Fumetto d'Autore ISSN: 2037-6650
Dal 2008 il Magazine della Nona Arte e dintorni - Vers. 3.0 - Direttore: Alessandro Bottero
A+ A A-

L'Editoriale » Del giusto salario, e del rivendicazionismo spinto prima di Lucca

identitycrisisdi Alessandro Bottero

Ebbene alla fine è fatta.

Gli autori vessati, vilipesi, e sfruttati dai ricchi e pasciuti editori (sì, perché miei piccoli lettori, dovete sapere che gli editori che pubblicano fumetti in Italia sono TUTTI ricchissimi, sfruttano gli esordienti, sono bastardi dentro, se ne fottono se un prodotto vende o meno, e la loro UNICA  preoccupazione è avere un fumetto in più nel catalogo) si vedranno a Lucca, in occasione di Lucca Comics & Games 2010 (ne avevamo già parlato qui).

Si parla di un incontro in una sala  del  Museo di Lucca,  (e qui già le cose non mi tornano…ma se il Museo di Lucca e Lucca Comics & Games sono ai ferri corti, mi spiegate come mai questo connubio? ) in cui alcuni autori, presumibilmente radunati con un passaparola, si riuniranno e daranno finalmente via l ibera alle lamentele verso i cattivi editori che sfruttano i giovani autori/esordienti, e non li pagano, e poi vanno in Porsche. Presumibilmente alcuni nomi autorevoli tra  le “mamme protettrici del fumetto” bruceranno in effige gli editori cattivi cattivi, e così gli spiriti di tutti saranno sollevati, e giustizia sarà fatta. A proposito. Anche io sono un autore, avendo scritto storie per Disney,. Premium, Ave, Eura, ed altri…mi chiedo se mi chiameranno.

Ora, al di là della satira applicata a questo rivendicazionismo vetero-sindacale (perché resta sempre valido l’insegnamento del maggio francese “Una risata vi seppellirà”), vediamo di cosa si tratti.

In Italia, attualmente, i fumetti si vendono poco. È un dato di fatto.

Gli autori (sceneggiatori e disegnatori) però dicono “A me non me ne frega nulla, se tu editore non vendi. Io il fumetto l’ho fatto, e tu me lo hai da pagà! E voglio almeno 1.000 euri per un volume da 100 pagine”. E se gli si fa notare che con i venduti attuali è impossibile, una delle risposte è “E a me chemmefrega? Vuoi vendere? Allora SPENDI un sacco di euri in promozione! Però prima caccia i soldi per ME!”.

Morale della favola: l’editore  deve pagare tipografo, autore, spendere per la promozione, e alla fine della giostra, se vende 1.000 copie su mille forse pareggia le spese.

Leggo su vari blog, in particolare lo dice Marco Ficarra, che un piccolo editore avrebbe le vendite assestate sulle 500 copie.

Marco? Ci sei? Mi leggi? Sei un editore? Evidentemente NO, perché dici una cosa che non è vera. Non è vero che la media o la maggioranza dei prodotti italiani, realizzati dai piccoli editori, vendano 500 copie in fumetteria.

Non è vero. E se tu ne sei convinto, sei convinto di una cosa non vera. E tutto il tuo discorso su compensi, quote, aliquote, e mazzi vari, cade fragorosamente.

Il venduto MEDIO di un prodotto italiano nelle fumetterie, da parte di un piccolo editore, sembra che per ora oscilli tra le 100 e le 200 copie.

Non di più.

Per una stampa (se vai in tipografia) che non può essere inferiore alle 800 copie.

Ossia tu editore, con il primo (e spesso unico) ordine nelle fumetterie, non ci ripaghi nemmeno la META’ della spesa della tipografia.

Rischio di impresa? Ok. Mi sta bene. Io VOGLIO pubblicare quella cosa, e accetto il rischio che non si venda.

Ma non capisco perché dovrei essere così masochista da dover dare 1000 euro all’autore, solo perché…perché? Perché ha lavorato? E io che ho fatto? Mi sono grattato il sedere?

L’autore sarà pagato con le royalties, SE il fumetto vende tanto da coprire le spese. Sennò no. Rischio d’impresa io, e rischio di impresa lui.

Con una differenza. Che il piccolo editore il tipografo lo deve pagare, quindi il piccolo editore i soldi li caccia. L’autore non caccia nessun euro.

Io i 3.000 euro più Iva per il Massacratore Remix 3 li devo dare alla tipografia, a prescindere se si venda o meno.

Chiudo.

Per me esiste un unico modo per regolare i rapporti tra autore ed editore: patti chiari fin dal principio, e rispetto dei patti.

Ti dico che ti do mille euro a pagina? Tu accetti? Allora tu mi dai il lavoro, e io ti do mille euro a pagina

TI dico che NON ti do nessun anticipo, e ti pago SOLO con le royalties, se si coprono le spese? Tu accetti? Allora non ti do nessun anticipo, e ti do i soldi se si coprono le spese.

Ti dico che non ti ho possibilità di pagarti, ma lavoro per promuovere il tuo prodotto? Accetti? Allora non ti pago, e lavoro per promuovere il tuo prodotto.

Non esiste nessuna legge per cui l’editore DEBBA dare un salario minimo a tavola. Non esiste.

Esiste una libera contrattazione, e ciascuno è libero di decidere cosa fare, sulla base di patti chiari stabiliti all’inizio.

Voglio lavorare  gratis? Sono libero di farlo, e nessuno ha diritto di dire “rovini il  mercato”.

Io decido in totale autonomia cosa fare e con chi farlo, e le mammine che “proteggono” gli esordienti, farebbero meglio a non parlare di cose che non conoscono.

Quando Ketty Formaggio, colorista, dice:

“-il tuo fumetto pubblicato da Xeditore verrà stampato in una 50 di copie se va di lusso, e lo comprerai solo tu e i tuoi parenti
- Xeditore non ha soldi da spendere con te, figurarsi se spende tempo a correggere i tuoi errori e a migliorati, come farebbe qualsiasi casa editrice pagante con un editing vero, quindi tu esordiente non impari NULLA da questa esperienza
- se l'esordiente va con il suo fumetto pubblicato da Xeditore in mano da una casa editrice seria, la casa editrice seria non terrà in minimo conto quella pubblicazione, perchè sa PERFETTAMENTE che l'esordiente è passato da Xeditore solo per fare numero nel catalogo dei titoli pubblicati.”

Dice tre cose non vere, sicuramente in buona fede, ma diffonde notizie sbagliate, e contribuisce a dare di alcune case editrici un’immagine falsa, e potrei dire anche  vagamente diffamatoria.

Non è vero che i fumetti pubblicati da pinco pallino lo comprano solo i parenti

Non è vero che le case editrici che non pagano NON seguono gli autori

Non è vero che le case editrici “serie” non prendono in considerazione i prodotti stampati da Xeditore.

Stranamente, per Ketty Formaggio intendo, molti dei disegnatori che hanno pubblicato per Cagliostro E-Press, che è anche l’editore di Fumetto d’Autore, ora lavorano per altri editori (che credo Ketty Formaggio etichetterebbe come “seri” visto che con uno di questi editori ci collabora anche lei), PROPRIO in virtù delle cose pubblicate per Cagliostro E-Press.

MA non ditelo a Ketty Formaggio, sennò il suo castello teorico crolla miseramente….

Ora vado, devo andare a fare una nuotata nella piscina olimpica che mi sono costruito sfruttando gli autori esordienti…..

Magazine

Moleskine 124 » Quando scappa un fumettosauro dallo zoo del fumettomondo

15-06-2019 Hits:401 Moleskine Conte di Cagliostro

di Conte di Cagliostro Interrompiamo il silenzio di questa disgraziata rubrica su questo disgraziatissimo sito, perchè pare che sia scappato il fumettosauro dallo zoo del fumettomondo. Per sgombrare subito il campo da qualsiasi possibile dubbio, durante la nostra assenza dal vergare queste righe siamo diventati grandissimi estimatori del famigerato Sauro Pennacchioli...

Leggi tutto

Il Duce, la storia di Mussolini che la Panini non vi farà mai leggere...

15-06-2019 Hits:516 Off Topic Super User

...Fumetto d'Autore ve la presenta corredata da un imprescindibile apparato critico. Dopo avere scoperchiato il caso della storia dedicata a Mussolini misteriosamente omessa dalla Panini, in nome della stessa libertà con cui M.M. Lupoi si riempe i profili social tutti i giorni, potete scoprire da soli se era da censurare...

Leggi tutto

Rinaldo Traini, un ricordo tra luci e ombre

05-06-2019 Hits:705 Autori e Anteprime Alessandro Bottero

di Alessandro Bottero Di sicuro per Rinaldo Traini, scomparso ieri, non assisteremo ad una beatificazione post mortem come è stato per Sergio Bonelli. Troppo divisiva la sua figura, e troppo ‘profondo’ l’impatto che ha avuto nella storia del fumetto italiano, profondo non nel senso positivo del termine, ma nel senso di...

Leggi tutto

L’Europa: grande assente dal fumetto italiano mainstream

29-05-2019 Hits:322 Critica d'Autore Alessandro Bottero

di Alessandro Bottero Alcuni giorni fa si sono svolte le elezioni europee. Mi ricordo che anni e anni fa, le prime volte che si votava per il Parlamento Europeo ci si rideva su. Non si capiva a cosa servisse. Poi progressivamente ci si è resi conto (chi VUOLE rendersene conto, ovvio)...

Leggi tutto

Casa Cagliostro a Lucca 2018: Chi, Cosa, Dove, Quando, Perché

25-10-2018 Hits:3681 Critica d'Autore Redazione

Di Alessandro Bottero Anche per il 2018 Lucca vedrà nei giorni di Lucca Comics & Games l’evento Casa Cagliostro, cinque giorni Autonomi & #EscLUSive nel centro della città. Chi Casa Cagliostro non fa parte di Lucca Comics. È uno spazio autonomo, indipendente, autogestito (termine che fa molto anni ’70 e che...

Leggi tutto

L'Intervista - Alessia Mainardi e Casa Ailus, destinazione Lucca 2018

25-10-2018 Hits:3528 Autori e Anteprime Redazione

Lucca 2018 si avvicina, scopriamo tutte le novità del collettivo Casa Ailus insieme alla sua vulcanica "capitana", la scrittrice Alessia Mainardi. Fumetto d'Autore: Buongiorno Alessia. Vorresti presentarti ai lettori del nostro sito? Alessia Mainardi: Buongiorno a tutti i lettori di Fumetto d'Autore. Di me posso dirvi che mi chiamo Alessia Mainardi, di...

Leggi tutto

L'Intervista - Paul Izzo, sceneggiatore per tutti i gusti

15-12-2017 Hits:13121 Autori e Anteprime Giorgio Borroni

Oggi, qui in esclusiva su Fumetto d’Autore ho il piacere di intervistare un fumettista a 360 gradi, che può vantare esperienze che vanno dalla pubblicazione indipendente su web fino a collaborazioni con una testata del calibro di Diabolik. Ladies and Gentlemen, ecco a voi… Paul izzo! FdA: Benvenuto su FdA, Paul, tolgo...

Leggi tutto