Fumetto d'Autore ISSN: 2037-6650
Dal 2008 il Magazine della Nona Arte e dintorni - Vers. 3.0 - Direttore: Alessandro Bottero
A+ A A-

L'Editoriale. Gli Influencer: ma quante copie spostano?

brancaDi Alessandro Bottero

Esiste una leggenda urbana che nel corso degli anni è cresciuta, e ormai tra coloro che si ritengono “addentro” ai meccanismo di marketing (concetto che, ripeto per i miei nuovi lettori, indica una cosa che nella realtà non esiste, nel senso che il marketing è solo fuffa). La leggenda urbana è che nel campo dei fumetti, dell’editoria o in generale nell’universo mondo, esisterebbero determinate persone chiamate INFLUENCER in grado con il loro parere di spostare nel caso del fumetto copie vendute.

Il concetto di INFLUENCER è legato alla realtà virtuale dei SOCIAL. Un influencer non è un recensore. Si presuppone che un recensore sappia di cosa parla. Abbia letto il libro che recensisce, abbia letto il fumetto, abbia visto il film, abbia ascoltato il disco.

Insomma il RECENSORE deve dire cose attinenti alla cosa di cui parla, altrimenti dice – scusate il francesismo – cazzate.

L’INFLUENCER invece non ha questo obbligo. Dato che il modo di comunicare dei social ci ha abituati lentamente e perversamente a una comunicazione svincolata dai fatti, ma basata solo su

-Slogan

-Frasi a effetto

-Retorica assertiva e intimidatoria verso chi non è d’accordo con me

-Dati sparati a caso, senza citare fonti, solo per sostenere tesi e posizioni a me favorevoli e contro il mio avversario

-Linguaggio mirato all’annichilimento dell’avversario, quindi non dialogico e comprensivo di posizioni diverse dalla mia, ma monolitico e chiuso agli altri.

Dato tutto questo l’INFLUENCER è perfettamente adattato ai social, mentre il RECENSORE è visto come un palloso e noioso intellettuale, vecchio e non in sintonia con i giovani, che scrive troppo e non sa usare la comunicazione social. Addirittura il Papa si è assimilato a questo modo di comunicare, preferendo usare slogan e frasi a effetto piuttosto di ragionamenti che richiedono  l’attività intellettiva di chi li ascolta. Quando Benedetto XVI cercava di sviluppare ragionamenti dicevano che era un nazista noioso e antiquato. Quando Francesco spara frasi buttate lì è uno che padroneggia alla perfezione le tecniche di comunicazione moderne. E tristemente è vero, visto che la comunicazione moderna  è in uno stato di svacco totale.

Stabilito che Internet è piena di INFLUENCER, ossia persone a cui una società di buon senso non affiderebbe nemmeno la pulizia delle latrine di una caserma del Niger, il punto è: Gli INFLUENCER riescono ad avere un effetto CONCRETO nella vita REALE, spostando o indirizzando le scelte di spesa di GRANDI masse di persone?

La risposta è molto semplice, e chiunque dotato di buon senso la può dare: No, no, no, e ancora no.

Intendiamoci. Non sto dicendo che UNA ragazzina con gravi problemi di autostima e la forza di personalità di un criceto  terrorizzato non  possa vedere i video su YouTube di Chiara Ferragni e  cercare di imitarla,  svenandosi per  comprare le cose che la Ferragni  pubblicizza sui suoi video. Ma è UNA.

Io sfido chiunque a dimostrare - numeri alla mano - che Chiara Ferragni riesca a ipnotizzare migliaia di persone facendole spendere soldi. Ossia, per dirla molto più terra, i brand che Chiara Ferragni  promuove venderebbero grosso modo gli stessi numeri anche se Chiara Ferragni non esistesse.

Gli INFLUENCER non influenzano affatto il mercato. Influenzano solo chi dice che lo influenzano.

Il mondo dei social è un mondo chiuso, dove tutti si dicono che sono fichi, e sono fichi perché se lo dicono. NON perché lo siano davvero.

Idem per il fumetto. Credete davvero che ci siano persone attive su Facebook, sui social capaci di spostare MOLTE migliaia di copie di venduto?

No. Non ci sono. Dragonero, che è scritto da due persone che nessuno riconosce come INFLUENCER, vende più di Orfani, che invece è scritto da Recchioni, a cui molti attribuiscono il potere di spostare grandi masse di copie vendute.

Ma se Recchioni è davvero capace di spostare queste migliaia di copie, allora perché non usa questo potere per rialzare le vendite di Orfani, che ad esempio con la miniserie Orfani: Terra è arrivato a sfiorare 10.000 copie di venduto a numero, risultato che lascia allibiti.

Quindi gli INFLUENCER non incidono minimamente quando si arriva a ordini di grandezze che potremmo definire “da edicola”, né in positivo (aumentando il numero di copie vendute) né in negativo (diminuendo il numero di copie vendute facendo campagna CONTRO una serie).

I social e la realtà sono scollegati. Spiace che il ministero dell’istruzione abbia basato la campagna contro il cyberbullismo mettendo come prima frase del manifesto “Il Virtuale è il reale”, perché questa frase è una CAZZATA. Il virtuale NON è il reale, e il gradimento virtuale o le centinaia di migliaia di MI PIACE su facebook NON si traducono in copie vendute. E cosa ancora più grave non si traduce nemmeno in un effettivo VALORE del prodotto.   Infatti si potrebbe dire “Ok, non si vende, ma ne parlano tutti, lo conoscono tutti, e quindi  la notizia corre”.  E allora? Che la notizia corra veloce di bocca in bocca a me che me ne frega? Che a Treviso sappiano che esiste una cosa che si trova a Napoli (faccio un esempio)  che vantaggio porta a Napoli se da Treviso non viene nessuno? Siamo davvero così infantili da attribuire un valore in sé stesso al “purché se ne parli”? Per ottenere una citazione sui mass media  di Milano devo  dare corda all’ego  di INFLUENCER che non incidono in alcun modo col reale?

Eppure una autodifesa ci sarebbe, semplice, pratica e divertente: chiamare il bluff.

Ma di questo parleremo la prossima volta.

Magazine

Moleskine 124 » Quando scappa un fumettosauro dallo zoo del fumettomondo

15-06-2019 Hits:348 Moleskine Conte di Cagliostro

di Conte di Cagliostro Interrompiamo il silenzio di questa disgraziata rubrica su questo disgraziatissimo sito, perchè pare che sia scappato il fumettosauro dallo zoo del fumettomondo. Per sgombrare subito il campo da qualsiasi possibile dubbio, durante la nostra assenza dal vergare queste righe siamo diventati grandissimi estimatori del famigerato Sauro Pennacchioli...

Leggi tutto

Il Duce, la storia di Mussolini che la Panini non vi farà mai leggere...

15-06-2019 Hits:482 Off Topic Super User

...Fumetto d'Autore ve la presenta corredata da un imprescindibile apparato critico. Dopo avere scoperchiato il caso della storia dedicata a Mussolini misteriosamente omessa dalla Panini, in nome della stessa libertà con cui M.M. Lupoi si riempe i profili social tutti i giorni, potete scoprire da soli se era da censurare...

Leggi tutto

Rinaldo Traini, un ricordo tra luci e ombre

05-06-2019 Hits:677 Autori e Anteprime Alessandro Bottero

di Alessandro Bottero Di sicuro per Rinaldo Traini, scomparso ieri, non assisteremo ad una beatificazione post mortem come è stato per Sergio Bonelli. Troppo divisiva la sua figura, e troppo ‘profondo’ l’impatto che ha avuto nella storia del fumetto italiano, profondo non nel senso positivo del termine, ma nel senso di...

Leggi tutto

L’Europa: grande assente dal fumetto italiano mainstream

29-05-2019 Hits:305 Critica d'Autore Alessandro Bottero

di Alessandro Bottero Alcuni giorni fa si sono svolte le elezioni europee. Mi ricordo che anni e anni fa, le prime volte che si votava per il Parlamento Europeo ci si rideva su. Non si capiva a cosa servisse. Poi progressivamente ci si è resi conto (chi VUOLE rendersene conto, ovvio)...

Leggi tutto

Casa Cagliostro a Lucca 2018: Chi, Cosa, Dove, Quando, Perché

25-10-2018 Hits:3667 Critica d'Autore Redazione

Di Alessandro Bottero Anche per il 2018 Lucca vedrà nei giorni di Lucca Comics & Games l’evento Casa Cagliostro, cinque giorni Autonomi & #EscLUSive nel centro della città. Chi Casa Cagliostro non fa parte di Lucca Comics. È uno spazio autonomo, indipendente, autogestito (termine che fa molto anni ’70 e che...

Leggi tutto

L'Intervista - Alessia Mainardi e Casa Ailus, destinazione Lucca 2018

25-10-2018 Hits:3510 Autori e Anteprime Redazione

Lucca 2018 si avvicina, scopriamo tutte le novità del collettivo Casa Ailus insieme alla sua vulcanica "capitana", la scrittrice Alessia Mainardi. Fumetto d'Autore: Buongiorno Alessia. Vorresti presentarti ai lettori del nostro sito? Alessia Mainardi: Buongiorno a tutti i lettori di Fumetto d'Autore. Di me posso dirvi che mi chiamo Alessia Mainardi, di...

Leggi tutto

L'Intervista - Paul Izzo, sceneggiatore per tutti i gusti

15-12-2017 Hits:13111 Autori e Anteprime Giorgio Borroni

Oggi, qui in esclusiva su Fumetto d’Autore ho il piacere di intervistare un fumettista a 360 gradi, che può vantare esperienze che vanno dalla pubblicazione indipendente su web fino a collaborazioni con una testata del calibro di Diabolik. Ladies and Gentlemen, ecco a voi… Paul izzo! FdA: Benvenuto su FdA, Paul, tolgo...

Leggi tutto