Fumetto d'Autore ISSN: 2037-6650
Dal 2008 il Magazine della Nona Arte e dintorni - Vers. 3.0 - Direttore: Alessandro Bottero
A+ A A-

L'Editoriale » Definitivo: Antani Comics fuori da Lucca 2012

antani gulp luccadi Alessandro Bottero

Un’altra delle soap primaverili-estive del fumetto mondo è arrivata a conclusione. Finalmente si sa perché Antani Comics non è stato accettato a Lucca (QUI la sua versione) per il secondo anno di seguito (e presumibilmente anche nei secoli futuri, a meno che Francesco Settemnbre non si rotoli sui cocci di bottiglia dicendo “Mi dispiace! Vi chiedo scusa!”).

Abbiamo già affrontato questo argomento - gli abbiamo dedicato 3 editoriali (Qui, Qui e Qui, e un moleskine -, cercando di riflettere su una cosa che non è una semplice bega tra privati, come alcuni vorrebbero derubricare, ma è un argomento che come organo di informazione riteniamo degno di essere posto all’attenzione del pubblico. Per essere chiari l’esclusione (per la seconda volta) di Antani Comics da Lucca Comics è una notizia. E quindi un sito che vuole fare informazione a 360° sul mondo del fumetto italiano deve darla. Se non la dà, fa male il suo lavoro. Sto dando lezioni a qualcuno? No. Dico solo quello che si deve fare. Se poi gli altri non lo fanno affari loro.

Che una fumetteria con un nome conosciuto a livello non solo locale, oltretutto gestita da una persomna che organizza un’altra manifestazione dedicata ai fumetti (NarniaFumetto) e che ne ha organizzata anche una seconda (FumetTerni) sia esclusa, è una cosa da far sapere.

Oltretutto se poi si scoprono le motivazioni. Antani Comics è stato escluso perché «creato sempre delle "criticità" come partecipante, soprattutto negli ultimi tre anni, dal 2008 al 2010.»

Queste criticità (termine bellissimo che in realtà significa “sei uno strappamaroni che non si fa mai gli affaracci tuoi, e metti sempre bocca in quello che non ti riguarda”, si sarebbero concretizzate in: «occupazione di corridoi col materiale; fumo nello stand; mancato rispetto di orari di apertura, montaggio e smontaggio, aver provocato l’intervento dei Vigili del Fuoco (in merito al fumo); aver ignorato e deriso apertamente il personale della manifestazione.»

Ora, posto che se si facesse la vivisezione di TUTTI gli espositori di Lucca Comics and Games almeno una o due di queste criticità le potresti appioppare a tutti, devo dire che sono “criticità” che fanno ridere.

Occupazione dei corridoi. Antani ha già detto «certo che ho messo il materiale nel corridoio. Sulla porta ci PIOVEVA!», ma diciamoci le cose come sono….se bisognasse non ammettere tutti coloro (negozianti ed editori) che sbordano dagli stand, i padiglioni sarebbero mezzi vuoti. Perché Antani sì, e gli altri no?

Fumo negli stand ed intervento dei Vigili del Fuoco. Chiariamo innanzitutto che “intervento dei Vigili del Fuoco” non è l’arrivo nei padiglioni dell’Autopompa a sirene spiegate, ma un signore, spenga la sigaretta”, detto dai vigili di servizio nei padiglioni, quindi non è stata questa cosa epocale, ci sono almeno altri 30 standisti che fumano tranquillamente. Io stesso più volte ho fumato la pipa nello stand. Ho fatto male? Capita. Se il fumo vi da fastidio, la prossima volta mi porto un bambino piccolo e lo squarto, così non sentirete puzza di fumo. Ma poi la cosa davvero ridicola è che Francesco Settembre (titolare di Antani Comics) non fuma. Quindi la “criticità” di Antani è avere amici o conoscenti che fumano nel suo stand. E sono anche sicuro che conosca anche qualche tifoso della Lazio. Vogliamo prenderlo a bastonate per questo?

Mancato rispetto degli orari. Allora…. Volete davvero che faccia l’elenco degli espositori (editori) che arrivano un giorno dopo, e che quindi il primo giorno non ci sono e quindi lo stand è vuoto? Volete che faccia l’elenco degli espositori (editori) che magari se ne vanno nel primo pomeriggio dell’ultimo giorno?

Non facciamo gli ingenui. Se le motivazioni che Lucca ha addotto sono queste, allora sono risibili, opinabili, e facilmente riferibili a DECINE di altri espositori, che invece sono ammessi a Lucca. Non posso credere che siano quelle vere.

Quindi:

- ipotesi A: Francesco Settembre ha rigato la macchina di tutti i membri dell’organizzazione di Lucca Comics, e poi gli ha spaccato i finestrini;

- ipotesi B: Francesco Settembre ha scassato la BEEEEP nei suoi scritti post-Lucca, quando criticava certe scelte organizzative (Certo che allora a noi di Fumetto d’Autore dovrebbero aspettarci al casello col Kalashnikov….)

- ipotesi C: Non è vero nulla, e siamo dentro ad una grande opera teatrale situazionista, alla Carmelo Bene.

PS: e pensare che c'è gente che ancora pensa questo : «E forse penso male, ma secondo me speravi che questo "movimento" di opinioni su forum e blog spingesse Lucca a cambiare idea.” Praticamente dando a Francesco Settembre la patente di furbetto che cerca di usare l’opinione pubblica a suo vantaggio, facendo la vittima.»

Magazine

L'Intervista - Kirby Academy, a Cassino un punto di riferimento unico per chi vuole fare fumetti

17-01-2020 Hits:468 Autori e Anteprime Super User

A cura della redazione L'Associazione Culturale Cagliostro E-Press, ha 15 anni alle spalle di meritoria attività di scountng di nuovi talenti e diffusione del media fumetto sul territorio nazionale: la storia dell'Associazione, sempre presente alle principali fiere di settore, racconta di più di 150 volumi pubblicati in questi tre lustri e...

Leggi tutto

Saggio e analisi di "TESLA AND THE SECRET LODGE"

17-12-2019 Hits:2313 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

 La cover variant (a sinistra) e quella ufficiale (a destra)   Ucronia. Cosa significa questa parola? Con tale termine viene indicato un genere di narrativa fantastica basato sulla premessa che la storia del mondo abbia seguito un corso alternativo a quello reale. Deriva dal greco e significa letteralmente “nessun tempo”, analogamente a come...

Leggi tutto

Intervista con OSKAR su ZAGOR

17-12-2019 Hits:2430 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

    Facciamo quattro chiacchiere in merito al volume “L'eroe di Darkwood”, il sesto e conclusivo della mini serie “Zagor – Le Origini” che ha visto Oskar, nome d'arte di Oscar Scalco, classe 1971, disegnatore con all'attivo numerosi traguardi prestigiosi, impegnato ai disegni sui testi di Moreno Burattini. Le sue due opere che vedrete di seguito sono presenti...

Leggi tutto

Moleskine 125 » Quella falsa differenza tra Fumetto e Graphic Novel

30-08-2019 Hits:1493 Moleskine Conte di Cagliostro

Sottotitolo: Artibani e Recchioni avanti, dietro tutti quanti (Plazzi compreso) per piacere di Topolino. di Conte di Cagliostro Houston il fumettomondo ha un problema. Ci sono dei pazzi che vanno in giro spacciandosi per Francesco Artibani, Andrea Plazzi e Roberto Recchioni? O Artibani, Plazzi e Recchioni sono pazzi? Ricapitoliamo. Qualche giorno fa, il...

Leggi tutto

RECENSIONE CARTONATO DEADWOOD DICK "TRA IL TEXAS E L'INFERNO"

29-07-2019 Hits:2442 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

    "Avete mai fatto caso che nella vita ogni tanto si incontra qualcuno che non va fatto in…alberare?” Ecco, quel qualcuno è Deadwood Dick. Mutuandola ed adattandola per i nostri scopi, la celeberrima frase pronunciata da un granitico Clint Eastwood in “Gran Torino” serve perfettamente a delineare il carattere del personaggio...

Leggi tutto

Moleskine 124 » Quando scappa un fumettosauro dallo zoo del fumettomondo

15-06-2019 Hits:1675 Moleskine Conte di Cagliostro

di Conte di Cagliostro Interrompiamo il silenzio di questa disgraziata rubrica su questo disgraziatissimo sito, perchè pare che sia scappato il fumettosauro dallo zoo del fumettomondo. Per sgombrare subito il campo da qualsiasi possibile dubbio, durante la nostra assenza dal vergare queste righe siamo diventati grandissimi estimatori del famigerato Sauro Pennacchioli...

Leggi tutto

Il Duce, la storia di Mussolini che la Panini non vi farà mai leggere...

15-06-2019 Hits:2060 Off Topic Super User

...Fumetto d'Autore ve la presenta corredata da un imprescindibile apparato critico. Dopo avere scoperchiato il caso della storia dedicata a Mussolini misteriosamente omessa dalla Panini, in nome della stessa libertà con cui M.M. Lupoi si riempe i profili social tutti i giorni, potete scoprire da soli se era da censurare...

Leggi tutto