Fumetto d'Autore ISSN: 2037-6650
Dal 2008 il Magazine della Nona Arte e dintorni - Vers. 3.0 - Direttore: Alessandro Bottero
A+ A A-

Decalolgo e Pregiudizio

moleskineMoleskine #54

La rubrica più politicamente scorretta del fumetto italiano. Appunti di viaggio nel mondo del fumetto, attraverso i suoi protagonisti e l’informazione di settore.

Il decalogo per avere successo nel fumettomondo + il pregiudzio dei lettori (per gentile concessione di Luigi Siviero e House of Mystery)

di Giorgio Messina

Decalogo per avere successo nel fumettomondo (o prime 10 leggi di Moleskine della Grande Amicizia )

Legge Zero: se volete essere miei amici, fate quello che vi dico, ma io faccio quello che mi pare. 

Primo: nel fumettomondo, contano più le amicizie che il talento.

Secondo: nel fumettomondo, la credibilità è frutto di un giro di pacche sulle spalle tra amici. 

Terzo: nel fumettomondo, il nemico del mio amico è mio nemico. 

Quarto: nel fumettomondo, gli amici hanno sempre ragione, anche quando hanno palesemente torto. 

Quinto: nel fumettomondo, chi ti critica, lo fa perché è invidioso. 

Sesto: nel fumettomondo, se non siete miei amici, io sono io e voi non siete un cazzo. 

Settimo: nel fumettomondo anche se siete miei amici, io ho visto cose che voi umani non potreste nemmeno immaginare.

Ottavo: nel fumettomondo chi non è mio amico scrive e/o disegna come un dilettante, chi è mio amico invece scrive e/o disegna come il nuovo maestro del fumetto. Corollario: ma io, in confronto ai miei amici, sono molto più bravo in quello che faccio anche se quello che faccio non mi piace. 

Nono: nel fumettomondo ha ragione chi ha più amici. 

Decimo: nel fumettomondo se gli amici non bastano per difenderti, interverrà mammà. 

//

Per gentile concessione di Luigi Siviero, riporto un articolo apparso lunedi 8 agosto 2011 sul suo blog di informazione sul fumetto, House of Mystery, a questo indirizzo. L’articolo è illuminante rispetto a quello che può produrre il pregiudizio di un lettore. 

Un articolo di Libero fa infuriare i fan di Spider-Man

di Luigi Siviero

Nel settore dei fumetti Libero è più affidabile di Repubblica!
Su Repubblica un povero mentecatto
ha scritto che il nuovo Spider-Man è un afro-asiatico. Libero invece ha pubblicato un articolo di Giordano Tedoldi nel quale è stato spiegato correttamente chi è il nuovo Spider-Man ed è stato aggiunto che il personaggio vive in un universo alternativo diverso dall'Universo Marvel tradizionale nel quale Peter Parker è ancora vivo.

Non che l'articolo di Tedoldi sia un capolavoro... Come tutti i giornalisti Tedoldi ha scritto "Spiderman" anziché "Spider-Man" (in un articolo su Spider-Man non è poco...). Inoltre non ha la più pallida idea di quale sia la personalità di Peter Parker, dal momento che ha scritto: "i supereroi di un tempo, uomini d’acciaio, dotati di superpoteri invincibili e la cui morte era inconcepibile, sono diventati dei super-sfigati e hanno più acciacchi di Geremia, immortale personaggio del gruppo TNT di Alan Ford."
Roba che fa accapponare la pelle anche a chi di Spider-Man ha visto solo i film.
Praticamente Tedoldi ha sentito nominare Spider-Man e la Marvel per la prima volta quando ha scritto l'articolo... Altrimenti avrebbe saputo che Spider-Man è da sempre (dal 1962; Alan Ford è del 1969) un supersfigato con superproblemi.

L'articolo è interessante perché
ha fatto infuriare i fan di Spider-Man.
Perché?

Perché l'articolo è stato pubblicato su Libero, quindi fa schifo ed è razzista a prescindere.

Un fan di Spider-Man ha scritto:
"
Ah, segnalo una delle tante (e gravissime) cantonate prese dall'articolo.
"Black Panther" NON fu creato in omaggio all'omonimo movimento politico. Quest'ultimo venne dopo.
Bastava andare cinque secondi su wikipedia.
Cinque secondi.
"

Peccato che il giornalista non ha commesso l'errore che gli viene attribuito. Dall'articolo:
"Addirittura negli anni ’60, quando ruggiva il movimento politico delle Black Panthers che lottavano per i diritti civili degli afroamericani oltre che per un modaiolo marxismo afro-chic, la stessa Marvel Comics lanciò il personaggio di Black Panther, che anzi fu creato dai leggendari autori Stan Lee e Jack Kirby un po’ prima dell’affermarsi sulla scena politica del movimento omonimo."

Altri utenti hanno scritto commenti di questo tipo:
"Diciamo che è un giornale di merda."
"l'articolo di libero è vergognoso, trasuda razzismo e pressapochismo da ogni linea di testo. è veramente folle che qualcuno pubblichi quella roba."
"Al di la' della natura e dall'impostazione che si vuole dare ad una testata giornalistica, questa e' follia."

Probabilmente i fan di Spider-Man si sono adirati quando hanno letto il vocabolo "negritudine" nell'articolo di Tedoldi:
"Speriamo che questa nuova negritudine, razziale o puramente richiamata dal costume, porti a Superman e Spiderman una sorte migliore di quella toccata a Black Lightning e Black Panther."

Un giornalista di Libero che usa un vocabolo che ha "negro" nella radice è un razzista che solletica gli istinti più bassi della feccia che legge quel quotidiano, devono avere pensato i fan di Spider-Man.

Peccato che "La négritude (in italiano negritudine) è stato un movimento letterario, culturale e politico sviluppatosi nel XX secolo nelle colonie francofone e che coinvolse scrittori africani e afroamericani. Gli esponenti di questo movimento (fra cui Léopold Sédar Senghor, Aimé Césaire, e Guy Tirolien) si proponevano di affrancare i propri popoli dal complesso di inferiorità imposto dai colonizzatori attraverso l'orgogliosa rivendicazione delle qualità peculiari proprie dei neri (la loro "negritudine")." [da
Wikipedia]

Un fan di Spider-Man avrebbe detto:
"Bastava andare cinque secondi su Wikipedia.
Cinque secondi."

Ecco perché il politicamente corretto è una piaga epocale...

ps: in realtà l'articolo non ha "fatto infuriare i fan di Spider-Man". Più semplicemente dei "lettori di fumetti" hanno scritto dei commenti un po' accalorati su un articolo che di primo acchito sembrava razzista. Per scrivere titolo e articolo ho preso in prestito lo stile di Repubblica, in particolare del colonnino della topa.

pps: come sarebbe stata moderata la discussione se al posto di Libero fossero stati presi di mira gli amici e gli amici degli amici?

Magazine

INTERVISTA ESCLUSIVA CON MORENO BURATTINI su "Zagor - Darkwood Novels"

26-07-2020 Hits:1252 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

   Ritratto ad opera di Lorenzo Barruscotto, autografato dallo stesso Burattini.     Buongiorno e grazie per il suo tempo. Facciamo quattro chiacchiere sulla nuova miniserie di Zagor “Darkwood Novels”.   - Nel primo volume viene presentata ai lettori questa nuova iniziativa editoriale targata Spirito con la Scure anche con dotte citazioni e riferimenti ai Dime Novels...

Leggi tutto

L'Intervista - Kirby Academy, a Cassino un punto di riferimento unico per chi vuole fare fumetti

17-01-2020 Hits:783 Autori e Anteprime Super User

A cura della redazione L'Associazione Culturale Cagliostro E-Press, ha 15 anni alle spalle di meritoria attività di scountng di nuovi talenti e diffusione del media fumetto sul territorio nazionale: la storia dell'Associazione, sempre presente alle principali fiere di settore, racconta di più di 150 volumi pubblicati in questi tre lustri e...

Leggi tutto

Saggio e analisi di "TESLA AND THE SECRET LODGE"

17-12-2019 Hits:2695 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

 La cover variant (a sinistra) e quella ufficiale (a destra)   Ucronia. Cosa significa questa parola? Con tale termine viene indicato un genere di narrativa fantastica basato sulla premessa che la storia del mondo abbia seguito un corso alternativo a quello reale. Deriva dal greco e significa letteralmente “nessun tempo”, analogamente a come...

Leggi tutto

Intervista con OSKAR su ZAGOR

17-12-2019 Hits:2770 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

    Facciamo quattro chiacchiere in merito al volume “L'eroe di Darkwood”, il sesto e conclusivo della mini serie “Zagor – Le Origini” che ha visto Oskar, nome d'arte di Oscar Scalco, classe 1971, disegnatore con all'attivo numerosi traguardi prestigiosi, impegnato ai disegni sui testi di Moreno Burattini. Le sue due opere che vedrete di seguito sono presenti...

Leggi tutto

Moleskine 125 » Quella falsa differenza tra Fumetto e Graphic Novel

30-08-2019 Hits:2540 Moleskine Conte di Cagliostro

Sottotitolo: Artibani e Recchioni avanti, dietro tutti quanti (Plazzi compreso) per piacere di Topolino. di Conte di Cagliostro Houston il fumettomondo ha un problema. Ci sono dei pazzi che vanno in giro spacciandosi per Francesco Artibani, Andrea Plazzi e Roberto Recchioni? O Artibani, Plazzi e Recchioni sono pazzi? Ricapitoliamo. Qualche giorno fa, il...

Leggi tutto

RECENSIONE CARTONATO DEADWOOD DICK "TRA IL TEXAS E L'INFERNO"

29-07-2019 Hits:2791 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

    "Avete mai fatto caso che nella vita ogni tanto si incontra qualcuno che non va fatto in…alberare?” Ecco, quel qualcuno è Deadwood Dick. Mutuandola ed adattandola per i nostri scopi, la celeberrima frase pronunciata da un granitico Clint Eastwood in “Gran Torino” serve perfettamente a delineare il carattere del personaggio...

Leggi tutto

Moleskine 124 » Quando scappa un fumettosauro dallo zoo del fumettomondo

15-06-2019 Hits:2020 Moleskine Conte di Cagliostro

di Conte di Cagliostro Interrompiamo il silenzio di questa disgraziata rubrica su questo disgraziatissimo sito, perchè pare che sia scappato il fumettosauro dallo zoo del fumettomondo. Per sgombrare subito il campo da qualsiasi possibile dubbio, durante la nostra assenza dal vergare queste righe siamo diventati grandissimi estimatori del famigerato Sauro Pennacchioli...

Leggi tutto