Fumetto d'Autore ISSN: 2037-6650
Dal 2008 il Magazine della Nona Arte e dintorni - Vers. 3.0 - Direttore: Alessandro Bottero
A+ A A-

L'Editoriale » Diritto d'Autore: Salvate il soldato Richard O’Dwyer

Richard O'Dwyer di Alessandro Bottero

Esiste una guerra in atto nel mondo di Internet. A dire il vero più di una (vero Israele, Usa, Iran, Russia, Cina…?), ma oggi voglio parlare di una guerra che riguarda non le intelligence o i cyber-eserciti, ma i contenuti intellettuali e la libera condivisione degli stessi da parte delle comunità. La guerra è tra chi ritiene che i contenuti intellettuali siano un patrimonio comune, e tutti debbano (DEBBANO, senza concessioni e compromessi) goderne liberamente (sì, DEBBANO, perché il diritto alla cultura e alla condivisione dei contenuti è un DIRITTO, non una concessione di singoli o industrie), e chi ritiene che il soldo debba prevalere sempre e comunque su ogni altra cosa, e quindi chi attenta alla sacralità del ricavo sia da perseguitare come criminale efferato e disprezzabile. Sventurato il mondo che ha bisogno di eroi, diceva Brecht (o magari lo diceva un altro, o magari non diceva proprio così, ma l’articolo lo scrivo io e cito come e chi mi pare, capito maestrini?) . Sventurato l’artista che ha bisogno di fare il cane da guardia dell’industria, dico io. L’utile idiota di Leniniana memoria, o il liberale pronto a concionare di diritti e marce, e poi prono e sottomesso ai voleri di colui che elargisce il soldo per le sue opere.

La guerra si applica con l’imposizione di leggi liberticide che usano lo specchietto delle allodole del “diritto d’autore”, per salvaguardare solo i diritti di chi vende. Viene combattuta da persone che a parole tutelano il proprio essere autori (i Metallica, tanto per fare un nome), ma in realtà attaccano l’idea stressa di condivisione. Allora si demonizza Megaupload, si eleva la SIAE a protettore della sacralità dei diritti COMMERCIALI, si impedisce il poter fare fotocopie, si dichiara che chi regala agli amici copie da lui stesso fatte di un CD da lui stesso acquistato commette un immondo reato, perché sottrae un possibile guadagno alla casa discografica (non all’artista, alla casa discografica, diciamo le cose come stanno) diffondendo GRATIS contenuti.

La guerra si combatte oscurando siti perché “diffondono contenuti coperti da copyright”, commettendo abusi giuridici abnormi, perché se un contenuto è illegale, si sequestra il CONTENUTO, non si chiude la via d’accesso al luogo dove il contenuto incriminato si trova. Infatti un conto sono i contenuti , un altro i canali di accesso ai luoghi virtuali dove tali contenuti si trovano. Ma lo zelo della difesa del capitale, e l’utile espediente del “proteggiamo i bambini dai pericoli del far-west su internet” fanno sì che si invochi censura, sia pure mascherandola con la parola più politicamente corretta “controllo”.

La guerra si combatte colpendo uno per educarne cento. Quando lo facevano le Brigate Rosse era terrorismo. Quando lo fanno i cani da guardia del capitale invece è difesa del copyright. Ed eccoci a Richard O’Dwyer. O’Dwyer è uno studente inglese, proprietario di un sito specializzato per programmi tv e film, che si ritrova ad essere perseguito penalmente dai tribunali americano per aver violato le leggi del copyright online.

O’Dwyer, studente della Sheffield Hallam University, rischia 10 anni di prigione negli Usa per aver fondato TVShack.net. Questo portale, attualmente oscurato dalla polizia postale USA (e qui ripeto il discorso sugli abusi giuridici: tu non chiudi un portale o oscuri un sito. Tu al massimo puoi chiedere di far rimuovere il SINGOLO CONTENUTO se lo ritieni illegale) si limitava ad ospitare dei link, ossia qualcosa di perfettamente legale e non un CONTENUTO COPERTO DA COPYRIGHT, che rimandavano ad altri siti, alcuni legali e altri no ma il problema non era di TVShack.net se un sito X è illegale. Il problema è del sito X, da cui si poteva scaricare o vedere il materiale in streaming. Secondo l’interpretazione che le case discografiche e cinematografiche danno della legge americana, lo studente inglese avrebbe commesso reato, cosa falsa se solo si ragionasse sulla questione senza essere al servizio prezzolato delle case discografiche o cinematografiche. Ora che succede? Succede che il fondatore di Wikipedia, Jimmy Wales, capendo che questo è un altro atto della lunga guerra contro la libera circolazione e condivisione dei contenuti, è sceso in campo, lanciando una campagna online chiedendo al governo britannico di respingere il procedimento di estradizione richiesto dagli Stati Uniti per O'Dwyer. Il ragazzo 24enne viene presentato come "il volto umano" di una battaglia globale tra gli interessi delle industrie televisive e cinematografiche e quelli del pubblico. La campagna si svolge sotto forma di una petizione online, che si può trovare QUI.

Lo so che per qualcuno al lettore medio di fumetti tutto questo non interessa. Lo so che le solite cariatidi discetteranno di diritto d’autore in punta di fioretto e codicilli. Il punto è uno solo: il copyright come è configurato nel sistema di mercato capitalistico-occidentale è sbagliato alla radice. Da protezione dell’autore, come era quando è nato nel XVIII secolo è diventato solo lo strumento con cui le case di produzione e distribuzione impediscono alla società di godere dei contenuti intellettuali, che DEVONO essere di libero accesso per tutti. E chi difende il copyright (o diritto d’autore) così come è presente nell’ordinamento attuale, o si limita a pensarne delle modifiche “cosmetiche”, in realtà non difende affatto gli autori, ma solo il capitale.

Firmare per impedire l’estradizione di Richard O’Dwyer è giusto, e tutti quelli che si riempiono la bocca di diritti, legalità, giustizia dovrebbero farlo. Altrimenti – come sempre - si confermerà il solito andazzo: forti coi deboli, e deboli coi forti.

L’utile idiota, di bolscevica memoria è ancora vivissimo nel mondo del fumetto, soprattutto quando si parla di diritto d’autore.

Magazine

Casa Cagliostro a Lucca 2018: Chi, Cosa, Dove, Quando, Perché

25-10-2018 Hits:1199 Critica d'Autore Redazione

Di Alessandro Bottero Anche per il 2018 Lucca vedrà nei giorni di Lucca Comics & Games l’evento Casa Cagliostro, cinque giorni Autonomi & #EscLUSive nel centro della città. Chi Casa Cagliostro non fa parte di Lucca Comics. È uno spazio autonomo, indipendente, autogestito (termine che fa molto anni ’70 e che...

Leggi tutto

L'Intervista - Alessia Mainardi e Casa Ailus, destinazione Lucca 2018

25-10-2018 Hits:1091 Autori e Anteprime Redazione

Lucca 2018 si avvicina, scopriamo tutte le novità del collettivo Casa Ailus insieme alla sua vulcanica "capitana", la scrittrice Alessia Mainardi. Fumetto d'Autore: Buongiorno Alessia. Vorresti presentarti ai lettori del nostro sito? Alessia Mainardi: Buongiorno a tutti i lettori di Fumetto d'Autore. Di me posso dirvi che mi chiamo Alessia Mainardi, di...

Leggi tutto

L'Intervista - Paul Izzo, sceneggiatore per tutti i gusti

15-12-2017 Hits:10329 Autori e Anteprime Giorgio Borroni

Oggi, qui in esclusiva su Fumetto d’Autore ho il piacere di intervistare un fumettista a 360 gradi, che può vantare esperienze che vanno dalla pubblicazione indipendente su web fino a collaborazioni con una testata del calibro di Diabolik. Ladies and Gentlemen, ecco a voi… Paul izzo! FdA: Benvenuto su FdA, Paul, tolgo...

Leggi tutto

BERSERK: LUCI E OMBRE

27-11-2017 Hits:12070 Critica d'Autore Redazione

  Di Giorgio Borroni Un paio di anni fa, quando ancora frequentavo i gruppi facebookiani relativi ai fumetti, mi capitò di esprimere un paio di mie idee sulla deriva presa da Berserk, il celebre manga di Kentaro Miura. La fauna che più spesso è attiva sui social, si sa, per una bella...

Leggi tutto

Justice League - Una critica d'autore - Parte 2

21-11-2017 Hits:12333 Critica d'Autore Redazione

  Justice League of Marvel   Di Alessio Sgarlato Dopo questa lunga ma necessaria premessa, veniamo all’oggetto del contendere, ovvero Justice League, il più bel sequel di Avengers uscito finora. I film Marvel e quelli della DC con questa pellicola si trovano a dover rendere conto allo spettatore di ingombranti somiglianze estetiche. Tanto negli...

Leggi tutto

Justice League - Una critica d'autore - Parte 1

20-11-2017 Hits:12007 Critica d'Autore Redazione

  Marvel VS DC – La battaglia del secolo   Di Alessio Sgarlato   Nel 2016 esce Batman V Superman – Dawn of Justice e diventa immediatamente un film controverso, nel quale il pubblico non riesce a ritrovare lo spirito originale dei personaggi e delle storie che lo hanno ispirato. Eppure, per me si rivela...

Leggi tutto

La distopia ucronica di “Space Anabasis"

13-11-2017 Hits:12156 Critica d'Autore Redazione

    Per aspera ad astra, deinde a caelo usque ad centrum!  La distopia ucronica di “Space Anabasis”: tra i giochi di potere, nella fantascienza del passato   Roma, anno 2770 ab urbe condita: un 2017 d.C. alternativo in cui, come recita la didascalia già dalla prima striscia: « L’impero ha tenuto il sistema...

Leggi tutto