Fumetto d'Autore ISSN: 2037-6650
Dal 2008 il Magazine della Nona Arte e dintorni - Vers. 3.0 - Direttore: Alessandro Bottero
A+ A A-

Alla ricerca del tempo perduto con gli album di figurine

figurinedi Giuseppe Pollicelli*

«Nello stesso istante in cui il liquido al quale erano mischiate le briciole del dolce raggiunse il mio palato, io trasalii, attratto da qualcosa di straordinario che accadeva dentro di me. Una deliziosa voluttà mi aveva invaso, isolata, staccata da qualsiasi nozione della sua causa. Di colpo mi aveva reso indifferenti le vicissitudini della vita, inoffensivi i suoi disastri, illusoria la sua brevità, agendo nello stesso modo dell’amore, colmandomi di un’essenza preziosa: o meglio, quell’essenza non era dentro di me, io ero quell’essenza. Avevo smesso di sentirmi mediocre, contingente, mortale. Da dove era potuta giungermi una gioia così potente?». Una così potente gioia invade il protagonista di “Alla ricerca del tempo perduto” - il brano riportato, tradotto da Giovanni Raboni, è in “Dalla parte di Swann”, primo capitolo del capolavoro di Marcel Proust - grazie ai dolcetti a forma di conchiglia chiamati «madeleines» (maddalene), divenuti grazie allo scrittore parigino il simbolo e il paradigma di tutto ciò che è in grado di attivare gli ingranaggi della memoria, coinvolgendo più sensi contemporaneamente. Sono molti coloro che, a differenza dell’io narrante della “Recherche”, vivono nel modo più intenso la struggente esperienza del ricordo non attraverso la degustazione di un alimento ma tramite il costante rinnovarsi del contatto con oggetti editoriali scoperti, intravisti o anche solo vagheggiati durante l’infanzia e la giovinezza. A questo manipolo di nostalgici appartiene Luca Mencaroni, commerciante di fumetti ed editore di Bari, il quale, facendosi affiancare da individui a lui simili in quanto abitati dalla sacra follia del collezionismo e dell’investigazione filologica, sta costruendo un impareggiabile monumento all’«arte povera» dei giornaletti, dei libri illustrati e delle figurine. Già responsabile, in epoca recente, dell’uscita di due poderosi volumi quali “Disney in Italia. I libri illustrati 1932-1975” di Alberto Becattini e “Avventure Noir. La guida degli epigoni di Diabolik, Kriminal e Satanik” (da lui stesso curato), Mencaroni sforna ora un nuovo gioiello: Album di figurine. Dal dopoguerra ai giorni nostri, la produzione editoriale italiana di tutte le raccolte di figurine (Ed. Mencaroni, pp. 246, euro 35, richiedibile all’indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo."). Curato, al pari dei precedenti, dall’esperto Marco Mario Valtolina, questo librone è in realtà il terzo tomo (anzi, il quarto se si considera un’appendice ai primi due uscita nel settembre del 2012) di un ambizioso progetto editoriale avviatosi ben 14 anni fa, nel 1999. Se i primi due capitoli, con minime dimenticanze in buona parte emendate dalla suddetta appendice, schedavano minuziosamente - riproducendo le copertine di ogni album - tutte le raccolte di figurine da incollare con la Coccoina (le cosiddette «autoadesive» sarebbero apparse solo nei primi anni Settanta) distribuite in Italia dal secondo dopoguerra in poi, il terzo volume realizza un’impresa per certi versi ancora più ardua: censire - mostrando stavolta non solo le copertine dei contenitori ma anche alcune figurine e le bustine che le ospitavano - la totalità degli album di figurine autoadesive, spesso dalla circolazione limitata, pubblicati dagli editori italiani diversi dalla Panini, di ognuno indicando il grado di rarità. L’assenza dei titoli prodotti dal colosso del settore è spiegata da Mencaroni in una nota introduttiva: «Le motivazioni sono da ricondursi principalmente all’enorme quantità di materiale dato alle stampe dalla Panini, per cui saremmo stati costretti a dedicarle l’intero volume. Un lavoro, tra l’altro, pressoché inutile visto che l’intero catalogo storico è agevolmente consultabile sul sito Internet dell’editore». Sfogliando le patinate pagine di questo bellissimo cartonato a colori (cui ne seguiranno altri due, incentrati su editori ancora più piccoli e laterali), ci si imbatte in sigle oggi in gran parte obliate (Flash, Edis, Moderna, Baggioli, Imperia) e nelle loro fantasiose proposte editoriali che cercavano di ritagliarsi, non di rado riuscendovi, un proprio spazio all’ombra del gigante Panini. Ecco dunque i tanti album sul campionato di calcio (tra cui, di particolare originalità, il “Calciostadio” pubblicato dalla Edis nel 1985, che presentava figurine con fotografie dei giocatori in movimento), mandati in genere in edicola qualche mese prima di quello della Panini per evitare il confronto diretto con il leader del mercato. Ecco gli album dall’impianto didattico dedicati alle personalità geniali del passato, agli animali selvaggi, alla storia d’Italia, ai soldi e alle bandiere del mondo, alla scienza e alla tecnica. E poi gli album su Pinocchio, Calimero, Topo Gigio, il West, l’automobilismo, il kung fu e il karate (arti marziali alla cui diffusione contribuì in maniera decisiva, nei Settanta, il successo dei film con Bruce Lee, non a caso immortalato sulla prima pagina della raccolta) e ancora gli album con protagonisti gli eroi di fumetti e cartoni animati, dagli immancabili personaggi della Disney a Braccio di Ferro passando per Flash Gordon, la Pantera Rosa e gli animali antropomorfi di Hanna & Barbera. Non mancano, infine, alcune collezioni decisamente «bizzarre» come “Videofantasy” (1983), sui videoclip musicali; “Desert Storm” (1991), sulla Guerra del Golfo; “Modagiovane” (1981), sull’abbigliamento infantile e, addirittura, “Droga. Un nemico da conoscere” (1985), raccolta di figurine realizzate con disegni al tratto e imperniate sul tema scabroso della tossicodipendenza. Testimonianze preziose di un’epoca storica molto diversa dall’attuale, in cui era assoluta la centralità dell’editoria nell’industria dell’intrattenimento e in cui l’onnipresenza della carta garantiva straordinarie esperienze sinestetiche che hanno spesso lasciato il segno in chi le ha provate. Cos’altro è, del resto, questa caccia indefessa, questo febbrile inseguimento di fogli umili, fragili e variopinti se non una strenua recherche du temps perdu?

 

f1. Copertina Figurine

 

1. Copertina del terzo volume dell'opera Album di figurine, curata da Marco Mario Valtolina per l'editore Mencaroni di Bari.

 

f2. Conoscere lItalia Baggioli 1973

 

2. L'album Conoscere l'Italia, edito nel 1973 da Baggioli. 

 

f3. Braccio di Ferro Moderna 1974

 

3. Un album del 1974 dedicato a Braccio di Ferro (Ed. Moderna).

 


f4. Kung Fu Imperia 1976

4. L'album Kung Fu Karate pubblicato nel 1976 dall'Editrice Imperia.

 


f5. Pierrot Flash 1981

5. Un album su Pierrot pubblicato nel 1981 dalle Edizioni Flash.

 


f6. Calciostadio Edis 1985

6. L'album Calciostadio pubblicato da Edis nel 1985.


*Articolo originariamente pubblicato su “Libero” del 20 agosto 2013. Per gentile concessione dell'autore.

Magazine

L'Intervista - Kirby Academy, a Cassino un punto di riferimento unico per chi vuole fare fumetti

17-01-2020 Hits:203 Autori e Anteprime Super User

A cura della redazione L'Associazione Culturale Cagliostro E-Press, ha 15 anni alle spalle di meritoria attività di scountng di nuovi talenti e diffusione del media fumetto sul territorio nazionale: la storia dell'Associazione, sempre presente alle principali fiere di settore, racconta di più di 150 volumi pubblicati in questi tre lustri e...

Leggi tutto

Saggio e analisi di "TESLA AND THE SECRET LODGE"

17-12-2019 Hits:1938 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

 La cover variant (a sinistra) e quella ufficiale (a destra)   Ucronia. Cosa significa questa parola? Con tale termine viene indicato un genere di narrativa fantastica basato sulla premessa che la storia del mondo abbia seguito un corso alternativo a quello reale. Deriva dal greco e significa letteralmente “nessun tempo”, analogamente a come...

Leggi tutto

Intervista con OSKAR su ZAGOR

17-12-2019 Hits:2070 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

    Facciamo quattro chiacchiere in merito al volume “L'eroe di Darkwood”, il sesto e conclusivo della mini serie “Zagor – Le Origini” che ha visto Oskar, nome d'arte di Oscar Scalco, classe 1971, disegnatore con all'attivo numerosi traguardi prestigiosi, impegnato ai disegni sui testi di Moreno Burattini. Le sue due opere che vedrete di seguito sono presenti...

Leggi tutto

Moleskine 125 » Quella falsa differenza tra Fumetto e Graphic Novel

30-08-2019 Hits:1198 Moleskine Conte di Cagliostro

Sottotitolo: Artibani e Recchioni avanti, dietro tutti quanti (Plazzi compreso) per piacere di Topolino. di Conte di Cagliostro Houston il fumettomondo ha un problema. Ci sono dei pazzi che vanno in giro spacciandosi per Francesco Artibani, Andrea Plazzi e Roberto Recchioni? O Artibani, Plazzi e Recchioni sono pazzi? Ricapitoliamo. Qualche giorno fa, il...

Leggi tutto

RECENSIONE CARTONATO DEADWOOD DICK "TRA IL TEXAS E L'INFERNO"

29-07-2019 Hits:1766 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

    "Avete mai fatto caso che nella vita ogni tanto si incontra qualcuno che non va fatto in…alberare?” Ecco, quel qualcuno è Deadwood Dick. Mutuandola ed adattandola per i nostri scopi, la celeberrima frase pronunciata da un granitico Clint Eastwood in “Gran Torino” serve perfettamente a delineare il carattere del personaggio...

Leggi tutto

Moleskine 124 » Quando scappa un fumettosauro dallo zoo del fumettomondo

15-06-2019 Hits:1417 Moleskine Conte di Cagliostro

di Conte di Cagliostro Interrompiamo il silenzio di questa disgraziata rubrica su questo disgraziatissimo sito, perchè pare che sia scappato il fumettosauro dallo zoo del fumettomondo. Per sgombrare subito il campo da qualsiasi possibile dubbio, durante la nostra assenza dal vergare queste righe siamo diventati grandissimi estimatori del famigerato Sauro Pennacchioli...

Leggi tutto

Il Duce, la storia di Mussolini che la Panini non vi farà mai leggere...

15-06-2019 Hits:1713 Off Topic Super User

...Fumetto d'Autore ve la presenta corredata da un imprescindibile apparato critico. Dopo avere scoperchiato il caso della storia dedicata a Mussolini misteriosamente omessa dalla Panini, in nome della stessa libertà con cui M.M. Lupoi si riempe i profili social tutti i giorni, potete scoprire da soli se era da censurare...

Leggi tutto