Fumetto d'Autore ISSN: 2037-6650
Dal 2008 il Magazine della Nona Arte e dintorni - Vers. 3.0 - Direttore: Alessandro Bottero
A+ A A-

Intervista a Carlo Cavazzoni, Direttore Esecutivo Dynit

gundamdynitDopo i recenti annunci legati a Gundam da parte della Dynit che aprono nuovi scenari nel mercato audiovisivo italiano su argomenti come web streaming, blue-ray e altro ancora, abbiamo ben pensato di approfondire la questione e grazie a Animation Italy, Gundam Blog e TuttoCartoni, Fumetto d'Autore vi presenta un’esclusiva intervista a Carlo Cavazzoni, Direttore Esecutivo della Dynit.

Ecco dunque fresco di ritorno da un viaggio nelle terre del sol levante Carlo Cavazzoni, che trovate nella foto in fondo all'articolo insieme a quel mito di Yoshiyuki Tomino e a una delle sue creature riprodotte in scala.

Senza indugi, le nostre domande:

D: Il lancio di Neon Genesis Evangelion ha sorpreso e compiaciuto tutti i fan… come si è arrivati a questa importante decisione? Rappresenta un momento unico per la società? Oppure una potenziale svolta? Ci sarà, in futuro, qualche altra operazione simile? C’è la possibilità di avere qualche dato sui riscontri o ritenete di dover aspettare.

R: Innanzitutto salve a tutti, vi ringrazio per questa intervista. La preoccupante situazione in cui versa il mercato dell’Home Video ci spinge verso direzioni fino a qualche tempo fa considerate impercorribili. L’avvento di Internet ha cambiato e sta cambiando la nostra percezione di cosa è gratuito e di cosa non lo è. Pensate al mercato della musica, oggi nessuno compra più i CD, poiché è molto facile riuscire ad ottenere una copia scaricata da internet. E’ diventato un gesto normale, in quanto tutti lo fanno. Ma agendo in questo modo, non pagando, non diamo soldi all’industria discografica che mantiene e promuove proprio quegli artisti che ci piacciono tanto, fino ad arrivare ad un punto (e, forse ci siamo già arrivati) in cui non ci sarà più interesse nell’investire nella musica. Siamo consci che Internet stia cambiando molte cose, ma non sappiamo dove esattamente ci porterà tutto ciò. In ogni caso, abbiamo deciso di seguire questo cambiamento, anticipando sul nostro sito alcune serie inedite ed alcuni classici al fine di contrastare la pirateria ed il fenomeno dei Fansub, che, ci tengo a precisarlo, non mettiamo sullo stesso livello, ma che contemporaneamente non giustifichiamo (ledono comunque un diritto).
Da un lato apprezziamo il fatto che i Fansub tengano sempre vivo l’interesse degli appassionati di Anime, ma contemporaneamente alimentano la pirateria e diffondono l’idea che lo “scambio in rete” sia legittimo ed auspicabile. L’abitudine all’accesso gratuito dei contenuti porta inevitabilmente a diminuire l’interesse verso i prodotti originali e, come per gli artisti musicali, degenera in una contrazione del mercato, la fine di un’epoca.
Se amate gli anime, comprate solo prodotti originali o guardateli solo attraverso canali ufficiali.

D: Per doppiare un’anime, occorre molto tempo, costi molto diversi dai sottotitoli! Dynit ha intenzione di alternare queste opere, continuando ad alternarle con opere più recenti come le imprese della Regina dei vampiri in Dance in the Vampire Bund?

R: Infatti, oggi in Italia realizzare una serie costa. Non sapete quanto. C’è il costo dei diritti, dell’adattamento, del doppiaggio, post-produzione, ecc..ecc.. Se Dynit è ancora “in pista” lo deve soltanto ai clienti che continuano a comprare i prodotti originali, e probabilmente ad una politica aziendale sempre attenta e proporzionata al mercato. Cercheremo sempre di proporre nuove serie in italiano, differenziando al massimo la proposta, cercando di mantenere sempre vivo il vostro interesse e la vostra passione (e la nostra, non dimentichiamocene ;) per fare le cose fatte bene, dobbiamo divertirci anche noi).

D: A questo proposito come si sta muovendo la Dynit e com’è stato accolto il primo titolo Blu-Ray Dynit?

R: “Evangelion 1.11″ è da poco in distribuzione, quindi è presto per fare delle stime, ma possiamo affermare che c’è sicuramente interesse verso questo nuovo formato. Del resto è facilmente comprensibile, film come quello di Evangelion acquistano un’altra dimensione su Blu Ray, è come rivederlo per la prima volta, colori sgargianti, definizione pazzesca, audio fenomenale. La diffusione del Blu Ray è sicuramente più lenta rispetto al passaggio dalla VHS al DVD, ma il mercato si sta evolvendo inevitabilmente verso l’alta definizione, e l’avvento del 3D “domestico” accelererà questo processo.

D: Passiamo a Rai 4. Si consoliderà il rapporto con il canale? Crediamo che questa, insieme al rafforzamento della divisone Streaming sia la novità di questi ultimi due anni e dei prossimi. Code Geass, Gurren Lagan, Eureka Seven, e il prossimo anno? Avete un’idea di cosa proporrete a Rai 4?

R: Lo speriamo senz’altro. Rai4 è molto interessata all’animazione giapponese, è una rete giovane e dinamica, ed ha il coraggio di fare una televisione alternativa, speriamo che questo “sodalizio” continui.

D: Passiamo all’argomento Gundam. Dalle poche informazioni circolanti sul Web, dalle immagini sulla Home page Dynit, si può presumere che si tratti di opere legate all’Universal Century. Molto noto e popolare in Italia. Aldilà dello specifico - se può darci dei dettagli ne saremo felici - Può darci qualche dettaglio su come siete arrivati a scegliere queste opere?

R: Oggi possiamo dire che la prima serie di Gundam è stata un successo in DVD. Scegliere di proseguire le opere dell’Universal Century era una scelta ovvia. E poi, personalmente, sono quelle che preferisco. Ed eccoli quindi:

Movies
MOBILE SUIT GUNDAM I
MOBILE SUIT GUNDAM II - Soldati del Dolore
MOBILE SUIT GUNDAM III - Incontro nello Spazio
MOBILE SUIT Z GUNDAM I - A New Translation - Eredi delle Stelle
MOBILE SUIT Z GUNDAM II - A New Translation - Amanti
MOBILE SUIT Z GUNDAM III - A New Translation - L’Amore fa Palpitare le Stelle
MOBILE SUIT GUNDAM: Il Contrattacco di Char
MOBILE SUIT GUNDAM F91
MOBILE SUIT GUNDAM 0083: L’ultima Scintilla di Zeon
GUNDAM WING: Endless Waltz

Serie OAV
MOBILE SUIT GUNDAM 0083

Stiamo definendo ora le caratteristiche dell’edizione DVD, anche se ancora tutto da definire, posso anticiparvi che:
Lavoreremo sui più recenti materiali disponibili, la prima trilogia verrà doppiata sull’ME originario (Music & Effects, la pista audio senza le voci), non sul nuovo ME 5.1 della prima edizione giapponese, dove erano stati rifatti tutti i suoi, da molti ritenuti troppo diversi da quelli originali. Avremo quindi tutta l’effettistica originale della prima serie.
Ogni titolo avrà un’edizione “Standard” (dvd con classico Amaray) e un’edizione “Deluxe” ad edizione limitata (cofanetto+digipack+booklet a colori con interviste, approfondimenti, disegni preparatori, ecc..). Le due trilogie saranno riunione in 2 cofanetti (Versione Deluxe)
L’intenzione è di riprendere il cast della prima serie e di Z Gundam per creare una perfetta continuità con le edizioni precedenti.
Tendenzialmente ci saranno 4 uscite, la prima a fine Ottobre con, ovviamente, la prima trilogia e il 1° dvd di Gundam 0083

D: Perchè queste opere per il “Ritorno di Gundam” e non altre?

R: Le opere legate al mondo di Gundam sono tantissime, capite anche voi che non potevamo farle tutte. Ho deciso che queste erano le migliori, e poi, ogni storia va raccontata dall’inizio non trovate?

D: Dynit ha intenzione di lanciare altre opere legate al mondo di Gundam?

R: Dipenderà dall’esito di questa operazione.

D: In particolare è ben richiesto ed ha un suo nucleo di fan la serie Gundam Wing, mai conclusa dalla Shin Vision. La Dynit ha possibilità di pubblicare i DVD legati a questa serie? O farne un’edizione in streaming? Magari anche dei soli OAV della serie che sono sicuramente la parte dell’opera più interessante.

R: Non abbiamo al momento progetti sulla serie; la scelta di inserire anche il film di Gundam Wing è dipesa dal fatto che, essendo tra le poche serie di Gundam arrivate in Italia, ci è sembrata una buona idea renderne disponibile il finale.

D: Dal suo ultimo viaggio in Giappone, sul piano personale, cos’ha visitato/visto di nuovo che un appassionato di anime e manga non dovrebbe perdere?

R: Posso dire quello che NON ho visto e che ogni appassionato di Gundam DOVREBBE vedere: ovviamente la statua di Gundam ad altezza naturale! Purtroppo è stata rimossa e non sono ancora riuscito a vederla… ma ci sono notizie che verrà rimontata presto, consiglio a tutti di non perdersela! A parte questo, consiglio sicuramente una visita al TAF, la fiera annuale in cui le major dell’animazione nipponica presentano le novità.

D: Sempre riferito alla terra del sol levante, visto le crescenti collaborazioni tra studios occidentali e orientali, ha avuto modo di vedere come viene recepita l’animazione occidentale e/o quali studios o titolo vanno per la maggiore?

R: L’animazione americana sta avendo una fortissima influenza su quella nipponica. La tendenza made in USA di creare prodotti di successo destinatati al grande pubblico, che possano soddisfare grandi e piccini, sta trovando sempre maggiori consensi nei produttori giapponesi. Il risultato è però forse ancora troppo condizionato dalle leggi di mercato che non lasciano molto spazio ai giovani talenti per creare qualcosa di nuovo e di veramente sentito. Gli Anime perdono insomma quelle caratteristiche che ne hanno decretato il successo, credo che la loro “particolarità” sta nel essere appunto prodotti non per tutti.

D: Live Action: Dynit intende continuare a proporre i Live Action? Opere come Yattaman Live Action oppure come Garo Requiem. Presentato al TAF 2010?

R: Se troveremo prodotti interessanti, sicuramente continueremo. Al momento contiamo di editare presto in DVD “Astropia”, presentato a Lucca Comics 2009.

D: Passando al cartaceo, recentemente si sono affermate diverse esperienze di produzione di manga in Italia. Faccio riferimento alle opere di gruppi che ruotano intorno a maestri, come Wish, Akachan, l’allieva è brava quanto la maestra oggi, e il gruppo organizzatosi intorno a Euromanga o i mangaka come Matteo Principe emersi in questi ultimi anni. Secondo lei tutti questi ragazzi che stanno imparando questa tecnica possono avere un futuro da professionisti. La Dynit potrebbe essere interessato a qualche prodotto del genere in futuro?

R: Dynit ha ufficialmente dichiarato la propria posizione nei confronti del mercato manga a Lucca Comics 2009: purtroppo è un settore che non stiamo coltivando, in quanto riteniamo il mercato in forte declino. Anche in questo caso, se troveremo dei titoli interessanti li compreremo, ma, al momento, non è tra le nostre priorità.

D: La ringraziamo della sua attenzione e ancora auguri per questo prossimo lancio.

R: Grazie a voi e a tutti i fan di Dynit!

Ringraziamo Carlo Cavazzoni e la Dynit per aver esaurientemetne risposto alle nostre domande.

Vi ricordiamo che Dynit può essere raggiunta al sito web: www.dynit.it, su Facebook a questa pagina e su YouTube al canale www.youtube.com/dynitchannel

Intervista a cura di:
DomenicoV - Gundam Blog/Gundamuniverse.it
Enrico Ruocco - tuttocartoni.com
Fra - Animation Italy.

Per gentile concessione degli autori.

cavazzoni

Magazine

L'Intervista - Kirby Academy, a Cassino un punto di riferimento unico per chi vuole fare fumetti

17-01-2020 Hits:587 Autori e Anteprime Super User

A cura della redazione L'Associazione Culturale Cagliostro E-Press, ha 15 anni alle spalle di meritoria attività di scountng di nuovi talenti e diffusione del media fumetto sul territorio nazionale: la storia dell'Associazione, sempre presente alle principali fiere di settore, racconta di più di 150 volumi pubblicati in questi tre lustri e...

Leggi tutto

Saggio e analisi di "TESLA AND THE SECRET LODGE"

17-12-2019 Hits:2443 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

 La cover variant (a sinistra) e quella ufficiale (a destra)   Ucronia. Cosa significa questa parola? Con tale termine viene indicato un genere di narrativa fantastica basato sulla premessa che la storia del mondo abbia seguito un corso alternativo a quello reale. Deriva dal greco e significa letteralmente “nessun tempo”, analogamente a come...

Leggi tutto

Intervista con OSKAR su ZAGOR

17-12-2019 Hits:2560 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

    Facciamo quattro chiacchiere in merito al volume “L'eroe di Darkwood”, il sesto e conclusivo della mini serie “Zagor – Le Origini” che ha visto Oskar, nome d'arte di Oscar Scalco, classe 1971, disegnatore con all'attivo numerosi traguardi prestigiosi, impegnato ai disegni sui testi di Moreno Burattini. Le sue due opere che vedrete di seguito sono presenti...

Leggi tutto

Moleskine 125 » Quella falsa differenza tra Fumetto e Graphic Novel

30-08-2019 Hits:1914 Moleskine Conte di Cagliostro

Sottotitolo: Artibani e Recchioni avanti, dietro tutti quanti (Plazzi compreso) per piacere di Topolino. di Conte di Cagliostro Houston il fumettomondo ha un problema. Ci sono dei pazzi che vanno in giro spacciandosi per Francesco Artibani, Andrea Plazzi e Roberto Recchioni? O Artibani, Plazzi e Recchioni sono pazzi? Ricapitoliamo. Qualche giorno fa, il...

Leggi tutto

RECENSIONE CARTONATO DEADWOOD DICK "TRA IL TEXAS E L'INFERNO"

29-07-2019 Hits:2561 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

    "Avete mai fatto caso che nella vita ogni tanto si incontra qualcuno che non va fatto in…alberare?” Ecco, quel qualcuno è Deadwood Dick. Mutuandola ed adattandola per i nostri scopi, la celeberrima frase pronunciata da un granitico Clint Eastwood in “Gran Torino” serve perfettamente a delineare il carattere del personaggio...

Leggi tutto

Moleskine 124 » Quando scappa un fumettosauro dallo zoo del fumettomondo

15-06-2019 Hits:1781 Moleskine Conte di Cagliostro

di Conte di Cagliostro Interrompiamo il silenzio di questa disgraziata rubrica su questo disgraziatissimo sito, perchè pare che sia scappato il fumettosauro dallo zoo del fumettomondo. Per sgombrare subito il campo da qualsiasi possibile dubbio, durante la nostra assenza dal vergare queste righe siamo diventati grandissimi estimatori del famigerato Sauro Pennacchioli...

Leggi tutto

Il Duce, la storia di Mussolini che la Panini non vi farà mai leggere...

15-06-2019 Hits:2206 Off Topic Super User

...Fumetto d'Autore ve la presenta corredata da un imprescindibile apparato critico. Dopo avere scoperchiato il caso della storia dedicata a Mussolini misteriosamente omessa dalla Panini, in nome della stessa libertà con cui M.M. Lupoi si riempe i profili social tutti i giorni, potete scoprire da soli se era da censurare...

Leggi tutto