Fumetto d'Autore ISSN: 2037-6650
Dal 2008 il Magazine della Nona Arte e dintorni - Vers. 3.0 - Direttore: Alessandro Bottero
A+ A A-

L'Editoriale » Stati Generali del Fumetto: ma allora conta chi dice le cose, non le cose che si dicono?

statigeneralidi Alessandro Bottero

Ebbene sì, mentre tutti sono trulleri e garruli a Narni, a dare il via alla stagione estivo-autunnale delle mostre mercato a fumetti 2010 con Narnia Fumetto, io torno a parlare sull’ormai famosissimo ed estenuante dibattito online sul giusto compenso agli autori/se c’è la crisi/se gli editori sono cattivi/se ce la potrò mai fare a pagarmi l’appartamento sulle Ramblas, solo facendo il fumettista. I cosiddetti Stati Generali degli autori del Fumetto.

E torno a parlarci perché adesso è arrivato anche Roberto Recchioni a esprimere la sua opinione a riguardo. Ora, a scanso di equivoci e fraintendimenti, io non sto rubando i suoi articoli sull’argomento, visto che di questa cosa qui su Fumetto d’Autore se ne parla da mesi, ma sto esponendo le mie riflessioni su quel che ha detto lui nel suo blog.

Si chiama “Riflettere ed esporre le proprie riflessioni dopo aver letto qualcosa di interessante”, per i meno attenti.

Comunque, detto questo, così da evitare spiacevoli accuse future, devo dire di essere piacevolmente sorpreso da cosa ha scritto Roberto Recchioni, nei primi due post che ha dedicato a questo tema (QUI e QUI).

È vero che tra me e lui permane la divergenza di opinioni circa la crisi del mercato. Per lui sostanzialmente la crisi è solo percepita, mentre a mio modo di vedere la crisi di vendite è reale, e complessivamente si vendono MENO fumetti di prima, ma questo è tema per un’altra discussione, e non l’affronto qui.

Il punto è che Roberto Recchioni ha detto esplicitamente che per lui questo incontro non ha senso, e, interpellato per partecipare direttamente a Lucca, alla Tavola Rotonda, se ne è tirato fuori.

La cosa mi fa piacere, perché una sostanziale inutilità della cosa, o se vogliamo una sua “ridondanza storica”, era stata detta da me in più di una occasione. Quindi trovarmi concorde con Recchioni - certo per un aspetto solo e pur con tutti i distinguo che sicuramente arriveranno - fa piacere.

Il discorso però è un altro: quando io ho detto certe cose il commento più carino è stato “pessimismo cosmico”, quando non era stato affatto suggerito tra le righe che io volessi squalificare volutamente l’incontro degli Stati Generali, per chissà quale perfidia di fondo.

Ora invece nessuno ha levato alti gli strali contro Roberto Recchioni, ma al contrario gli si viene incontro, si “comprende” la sua posizione, gli si dice bonariamente “ma certo che hai ragione, però …”

Allora mi chiedo: dove sono quelli che attaccavano senza se e senza ma gli articoli di Fumetto d’Autore (non qui, certo, ma su blogghe o forum) quando esternavamo la nostra posizione su gli Stati Generali del Fumetto?

Sono forse a Narni, a bersi una birretta, e a dire  “sìsìsìsìsìsì, hai ragione. La crisi non c’è. E oggi gli autori possono lavorare. E hai scritto cose tanto tanto giuste. Ah, e il tuo Dylan Dog è il migliore dai tempi di Sclavi. Appena ho tempo ne leggo uno”?

Allora è vero che anche nel fantastico, dorato, simpatico, amichevole mondo del fumetto non conta COSA si dice, ma CHI dice le cose?

Sapete una cosa? Lo sospettavo.

Ora lo so.

Magazine

Casa Cagliostro a Lucca 2018: Chi, Cosa, Dove, Quando, Perché

25-10-2018 Hits:3507 Critica d'Autore Redazione

Di Alessandro Bottero Anche per il 2018 Lucca vedrà nei giorni di Lucca Comics & Games l’evento Casa Cagliostro, cinque giorni Autonomi & #EscLUSive nel centro della città. Chi Casa Cagliostro non fa parte di Lucca Comics. È uno spazio autonomo, indipendente, autogestito (termine che fa molto anni ’70 e che...

Leggi tutto

L'Intervista - Alessia Mainardi e Casa Ailus, destinazione Lucca 2018

25-10-2018 Hits:3345 Autori e Anteprime Redazione

Lucca 2018 si avvicina, scopriamo tutte le novità del collettivo Casa Ailus insieme alla sua vulcanica "capitana", la scrittrice Alessia Mainardi. Fumetto d'Autore: Buongiorno Alessia. Vorresti presentarti ai lettori del nostro sito? Alessia Mainardi: Buongiorno a tutti i lettori di Fumetto d'Autore. Di me posso dirvi che mi chiamo Alessia Mainardi, di...

Leggi tutto

L'Intervista - Paul Izzo, sceneggiatore per tutti i gusti

15-12-2017 Hits:12935 Autori e Anteprime Giorgio Borroni

Oggi, qui in esclusiva su Fumetto d’Autore ho il piacere di intervistare un fumettista a 360 gradi, che può vantare esperienze che vanno dalla pubblicazione indipendente su web fino a collaborazioni con una testata del calibro di Diabolik. Ladies and Gentlemen, ecco a voi… Paul izzo! FdA: Benvenuto su FdA, Paul, tolgo...

Leggi tutto

BERSERK: LUCI E OMBRE

27-11-2017 Hits:14894 Critica d'Autore Redazione

  Di Giorgio Borroni Un paio di anni fa, quando ancora frequentavo i gruppi facebookiani relativi ai fumetti, mi capitò di esprimere un paio di mie idee sulla deriva presa da Berserk, il celebre manga di Kentaro Miura. La fauna che più spesso è attiva sui social, si sa, per una bella...

Leggi tutto

Justice League - Una critica d'autore - Parte 2

21-11-2017 Hits:14956 Critica d'Autore Redazione

  Justice League of Marvel   Di Alessio Sgarlato Dopo questa lunga ma necessaria premessa, veniamo all’oggetto del contendere, ovvero Justice League, il più bel sequel di Avengers uscito finora. I film Marvel e quelli della DC con questa pellicola si trovano a dover rendere conto allo spettatore di ingombranti somiglianze estetiche. Tanto negli...

Leggi tutto

Justice League - Una critica d'autore - Parte 1

20-11-2017 Hits:14534 Critica d'Autore Redazione

  Marvel VS DC – La battaglia del secolo   Di Alessio Sgarlato   Nel 2016 esce Batman V Superman – Dawn of Justice e diventa immediatamente un film controverso, nel quale il pubblico non riesce a ritrovare lo spirito originale dei personaggi e delle storie che lo hanno ispirato. Eppure, per me si rivela...

Leggi tutto

La distopia ucronica di “Space Anabasis"

13-11-2017 Hits:14725 Critica d'Autore Redazione

    Per aspera ad astra, deinde a caelo usque ad centrum!  La distopia ucronica di “Space Anabasis”: tra i giochi di potere, nella fantascienza del passato   Roma, anno 2770 ab urbe condita: un 2017 d.C. alternativo in cui, come recita la didascalia già dalla prima striscia: « L’impero ha tenuto il sistema...

Leggi tutto