Fumetto d'Autore ISSN: 2037-6650
Dal 2008 il Magazine della Nona Arte e dintorni - Vers. 3.0 - Direttore: Alessandro Bottero
A+ A A-

Scontri a Roma: Roberto Recchioni non la racconta giusta

robertorecchioniMoleskine #14

Appunti di viaggio nel mondo del fumetto, attraverso i suoi protagonisti e l’informazione di settore. Tutto rigorosamente in corsivo.

Scontri a Roma: Roberto Recchioni non la racconta giusta

di Giorgio Messina

Ieri è stata una giornata convulsa a Roma. Fuori e dentro la politica.

E il mondo del fumetto avrebbe mai potuto perdersi l'occasione di dire: "io c'ero"? Non sia mai.

Tralasciamo, dopo una rapida rassegna stampa della blogosfera del Fumettomondo,  i vari resoconti da divano scritti con i fazzoletti dell'antiberlusconismo militante fradici di lacrime e di spumante stappato prima del tempo e rimesso frettolosamente in frigo (ma si sa che antropologicamente l'autore e/o addetto ai lavori del mondo fumetto per essere benvoluto da pubblico, da altri autori e/o addetti ai lavori, deve essere - quasi - sempre devoto all'antiberlusconismo militante, ma questa è un altra storia che non accade solo nel fumettomondo...). 

In questo resconto di Roberto Recchioni, invece, c'è la storia raccontata con chi dice di averla vista con i propri occhi e che può poi denunciare possibili infiltrazioni delle forze dell'ordine tra i manifestanti. 

Ma come si è trovato Recchioni in mezzo alla Roma sommovimentata di ieri pomeriggio? Il nostro racconta che si stava recando alle 15,00 ad una tavola rotonda su e con Stephen Frears a via del Babuino 9, quando si è invece incontrato casualmente con la Storia (forse crepuscolare, ma anche no) della Seconda Repubblica.

Che cosa c'è a Via del Babuino 9 a Roma (vicino Piazza del Popolo)?

Vi si trova l'Hotel de Russie (ex sede della RAI).

Telefonata all'Hotel de Russie. Non risultano tavole rotonde su e con Stephen Frears nel pomeriggio di ieri. Ma siccome il bravo giornalista cerca i riscontri, mi faccio passare l'ufficio stampa e parlo con la responsabile che mi conferma: niente tavole rotonde per e con Stephen Frears nel pomeriggio di ieri. Il regista ha rilasciato interviste per appuntamento con la stampa la mattina e alcune si sono prolungate nel pomeriggio. 

Recchioni è uno sceneggiatore di fama nazionale e internazionale ormai, e quindi diamo per scontato che non usa parole a casaccio. Se ha parlato di tavola rotonda non voleva certo dire intervista. Insomma, vuoi vedere che Recchioni con la scusa di vedere l'amico Stephen ad una tavola rotonda su di lui (tavola rotonda che nemmeno c'era) non ci si è trovato per caso nel caos ma ci si sia andato a infilare volutamente? Conoscendo il personaggio e le sue manie di protagonismo non stupirebbe. Ma tralasciamo anche questo aspetto, che marginale non è, ma che è meno importante della tesi che sostiene Recchioni il giorno dopo.

La tesi di Recchioni è che tra i manifestanti c'erano le forze dell'ordine per favorire gli scontri con le stesse forze di polizia. Questo non è semplicemente un "io c'ero", questo è un pò di più. Sembra un'accusa grave nei confronti delle forze dell'ordine e dello Stato che esse rappresentano.

A suffragio della sua tesi Recchioni prima porta una foto in cui sono poliziotti che hanno gli stessi anfibi dei dimostranti, peccato che quelli ritratti sono agenti di polzia canadese al G20 del 2007, come viene dimostrato anche QUI.

Ma vabbè, qui la domanda retorica si rivolta semplicemente: se c'è del marcio in Canada, come può non esserci in Italia soprattutto nel basso medio evo Berlusconiano al cui influsso criptodittatoriale le forze dell'ordine non si sono sicuramente sotratte?

Strano però che uno sceneggiatore di fumetti, che lavora anche per la Bonelli e che per mestiere dovrebbe essere attento alla documentazione, non si sia accorto subito che le divise antisommossa, i colori e i fregi dei poliziotti ritratti in foto non sono italiani... Se era davvero in mezzo al caos della sommossa ieri come ha fatto a confondere, in questo caso, le tenute antisommossa viste in foto con quelle viste con i propri occhi? I fumogeni glielo hanno impedito?

Poi ci sarebbe la foto che è la prova regina della tesi di Recchioni. Questa. Segue testo dello stesso:

Eccolo di nuovo, ma qui lo vediamo con un manganello in una mano e, soprattutto, con un paio di manette nell'altra mano. A margine, sulla sinistra, c'è uno della Guardia di Finanza con una pistola... ma questi son dettagli, giusto?
 
Foto come queste, che dimostrano chiaramente che tra i manifestanti più facinorosi ci fossero un mucchio di infiltrati della Guardia di Finanza e di altre, forze del (dis)ordine, devono essere fatte circolare e mostrate alla gente per far capire meglio come suddividere le vere responsabilità e far riflettere su quelli a cui giovano questi disordini e su chi buttano discredito.
 
No, Roberto. Una foto del genere non dimostra la tua tesi. E' una istantanea. Bisognerebbe vedere la sequenza di foto completa ma non è difficile ipotizzare che Il finanziere "abbracciato" dal manifestante non è abbracciato affettuosamente ma si trova in un corpo a corpo. E' stato attaccato. Ha perso il casco (a terra), ha perso la ricetrasmittente (ce l'ha in mano un altro manifestante a terra) e ha perso il manganello e le manette perchè le hanno in mano un altro manifestante che secondo te sarebbe il "compare". In quella situazione sta cercando di impugnare la pistola per divincolarsi e per non farsela sottrarre (lo sai quanti guai passa un agente se gli sottraggono la sua arma di ordinanza, caro Recchioni). Sta facendo bene? Sta facendo male? Forse in questo caso la domanda più giusta sarebbe: Cosa farebbe un personaggio scritto da Roberto Recchioni se fosse attaccato alla stessa maniera, fosse privato di casco e manganello e ricetrasmittente e avesse nella fondina una pistola? Ma quelli son fumetti... mica la realtà al sapore di fumogeno. Nella realtà si stanno abbracciando perchè sono tutti collusi, perchè sono tutti finanzieri, come no... e quello è un musical e usano i fumogeni come colonna sonora.
 
Il bilancio del giorno del dopo è un testimone oculare che andava ad una tavola rotonda di cui non c'è riscontro, che adombra ai poliziotti italiani cose che hanno fatto i colleghi canadesi al G20, e che sceneggia fotografie per dimostrare la sua tesi. Perchè lui c'era.

Ma non crediamo alle favole dai... (che non ci credeva nemmeno Pasolini quando diceva "io sto con la Polizia").

Che poi, mica l'ha prescritto il medico che bisogna sempre dire "io c'ero" quando la Storia passa sotto casa nostra e in fondo, al tirar delle somme, non si sbaglia a dire a che ieri pomeriggio c'era la tavola rotonda di Stephen Frears come c'erano gli infiltrati delle forze dell'ordine tra i manifestanti...

Ps: Tanto per la cronaca, i simpatici manifestanti, quelli tranquilli con i caschi e gli scudi mascherati da copertine di libri, alle 17.30 si sono presi la metro come niente fosse, come lavoranti qualsiasi delle manifestazioni con orario d'ufficio 9-17.30. Parlucchiavano in Metro. Venivano da fuori Roma. Alcuni dicevano di essere di Trieste e che si erano presi un giorno di ferie per venire a Roma alla manifestazione e che si andavano a prendere il pullman o il treno per ritornarsene a casa, che l'indomani si tornava a lavoro. A Termini si sono dispersi tra i migliaia di pendolari che ogni giorno passano per la stazione romana centrale a quell'ora. Come lavoranti pendolari qualsiasi. La loro occupazione? Fare manifestazioni pacifiche con caschi e scudi, tanto se poi succede qualcosa c'è un Roberto Recchioni che dimostra che è colpa degli infiltrati delle forze dell'ordine, perchè lui c'era.

Magazine

INTERVISTA ESCLUSIVA CON MORENO BURATTINI su "Zagor - Darkwood Novels"

26-07-2020 Hits:1233 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

   Ritratto ad opera di Lorenzo Barruscotto, autografato dallo stesso Burattini.     Buongiorno e grazie per il suo tempo. Facciamo quattro chiacchiere sulla nuova miniserie di Zagor “Darkwood Novels”.   - Nel primo volume viene presentata ai lettori questa nuova iniziativa editoriale targata Spirito con la Scure anche con dotte citazioni e riferimenti ai Dime Novels...

Leggi tutto

L'Intervista - Kirby Academy, a Cassino un punto di riferimento unico per chi vuole fare fumetti

17-01-2020 Hits:770 Autori e Anteprime Super User

A cura della redazione L'Associazione Culturale Cagliostro E-Press, ha 15 anni alle spalle di meritoria attività di scountng di nuovi talenti e diffusione del media fumetto sul territorio nazionale: la storia dell'Associazione, sempre presente alle principali fiere di settore, racconta di più di 150 volumi pubblicati in questi tre lustri e...

Leggi tutto

Saggio e analisi di "TESLA AND THE SECRET LODGE"

17-12-2019 Hits:2670 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

 La cover variant (a sinistra) e quella ufficiale (a destra)   Ucronia. Cosa significa questa parola? Con tale termine viene indicato un genere di narrativa fantastica basato sulla premessa che la storia del mondo abbia seguito un corso alternativo a quello reale. Deriva dal greco e significa letteralmente “nessun tempo”, analogamente a come...

Leggi tutto

Intervista con OSKAR su ZAGOR

17-12-2019 Hits:2754 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

    Facciamo quattro chiacchiere in merito al volume “L'eroe di Darkwood”, il sesto e conclusivo della mini serie “Zagor – Le Origini” che ha visto Oskar, nome d'arte di Oscar Scalco, classe 1971, disegnatore con all'attivo numerosi traguardi prestigiosi, impegnato ai disegni sui testi di Moreno Burattini. Le sue due opere che vedrete di seguito sono presenti...

Leggi tutto

Moleskine 125 » Quella falsa differenza tra Fumetto e Graphic Novel

30-08-2019 Hits:2529 Moleskine Conte di Cagliostro

Sottotitolo: Artibani e Recchioni avanti, dietro tutti quanti (Plazzi compreso) per piacere di Topolino. di Conte di Cagliostro Houston il fumettomondo ha un problema. Ci sono dei pazzi che vanno in giro spacciandosi per Francesco Artibani, Andrea Plazzi e Roberto Recchioni? O Artibani, Plazzi e Recchioni sono pazzi? Ricapitoliamo. Qualche giorno fa, il...

Leggi tutto

RECENSIONE CARTONATO DEADWOOD DICK "TRA IL TEXAS E L'INFERNO"

29-07-2019 Hits:2776 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

    "Avete mai fatto caso che nella vita ogni tanto si incontra qualcuno che non va fatto in…alberare?” Ecco, quel qualcuno è Deadwood Dick. Mutuandola ed adattandola per i nostri scopi, la celeberrima frase pronunciata da un granitico Clint Eastwood in “Gran Torino” serve perfettamente a delineare il carattere del personaggio...

Leggi tutto

Moleskine 124 » Quando scappa un fumettosauro dallo zoo del fumettomondo

15-06-2019 Hits:2006 Moleskine Conte di Cagliostro

di Conte di Cagliostro Interrompiamo il silenzio di questa disgraziata rubrica su questo disgraziatissimo sito, perchè pare che sia scappato il fumettosauro dallo zoo del fumettomondo. Per sgombrare subito il campo da qualsiasi possibile dubbio, durante la nostra assenza dal vergare queste righe siamo diventati grandissimi estimatori del famigerato Sauro Pennacchioli...

Leggi tutto