Fumetto d'Autore ISSN: 2037-6650
Dal 2008 il Magazine della Nona Arte e dintorni - Vers. 3.0 - Direttore: Alessandro Bottero
A+ A A-

L'Editoriale » Tutti ne parlano: l’affare “arretrati Planeta”

planetadeagostinidi Alessandro Bottero

Pronto? Siamo in onda? Mi sentite? Ok. Salve a tutti. Eccoci qui, in diretta da Fumetto d’Autore, per un’altra puntata di “Le riflessioni acide di un Direttore Scassacucchi”. Oggi il tema è….GLI ARRETRATI PLANETA CHE NON SI TROVANO!!!!! Lo sapete di cosa si tratta, no? Da mesi e mesi gli arretrati (alcuni, presumo, non proprio tutti-tutti-tutti) Planeta non arrivano nelle fumetterie. Mi spiego meglio. La fumetteria X ordina tre copie di Classicissimi ultra-nerdosi DC: Serie sconosciuta a piacere, le vende (MIRACOLOOOOOOOOOOOOO!!!!) e poi decide di ordinarne un’altra. Beh, a questo punto la catastrofe. Le copie ordinate DOPO il primo ordine non arrivano. Oppure abbiamo il caso che fa tremare l’Italia: il cofanetto di Preacher! Ordinato, e mai arrivato. Vabbé…non è che si stia parlando del riscaldamento globale, o della progressiva scomparsa della foresta amazzonica. Però capisco che per alcuni il problema possa essere serio. Comunque il punto è sempre lo stesso: che ammiezzammecca è successo? Chi si è accaparrati tutte le mille mila migliaia dei cofanetti di Preacher, o dei Classicissimi ultra-nerdosi? Da ottobre a oggi ho letto le cose più assurde, a conferma della tesi per cui spesso chi digita su una tastiera per dire la sua su internet, prima scollega il cervello dalle dita.  La più divertente è stata quella per cui Alastor, distributore della Planeta per le fumetterie, tenesse fermi nel suo magazzino gli arretrati, per poterli vendere a prezzo pieno alla fiera di Lucca. Non Narni. Non Torino Comics. Non Romics. A Lucca (perché solo a Lucca, poi????). Ossia, un distributore avrebbe messo in piedi una struttura logistica, composta da magazzini e personale, struttura che genera ogni mese un costo non indifferente come spese di mantenimento struttura e gestione (anche solo come stipendi)  e per sei mesi avrebbe volutamente non inviato il materiale alle fumetterie, spendendo per la struttura, ma non ricavando il corrispettivo. Ossia Alastor avrebbe mantenuto in piedi una struttura concepita per un lavoro in scala 100, facendola volutamente lavorare in scala 10. Non so se ridere, o essere terrorizzato al pensiero che ci siano persone (magari anche gestori di fumetterie) che credano davvero in queste idiozie. Comunque dopo Lucca, quando un po’ di questi arretrati sono riapparsi, visto che Planeta ha dato permesso ad Alastor di dirottare parte dei titoli destinati al circuito delle librerie di varia SOLO per la mostra mercato di Lucca, sono spuntate sul web ben due interviste a Pasquale Saviano. Una su Mangaforever, e una su Comicus. Interviste carine, deliziose, garbate, educate, ma se vogliamo ridondanti. Mi spiego meglio. Nell’intervista a Mangaforever (la prima delle due) Saviano a domanda, dice questo:

Le fumetterie lamentano la quasi impossibilità di avere arretrati Planeta da metà anno (o poco prima,) in poi, cosa è successo esattamente?
La logistica generale del prodotto non è più in Italia ma in Spagna. Noi in questo momento possiamo gestire il primo ordine fatto dalle fumetterie. Tale ordine viene aumentato per la nostra scorta interna. Esaurita la scorta siamo costretti al temporaneamente esaurito. La situazione perdurerà sino a che non si deciderà in Spagna la riorganizzazione delle procedure logistiche.

Cosa se ne ricava? Una serie di elementi (per chi sa leggere tra le righe)

A – Prima la logistica generale del prodotto era in Italia. Questo significa che Alastor si era dotata di una struttura logistica per ricevere, conservare, smistare, spedire un quantitativo di copie IMMENSO, affrontando costi di struttura non indifferenti, compensati però dalla facilità con cui il materiale Planeta poteva essere immesso sul mercato, soddisfacendo in tempo quasi reale ogni richiesta di arretrati (il punto di forza della Planeta nei primi anni).

B – Ora tutto il materiale stampato rimane in Spagna, anche quello in Italiano. Dove una struttura differente da Alastor lo gestisce.

C – Questa struttura, che possiamo chiamare LOGISTICA PLANETA è in fase di ristrutturazione, e ad oggi, sulla base delle nostre indagini, non ha ancora un direttore definito. Quindi parrebbe che nessuno decida nulla.

D- Alastor gestisce solo il PRIMO ORDINE che fa lei direttamente alla LOGISTICA PLANETA. Ma poi in questa situazione deve alzare le mani. O lo ordini subito, o non lo vedi più. Questo, volendo, è la sintesi hegeliana del ragionamento per le fumetterie.  Vuoi Classicissimi Super-nerdosi DC: Aquaman 1975-1980?  Allora o lo ordini subito, e Alastor lo inserisce nel PRIMO ORDINE, che può gestire, o te lo scordi. Se arriva Mario Super-Nerd e te lo ordina, dopo che hai chiuso gli ordini di quel mese, Mario Classicissimi Super-nerdosi DC: Aquaman 1975-1980 se lo può scordare.

Ma perché? Perché in Spagna dopo che hanno spedito una volta, non spediscono più. Certo, la soluzione sarebbe ovvia, no? E mi stupisco che Alastor non ci abbia pensato ancora. Se Alastor acquistasse da Planeta TUTTA LA TIRATURA, per OGNI prodotto pubblicato da Planeta, sarebbe la soluzione perfetta. Planeta stampa 5.000 copie di Classicissimi Super-nerdosi DC: Aquaman 1975-1980? Alastor le compra tutte e 5.000, e così se le ritrova in magazzino per spedirle a chi gliene chiede una copia.  Idea geniale, no? Planeta vende TUTTO ad Alastor, Alastor compra a priori TUTTO quello che Planeta stampa, e le fumetterie possono chiedere senza problemi quello che vogliono, quando vogliono. Tanto a questo punto nei magazzini Alastor ci starebbe tutto. Perché Alastor o Planeta non chiedono a me un consiglio? Due minuti e ho risolto tutto!

Comunque, una volta letto cosa dice Saviano le chiacchiere ulteriori stanno a zero. Interviste? E perché? O meglio, facciamole pure, ma basta una domanda.

DOMANDA: Egregio Signor Saviano, in base ai nostri dati non esiste un direttore della Logistica Planeta. Questo significa forse che finché non ne nomineranno uno la Planeta non spedirà nulla in Italia per il circuito fumetterie, a parte i PRIMI ORDINI?

Questa è la domanda. Il resto è fuffa.

Direttore Logistica Planeta/Persona che decide = Riparte l’invio degli arretrati

Niente Direttore Logistica Planeta/Nessuno che decide = niente arretrati.

Volete Classicissimi Super-nerdosi DC: Aquaman 1975-1980? Ordinatelo subito, è un consiglio da amico.

Magazine

Moleskine 124 » Quando scappa un fumettosauro dallo zoo del fumettomondo

15-06-2019 Hits:401 Moleskine Conte di Cagliostro

di Conte di Cagliostro Interrompiamo il silenzio di questa disgraziata rubrica su questo disgraziatissimo sito, perchè pare che sia scappato il fumettosauro dallo zoo del fumettomondo. Per sgombrare subito il campo da qualsiasi possibile dubbio, durante la nostra assenza dal vergare queste righe siamo diventati grandissimi estimatori del famigerato Sauro Pennacchioli...

Leggi tutto

Il Duce, la storia di Mussolini che la Panini non vi farà mai leggere...

15-06-2019 Hits:516 Off Topic Super User

...Fumetto d'Autore ve la presenta corredata da un imprescindibile apparato critico. Dopo avere scoperchiato il caso della storia dedicata a Mussolini misteriosamente omessa dalla Panini, in nome della stessa libertà con cui M.M. Lupoi si riempe i profili social tutti i giorni, potete scoprire da soli se era da censurare...

Leggi tutto

Rinaldo Traini, un ricordo tra luci e ombre

05-06-2019 Hits:705 Autori e Anteprime Alessandro Bottero

di Alessandro Bottero Di sicuro per Rinaldo Traini, scomparso ieri, non assisteremo ad una beatificazione post mortem come è stato per Sergio Bonelli. Troppo divisiva la sua figura, e troppo ‘profondo’ l’impatto che ha avuto nella storia del fumetto italiano, profondo non nel senso positivo del termine, ma nel senso di...

Leggi tutto

L’Europa: grande assente dal fumetto italiano mainstream

29-05-2019 Hits:322 Critica d'Autore Alessandro Bottero

di Alessandro Bottero Alcuni giorni fa si sono svolte le elezioni europee. Mi ricordo che anni e anni fa, le prime volte che si votava per il Parlamento Europeo ci si rideva su. Non si capiva a cosa servisse. Poi progressivamente ci si è resi conto (chi VUOLE rendersene conto, ovvio)...

Leggi tutto

Casa Cagliostro a Lucca 2018: Chi, Cosa, Dove, Quando, Perché

25-10-2018 Hits:3681 Critica d'Autore Redazione

Di Alessandro Bottero Anche per il 2018 Lucca vedrà nei giorni di Lucca Comics & Games l’evento Casa Cagliostro, cinque giorni Autonomi & #EscLUSive nel centro della città. Chi Casa Cagliostro non fa parte di Lucca Comics. È uno spazio autonomo, indipendente, autogestito (termine che fa molto anni ’70 e che...

Leggi tutto

L'Intervista - Alessia Mainardi e Casa Ailus, destinazione Lucca 2018

25-10-2018 Hits:3528 Autori e Anteprime Redazione

Lucca 2018 si avvicina, scopriamo tutte le novità del collettivo Casa Ailus insieme alla sua vulcanica "capitana", la scrittrice Alessia Mainardi. Fumetto d'Autore: Buongiorno Alessia. Vorresti presentarti ai lettori del nostro sito? Alessia Mainardi: Buongiorno a tutti i lettori di Fumetto d'Autore. Di me posso dirvi che mi chiamo Alessia Mainardi, di...

Leggi tutto

L'Intervista - Paul Izzo, sceneggiatore per tutti i gusti

15-12-2017 Hits:13121 Autori e Anteprime Giorgio Borroni

Oggi, qui in esclusiva su Fumetto d’Autore ho il piacere di intervistare un fumettista a 360 gradi, che può vantare esperienze che vanno dalla pubblicazione indipendente su web fino a collaborazioni con una testata del calibro di Diabolik. Ladies and Gentlemen, ecco a voi… Paul izzo! FdA: Benvenuto su FdA, Paul, tolgo...

Leggi tutto