Fumetto d'Autore ISSN: 2037-6650
Dal 2008 il Magazine della Nona Arte e dintorni - Vers. 3.0 - Direttore: Alessandro Bottero
A+ A A-

Due nuove direttive per la Critica

moleskineMoleskine #01

Appunti di viaggio nel mondo del fumetto, attraverso i suoi protagonisti e l’informazione di settore. Tutto rigorosamente in corsivo.

Due nuove direttive per la Critica

di Giorgio Messina

La Critica del fumetto non esiste ma esistono le direttive da seguire per essere un buon critico. Su Comicus, Davide “Curioso” Morando recensisce Non c’è trucco! (Tunuè) scrivendo: “Un volume ben costruito, come sempre curato e ricco dei contenuti speciali che caratterizzano la collana Prospero's Books di Tunué, graziato dal finale perfetto, che chi scrive non si vergogna d'invidiare agli autori”. Insomma un critico che invidia gli autori, più che un critico sembrerebbe un autore mancato, e per rimanere in tema del libro recensito, non c’è trucco e non c’è inganno perché è tutto perfettamente aderente al dettame "chi sa fa, chi non sa fare, fa il critico". Prima nuova direttiva quindi. Per fare una buona recensione il critico deve invidiare gli autori, il libro o parte di esso. Proseguiamo con un altro innovativo indirizzo alla critica. Questa volta il dettame viene dall’autore Sergio Algozzino. Come si misura la carriera di un fumettista – si chiede l’autore palermitano - ? Guardandosi l’ombellico allo specchio lo stesso si risponde: “Ci sono fumetti strepitosi, di strepitosi autori, che magari oltre quel volume non vanno, nonostante vendite e critiche incredibilmente positive. Ovvero: se io vendo un milione di copie con un volume, e poi non faccio più un cazzo, vale davvero di più di qualcuno che vende 1000 copie a fumetto ma che lavora per tutta la vita con questo ritmo? La risposta è : NO. Il bello del fumetto è sempre stato di essere un mezzo piuttosto meritocratico, e per il pubblico ancora lo è. Se io fossi il figlio di un editore, per quanta pubblicità possa farmi, se il mio fumetto fa cagare i lettori lo disprezzeranno. E se ho fatto un volume stupendo e il mio fumetto successivo è bruttissimo nessuno lo comprerà. Il nostro mercato è piccolo, ristretto, quindi un passaparola del genere potrebbe davvero uccidermi la carriera, o almeno la sorte di quel fumetto.Così, quando sentirete qualcuno giudicare un fumettista non in base alla costanza con cui ha lavorato nel tempo (non importa se con lavori eccellenti o mediocri) ma semplicemente in base a due o tre cose, sappiate che è un incompetente”.   La chiosa finale del pensiero made in Algozzino si inerpica verso alti picchi riflessivi che purtroppo sacrificano l’italiano sull’altare dell’attestazione autoreferenziale di lunga militanza decennale nel mondo del fumetto: “E' dura. Potrei fare almeno altri dieci mestieri più facili e pagati migliori (sic! - ndr) di questo, perchè di certo non ho mai siglato un capolavoro tale da vendere un milione di copie. Ma sopravvivo”. Insomma secondo Sergio Algozzino un autore non si giudica affatto dalla qualità delle sue opere o da quante queste vendano (e quindi penetrino nel fandom) ma da quanto tempo lavora nel mondo del fumetto e se riesce o meno a pagarci l’affitto con il suo mestiere. Inoltre sembra che un autore che scriva in un italiano corretto è davvero l’ultima delle cose che dovrebbero interessare all'autore stesso e di conseguenza al critico. Quindi ricapitoliamo: per nouvelle vague della critica indirizzata da autori mancati e da autori mediocri, il critico invidia il libro o gli autori che recensisce e definisce il valore di un autore non dalla qualità della sua opera, ma il valore è direttamente proporzionale agli anni di onorata militanza nel fumetto. Vuoi vedere che tra poco gli autori iniziano a scriversele pure da soli le recensioni dei loro volumi? Speriamo almeno che lo facciano in un italiano corretto, "recensito migliore” di quanto sappia fare la critica attualmente.

Magazine

INTERVISTA ESCLUSIVA CON MORENO BURATTINI su "Zagor - Darkwood Novels"

26-07-2020 Hits:1233 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

   Ritratto ad opera di Lorenzo Barruscotto, autografato dallo stesso Burattini.     Buongiorno e grazie per il suo tempo. Facciamo quattro chiacchiere sulla nuova miniserie di Zagor “Darkwood Novels”.   - Nel primo volume viene presentata ai lettori questa nuova iniziativa editoriale targata Spirito con la Scure anche con dotte citazioni e riferimenti ai Dime Novels...

Leggi tutto

L'Intervista - Kirby Academy, a Cassino un punto di riferimento unico per chi vuole fare fumetti

17-01-2020 Hits:770 Autori e Anteprime Super User

A cura della redazione L'Associazione Culturale Cagliostro E-Press, ha 15 anni alle spalle di meritoria attività di scountng di nuovi talenti e diffusione del media fumetto sul territorio nazionale: la storia dell'Associazione, sempre presente alle principali fiere di settore, racconta di più di 150 volumi pubblicati in questi tre lustri e...

Leggi tutto

Saggio e analisi di "TESLA AND THE SECRET LODGE"

17-12-2019 Hits:2670 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

 La cover variant (a sinistra) e quella ufficiale (a destra)   Ucronia. Cosa significa questa parola? Con tale termine viene indicato un genere di narrativa fantastica basato sulla premessa che la storia del mondo abbia seguito un corso alternativo a quello reale. Deriva dal greco e significa letteralmente “nessun tempo”, analogamente a come...

Leggi tutto

Intervista con OSKAR su ZAGOR

17-12-2019 Hits:2754 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

    Facciamo quattro chiacchiere in merito al volume “L'eroe di Darkwood”, il sesto e conclusivo della mini serie “Zagor – Le Origini” che ha visto Oskar, nome d'arte di Oscar Scalco, classe 1971, disegnatore con all'attivo numerosi traguardi prestigiosi, impegnato ai disegni sui testi di Moreno Burattini. Le sue due opere che vedrete di seguito sono presenti...

Leggi tutto

Moleskine 125 » Quella falsa differenza tra Fumetto e Graphic Novel

30-08-2019 Hits:2529 Moleskine Conte di Cagliostro

Sottotitolo: Artibani e Recchioni avanti, dietro tutti quanti (Plazzi compreso) per piacere di Topolino. di Conte di Cagliostro Houston il fumettomondo ha un problema. Ci sono dei pazzi che vanno in giro spacciandosi per Francesco Artibani, Andrea Plazzi e Roberto Recchioni? O Artibani, Plazzi e Recchioni sono pazzi? Ricapitoliamo. Qualche giorno fa, il...

Leggi tutto

RECENSIONE CARTONATO DEADWOOD DICK "TRA IL TEXAS E L'INFERNO"

29-07-2019 Hits:2776 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

    "Avete mai fatto caso che nella vita ogni tanto si incontra qualcuno che non va fatto in…alberare?” Ecco, quel qualcuno è Deadwood Dick. Mutuandola ed adattandola per i nostri scopi, la celeberrima frase pronunciata da un granitico Clint Eastwood in “Gran Torino” serve perfettamente a delineare il carattere del personaggio...

Leggi tutto

Moleskine 124 » Quando scappa un fumettosauro dallo zoo del fumettomondo

15-06-2019 Hits:2006 Moleskine Conte di Cagliostro

di Conte di Cagliostro Interrompiamo il silenzio di questa disgraziata rubrica su questo disgraziatissimo sito, perchè pare che sia scappato il fumettosauro dallo zoo del fumettomondo. Per sgombrare subito il campo da qualsiasi possibile dubbio, durante la nostra assenza dal vergare queste righe siamo diventati grandissimi estimatori del famigerato Sauro Pennacchioli...

Leggi tutto