Fumetto d'Autore ISSN: 2037-6650
Dal 2008 il Magazine della Nona Arte e dintorni - Vers. 3.0 - Direttore: Alessandro Bottero
A+ A A-

L'Intervista » Giuseppe Pollicelli parla di Historica

historica 11A partire da Gli scudi di Marte, dodicesimo numero della collana mondadoriana “Historica” da pochi giorni in edicola, a firmare le prefazioni dei volumi non è più Giuseppe Pollicelli bensì Sergio Brancato. All’indomani dell’avvicendamento, abbiamo rivolto a Pollicelli qualche domanda.

Come mai non sei più tu a firmare le prefazioni?

A dire il vero non sono in grado di dare una risposta esauriente. Da quanto mi ha detto il direttore editoriale della Magic Press, Pasquale Ruggiero, che cura materialmente la collana per conto della Mondadori, credo di aver compreso che Brancato ha garantito di poter consegnare le introduzioni con maggiore anticipo rispetto a quanto facevo io, forse perché ha modo di procurarsi gli albi in edizione originale e di leggerseli direttamente in francese (io lavoravo su delle fotocopie in bianco e nero, già tradotte, che mi mandava la Magic).

Com’è stato il tuo rapporto con gli editor della Magic Press e di Mondadori?

Durante l’anno di collaborazione a “Historica” io ho avuto rapporti diretti unicamente con una persona, Pasquale Ruggiero, con cui, almeno da parte mia, non ci sono mai stati problemi di sorta. Invece con gli editor della Mondadori - tra me e i quali ha sempre fatto da tramite Ruggiero - non sempre è filato tutto liscio, poiché tendevano a mettere le mani su ciò che scrivevo senza concordare gli aggiustamenti con il sottoscritto. Cosa che avrei tollerato malvolentieri anche se i cambiamenti fossero stati migliorativi, ma per giunta si è trattato sempre di modifiche oggettivamente peggiorative. Tanto che ho preteso che sul n. 6 comparisse un avviso che faceva presente come, nella mia introduzione al primo tomo di Vae Victis! (quarto volume della collana), un’errata rielaborazione redazionale del testo aveva reso sintatticamente difettosi taluni passaggi. Una richiesta che forse non ha suscitato entusiasmo in Mondadori, ma non è colpa mia se i loro editor, per dirne una, fanno confusione tra congiunzioni concessive e avversative. Faccio un esempio. Nell’introduzione de L’ultimo volo di Hautière e Hugault (“Historica” n. 11), l’ultima recante la mia firma, io avevo scritto: “Del disegnatore francese Romain Hugault, classe 1979, e della sua incredibile bravura nel riprodurre, da ogni possibile punto di vista e in qualsiasi posizione, gli aeroplani da guerra (prosecuzione in chiave artistica dell’attività di pilota militare svolta dal padre, benché pure Romain abbia conseguito, a soli 17 anni, il suo patentino di pilota) abbiamo già fatto la conoscenza…”. Ebbene, senza che alcuno mi consultasse, e senza apparente ragione, la congiunzione concessiva è divenuta un’avversativa, per di più usata in modo improprio. Così: “Del disegnatore francese Romain Hugault, classe 1979, e della sua incredibile bravura nel riprodurre, da ogni possibile punto di vista e in qualsiasi posizione, gli aeroplani da guerra (prosecuzione in chiave artistica dell’attività di pilota militare svolta dal padre, mentre anche Romain ha conseguito, a soli 17 anni, il suo patentino di pilota) abbiamo già fatto la conoscenza…”. Penso ci vorrebbe più rispetto per ciò che produce un autore. Sono disponibilissimo a cambiare quel che scrivo, ma chiedo di essere consultato. E penso anche che ci vorrebbe maggiore competenza da parte di più di un operatore del mondo editoriale.

Che ne pensi della prima prefazione del nuovo corso del professor Brancato?

C’è una differenza sostanziale nell’impostazione, rispetto alle mie. Brancato, per scelta o per necessità, ha optato per considerazioni più generiche, entrando poco nel merito delle situazioni raccontate dal fumetto e concentrandosi maggiormente sul contesto storico. Io invece ho sempre cercato di analizzare le vicende e i loro protagonisti, adottando un approccio che voleva essere (magari non centrando sempre l’obiettivo, questo non posso escluderlo) quello del critico letterario o quantomeno dell’elzevirista. Un intento che, ahimé, mi ha procurato l’accusa di essere un produttore di “spoileroni”. Il titolare del blog “Che cosa sono le nuvole”, Luca Lorenzon, peraltro in gamba, me lo ha rimproverato praticamente in tutte le sue recensioni di “Historica”. Ma a parte che non è così vero, secondo me, che le mie intro fossero tanto anticipatorie, sono dell’idea che una buona introduzione debba necessariamente dire qualcosa di un intreccio. Vi è perfino una non disprezzabile scuola di pensiero secondo cui le introduzioni, in realtà, andrebbero lette dopo il racconto di cui si occupano e non prima. Detto ciò, lo scritto di Brancato è comunque ottimo e sono convinto che, a prescindere dal taglio che presenteranno, lo saranno anche i successivi, dal momento che Sergio è bravo e preparato. Quanto a “Historica”, il mio non richiesto consiglio è di seguitare a comprarla (cosa che farò anch’io) poiché è un’iniziativa che merita.

Magazine

L'Intervista - Kirby Academy, a Cassino un punto di riferimento unico per chi vuole fare fumetti

17-01-2020 Hits:203 Autori e Anteprime Super User

A cura della redazione L'Associazione Culturale Cagliostro E-Press, ha 15 anni alle spalle di meritoria attività di scountng di nuovi talenti e diffusione del media fumetto sul territorio nazionale: la storia dell'Associazione, sempre presente alle principali fiere di settore, racconta di più di 150 volumi pubblicati in questi tre lustri e...

Leggi tutto

Saggio e analisi di "TESLA AND THE SECRET LODGE"

17-12-2019 Hits:1938 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

 La cover variant (a sinistra) e quella ufficiale (a destra)   Ucronia. Cosa significa questa parola? Con tale termine viene indicato un genere di narrativa fantastica basato sulla premessa che la storia del mondo abbia seguito un corso alternativo a quello reale. Deriva dal greco e significa letteralmente “nessun tempo”, analogamente a come...

Leggi tutto

Intervista con OSKAR su ZAGOR

17-12-2019 Hits:2070 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

    Facciamo quattro chiacchiere in merito al volume “L'eroe di Darkwood”, il sesto e conclusivo della mini serie “Zagor – Le Origini” che ha visto Oskar, nome d'arte di Oscar Scalco, classe 1971, disegnatore con all'attivo numerosi traguardi prestigiosi, impegnato ai disegni sui testi di Moreno Burattini. Le sue due opere che vedrete di seguito sono presenti...

Leggi tutto

Moleskine 125 » Quella falsa differenza tra Fumetto e Graphic Novel

30-08-2019 Hits:1198 Moleskine Conte di Cagliostro

Sottotitolo: Artibani e Recchioni avanti, dietro tutti quanti (Plazzi compreso) per piacere di Topolino. di Conte di Cagliostro Houston il fumettomondo ha un problema. Ci sono dei pazzi che vanno in giro spacciandosi per Francesco Artibani, Andrea Plazzi e Roberto Recchioni? O Artibani, Plazzi e Recchioni sono pazzi? Ricapitoliamo. Qualche giorno fa, il...

Leggi tutto

RECENSIONE CARTONATO DEADWOOD DICK "TRA IL TEXAS E L'INFERNO"

29-07-2019 Hits:1766 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

    "Avete mai fatto caso che nella vita ogni tanto si incontra qualcuno che non va fatto in…alberare?” Ecco, quel qualcuno è Deadwood Dick. Mutuandola ed adattandola per i nostri scopi, la celeberrima frase pronunciata da un granitico Clint Eastwood in “Gran Torino” serve perfettamente a delineare il carattere del personaggio...

Leggi tutto

Moleskine 124 » Quando scappa un fumettosauro dallo zoo del fumettomondo

15-06-2019 Hits:1417 Moleskine Conte di Cagliostro

di Conte di Cagliostro Interrompiamo il silenzio di questa disgraziata rubrica su questo disgraziatissimo sito, perchè pare che sia scappato il fumettosauro dallo zoo del fumettomondo. Per sgombrare subito il campo da qualsiasi possibile dubbio, durante la nostra assenza dal vergare queste righe siamo diventati grandissimi estimatori del famigerato Sauro Pennacchioli...

Leggi tutto

Il Duce, la storia di Mussolini che la Panini non vi farà mai leggere...

15-06-2019 Hits:1713 Off Topic Super User

...Fumetto d'Autore ve la presenta corredata da un imprescindibile apparato critico. Dopo avere scoperchiato il caso della storia dedicata a Mussolini misteriosamente omessa dalla Panini, in nome della stessa libertà con cui M.M. Lupoi si riempe i profili social tutti i giorni, potete scoprire da soli se era da censurare...

Leggi tutto