Fumetto d'Autore ISSN: 2037-6650
Dal 2008 il Magazine della Nona Arte e dintorni - Vers. 3.0 - Direttore: Alessandro Bottero
A+ A A-

Hernan Henriquez e Yoani Sanchez a Gugulandia

gugulandiadi Gordiano Lupi

A settembre arriva in Italia Gugulandia, il capolavoro satirico di Hernan Henriquez. Gordiano Lupi, traduttore e curatore del volume che sarà pubblicato da Cagliostro E-Press, ha intervistato per Fumetto d'Autore il maestro del fumetto cubano e la blogger Yoani Sanchez, autrice dell'introduzione dell'albo.

Due domande a Yoani Sanchez.

Yoani, cosa rappresenta per te Gugulandia?

 

Gugulandia è lo specchio di tutti gli universi possibili, ma è anche il paese di chi dialoga, pone domande e tenta di dare risposte, un luogo dove non mancano innocenza, ambizione, paura, superbia e tutti i problemi di convivenza tra persone. Hernán Henríquez con sette personaggi emblematici di uomini primitivi rappresenta la società cubana sottoposta a una dittatura che non ammette il libero esercizio del pensiero. Si tratta di un fumetto che mette alla berlina ogni tipo di regime liberticida attraverso la rappresentazione del potere che si immedesima negli enormi e surreali placatanes.

A Cuba si legge ancora Gugulandia?

Gugulandia potrà circolare a Cuba soltanto in modo clandestino, i giovani lettori si passeranno il libro camuffandolo da un’innocente copertina, mentre i più vecchi ricorderanno il 1980, anno della scomparsa del fumetto dalle colonne di Juventud Rebelde. La mia generazione ha visto quei fumetti soltanto nella fanciullezza, ma la speranza è che nuove generazioni di cubani potranno leggerlo presto in una Cuba libera che abolirà ogni assurda censura.


Qualche domanda a Hernan Henriquez.

Come nasce Gugulandia?

Gugulandia nasce nel 1964, cinque anni dopo il trionfo della Rivoluzione, viene pubblicato inizialmente su Revolución per poi passare al suo luogo ideale: Juventud Rebelde, dove esce per 15 anni, fino al 1979. Nel maggio del 1980 ho deciso di abbandonare Cuba perché non mi sentivo libero di esprimere le mie idee.


Cosa era accaduto?

Fidel Castro aveva pronunciato il famoso discorso: “Tutto è consentito all’interno della rivoluzione, ma niente è ammesso fuori della rivoluzione!”. Una parola d’ordine che non potevo accettare come autore di satira, perché voleva dire che ogni creazione intellettuale doveva coincidere con la Rivoluzione. Gugulandia doveva seguire una linea obbligatoria, fissata dall’alto, dalla quale non era consentito derogare.


Qual è il segreto del successo cubano di Gugulandia?

Gugulandia ricreava situazioni del mondo circostante e i fumetti diventavano un mezzo di espressione per raccontare i problemi del quotidiano camuffati in un’ambientazione preistorica. Non era facile per il regime censurare i contenuti, perché avevano sempre una duplice possibile interpretazione.


Cosa rappresentano i personaggi?

Gugulandia rappresenta un comunismo primitivo, ma possiede evidenti anacronismi del mondo moderno. I personaggi sono caratterizzazioni della società contemporanea: il Gugu è l’uomo, la Guga è la donna, il Guerriero è la forza, il Re è la legge e l’ordine, lo Stregone è la sapienza della magia, della scienza e della religione, il Piraña simboleggia l’infanzia…


Gugulandia è molto critico con il governo cubano…

Sì, ma senza darlo a vedere, ricorrendo a metafore. Questa è la sua vera forza. Per esempio il Piraña è un bambino dal sesso indefinito, figlio di tutti, perché non si conoscono il padre e la madre. Si tratta di una critica velata al regime che parlava di figli dello Stato, di uno Stato padre, del controllo governativo sull’educazione dei bambini.


Gugulandia ti ha fatto passare dei guai a Cuba?

Mi sono sempre mantenuto sull’orlo del precipizio, giocando a dire e a non dire, spesso criticando per allusioni…Alcune pagine sono state oggetto di dibattito nelle alte sfere politiche e spesso ho corso il rischio di essere condannato come sovversivo e controrivoluzionario. A Cuba chiunque esprima liberamente le proprie idee rischia questo tipo di denuncia. Mi salvavo perché i miei fumetti erano ambigui e i veri significati andavano letti tra le righe. Ho lasciato Cuba e mi sono trasferito in Florida per sentirmi libero e per poter far dire ai miei personaggi tutto quello che mi passa per la testa.

Ci puoi raccontare una vignetta che ti ha creato problemi?

In una tavola racconto una rivolta tra Gugus per ottenere una quota di fresco da un ventilatore. A un certo punto lo Stregone rompe il ventilatore in pezzi perché ognuno abbia la sua parte e alla fine il Gugu dice: “Ho la mia parte, ma non fa fresco”. Ecco, questa pagina venne discussa nel Comitato Centrale, perché alcuni uomini politici la interpretarono come una critica al socialismo. Per fortuna l’interpretazione del Partito Comunista mi dette ragione: “socializzare in modo corretto vuol dire praticare l’uso collettivo,  non individuale”.

Per saperne di più su Gugulandia, potete leggere anche questo lungo articolo di Gordiano Lupi.

Magazine

L'Intervista - Kirby Academy, a Cassino un punto di riferimento unico per chi vuole fare fumetti

17-01-2020 Hits:587 Autori e Anteprime Super User

A cura della redazione L'Associazione Culturale Cagliostro E-Press, ha 15 anni alle spalle di meritoria attività di scountng di nuovi talenti e diffusione del media fumetto sul territorio nazionale: la storia dell'Associazione, sempre presente alle principali fiere di settore, racconta di più di 150 volumi pubblicati in questi tre lustri e...

Leggi tutto

Saggio e analisi di "TESLA AND THE SECRET LODGE"

17-12-2019 Hits:2443 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

 La cover variant (a sinistra) e quella ufficiale (a destra)   Ucronia. Cosa significa questa parola? Con tale termine viene indicato un genere di narrativa fantastica basato sulla premessa che la storia del mondo abbia seguito un corso alternativo a quello reale. Deriva dal greco e significa letteralmente “nessun tempo”, analogamente a come...

Leggi tutto

Intervista con OSKAR su ZAGOR

17-12-2019 Hits:2560 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

    Facciamo quattro chiacchiere in merito al volume “L'eroe di Darkwood”, il sesto e conclusivo della mini serie “Zagor – Le Origini” che ha visto Oskar, nome d'arte di Oscar Scalco, classe 1971, disegnatore con all'attivo numerosi traguardi prestigiosi, impegnato ai disegni sui testi di Moreno Burattini. Le sue due opere che vedrete di seguito sono presenti...

Leggi tutto

Moleskine 125 » Quella falsa differenza tra Fumetto e Graphic Novel

30-08-2019 Hits:1914 Moleskine Conte di Cagliostro

Sottotitolo: Artibani e Recchioni avanti, dietro tutti quanti (Plazzi compreso) per piacere di Topolino. di Conte di Cagliostro Houston il fumettomondo ha un problema. Ci sono dei pazzi che vanno in giro spacciandosi per Francesco Artibani, Andrea Plazzi e Roberto Recchioni? O Artibani, Plazzi e Recchioni sono pazzi? Ricapitoliamo. Qualche giorno fa, il...

Leggi tutto

RECENSIONE CARTONATO DEADWOOD DICK "TRA IL TEXAS E L'INFERNO"

29-07-2019 Hits:2561 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

    "Avete mai fatto caso che nella vita ogni tanto si incontra qualcuno che non va fatto in…alberare?” Ecco, quel qualcuno è Deadwood Dick. Mutuandola ed adattandola per i nostri scopi, la celeberrima frase pronunciata da un granitico Clint Eastwood in “Gran Torino” serve perfettamente a delineare il carattere del personaggio...

Leggi tutto

Moleskine 124 » Quando scappa un fumettosauro dallo zoo del fumettomondo

15-06-2019 Hits:1781 Moleskine Conte di Cagliostro

di Conte di Cagliostro Interrompiamo il silenzio di questa disgraziata rubrica su questo disgraziatissimo sito, perchè pare che sia scappato il fumettosauro dallo zoo del fumettomondo. Per sgombrare subito il campo da qualsiasi possibile dubbio, durante la nostra assenza dal vergare queste righe siamo diventati grandissimi estimatori del famigerato Sauro Pennacchioli...

Leggi tutto

Il Duce, la storia di Mussolini che la Panini non vi farà mai leggere...

15-06-2019 Hits:2206 Off Topic Super User

...Fumetto d'Autore ve la presenta corredata da un imprescindibile apparato critico. Dopo avere scoperchiato il caso della storia dedicata a Mussolini misteriosamente omessa dalla Panini, in nome della stessa libertà con cui M.M. Lupoi si riempe i profili social tutti i giorni, potete scoprire da soli se era da censurare...

Leggi tutto