Fumetto d'Autore ISSN: 2037-6650
Dal 2008 il Magazine della Nona Arte e dintorni - Vers. 3.0 - Direttore: Alessandro Bottero
A+ A A-

L'Editoriale » Autoproduzione: cos’è, cosa non è, a cosa serve… (Terza Parte)

autoproduzionedi Alessandro Bottero

Terza parte di questa riflessione sull’autoproduzione.Le prime due parti le trovate QUI e QUi.

Dopo aver cercato di chiarire cosa sia, e cosa non sia, è il momento di dire a cosa serva.

Autoproduzione: a cosa  serve.

Molto semplice.

L’autoproduzione serve ad esprimere un’esigenza creativa del singolo, mantenendo il controllo dell’opera lungo ogni passaggio del percorso che va dall’ideazione dell’opera, alla sua commercializzazione

Quindi due elementi:

A – esprimere  un’esigenza creativa

B – mantenere il controllo sull’opera, da parte dell’autore.

Il primo elemento è fondamentale.

È l’espressione di un qualcosa di personale, che deve spingere l’autore. La creatività è personalità. Altrimenti abbiamo al massimo la tecnica.

Ma questo, ripeto quanto detto nella seconda parte, non significa che l’autoproduzione  debba PER FORZA essere alternativa ai fumetti popolari. La mia creatività è, appunto, la MIA creatività. E se voglio raccontare e disegnare storie di supereroi, ma a modo mio, e mantenendo il controllo dell’opera, sono libero di farlo. Sicuramente c’è chi dirà “Ma i super eroi li producono già la Marvel e la DC Comics!”. Embé? Quelli sono i LORO super eroi. Io  voglio fare i miei. Sarò padrone di farlo? “Sì, però così tradisci lo spirito dell’autoproduzione, per cui devi esplorare le cose che  gli editori non ti fanno fare!”

Ecco. Questo dialogo nemmeno tanto immaginario è emblematico di come un certo modo snob intende il fumetto.

Il fumetto serio, quello autoriale, è SOLO quello che si pone contro il fumetto popolare, contro la Bonelli perché fa schifo, contro tutto quello che va in edicola, contro qualsiasi cosa che non sia “d’autore”.

E questo germe della fighetteria infetta anche come si debba intendere e a cosa serva lo STRUMENTO dell’autoproduzione.

L’autoproduzione, di per sé,  non serve a far vedere agli editori grassi, ricchi e privi di coraggio, che gli autori sono  fichi, coraggiosi, e provocatori.

No. Se UN AUTORE la intende così ha tutti i diritti di farlo, e se ci crede fa benissimo ad esprimere la sua creatività secondo quello che per lui ha senso.

Ma se un ALTRO autore non la pensa così, e vuole solo esprimere la sua creatività realizzando le storie western, o di super eroi, che lui vuole raccontare, ha tutti i diritti di fare come pare a lui, senza che un sedicente Comitato Centrale degli Autori Figosi e Snob dica a tutti cosa sia Autoproduzione e cosa no.

Lo scopo è dare voce al libero gioco delle facoltà creatrici dell’autore, e una volta accettato questo, qualsiasi contenuto ha  pari dignità.

La seconda cosa a cui serve l’Autoproduzione è mantenere il controllo sull’opera da parte dell’autore, in ogni passo del processo produttivo.

Ovvio che questo  per qualcuno conti poco. In fin dei conti (ripeto quanto detto alla fine della seconda parte) posso benissimo avere la massima libertà espressiva all’interno di una Casa Editrice, od Associazione Culturale, senza per questo usare lo strumento dell’autoproduzione.

Volendo scherzare un poco potremmo dice che è solo chi desidera controllare e gestire in prima persona tutto (direi quasi un maniaco del controllo) che è adatto all’autoproduzione.

Chi  invece è più portato per il lato autoriale, potrebbe trovare tutto il  resto (contabilità, rapporti con i tipografi, gestione della casa editrice) molto noioso, e snervante. In fin dei conto, per un Dave Sim che  faceva davvero tutto da solo con Cerebus (e Sim è DAVVERO un piccolo maniaco del controllo), abbiamo esempi come Terry Moore, Jeff Smith, o Steve Rude, dove l’artista pensa a realizzare l’opera, e le mogli gestiscono tutto il resto.

E quindi? La conclusione?

L’autoproduzione  non è una passeggiata. È uno strumento tramite cui esprimere in modo del tutto autonomo la propria creatività, mantenendo il totale controllo dell’opera in ogni fase del processo produttivo. Si ha autoproduzione, quando si rispettano questi  quattro punti

chi si autoproduce

1 – è l’autore, in tutto o in parte, dell’opera prodotta;

2 -decide in modo autonomo tempi, modi e formati dell’opera prodotta;

3 – investe direttamente in prima persona i propri soldi, nel pagamento della produzione dell’opera;

4 – ha un contatto diretto con le strutture  distributive, che diffonderanno l’opera nei punti vendita.

Ed avere una moglie che gestisce la parte burocratica, mentre l’autore crea il suo capolavoro, aiuta molto.

Magazine

L'Intervista - Kirby Academy, a Cassino un punto di riferimento unico per chi vuole fare fumetti

17-01-2020 Hits:489 Autori e Anteprime Super User

A cura della redazione L'Associazione Culturale Cagliostro E-Press, ha 15 anni alle spalle di meritoria attività di scountng di nuovi talenti e diffusione del media fumetto sul territorio nazionale: la storia dell'Associazione, sempre presente alle principali fiere di settore, racconta di più di 150 volumi pubblicati in questi tre lustri e...

Leggi tutto

Saggio e analisi di "TESLA AND THE SECRET LODGE"

17-12-2019 Hits:2332 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

 La cover variant (a sinistra) e quella ufficiale (a destra)   Ucronia. Cosa significa questa parola? Con tale termine viene indicato un genere di narrativa fantastica basato sulla premessa che la storia del mondo abbia seguito un corso alternativo a quello reale. Deriva dal greco e significa letteralmente “nessun tempo”, analogamente a come...

Leggi tutto

Intervista con OSKAR su ZAGOR

17-12-2019 Hits:2442 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

    Facciamo quattro chiacchiere in merito al volume “L'eroe di Darkwood”, il sesto e conclusivo della mini serie “Zagor – Le Origini” che ha visto Oskar, nome d'arte di Oscar Scalco, classe 1971, disegnatore con all'attivo numerosi traguardi prestigiosi, impegnato ai disegni sui testi di Moreno Burattini. Le sue due opere che vedrete di seguito sono presenti...

Leggi tutto

Moleskine 125 » Quella falsa differenza tra Fumetto e Graphic Novel

30-08-2019 Hits:1513 Moleskine Conte di Cagliostro

Sottotitolo: Artibani e Recchioni avanti, dietro tutti quanti (Plazzi compreso) per piacere di Topolino. di Conte di Cagliostro Houston il fumettomondo ha un problema. Ci sono dei pazzi che vanno in giro spacciandosi per Francesco Artibani, Andrea Plazzi e Roberto Recchioni? O Artibani, Plazzi e Recchioni sono pazzi? Ricapitoliamo. Qualche giorno fa, il...

Leggi tutto

RECENSIONE CARTONATO DEADWOOD DICK "TRA IL TEXAS E L'INFERNO"

29-07-2019 Hits:2460 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

    "Avete mai fatto caso che nella vita ogni tanto si incontra qualcuno che non va fatto in…alberare?” Ecco, quel qualcuno è Deadwood Dick. Mutuandola ed adattandola per i nostri scopi, la celeberrima frase pronunciata da un granitico Clint Eastwood in “Gran Torino” serve perfettamente a delineare il carattere del personaggio...

Leggi tutto

Moleskine 124 » Quando scappa un fumettosauro dallo zoo del fumettomondo

15-06-2019 Hits:1694 Moleskine Conte di Cagliostro

di Conte di Cagliostro Interrompiamo il silenzio di questa disgraziata rubrica su questo disgraziatissimo sito, perchè pare che sia scappato il fumettosauro dallo zoo del fumettomondo. Per sgombrare subito il campo da qualsiasi possibile dubbio, durante la nostra assenza dal vergare queste righe siamo diventati grandissimi estimatori del famigerato Sauro Pennacchioli...

Leggi tutto

Il Duce, la storia di Mussolini che la Panini non vi farà mai leggere...

15-06-2019 Hits:2082 Off Topic Super User

...Fumetto d'Autore ve la presenta corredata da un imprescindibile apparato critico. Dopo avere scoperchiato il caso della storia dedicata a Mussolini misteriosamente omessa dalla Panini, in nome della stessa libertà con cui M.M. Lupoi si riempe i profili social tutti i giorni, potete scoprire da soli se era da censurare...

Leggi tutto