Fumetto d'Autore ISSN: 2037-6650
Dal 2008 il Magazine della Nona Arte e dintorni - Vers. 3.0 - Direttore: Alessandro Bottero
A+ A A-

Lorenzo Bartoli: il potere della parola

lorenzobartolidi Alessandro Bottero

Esistono persone che si dannano per apparire, ed altre che invece adottano lo stile del “testa bassa e pedalare”. Nel mondo del fumetto italiano troviamo le une e le altre. Il primo atteggiamento mi fa’ simpatia, ma il massimo rispetto lo riservo per chi lavoralavoralavoralavora, e costruisce, tavola dopo tavola, la realtà del fumetto. Lorenzo Bartoli è una di queste persone. Lo trovate mai in una delle solite polemiche su blogghe/facebuch/ed altro? No. Lo trovate mai non all’altezza nel suo scrivere? Neanche. Un piccolo aneddoto. Ero a Terni nel 2009, per la prima edizione di Fumetterni, e come vicini di stand avevo lo studio composto da Gabriele dell’Otto, Giacomo Bevilacqua e Lorenzo Bartoli appunto. Mentre i due disegnatori (Bevilacqua e Dell’Otto) ai fan regalavano disegni, Lorenzo aveva messo in piedi una cosa mai vista prima: regalava un racconto personalizzato, scritto sul momento, a chiunque acquistasse una copia del suo libro Cuori da Bar. Beh, in due giorni, l’ho visto scrivere trenta racconti, improvvisando trenta storie lì per lì. Una performance, lasciatemelo dire, davvero unica.

Signore e signori, ecco a voi Lorenzo Bartoli.

Lorenzo Bartoli, uno dei migliori (lasciamelo dire) sceneggiatori italiani. Hai fatto miliardi di cose, e altrettante ne farai in futuro. Su cosa stai lavorando al momento?

Ho ripreso a scrivere John Doe e molti liberi, le storie autoconclusive per Lanciostory e Skorpio. Sto collaborando con la Bonelli, anche se non con molta regolarità. Insegno sceneggiatura alla Scuola Internazionale di comics, per la quale sto curando anche una rivista di prossima uscita, iComics. Poi, ho appena finito una sceneggiatura per un film indipendente e sto collaborando come story editor per un produttore molto interessante.

Che rapporti ci sono con la nuova realtà dell’Aurea Editoriale? E che progetti stai seguendo per loro?

I rapporti sono buoni, c’è grande voglia di fare. Oltre alle cose che ti ho scritto qualche riga più sopra, sto cominciando una nuova serie tutta Aurea insieme ad Andrea Domestici. Sarà una cosa abbastanza originale, come formato e come intenzioni. Per il testo e i disegni, aspettiamo come sempre il giudizio dei lettori, anche se posso dire fin d’ora che mi fa molto piacere tornare a collaborare con Andrea.

Parliamo di John Doe, che fa sempre alzare il numero di accessi al sito. Qualche anticipazione sulla nuova serie? È vero che apparirà un personaggio transessuale…no, aspetta, è già apparso….un personaggio psicopatico….anche questo…un personaggio di  Detective Dante….anche questo già fatto…un personaggio ispirato a Tito Faraci…uffff, anche questo…ah ecco ci  sono. È vero che apparirà un personaggio ispirato a un noto commercialista di Sondrio? E a parte questo, altre novità?

La prima novità è che possiamo mantenere la parola con i lettori e fare arrivare John alla fine del suo arco narrativo. Il nuovo copertinista, Davide De Cubellis, ha già conquistato tutti, sia con la qualità del proprio lavoro che con la mentalità con il quale lo sta affrontando. Farà una serie di copertine notevoli, diverse da quelle di Carnevale, ma altrettanto efficaci. Poi arriverà il grande Mauro Uzzeo, che collaborerà ai testi. E siamo ripartiti con la caccia ai talenti della matita: Emanuela Lupacchino, Silvia Califano, Peppe Qattrocchi e molti altri giovani verranno messi alla prova, sia per quanto riguarda la qualità che la quantità della propria produzione. Altra novità, in un certo senso, sarà il ritorno/debutto dell’Aurea alle fiere del settore, dove JD è sempre molto atteso e (fortunatamente) premiato.

Qual è il tuo metodo di lavoro? Usi tecniche o trucchi particolari per costruire una storia?

Uso trucchi da illusionista, che cerco di condividere con i miei alunni. Quindi… iscrivetevi al mio corso, il prossimo anno… e li saprete anche voi! Scherzi a parte, io sono un tipo molto curioso e presto molto interesse alle piccole, grandi storie eccezionali di ogni persona che incontro o che conosco appena. Scrittori in erba, fate domande: qualcosa, dentro, succede sempre.

Perché secondo te in Italia non esistono più, per le edicole, fumetti di genere sportivo, o di guerra, o di pirati, o romantici (parlo di fumetti prodotti direttamente da italiani, non traduzioni di fumetti esteri)?

Per i pirati, non è che me lo spiego tanto, visto che so di una proposta che sta rimbalzando sulla scrivania di molti editori. Si tratta di roba ben fatta, di autori molto bravi, ma che ancora non ha convinto i padroni del vapore. I fumetti sportivi meritano un discorso a parte, almeno per me: ho un’idea nel cassetto e spero di poterne fare qualcosa. Credo ci sia spazio per fare un ottimo lavoro sull’epica dello sport, non per replicare in maniera noiosa avvenimenti sportivi già esistenti e abbondantemente coperti da tv e carta stampata. Per quanto riguarda l’amore, invece, io e Andrea Domestici ci stiamo lavorando… non tra di noi, ma sul fumetto di prossima pubblicazione.

Qual è un libro che adatteresti volentieri  a fumetti? E perché?

L’isola della noce moscata :Come avventurieri, pirati e mercanti di spezie cambiarono la storia del mondo. È un libro avventuroso, profondo e godibile, pieno di pirati, regine, folli meravigliosi e terribili mercanti. Il tutto, poi, ruota intorno alla noce moscata, autentica panacea del periodo in questione. Se venivi in possesso di un sacchetto di quella spezia, avevi in mano il controvalore per comprarti un palazzo in Europa.

Cos’è che avresti sempre voluto fare, ma che non sei mai riuscito a farti pubblicare?

Un fumetto sul calcio, ma è roba recente. Sono molto fortunato, però: non ho praticamente nessuna storia nel cassetto. Perché le storie nel cassetto inacidiscono, diventano amare per chi le ha scritte. Meglio buttarle, se non riuscite a pubblicarle. Non credo nei geni incompresi.

Che musica ascolti mentre lavori?

Sono onnivoro. Di solito, questa affermazione è tipica di chi non si intende molto di musica. Io, invece, ne ascolto tantissima, ma non riesco a identificare un genere preferito. Sono patito del grunge, dei cantautori e sto scoprendo che l’Indie Rock può dare soddisfazioni notevoli: in mezzo, tutti gli Anni 80 e 90… oltre all’imprescindibile e seminale ventennio compreso tra il 1960 e il 1979.

Ultima domanda. Riflettori su di te: che messaggio vuoi lasciare ai nostri lettori?

Rimanete come siete: lettori entusiasti, capaci di godersi le storie più belle e di alzare un sopracciglio per quelle così così, ma sempre rispettando il lavoro degli autori. Stiamo lavorando per voi, col caschetto da minatori di sogni in testa, con la luce sempre accesa.

Magazine

L'Intervista - Kirby Academy, a Cassino un punto di riferimento unico per chi vuole fare fumetti

17-01-2020 Hits:604 Autori e Anteprime Super User

A cura della redazione L'Associazione Culturale Cagliostro E-Press, ha 15 anni alle spalle di meritoria attività di scountng di nuovi talenti e diffusione del media fumetto sul territorio nazionale: la storia dell'Associazione, sempre presente alle principali fiere di settore, racconta di più di 150 volumi pubblicati in questi tre lustri e...

Leggi tutto

Saggio e analisi di "TESLA AND THE SECRET LODGE"

17-12-2019 Hits:2459 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

 La cover variant (a sinistra) e quella ufficiale (a destra)   Ucronia. Cosa significa questa parola? Con tale termine viene indicato un genere di narrativa fantastica basato sulla premessa che la storia del mondo abbia seguito un corso alternativo a quello reale. Deriva dal greco e significa letteralmente “nessun tempo”, analogamente a come...

Leggi tutto

Intervista con OSKAR su ZAGOR

17-12-2019 Hits:2575 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

    Facciamo quattro chiacchiere in merito al volume “L'eroe di Darkwood”, il sesto e conclusivo della mini serie “Zagor – Le Origini” che ha visto Oskar, nome d'arte di Oscar Scalco, classe 1971, disegnatore con all'attivo numerosi traguardi prestigiosi, impegnato ai disegni sui testi di Moreno Burattini. Le sue due opere che vedrete di seguito sono presenti...

Leggi tutto

Moleskine 125 » Quella falsa differenza tra Fumetto e Graphic Novel

30-08-2019 Hits:1975 Moleskine Conte di Cagliostro

Sottotitolo: Artibani e Recchioni avanti, dietro tutti quanti (Plazzi compreso) per piacere di Topolino. di Conte di Cagliostro Houston il fumettomondo ha un problema. Ci sono dei pazzi che vanno in giro spacciandosi per Francesco Artibani, Andrea Plazzi e Roberto Recchioni? O Artibani, Plazzi e Recchioni sono pazzi? Ricapitoliamo. Qualche giorno fa, il...

Leggi tutto

RECENSIONE CARTONATO DEADWOOD DICK "TRA IL TEXAS E L'INFERNO"

29-07-2019 Hits:2579 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

    "Avete mai fatto caso che nella vita ogni tanto si incontra qualcuno che non va fatto in…alberare?” Ecco, quel qualcuno è Deadwood Dick. Mutuandola ed adattandola per i nostri scopi, la celeberrima frase pronunciata da un granitico Clint Eastwood in “Gran Torino” serve perfettamente a delineare il carattere del personaggio...

Leggi tutto

Moleskine 124 » Quando scappa un fumettosauro dallo zoo del fumettomondo

15-06-2019 Hits:1801 Moleskine Conte di Cagliostro

di Conte di Cagliostro Interrompiamo il silenzio di questa disgraziata rubrica su questo disgraziatissimo sito, perchè pare che sia scappato il fumettosauro dallo zoo del fumettomondo. Per sgombrare subito il campo da qualsiasi possibile dubbio, durante la nostra assenza dal vergare queste righe siamo diventati grandissimi estimatori del famigerato Sauro Pennacchioli...

Leggi tutto

Il Duce, la storia di Mussolini che la Panini non vi farà mai leggere...

15-06-2019 Hits:2229 Off Topic Super User

...Fumetto d'Autore ve la presenta corredata da un imprescindibile apparato critico. Dopo avere scoperchiato il caso della storia dedicata a Mussolini misteriosamente omessa dalla Panini, in nome della stessa libertà con cui M.M. Lupoi si riempe i profili social tutti i giorni, potete scoprire da soli se era da censurare...

Leggi tutto