Fumetto d'Autore ISSN: 2037-6650
Dal 2008 il Magazine della Nona Arte e dintorni - Vers. 3.0 - Direttore: Alessandro Bottero
A+ A A-

L'Editoriale » Lance Armstrong confessa: e allora?

armstrong confessadi Alessandro Bottero

Lance Armstrong avrebbe confessato. Avrebbe ammesso di aver usato il doping per vincere sette Tour de France. E subito i moderni Robespierre duri e puri godono perché si sentono dalla parte del giusto. Ha confessato. Il malvagio ha ceduto di fronte alla forza della verità e dell’etica! Alla ghigliottina, così potremo eliminare il malvagio e la società potrà essere pura!

Beh, sono palle.

Ho già detto in un precedente editoriale - e lo ripeto - che l’unico modo NON IPOCRITA di affrontare il problema del doping è di LEGALIZZARLO. Punto e basta. Alla gente seduta comodamente che vede la TV pagando (canone RAI, pay per view, satellite e altro) non gliene frega una benemerita cippa di XXXX, di vedere le partite tra dilettanti tanto bravi e puri, o le corse dei dilettanti per la provincia di rieti. Vuole lo spettacolo. Vuole l’impresa epica. Vuole drogarsi di sport estremo, mentre si gratta la pancia nel suo salotto guardando il megaschermo. Altro che purezza olimpica o duri sacrifici. Io voglio vedere un record del mondo. Voglio vedere gente saltare tre metri, voglio vedere i ciclisti che corrono a 70 kmh per quattro ore di seguito. Me ne frega una mazza del doping.

E non sono solo io spettatore. Credete che il Tour de France avrebbe potuto chiedere ed ottenere tutti i soldi che ha ottenuto dalle TV americane se Armstrong non avesse usato il doping e vinto sette tour? O credete che i giornali sportivi avrebbero venduto le stesse copie, se il Tour l’avessero vinto sette ciclisti diversi, senza mai arrivare a compiere l’impresa?

Armstrong ora dovrebbe pagare. Ok. E allora l’organizzazione del Tour de France dovrebbe restituire i soldi presi GRAZIE alle imprese di Armstrong. E allora tutti quelli che in questi anni hanno guadagnato GRAZIE alle imprese di Armstrong (giornalisti che hanno scritto articoli, scrittori che hanno scritto libri, organizzatori di eventi che hanno incassato soldi grazie alla presenza di Armstrong), dovrebbero RESTITUIRE quei soldi. Perché sono soldi che derivano dal fatto che Armstrong usava il doping. Se non l’avesse fatto nemmeno loro (organizzatori, giornalisti, scrittori) li avrebbero incassati.

E invece tutti faranno i puri, i Robespierre, e diranno “Al rogo il reprobo!”, e poi continueranno a sfruttare gli altri.

Mi fa più schifo questo atteggiamento di chi usa il doping. L’atteggiamento ipocrita di chi trae un vantaggio dalle malefatte altrui, e poi le condanna.

Se le condanni NON PUOI ricavarne un guadagno. E se fossi davvero etico, puro, e morale dovresti dire “io Tour de France ho ricavato tot milioni di euro come diritti di riprese televisive, dalle reti americane, perché c’era Armstrong che vinceva. Siccome quei soldi hanno come base un comportamento illecito, devolvo la stessa somma percepita anni fa, in beneficenza.”

 Ma tanto nessuno lo dirà, perché come si sa i soldi non puzzano.

Armstrong ha fatto benissimo a usare il doping, perché in realtà tutti volevano che lo facesse. L’organizzazione a cui serviva un campione, i giornalisti a cui serviva qualcuno su cui scrivere, il pubblico che vuole sensazioni sempre più forti ed estreme.

Armstrong ha dato alla gente, agli organizzatori, a tutti quello che in realtà volevano. Ha usato il doping? Sì. E allora? Lo sport inteso come competizione alla pari tra atleti non esiste più da quando esistono il professionismo e la competizione che porta a guadagni. Non è più sport, ma solo spettacolo. E lo spettacolo deve andare avanti, perché deve far guadagnare sempre più chi lo gestisce.

Almeno leviamo di mezzo l’ipocrisia, e ammettiamolo.

Magazine

INTERVISTA ESCLUSIVA CON MORENO BURATTINI su "Zagor - Darkwood Novels"

26-07-2020 Hits:803 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

   Ritratto ad opera di Lorenzo Barruscotto, autografato dallo stesso Burattini.     Buongiorno e grazie per il suo tempo. Facciamo quattro chiacchiere sulla nuova miniserie di Zagor “Darkwood Novels”.   - Nel primo volume viene presentata ai lettori questa nuova iniziativa editoriale targata Spirito con la Scure anche con dotte citazioni e riferimenti ai Dime Novels...

Leggi tutto

L'Intervista - Kirby Academy, a Cassino un punto di riferimento unico per chi vuole fare fumetti

17-01-2020 Hits:672 Autori e Anteprime Super User

A cura della redazione L'Associazione Culturale Cagliostro E-Press, ha 15 anni alle spalle di meritoria attività di scountng di nuovi talenti e diffusione del media fumetto sul territorio nazionale: la storia dell'Associazione, sempre presente alle principali fiere di settore, racconta di più di 150 volumi pubblicati in questi tre lustri e...

Leggi tutto

Saggio e analisi di "TESLA AND THE SECRET LODGE"

17-12-2019 Hits:2536 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

 La cover variant (a sinistra) e quella ufficiale (a destra)   Ucronia. Cosa significa questa parola? Con tale termine viene indicato un genere di narrativa fantastica basato sulla premessa che la storia del mondo abbia seguito un corso alternativo a quello reale. Deriva dal greco e significa letteralmente “nessun tempo”, analogamente a come...

Leggi tutto

Intervista con OSKAR su ZAGOR

17-12-2019 Hits:2653 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

    Facciamo quattro chiacchiere in merito al volume “L'eroe di Darkwood”, il sesto e conclusivo della mini serie “Zagor – Le Origini” che ha visto Oskar, nome d'arte di Oscar Scalco, classe 1971, disegnatore con all'attivo numerosi traguardi prestigiosi, impegnato ai disegni sui testi di Moreno Burattini. Le sue due opere che vedrete di seguito sono presenti...

Leggi tutto

Moleskine 125 » Quella falsa differenza tra Fumetto e Graphic Novel

30-08-2019 Hits:2222 Moleskine Conte di Cagliostro

Sottotitolo: Artibani e Recchioni avanti, dietro tutti quanti (Plazzi compreso) per piacere di Topolino. di Conte di Cagliostro Houston il fumettomondo ha un problema. Ci sono dei pazzi che vanno in giro spacciandosi per Francesco Artibani, Andrea Plazzi e Roberto Recchioni? O Artibani, Plazzi e Recchioni sono pazzi? Ricapitoliamo. Qualche giorno fa, il...

Leggi tutto

RECENSIONE CARTONATO DEADWOOD DICK "TRA IL TEXAS E L'INFERNO"

29-07-2019 Hits:2668 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

    "Avete mai fatto caso che nella vita ogni tanto si incontra qualcuno che non va fatto in…alberare?” Ecco, quel qualcuno è Deadwood Dick. Mutuandola ed adattandola per i nostri scopi, la celeberrima frase pronunciata da un granitico Clint Eastwood in “Gran Torino” serve perfettamente a delineare il carattere del personaggio...

Leggi tutto

Moleskine 124 » Quando scappa un fumettosauro dallo zoo del fumettomondo

15-06-2019 Hits:1882 Moleskine Conte di Cagliostro

di Conte di Cagliostro Interrompiamo il silenzio di questa disgraziata rubrica su questo disgraziatissimo sito, perchè pare che sia scappato il fumettosauro dallo zoo del fumettomondo. Per sgombrare subito il campo da qualsiasi possibile dubbio, durante la nostra assenza dal vergare queste righe siamo diventati grandissimi estimatori del famigerato Sauro Pennacchioli...

Leggi tutto