Fumetto d'Autore ISSN: 2037-6650
Dal 2008 il Magazine della Nona Arte e dintorni - Vers. 3.0 - Direttore: Alessandro Bottero
A+ A A-

L'Editoriale » Del giusto salario, e del rivendicazionismo spinto prima di Lucca

identitycrisisdi Alessandro Bottero

Ebbene alla fine è fatta.

Gli autori vessati, vilipesi, e sfruttati dai ricchi e pasciuti editori (sì, perché miei piccoli lettori, dovete sapere che gli editori che pubblicano fumetti in Italia sono TUTTI ricchissimi, sfruttano gli esordienti, sono bastardi dentro, se ne fottono se un prodotto vende o meno, e la loro UNICA  preoccupazione è avere un fumetto in più nel catalogo) si vedranno a Lucca, in occasione di Lucca Comics & Games 2010 (ne avevamo già parlato qui).

Si parla di un incontro in una sala  del  Museo di Lucca,  (e qui già le cose non mi tornano…ma se il Museo di Lucca e Lucca Comics & Games sono ai ferri corti, mi spiegate come mai questo connubio? ) in cui alcuni autori, presumibilmente radunati con un passaparola, si riuniranno e daranno finalmente via l ibera alle lamentele verso i cattivi editori che sfruttano i giovani autori/esordienti, e non li pagano, e poi vanno in Porsche. Presumibilmente alcuni nomi autorevoli tra  le “mamme protettrici del fumetto” bruceranno in effige gli editori cattivi cattivi, e così gli spiriti di tutti saranno sollevati, e giustizia sarà fatta. A proposito. Anche io sono un autore, avendo scritto storie per Disney,. Premium, Ave, Eura, ed altri…mi chiedo se mi chiameranno.

Ora, al di là della satira applicata a questo rivendicazionismo vetero-sindacale (perché resta sempre valido l’insegnamento del maggio francese “Una risata vi seppellirà”), vediamo di cosa si tratti.

In Italia, attualmente, i fumetti si vendono poco. È un dato di fatto.

Gli autori (sceneggiatori e disegnatori) però dicono “A me non me ne frega nulla, se tu editore non vendi. Io il fumetto l’ho fatto, e tu me lo hai da pagà! E voglio almeno 1.000 euri per un volume da 100 pagine”. E se gli si fa notare che con i venduti attuali è impossibile, una delle risposte è “E a me chemmefrega? Vuoi vendere? Allora SPENDI un sacco di euri in promozione! Però prima caccia i soldi per ME!”.

Morale della favola: l’editore  deve pagare tipografo, autore, spendere per la promozione, e alla fine della giostra, se vende 1.000 copie su mille forse pareggia le spese.

Leggo su vari blog, in particolare lo dice Marco Ficarra, che un piccolo editore avrebbe le vendite assestate sulle 500 copie.

Marco? Ci sei? Mi leggi? Sei un editore? Evidentemente NO, perché dici una cosa che non è vera. Non è vero che la media o la maggioranza dei prodotti italiani, realizzati dai piccoli editori, vendano 500 copie in fumetteria.

Non è vero. E se tu ne sei convinto, sei convinto di una cosa non vera. E tutto il tuo discorso su compensi, quote, aliquote, e mazzi vari, cade fragorosamente.

Il venduto MEDIO di un prodotto italiano nelle fumetterie, da parte di un piccolo editore, sembra che per ora oscilli tra le 100 e le 200 copie.

Non di più.

Per una stampa (se vai in tipografia) che non può essere inferiore alle 800 copie.

Ossia tu editore, con il primo (e spesso unico) ordine nelle fumetterie, non ci ripaghi nemmeno la META’ della spesa della tipografia.

Rischio di impresa? Ok. Mi sta bene. Io VOGLIO pubblicare quella cosa, e accetto il rischio che non si venda.

Ma non capisco perché dovrei essere così masochista da dover dare 1000 euro all’autore, solo perché…perché? Perché ha lavorato? E io che ho fatto? Mi sono grattato il sedere?

L’autore sarà pagato con le royalties, SE il fumetto vende tanto da coprire le spese. Sennò no. Rischio d’impresa io, e rischio di impresa lui.

Con una differenza. Che il piccolo editore il tipografo lo deve pagare, quindi il piccolo editore i soldi li caccia. L’autore non caccia nessun euro.

Io i 3.000 euro più Iva per il Massacratore Remix 3 li devo dare alla tipografia, a prescindere se si venda o meno.

Chiudo.

Per me esiste un unico modo per regolare i rapporti tra autore ed editore: patti chiari fin dal principio, e rispetto dei patti.

Ti dico che ti do mille euro a pagina? Tu accetti? Allora tu mi dai il lavoro, e io ti do mille euro a pagina

TI dico che NON ti do nessun anticipo, e ti pago SOLO con le royalties, se si coprono le spese? Tu accetti? Allora non ti do nessun anticipo, e ti do i soldi se si coprono le spese.

Ti dico che non ti ho possibilità di pagarti, ma lavoro per promuovere il tuo prodotto? Accetti? Allora non ti pago, e lavoro per promuovere il tuo prodotto.

Non esiste nessuna legge per cui l’editore DEBBA dare un salario minimo a tavola. Non esiste.

Esiste una libera contrattazione, e ciascuno è libero di decidere cosa fare, sulla base di patti chiari stabiliti all’inizio.

Voglio lavorare  gratis? Sono libero di farlo, e nessuno ha diritto di dire “rovini il  mercato”.

Io decido in totale autonomia cosa fare e con chi farlo, e le mammine che “proteggono” gli esordienti, farebbero meglio a non parlare di cose che non conoscono.

Quando Ketty Formaggio, colorista, dice:

“-il tuo fumetto pubblicato da Xeditore verrà stampato in una 50 di copie se va di lusso, e lo comprerai solo tu e i tuoi parenti
- Xeditore non ha soldi da spendere con te, figurarsi se spende tempo a correggere i tuoi errori e a migliorati, come farebbe qualsiasi casa editrice pagante con un editing vero, quindi tu esordiente non impari NULLA da questa esperienza
- se l'esordiente va con il suo fumetto pubblicato da Xeditore in mano da una casa editrice seria, la casa editrice seria non terrà in minimo conto quella pubblicazione, perchè sa PERFETTAMENTE che l'esordiente è passato da Xeditore solo per fare numero nel catalogo dei titoli pubblicati.”

Dice tre cose non vere, sicuramente in buona fede, ma diffonde notizie sbagliate, e contribuisce a dare di alcune case editrici un’immagine falsa, e potrei dire anche  vagamente diffamatoria.

Non è vero che i fumetti pubblicati da pinco pallino lo comprano solo i parenti

Non è vero che le case editrici che non pagano NON seguono gli autori

Non è vero che le case editrici “serie” non prendono in considerazione i prodotti stampati da Xeditore.

Stranamente, per Ketty Formaggio intendo, molti dei disegnatori che hanno pubblicato per Cagliostro E-Press, che è anche l’editore di Fumetto d’Autore, ora lavorano per altri editori (che credo Ketty Formaggio etichetterebbe come “seri” visto che con uno di questi editori ci collabora anche lei), PROPRIO in virtù delle cose pubblicate per Cagliostro E-Press.

MA non ditelo a Ketty Formaggio, sennò il suo castello teorico crolla miseramente….

Ora vado, devo andare a fare una nuotata nella piscina olimpica che mi sono costruito sfruttando gli autori esordienti…..

Magazine

L'Intervista - Kirby Academy, a Cassino un punto di riferimento unico per chi vuole fare fumetti

17-01-2020 Hits:489 Autori e Anteprime Super User

A cura della redazione L'Associazione Culturale Cagliostro E-Press, ha 15 anni alle spalle di meritoria attività di scountng di nuovi talenti e diffusione del media fumetto sul territorio nazionale: la storia dell'Associazione, sempre presente alle principali fiere di settore, racconta di più di 150 volumi pubblicati in questi tre lustri e...

Leggi tutto

Saggio e analisi di "TESLA AND THE SECRET LODGE"

17-12-2019 Hits:2332 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

 La cover variant (a sinistra) e quella ufficiale (a destra)   Ucronia. Cosa significa questa parola? Con tale termine viene indicato un genere di narrativa fantastica basato sulla premessa che la storia del mondo abbia seguito un corso alternativo a quello reale. Deriva dal greco e significa letteralmente “nessun tempo”, analogamente a come...

Leggi tutto

Intervista con OSKAR su ZAGOR

17-12-2019 Hits:2442 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

    Facciamo quattro chiacchiere in merito al volume “L'eroe di Darkwood”, il sesto e conclusivo della mini serie “Zagor – Le Origini” che ha visto Oskar, nome d'arte di Oscar Scalco, classe 1971, disegnatore con all'attivo numerosi traguardi prestigiosi, impegnato ai disegni sui testi di Moreno Burattini. Le sue due opere che vedrete di seguito sono presenti...

Leggi tutto

Moleskine 125 » Quella falsa differenza tra Fumetto e Graphic Novel

30-08-2019 Hits:1513 Moleskine Conte di Cagliostro

Sottotitolo: Artibani e Recchioni avanti, dietro tutti quanti (Plazzi compreso) per piacere di Topolino. di Conte di Cagliostro Houston il fumettomondo ha un problema. Ci sono dei pazzi che vanno in giro spacciandosi per Francesco Artibani, Andrea Plazzi e Roberto Recchioni? O Artibani, Plazzi e Recchioni sono pazzi? Ricapitoliamo. Qualche giorno fa, il...

Leggi tutto

RECENSIONE CARTONATO DEADWOOD DICK "TRA IL TEXAS E L'INFERNO"

29-07-2019 Hits:2460 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

    "Avete mai fatto caso che nella vita ogni tanto si incontra qualcuno che non va fatto in…alberare?” Ecco, quel qualcuno è Deadwood Dick. Mutuandola ed adattandola per i nostri scopi, la celeberrima frase pronunciata da un granitico Clint Eastwood in “Gran Torino” serve perfettamente a delineare il carattere del personaggio...

Leggi tutto

Moleskine 124 » Quando scappa un fumettosauro dallo zoo del fumettomondo

15-06-2019 Hits:1694 Moleskine Conte di Cagliostro

di Conte di Cagliostro Interrompiamo il silenzio di questa disgraziata rubrica su questo disgraziatissimo sito, perchè pare che sia scappato il fumettosauro dallo zoo del fumettomondo. Per sgombrare subito il campo da qualsiasi possibile dubbio, durante la nostra assenza dal vergare queste righe siamo diventati grandissimi estimatori del famigerato Sauro Pennacchioli...

Leggi tutto

Il Duce, la storia di Mussolini che la Panini non vi farà mai leggere...

15-06-2019 Hits:2082 Off Topic Super User

...Fumetto d'Autore ve la presenta corredata da un imprescindibile apparato critico. Dopo avere scoperchiato il caso della storia dedicata a Mussolini misteriosamente omessa dalla Panini, in nome della stessa libertà con cui M.M. Lupoi si riempe i profili social tutti i giorni, potete scoprire da soli se era da censurare...

Leggi tutto