Fumetto d'Autore ISSN: 2037-6650
Dal 2008 il Magazine della Nona Arte e dintorni - Vers. 3.0 - Direttore: Alessandro Bottero
A+ A A-

Robert Venditti e i suoi Surrogati

surrogateslocandinasmalldi Marco Milone*
Ambientato nel 2054, The Surrogates racconta di una società in cui le persone interagiscono tra loro attraverso dei robot che sono delle versioni perfezionate di se, i surrogati del titolo. In questo mondo idealizzato si muove una coppia di detective alla caccia di un terrorista che vuole eliminare i surrogati e ridare la vera vita alle persone.

Marco Milone intervista per noi lo sceneggiatore Robert Venditti che insieme al disegnatore Brett Weldele ha realizzato la graphic novel di The Surragates pubblicata in USA da Top Shelf Productions tra il 2005 e il 2006 e di cui è in lavorazione l’adattamento cinematografico.

Marco Milone: The Surrogates è il tuo primo lavoro?

Robert Venditti: Si, The Surrogates è la mia prima graphic novel.

MM: Com’è stato lavorare con Brett Weldele?

RV:  Lavorare con Brett è stata una vera gioia.  La sua resa grafica dei personagi è stata assolutamente perfetta, e il suo disegno stilizzato era esattamente quello che avevo in mente per “The Surrogates”.  
Brett è completo, eccelle sia nell’inchiostrazione, che nella colorazione e nel  lettering. Il libro non sarebbe stato lo stesso senza il suo apporto.

MM: Che cos’è The Surrogates? E’ una storia poliziesca, un racconto sulla vita matrimoniale, un racconto sulla decadenza della società, un racconto sulla legge morale...

RV:  Tutte queste cose. Infine, penso, The Surrogates è una storia sulla tecnologia, e se esista un momento in cui questa smetta di aiutarci e incominci ad annidarsi nelle nostre vite.

MM:Ogni scena cambia tinta e colore per dare una sensazione di rabbia che cresce e di un futuro senza speranza. Pensi davvero che il futuro rappresenti la fine del genere umano?

RV:  Spero di no. Attualmente sono più ottimista sul futuro di quanto The Surrogates possa suggerire. Penso che l’umanità abbia un’incredibile capacità nello scoprire cambiamenti positivi, anche se la storia c’insegna quanti errori abbiamo fatto. Sopravviveremo, almeno fino a quando ci atterremo alla nostra umanità e non proveremo a soppiantarla in modo artificiale.  

MM: Pensi davvero che useremo un Surrogate in un prossimo futuro?

RV: Quando ho scritto la storia, pensavo che l’idea di persone che usavano i Surrogates fosse possibile, però inaccettabile. Negli ultimi anni, gli sviluppo sociali e tecnologici mi hanno spinto a pensare diversamente. La cultura online, specialmente in comunità virtuali come Second Life, concede già alle persone di vivere a distanza.
E poi c’è un articolo da Wired magazine che mi ha molto colpito  (ecco il link: http://www.wired.com/science/discoveries/news/2006/07/71426)-
Forse i surrogates saranno in commercio prima di quanto pensiamo.

MM: La figura di Greer mi è piaciuta molto. Un uomo che crede nelle sue azioni. E’ pieno di dubbi, però continua a vivere.

RV:  Penso che Harvey sia piaciuto a molte persone. E’ stato spazzato via dalla tecnologia e ne è diventato dipendente prima di avere il tempo di fermarsi e pensare sugli effetti a lungo termine. Penso che questo accada spesso nei giorni che viviamo—siamo così concentrari a chiederci se possiamo fare qualcosa che non ci chiediamo se dovremmo, e prima di accorgercene abbiamo già perso una parte di noi stessi.

MM: Ci sono molti tipi di SF, come mai hai scelto di scrivere una storia sulla realtà virtuale e cibernetica?

RV: Ho preso l’idea com’è venuta. La mia idea originale era di scrivere una storia sugli effetti della realtà virtuale e cibernetica sull’interazione umana, proprio come ho fatto. Sto lavorando su due nuove storie, e sono molto differenti da “The Surrogates.”

MM: The Surrogates mi ricorda Blade Runner e The Matrix.

RV:  The Surrogates è un’opera cyberpunk, sottogenere della science fiction, alla quale Blade Runner e The Matrix certamente appartiene.  
Molte storie cyberpunk trattano una realtà virtuale nella quale loro rappresentano persone che vivono le loro vite all’interno di un mondo artificiale creato dai computer.  Questo mi sembra essere un poco incompleto perché a un certo punto gli users dovranno sconfiggere quel mondo virtuale. In The Surrogates volevo creare un mondo dove la gente poteva adattarsi all’identità virtuale e non deve mai staccare.  Invece di andare in un mondo virtuale, Surrogates concede agli users di inviare un se stesso virtuale nel mondo virtuale — si esce dagli schemi usuali.  

MM: Sei stato influenzato da Philip K. Dick e William Gibson?

RV:  Non sono una avido lettore di sci-fi — Ho letto meno di 10 romanzi di Science Fiction – ma la mia limitata esperienza mi ha introdotto Dick e Gibson.  Ho letto Do Androids Dream of Electric Sheep e Neuromancer, e ti dirò che questi libri mi hanno influenzato, entrambi usano la sci-fi per commtare il presente. Questo è qualcosa che ho provato con The Surrogates.  

MM: Che cosa leggi usualmente?

RV:  Sono andato per fasi. Per un po’ ho letto romanzi, ultimamente leggo solo nonfiction.  L’ultimo libro che ho letto era The Bedside Book of Birds di Graeme Gibson, che guarda al legame culturale degli ucelli tra arte, letteratura e storia. Un libro che mi è piaciuto molto è Joe DiMaggio di Richard Ben Cramer, una biografia del grande giocatore italo – americano di baseball.   

Sarà Bruce Willis a vestire i panni del protagonista nell’adattamento cinematografico di The Surrogates. Il film, prodotto dalla Disney, sarà diretto da Jonathan Mostow (regista di Terminator 3) e scritto da Michael Ferris e John Brancato e la lavorazione è partita ad aprile 2008. L’uscita del film è già avvenuta negli Stati Uniti il 25 settembre, mentre da noi il film arriverà fine ottobre 2009.

*L'intervista è tratta da Solaris* #02, edito da Cagliostro E-Press.
Altre informazioni su The Surrogates sono disponibili a questo link.

Magazine

Casa Cagliostro a Lucca 2018: Chi, Cosa, Dove, Quando, Perché

25-10-2018 Hits:3507 Critica d'Autore Redazione

Di Alessandro Bottero Anche per il 2018 Lucca vedrà nei giorni di Lucca Comics & Games l’evento Casa Cagliostro, cinque giorni Autonomi & #EscLUSive nel centro della città. Chi Casa Cagliostro non fa parte di Lucca Comics. È uno spazio autonomo, indipendente, autogestito (termine che fa molto anni ’70 e che...

Leggi tutto

L'Intervista - Alessia Mainardi e Casa Ailus, destinazione Lucca 2018

25-10-2018 Hits:3345 Autori e Anteprime Redazione

Lucca 2018 si avvicina, scopriamo tutte le novità del collettivo Casa Ailus insieme alla sua vulcanica "capitana", la scrittrice Alessia Mainardi. Fumetto d'Autore: Buongiorno Alessia. Vorresti presentarti ai lettori del nostro sito? Alessia Mainardi: Buongiorno a tutti i lettori di Fumetto d'Autore. Di me posso dirvi che mi chiamo Alessia Mainardi, di...

Leggi tutto

L'Intervista - Paul Izzo, sceneggiatore per tutti i gusti

15-12-2017 Hits:12935 Autori e Anteprime Giorgio Borroni

Oggi, qui in esclusiva su Fumetto d’Autore ho il piacere di intervistare un fumettista a 360 gradi, che può vantare esperienze che vanno dalla pubblicazione indipendente su web fino a collaborazioni con una testata del calibro di Diabolik. Ladies and Gentlemen, ecco a voi… Paul izzo! FdA: Benvenuto su FdA, Paul, tolgo...

Leggi tutto

BERSERK: LUCI E OMBRE

27-11-2017 Hits:14894 Critica d'Autore Redazione

  Di Giorgio Borroni Un paio di anni fa, quando ancora frequentavo i gruppi facebookiani relativi ai fumetti, mi capitò di esprimere un paio di mie idee sulla deriva presa da Berserk, il celebre manga di Kentaro Miura. La fauna che più spesso è attiva sui social, si sa, per una bella...

Leggi tutto

Justice League - Una critica d'autore - Parte 2

21-11-2017 Hits:14956 Critica d'Autore Redazione

  Justice League of Marvel   Di Alessio Sgarlato Dopo questa lunga ma necessaria premessa, veniamo all’oggetto del contendere, ovvero Justice League, il più bel sequel di Avengers uscito finora. I film Marvel e quelli della DC con questa pellicola si trovano a dover rendere conto allo spettatore di ingombranti somiglianze estetiche. Tanto negli...

Leggi tutto

Justice League - Una critica d'autore - Parte 1

20-11-2017 Hits:14534 Critica d'Autore Redazione

  Marvel VS DC – La battaglia del secolo   Di Alessio Sgarlato   Nel 2016 esce Batman V Superman – Dawn of Justice e diventa immediatamente un film controverso, nel quale il pubblico non riesce a ritrovare lo spirito originale dei personaggi e delle storie che lo hanno ispirato. Eppure, per me si rivela...

Leggi tutto

La distopia ucronica di “Space Anabasis"

13-11-2017 Hits:14725 Critica d'Autore Redazione

    Per aspera ad astra, deinde a caelo usque ad centrum!  La distopia ucronica di “Space Anabasis”: tra i giochi di potere, nella fantascienza del passato   Roma, anno 2770 ab urbe condita: un 2017 d.C. alternativo in cui, come recita la didascalia già dalla prima striscia: « L’impero ha tenuto il sistema...

Leggi tutto