Fumetto d'Autore ISSN: 2037-6650
Dal 2008 il Magazine della Nona Arte e dintorni - Vers. 3.0 - Direttore: Alessandro Bottero
A+ A A-

L'Editoriale. Collaterali addio?

mmstoricaDi Alessandro Bottero. Una fonte attendibile e riservata, che ritengo affidabile e a cui quindi do massimo credito, mi ha fatto capire come il gruppo Espresso-Repubblica non intenda più produrre collaterali a fumetti dopo la Collezione Storica a colori di Martin Mystere. Almeno questo sarebbe l’orientamento oggi. Magari fra tre mesi le cose cambiano e il carrozzone ripartirà. Ma da quel che so ad oggi la produzione di collaterali a fumetti è sospesa. Non dico “per sempre” perché ormai in editoria si naviga a vista e spesso le decisioni si prendono dall’oggi al domani, alla ricerca di risultati immediati.

Il tutto rientra in un discorso piò ampio. Anticamente, miei piccoli lettori, esisteva un mondo dove i rapporti commerciali e finanziari erano scanditi da ritmi meno frenetici. Un mondo dove era possibile che una testata si assestasse e trovasse il suo pubblico in quattro, sei, otto mesi. A volte anche un anno. Se la Sergio Bonelli o la Star Comics trent’anni fa avessero ragionato con la logica che oggi si applica alle produzioni da edicola Dylan Dog e l’Uomo Ragno sarebbero stati chiudi dopo quattro mesi. Infatti sia Dylan Dog della Bonelli che l’Uomo Ragno della Star Comics impiegarono mesi a trovare una posizione di pareggio e stabilità. E oggi li vediamo ancora nelle edicole. Ma se all’epoca si fosse ragionato secondo la logica impazzita del “i risultati ora e subito!”, dovevano essere cancellati dalla lista delle pubblicazioni.

La fretta. È questo il demone. Tutti hanno fretta. E Internet e i Social hanno alimentato questo demone. Oggi tutti DEVE essere consumato in presa diretta. Il risultato sul gradimento o sulla bocciatura di una produzione (di carta , in radio o anche in TV) viene dato subito. Dopo i primi minuti. Alla fine della prima puntata o del primo numero il destino del prodotto è deciso. E non si cambia idea.

L’edicola è una roulette, dove i giocatori si sono progressivamente autolimitati, riducendosi ad un’unica puntata con una possibilità di vincere e 89 di fare fiasco. O la va o la spacca. E non conta quanto studi, quanto credi di essere un genio del Marketing o di “sapere come va il mercato”.

Tra un focus group pagato migliaia di euro e lo sciamano che getta gli ossicini a terra e poi profetizza successo o insuccesso non c’è differenza. Anzi, almeno lo sciamano è onesto.

Tra esperti di Marketing e Stregoni con il mascherone l’unica differenza è la cravatta.

La fretta ha stabilito che si devono avere risultati subito, perché non c’è più il tempo di aspettare, di aggiustare le cose, di correggere, di spengere. No. Il mondo editoriale è diventato un unico , immenso, spietato Buona la Prima. E se la prima va male niente sarà mai più buono.

Apparentemente quindi la fretta ha colpito anche i collaterali del gruppo Espresso-Repubblica. È vero: la Collezione Storica a Colori di Martin Mystere vendeva poco. Qualche migliaio di copie a numero. MA la condanna (pare temporanea) non è sul prodotto. È sul genere. Il punto non è che la collana chiuda cl numero 20 e che abbia venduto poco. Il punto è che Repubblica abbia detto (se, come credo, abbia detto) “Mo’ basta!”.  Ossia colei che nel 2002 aveva dato vita a un nuovo modo di vendere fumetti, con la collana I Classici di Repubblica, quattordici anni dopo dice “I fumetti non vendono più un cazzo. Basta”.

La fretta… la fine di un ciclo….i bilanci…o la va o la spacca….

Buon Natale, e speriamo che i cinesi si sbaglino quando augurano con malizia "possa tu vivere tempi interessanti "

 

Magazine

Casa Cagliostro a Lucca 2018: Chi, Cosa, Dove, Quando, Perché

25-10-2018 Hits:736 Critica d'Autore Redazione

Di Alessandro Bottero Anche per il 2018 Lucca vedrà nei giorni di Lucca Comics & Games l’evento Casa Cagliostro, cinque giorni Autonomi & #EscLUSive nel centro della città. Chi Casa Cagliostro non fa parte di Lucca Comics. È uno spazio autonomo, indipendente, autogestito (termine che fa molto anni ’70 e che...

Leggi tutto

L'Intervista - Alessia Mainardi e Casa Ailus, destinazione Lucca 2018

25-10-2018 Hits:648 Autori e Anteprime Redazione

Lucca 2018 si avvicina, scopriamo tutte le novità del collettivo Casa Ailus insieme alla sua vulcanica "capitana", la scrittrice Alessia Mainardi. Fumetto d'Autore: Buongiorno Alessia. Vorresti presentarti ai lettori del nostro sito? Alessia Mainardi: Buongiorno a tutti i lettori di Fumetto d'Autore. Di me posso dirvi che mi chiamo Alessia Mainardi, di...

Leggi tutto

L'Intervista - Paul Izzo, sceneggiatore per tutti i gusti

15-12-2017 Hits:9630 Autori e Anteprime Giorgio Borroni

Oggi, qui in esclusiva su Fumetto d’Autore ho il piacere di intervistare un fumettista a 360 gradi, che può vantare esperienze che vanno dalla pubblicazione indipendente su web fino a collaborazioni con una testata del calibro di Diabolik. Ladies and Gentlemen, ecco a voi… Paul izzo! FdA: Benvenuto su FdA, Paul, tolgo...

Leggi tutto

BERSERK: LUCI E OMBRE

27-11-2017 Hits:11291 Critica d'Autore Redazione

  Di Giorgio Borroni Un paio di anni fa, quando ancora frequentavo i gruppi facebookiani relativi ai fumetti, mi capitò di esprimere un paio di mie idee sulla deriva presa da Berserk, il celebre manga di Kentaro Miura. La fauna che più spesso è attiva sui social, si sa, per una bella...

Leggi tutto

Justice League - Una critica d'autore - Parte 2

21-11-2017 Hits:11521 Critica d'Autore Redazione

  Justice League of Marvel   Di Alessio Sgarlato Dopo questa lunga ma necessaria premessa, veniamo all’oggetto del contendere, ovvero Justice League, il più bel sequel di Avengers uscito finora. I film Marvel e quelli della DC con questa pellicola si trovano a dover rendere conto allo spettatore di ingombranti somiglianze estetiche. Tanto negli...

Leggi tutto

Justice League - Una critica d'autore - Parte 1

20-11-2017 Hits:11236 Critica d'Autore Redazione

  Marvel VS DC – La battaglia del secolo   Di Alessio Sgarlato   Nel 2016 esce Batman V Superman – Dawn of Justice e diventa immediatamente un film controverso, nel quale il pubblico non riesce a ritrovare lo spirito originale dei personaggi e delle storie che lo hanno ispirato. Eppure, per me si rivela...

Leggi tutto

La distopia ucronica di “Space Anabasis"

13-11-2017 Hits:11362 Critica d'Autore Redazione

    Per aspera ad astra, deinde a caelo usque ad centrum!  La distopia ucronica di “Space Anabasis”: tra i giochi di potere, nella fantascienza del passato   Roma, anno 2770 ab urbe condita: un 2017 d.C. alternativo in cui, come recita la didascalia già dalla prima striscia: « L’impero ha tenuto il sistema...

Leggi tutto