumettosauro dallo zoo del fumettomondo

15-06-2019 Hits:1772 Moleskine Conte di Cagliostro

di Conte di Cagliostro Interrompiamo il silenzio di questa disgraziata rubrica su questo disgraziatissimo sito, perchè pare che sia scappato il fumettosauro dallo zoo del fumettomondo. Per sgombrare subito il campo da qualsiasi possibile dubbio, durante la nostra assenza dal vergare queste righe siamo diventati grandissimi estimatori del famigerato Sauro Pennacchioli...

Leggi tutto

Il Duce, la storia di Mussolini che la Panini non vi farà mai leggere...

15-06-2019 Hits:2191 Off Topic Super User

...Fumetto d'Autore ve la presenta corredata da un imprescindibile apparato critico. Dopo avere scoperchiato il caso della storia dedicata a Mussolini misteriosamente omessa dalla Panini, in nome della stessa libertà con cui M.M. Lupoi si riempe i profili social tutti i giorni, potete scoprire da soli se era da censurare...

Leggi tutto