Fumetto d'Autore ISSN: 2037-6650
Dal 2008 il Magazine della Nona Arte e dintorni - Vers. 3.0 - Direttore: Alessandro Bottero
A+ A A-

L'Editoriale » Il duro mestiere dell’autore di fumetti... Sì vabbé, ma allora chi lavora in miniera che dovrebbe dire?

valterbuio1di Alessandro Bottero

Promettendo ai miei fedeli lettori che le lezioni sul giornalismo online torneranno appena possibile, di che si parla oggi?  Si parla di chiusure di serie in edicola, una per normale chiusura della miniserie e l’altra per decisione improvvisa della casa editrice, e di alcune dichiarazioni fatte dagli autori delle medesime.

Cerchiamo di essere più chiari. Valter Buio della Star Comics chiude col numero 12, e la cosa non è affatto tragica. Il progetto era di 12 numeri mensili, e la casa editrice ha tenuto fede all’impegno. Anzi, i risultati di critica e pubblico sono stati buoni, per cui si può senz’altro dire che Valter Buio è stato un buon successo per la Star Comics. Però chiude, e la cosa – proprio perché la serie piaceva e vendeva - non è stata apprezzata dai sostenitori, che rimpiangono quello che era considerato da tutti un ottimo prodotto.

L’altra chiusura è quella di Harry Moon, bimestrale Planeta. In questo caso su un progetto di 12 numeri, ne sono usciti solo 4, e la corsa si chiude qui. Perché? Credo si possa dire per vendite basse, la motivazione più normale e semplice dell’universo.

Come vedete due cose apparentemente simili (una serie che cessa le pubblicazioni), ma profondamente diverse. Nel primo caso il naturale concludersi di un progetto, nel secondo il fallimento di una proposta.

Storia vista migliaia di volte. Infatti non è questo che mi ha spinto a scrivere, bensì le dichiarazioni dei rispettivi autori (Alessandro BIlotta nel caso di Valter Buio, e Francesco Memola per Harry Moon), che quasi a suggello delle rispettive esperienze hanno detto due cose quasi identiche.

Ecco Bilotta in un estratto dell’intervista reperibile su Paperblog originariamente apparsao su ComixFactory, a cura di Stefano Perullo:

Dodici numeri pubblicati a ritmo mensile, interamente sceneggiati da te, mi sembrano davvero un grosso lavoro. Come giudichi una simile esperienza? Ha in qualche modo influito sul tuo approccio alla scrittura?

È un'esperienza massacrante e che a lungo andare non può portare a nulla di buono, nella vita di chi scrive e nel lavoro che sta realizzando. Se a questa esperienza si somma una direzione totale del lavoro, della gestione dei disegnatori, dei loro tempi, delle esigenze loro e della casa editrice è un lavoro che non vale la candela.

Ed ecco Memola in un intervento sul forum di Comicus:

A spiacermi più di ogni altra cosa è che questa notizia giunge a chiudere (non in bellezza, purtroppo!) la mia esperienza nel campo del fumetto bonellide. Comunque fosse andata, infatti, avevo già deciso che Harry Moon sarebbe comunque stato il mio ultimo progetto di questo formato. Lavorare secondo le modalità che esso comporta, al di fuori della Bonelli, è troppo impegnativo, stressante ed è anche divenuto economicamente poco conveniente.


Quello che mi colpisce è che sia Bilotta che Memola dicono (Bilotta in modo più allusivo, Memola più esplicitamente) che il lavoro di sceneggiatore “non è conveniente”. Ossia, anche sceneggiando una serie mensile (94 pagine al mese) sembra che non si guadagni abbastanza per vivere. Non è “conveniente”. Oppure “non vale la candela”.

Ora, pur conoscendo personalmente e stimando sia come persone che come professionisti Alessandro Bilotta e Federico Memola, e pur comprendendo umanamente il motivo di queste parole, devo dire di essere un po’ perplesso. Il punto è: quanto guadagna uno sceneggiatore che tutti i mesi scriva una serie mensile di 94 pagine? Ovviamente qui stiamo parlando al di fuori dalla Bonelli, che offre tariffe totalmente diverse. Al di fuori dalla Bonelli la tariffa per una pagina di sceneggiatura varia dai 15 ai 25 euro lordi. E questo dato accomuna le varie case editrici che pubblicano mensili a 94 pagine. Uno sceneggiatore che abbia come “lavoro fisso” quello di scrivere 94 pagine al mese, incassa circa 1500/1600 euro al mese. Certo, oltre a questo devi anche (in alcuni casi) seguire i disegnatori, coordinare le scadenze, fare “il cattivo”, e così via. Ma sempre 1500/1600 euro al mese ricavi.

Ora non vorrei sembrare demagogico, ma un agente di polizia prende di meno. Un insegnante delle elementari prende meno. Un infermiere prende meno. Un dottore in ospedale prende meno.

Allora, io capisco la sensazione di “esaurimento”, la necessità di “ricaricare le pile”, davvero. Non voglio sembrare spietato, o poco rispettoso delle storie altrui. Ma diosanto!!!! Se a ME danno 1500 euro al mese per scrivere fumetti……ma quanto dovrebbero dare a chi si fa un mazzo tanto in strada, per combattere la mafia? 3500 euro al mese????

O chi si fa un mazzo tanto a scuola, per insegnare a leggere e scrivere a 25 ragazzini, magari con qualche bambino handicappato in classe, e mille miliardi di problemi un po’ più seri del “oggi non mi vengono idee….”? 4500 euro al mese????

Ripeto, umanamente capisco tutto. Ma se invece vogliamo ragionare con un minimo di senso della misura allora vi prego…..datemi una serie mensile da scrivere tutta la vita!!!!

Magazine

Intervista a SILVIA ZICHE su "QUEI DUE"

01-01-2021 Hits:1283 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto e Dafne Riccietti

      Bentrovati, appassionati delle nuvole parlanti. Sono lieto ed orgoglioso di presentarvi la versione integrale dell'intervista, comparsa sull'importante numero 300 di “Fumo di China”, realizzata con la mitica Silvia Ziche, che ringrazio nuovamente.   Ritratto di Silvia Ziche, visionato anche dall'artista prima della pubblicazione, ad opera di Lorenzo Barruscotto.   Le tre vignette che troverete ad...

Leggi tutto

INTERVISTA ESCLUSIVA CON MORENO BURATTINI su "Zagor - Darkwood Novels"

26-07-2020 Hits:2890 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

   Ritratto ad opera di Lorenzo Barruscotto, autografato dallo stesso Burattini.     Buongiorno e grazie per il suo tempo. Facciamo quattro chiacchiere sulla nuova miniserie di Zagor “Darkwood Novels”.   - Nel primo volume viene presentata ai lettori questa nuova iniziativa editoriale targata Spirito con la Scure anche con dotte citazioni e riferimenti ai Dime Novels...

Leggi tutto

L'Intervista - Kirby Academy, a Cassino un punto di riferimento unico per chi vuole fare fumetti

17-01-2020 Hits:1998 Autori e Anteprime Super User

A cura della redazione L'Associazione Culturale Cagliostro E-Press, ha 15 anni alle spalle di meritoria attività di scountng di nuovi talenti e diffusione del media fumetto sul territorio nazionale: la storia dell'Associazione, sempre presente alle principali fiere di settore, racconta di più di 150 volumi pubblicati in questi tre lustri e...

Leggi tutto

Saggio e analisi di "TESLA AND THE SECRET LODGE"

17-12-2019 Hits:4123 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

 La cover variant (a sinistra) e quella ufficiale (a destra)   Ucronia. Cosa significa questa parola? Con tale termine viene indicato un genere di narrativa fantastica basato sulla premessa che la storia del mondo abbia seguito un corso alternativo a quello reale. Deriva dal greco e significa letteralmente “nessun tempo”, analogamente a come...

Leggi tutto

Intervista con OSKAR su ZAGOR

17-12-2019 Hits:4234 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

    Facciamo quattro chiacchiere in merito al volume “L'eroe di Darkwood”, il sesto e conclusivo della mini serie “Zagor – Le Origini” che ha visto Oskar, nome d'arte di Oscar Scalco, classe 1971, disegnatore con all'attivo numerosi traguardi prestigiosi, impegnato ai disegni sui testi di Moreno Burattini. Le sue due opere che vedrete di seguito sono presenti...

Leggi tutto

Moleskine 125 » Quella falsa differenza tra Fumetto e Graphic Novel

30-08-2019 Hits:3791 Moleskine Conte di Cagliostro

Sottotitolo: Artibani e Recchioni avanti, dietro tutti quanti (Plazzi compreso) per piacere di Topolino. di Conte di Cagliostro Houston il fumettomondo ha un problema. Ci sono dei pazzi che vanno in giro spacciandosi per Francesco Artibani, Andrea Plazzi e Roberto Recchioni? O Artibani, Plazzi e Recchioni sono pazzi? Ricapitoliamo. Qualche giorno fa, il...

Leggi tutto

RECENSIONE CARTONATO DEADWOOD DICK "TRA IL TEXAS E L'INFERNO"

29-07-2019 Hits:4191 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

    "Avete mai fatto caso che nella vita ogni tanto si incontra qualcuno che non va fatto in…alberare?” Ecco, quel qualcuno è Deadwood Dick. Mutuandola ed adattandola per i nostri scopi, la celeberrima frase pronunciata da un granitico Clint Eastwood in “Gran Torino” serve perfettamente a delineare il carattere del personaggio...

Leggi tutto