Fumetto d'Autore ISSN: 2037-6650
Dal 2008 il Magazine della Nona Arte e dintorni - Vers. 3.0 - Direttore: Alessandro Bottero
A+ A A-

A Lucca 2013 Recchioni ci insulta e cerca la rissa ma finisce solo per uccidere lo stile Bonelli

robertorecchioniSì, Sergio Bonelli adesso è morto definitivamente. È morto a Lucca Comics & Games 2013. Sergio Bonelli è morto definitivamente quando Roberto Recchioni, curatore di Dylan Dog (la seconda testata più venduta in Italia e nel mondo) e autore di Orfani nonché rockstar del fumettomondo, è venuto a trovarmi al nostro stand per insultarmi e per cercare la rissa. “Coglione, esci fuori”, diceva Recchioni mentre le vene gli si gonfiavano e strabordavano dal suo fisico emaciato e provato dalla malattia che lo affligge e di cui ci racconta da anni. 65 anni di officina culturale Bonelli, 65 anni di stile Bonelli, distrutti in 30 secondi dal golden boy della nuova generazione Bonelli. Il fumettomondo pronto a evolversi in un fight club. E no non è una barzelletta, è successo davvero. L’autore italiano del momento è venuto a cercare la rissa. Ha trovato solo un applauso ironico, chè fatti non fummo per essere come bruti. Almeno no, non qua, non io. Povero Sergio, ho pensato vedendo andare via Recchioni con le pive nel sacco, si starà di sicuro rivoltando nella tomba. Anche perché la nomina di Recchioni a curatore di Dylan Dog non è un lascito testamentario di Bonelli ma il rutilante e meraviglioso futuro bonelliano creato da Mauro Marcheselli e Tiziano Sclavi con l’avallo di Davide Bonelli.

Parafrasando Petrolini, la colpa non è di Recchioni ma di chi in Bonelli ha messo questo poveretto dove lo ha messo. E vieppiù viene da sorridere per l'ironia del destino. Marcheselli e compagnia bonelliante, dopo la morte del buon Sergio, al grido di “noi siamo stati scelti a uno a uno da Bonelli” sono diventati i sacerdoti del culto e dello stile Bonelli e poi alla prima nomina senza più la supervisione del vecchio morto e sepolto, gli scappa fuori un Pierino così, un poveretto che puzza ancora squallidamente di borgata, un pidocchio mal riuscito anche lì sull’apice del suo successo.

Siamo al tentativo di trasformare il fumettomondo in un fight club. Siamo al tentativo di eliminazione fisica di chi osa criticare. E il dramma nella commedia è che la corte dei miracoli, lì tutta accucciata sotto la tavola in attesa delle briciole, applaude. Anzi, secondo questi fini lecchini sarei io il vigliacco perché non ho accettato l’invito di Recchioni a farla finire in rissa. Che tristezza. Lo stile Bonelli è morto ucciso dall’ultima recchionata, frutto dell’ ennesima spasmodica ricerca di un palcoscenico in cui esibirsi a ogni costo. Un giorno Recchioni se la prende con il fandom di Zagor inventadosi la solita balla a uso e consumo personale, un giorno viene a cercare la rissa. A proposito, Recchioni è talmente stupido da non essersi forse reso conto nella foga di insultarmi e invitarmi a “uscire fuori” che il “fuori” dove voleva la “resa dei conti” corrispondeva agli stand delle forze dell’ordine davanti al padiglione Giglio dove si trovava il nostro stand. Un capolavoro situazionista questa recchionata.

Ma vabbè sono dettagli. Stupidi dettagli di un poveretto che pensa di stare ancora alle scuole medie o in una tribù di barbari e non di essere un dipendente di primo piano di Sergio Bonelli Editore. E domani con chi se la prenderà Recchioni? Chissà. Intanto, un applauso, anche questo ironico, a Sergio Bonelli Editore: avere uno così a libro paga che vi rappresenta è un ottimo modo per continuare una tradizione di immagine aziendale che Sergio Bonelli ha faticosamente costruito in più di mezzo secolo di onorata carriera. In fondo, morto il vecchio, se qualcosa non garba, adesso c’è lo stile Recchioni: “coglione, esci fuori”.

Ps: sono convinto che il destino di Recchioni in Bonelli sia tutto appeso ai numeri delle vendite che saprà fare con Orfani e Dylan Dog. La rockstar è seduta su una polveriera. Se dovesse scoppiare, nel giro di un paio di anni ci sarebbe di sicuro la notte dei lunghi coltelli Bonelli (copyright di F.) perché non so se qualcun altro lo ha già scritto, ma Recchioni si trova in quella tipica situazione che se gli va bene, il successo è di tutti, se gli va male sarà il capro espiatorio di tutti. Staremo a vedere. Seduti sulla riva del fiume attendiamo che il destino faccia il suo corso e che Recchioni ci venga a cercare la prossima volta. Lo applaudiremo di nuovo.

Magazine

L'Intervista - Kirby Academy, a Cassino un punto di riferimento unico per chi vuole fare fumetti

17-01-2020 Hits:212 Autori e Anteprime Super User

A cura della redazione L'Associazione Culturale Cagliostro E-Press, ha 15 anni alle spalle di meritoria attività di scountng di nuovi talenti e diffusione del media fumetto sul territorio nazionale: la storia dell'Associazione, sempre presente alle principali fiere di settore, racconta di più di 150 volumi pubblicati in questi tre lustri e...

Leggi tutto

Saggio e analisi di "TESLA AND THE SECRET LODGE"

17-12-2019 Hits:1952 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

 La cover variant (a sinistra) e quella ufficiale (a destra)   Ucronia. Cosa significa questa parola? Con tale termine viene indicato un genere di narrativa fantastica basato sulla premessa che la storia del mondo abbia seguito un corso alternativo a quello reale. Deriva dal greco e significa letteralmente “nessun tempo”, analogamente a come...

Leggi tutto

Intervista con OSKAR su ZAGOR

17-12-2019 Hits:2084 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

    Facciamo quattro chiacchiere in merito al volume “L'eroe di Darkwood”, il sesto e conclusivo della mini serie “Zagor – Le Origini” che ha visto Oskar, nome d'arte di Oscar Scalco, classe 1971, disegnatore con all'attivo numerosi traguardi prestigiosi, impegnato ai disegni sui testi di Moreno Burattini. Le sue due opere che vedrete di seguito sono presenti...

Leggi tutto

Moleskine 125 » Quella falsa differenza tra Fumetto e Graphic Novel

30-08-2019 Hits:1212 Moleskine Conte di Cagliostro

Sottotitolo: Artibani e Recchioni avanti, dietro tutti quanti (Plazzi compreso) per piacere di Topolino. di Conte di Cagliostro Houston il fumettomondo ha un problema. Ci sono dei pazzi che vanno in giro spacciandosi per Francesco Artibani, Andrea Plazzi e Roberto Recchioni? O Artibani, Plazzi e Recchioni sono pazzi? Ricapitoliamo. Qualche giorno fa, il...

Leggi tutto

RECENSIONE CARTONATO DEADWOOD DICK "TRA IL TEXAS E L'INFERNO"

29-07-2019 Hits:1779 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

    "Avete mai fatto caso che nella vita ogni tanto si incontra qualcuno che non va fatto in…alberare?” Ecco, quel qualcuno è Deadwood Dick. Mutuandola ed adattandola per i nostri scopi, la celeberrima frase pronunciata da un granitico Clint Eastwood in “Gran Torino” serve perfettamente a delineare il carattere del personaggio...

Leggi tutto

Moleskine 124 » Quando scappa un fumettosauro dallo zoo del fumettomondo

15-06-2019 Hits:1429 Moleskine Conte di Cagliostro

di Conte di Cagliostro Interrompiamo il silenzio di questa disgraziata rubrica su questo disgraziatissimo sito, perchè pare che sia scappato il fumettosauro dallo zoo del fumettomondo. Per sgombrare subito il campo da qualsiasi possibile dubbio, durante la nostra assenza dal vergare queste righe siamo diventati grandissimi estimatori del famigerato Sauro Pennacchioli...

Leggi tutto

Il Duce, la storia di Mussolini che la Panini non vi farà mai leggere...

15-06-2019 Hits:1728 Off Topic Super User

...Fumetto d'Autore ve la presenta corredata da un imprescindibile apparato critico. Dopo avere scoperchiato il caso della storia dedicata a Mussolini misteriosamente omessa dalla Panini, in nome della stessa libertà con cui M.M. Lupoi si riempe i profili social tutti i giorni, potete scoprire da soli se era da censurare...

Leggi tutto