Fumetto d'Autore ISSN: 2037-6650
Dal 2008 il Magazine della Nona Arte e dintorni - Vers. 3.0 - Direttore: Alessandro Bottero
A+ A A-

Un Sergio Bonelli (Editore) è per sempre

tex600Moleskine #57

La rubrica più politicamente scorretta del fumetto italiano. Appunti di viaggio nel mondo del fumetto, attraverso i suoi protagonisti e l’informazione di settore.

Sergio Bonelli (Editore) Forever

di Giorgio Messina

Maledetto Fumettomondo. Non sappiamo glorificare al meglio nemmeno i nostri veri eroi quando ci lasciano. Muore Sergio Bonelli e nella lunga processione per imparentarsi putativamente ad ogni costo l’ultimo grande vecchio del fumetto italiano nel momento della sua dipartita, la cosa più sensata la dice Jovanotti sul suo Twitter: «la politica editoriale di Bonelli è stata un esempio di come si può riuscire ad unire economia e creatività senza rinunciare ai principi».

Tutti fanno a gara per fregiarsi del titolo postumo di "amico" del Sergione nazionale e nessuno che celebra come davvero meriti il più grande imprenditore del fumetto italiano dal dopoguerra ad oggi. I personaggi editi da Bonelli, nonostante chi conosceva bene Sergio racconti che parlava sempre di crisi e di calo delle vendite – anche in tempi non sospetti - , hanno sempre venduto molto di più di Uomo Ragno, Batman e Superman messi insieme. E per farlo Bonelli non ha mai avuto bisogno di una multinazionale alle spalle, ma gli è bastata una delle ultime grandi aziende a conduzione familiare che hanno fatto grande l’economia di questo paese negli ultimi sessanta anni. Volere definire a tutti i costi Bonelli “un artigiano” anche adesso che non c'è più, nonostante lui in vita amasse definirsi così, è un insulto alle capacità imprenditoriali di un uomo che ha sempre compreso le potenzialità e i limiti della propria attività editoriale ma che è sopravvissuto a qualsiasi tsunami editoriale in edicola e che oggi, nonostante ci abbia lasciati da poche ore, è il leader aziendale indiscusso del fumetto popolare avendo saputo ridimensionare ogni “competitor” che man mano è sceso a misurarsi sullo stesso campo. Quelli sì che furono i veri “artigiani” che non poterono, a lungo andare, competere davvero alla pari con un’azienda solida e strutturata meticolosamente in ogni sua componente. Non è un caso se fu per primo Bonelli a inventarsi tutte le formule editoriali che poi gli altri hanno sempre cercato di replicare: dall’almanacco, all’albo gigante annuale, sino alla miniserie.

Chi ha sempre rimproverato a Bonelli l’immobilismo editoriale di chi non si sa svecchiare il fumetto popolare italiano non ha mai davvero compreso che alla SBE erano i veri precursori, i veri innovatori. Quelli che capitanati da Sergio erano in anticipo sui tempi e su tutto il settore. Ed è per questo che il cammello dell’artigiano a cercare di farlo entrare nella cruna del fumetto a diffusione popolare è solo una mistificazione di chi scrive coccodrilli pensando già più all’interesse di chi resta che non al memento e alla grandezza di chi se ne va. E forse è anche per questo che i coccodrilli, quelli veri, affascinavano Sergio, fu Gian Luigi. Ma mistificazione ancor più grande è il tono apocalittico del “niente sarà più come prima” che in queste ore serpeggia tra "i sopravvissuti", quelli che “io lo conoscevo”.. Ma per favore. La perdita umana è incolmabile certo,  ma Sergio Bonelli,  era persona lungimirante e dotata di un talento cristallino, sia autoriale che imprenditoriale, era il Salgari del fumetto italiano e il Ford dell'industria italiana a fumetti, e a 79 anni suonati è un altro insulto alla sua memoria pensare che non avesse preparato in ogni particolare la sua successione dinastica già da tempo. Bonelli III si chiama Davide, ha studiato economia, e già da anni si occupa del settore commerciale della casa editrice. Sergio Bonelli Editore è un marchio che, solo limitandosi a seguire la programmazione già approvata per i prossimi anni, ha di che esistere per sempre, perchè è frutto di un modello aziendale unico, vincente e difficilmente (ri)replicabile, ma che è riuscito a fare grande il fumetto italiano creando anche tantissimi posti di lavoro. Se nessuno riesce a vendere come SBE ci sarà pure un perché. Sergio Bonelli, continuano a raccontare i bene informati, si rigirava continuamente nel cercare di fare lavorare tutti, vecchi e nuovi talenti, continuando a creare opportunità e cercare di mantenere lo status quo e quell'inconfondibile "stile Bonelli", ma l’essere umano ha il limite di essere a termine sotto questo cielo.

Sergio Bonelli lo sapeva. L’avventura prima o poi finisce. Prima o poi il nostro eroe avrebbe visto il tramonto a cui non segue alcun giorno dopo. Ma sapeva anche che il futuro gli sarebbe appartenuto comunque. Sergio Bonelli è consegnato alla Storia d'Italia e ne dovrebbero parlare anche i libri di storia di ogni ordine e grado d'istruzione. Nell'attesa non ci resta che salutare Sergio Bonelli e augurare lunga vita a Sergio Bonelli Editore perché siamo certi che chi verrà dopo lui sa già da tempo cosa deve fare e lo farà. Come nei grandi finali degli albi di Mister No scritti da Guido Nolitta, alias Sergio Bonelli.

La tromba adesso suoni il silenzio. Rintocca l’ora degli onori che si dedicano ai veri eroi.

Magazine

INTERVISTA ESCLUSIVA CON MORENO BURATTINI su "Zagor - Darkwood Novels"

26-07-2020 Hits:1252 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

   Ritratto ad opera di Lorenzo Barruscotto, autografato dallo stesso Burattini.     Buongiorno e grazie per il suo tempo. Facciamo quattro chiacchiere sulla nuova miniserie di Zagor “Darkwood Novels”.   - Nel primo volume viene presentata ai lettori questa nuova iniziativa editoriale targata Spirito con la Scure anche con dotte citazioni e riferimenti ai Dime Novels...

Leggi tutto

L'Intervista - Kirby Academy, a Cassino un punto di riferimento unico per chi vuole fare fumetti

17-01-2020 Hits:784 Autori e Anteprime Super User

A cura della redazione L'Associazione Culturale Cagliostro E-Press, ha 15 anni alle spalle di meritoria attività di scountng di nuovi talenti e diffusione del media fumetto sul territorio nazionale: la storia dell'Associazione, sempre presente alle principali fiere di settore, racconta di più di 150 volumi pubblicati in questi tre lustri e...

Leggi tutto

Saggio e analisi di "TESLA AND THE SECRET LODGE"

17-12-2019 Hits:2695 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

 La cover variant (a sinistra) e quella ufficiale (a destra)   Ucronia. Cosa significa questa parola? Con tale termine viene indicato un genere di narrativa fantastica basato sulla premessa che la storia del mondo abbia seguito un corso alternativo a quello reale. Deriva dal greco e significa letteralmente “nessun tempo”, analogamente a come...

Leggi tutto

Intervista con OSKAR su ZAGOR

17-12-2019 Hits:2770 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

    Facciamo quattro chiacchiere in merito al volume “L'eroe di Darkwood”, il sesto e conclusivo della mini serie “Zagor – Le Origini” che ha visto Oskar, nome d'arte di Oscar Scalco, classe 1971, disegnatore con all'attivo numerosi traguardi prestigiosi, impegnato ai disegni sui testi di Moreno Burattini. Le sue due opere che vedrete di seguito sono presenti...

Leggi tutto

Moleskine 125 » Quella falsa differenza tra Fumetto e Graphic Novel

30-08-2019 Hits:2540 Moleskine Conte di Cagliostro

Sottotitolo: Artibani e Recchioni avanti, dietro tutti quanti (Plazzi compreso) per piacere di Topolino. di Conte di Cagliostro Houston il fumettomondo ha un problema. Ci sono dei pazzi che vanno in giro spacciandosi per Francesco Artibani, Andrea Plazzi e Roberto Recchioni? O Artibani, Plazzi e Recchioni sono pazzi? Ricapitoliamo. Qualche giorno fa, il...

Leggi tutto

RECENSIONE CARTONATO DEADWOOD DICK "TRA IL TEXAS E L'INFERNO"

29-07-2019 Hits:2792 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

    "Avete mai fatto caso che nella vita ogni tanto si incontra qualcuno che non va fatto in…alberare?” Ecco, quel qualcuno è Deadwood Dick. Mutuandola ed adattandola per i nostri scopi, la celeberrima frase pronunciata da un granitico Clint Eastwood in “Gran Torino” serve perfettamente a delineare il carattere del personaggio...

Leggi tutto

Moleskine 124 » Quando scappa un fumettosauro dallo zoo del fumettomondo

15-06-2019 Hits:2020 Moleskine Conte di Cagliostro

di Conte di Cagliostro Interrompiamo il silenzio di questa disgraziata rubrica su questo disgraziatissimo sito, perchè pare che sia scappato il fumettosauro dallo zoo del fumettomondo. Per sgombrare subito il campo da qualsiasi possibile dubbio, durante la nostra assenza dal vergare queste righe siamo diventati grandissimi estimatori del famigerato Sauro Pennacchioli...

Leggi tutto