Fumetto d'Autore ISSN: 2037-6650
Dal 2008 il Magazine della Nona Arte e dintorni - Vers. 3.0 - Direttore: Alessandro Bottero
A+ A A-

L'Editoriale » Il feticismo nerd esiste ancora?

harrynayborsdi Alessandro Bottero

Uno dei vantaggi dell’avere una certa “età”, riferendoci al tempo passato nel mondo del fumetto, è quello di vedere come le opinioni vadano e vengano. Quello che oggi pare essere cosa normale, e quasi ovvia, anni fa era invece eresia, e chi lo faceva era sbeffeggiato ed osteggiato.

Questo è perché i nerd, o gli appassionati, hanno la memoria di una effimera farfalla (dal ciclo vitale di 24 ore o poco più), e spesso dimenticano per cosa si erano battuti a sangue, e col passare del tempo salutano e giustificano come “ottimo e molto ben fatto”, proprio quello che non gli stava bene.

Parafrasando Lovecraft potremmo dire che “non è morto, quel che viene condannato dal nerd. E col trascorrere degli eoni fumettistici, anche il nerd cambia idea”.

Tutto questo mi è venuto in mente leggendo qui e lì alcune discussioni sul fatto che mercati diversi richiedano formati diversi. Per essere più chiari: prodotti nati in America con un formato X, si vendono meglio in Italia con un formato Y. Un esempio tra tutti sono i volumi della 001 dedicati alla EC, che per formato e per colorazione (a colori in originale, in bianco e nero da noi) sono totalmente diversi dal formato originare. Altro esempio alcuni prodotti francesi pubblicati da Planeta, che non sono realizzati seguendo il classico formato cartonato francese. E così via.

In tutti questi casi non si sentono urla o strepitii, di chi dice “Eh no! Il formato è UN centimetro più piccolo dell’originale! Io NON LO COMPRO!”.

Si è finalmente capito che gli editori che propongono in un mercato la versione di prodotti esteri non sono tenuti, per contratto divino, a dover rispettare pedissequamente gli originali in qualsiasi forma. E si è capito che il formato X può andare bene in America, dove il mercato è una cosa, ma magari in Italia, per QUEL prodotto, non va bene, e quindi l’editore di QUEL prodotto ha tutti i diritti di scegliere il formato che ritiene migliore.

Bene, questa cosa che pare ovvia (mercati diversi = > possibilità di adottare formati diversi), fino a qualche anno fa era un’eresia.

Fino a qualche  anno fa il nerd voleva non una mera versione italiana del fumetto X, ma una COPIA ANASTATICA del fumetto x. E se qualche cosa era diversa (chessò….all’interno di un albo che raccoglieva tre episodi serie americane, le copertine dei singoli albi erano più piccole del formato originale) allora partivano lettere di protesta e lamentele, come se si fossero sgozzati dei bambini in pieno centro cittadino.

Ricordo perfettamente che quando nel 2004 la Dreamcolours annunciò la pubblicazione dei fumetti Crossgen, e disse che il formato degli albi sarebbe stato non 17 X 26 (come da originale americano), ma 16 X 24 (come da dimensioni degli impianti in Italia, così da risparmiare in sede di stampa), ci fu chi disse che ANCHE se il prodotto fosse stato realizzato bene, non l’avrebbe mai comprato, perché era “diverso dall’originale”. E grazie tante che era “diverso dall’originale”, veniva da rispondere. NON era l’originale. Era un’altra cosa.

Qualche burlone attaccò la scelta della Dreamcolours di pubblicare albi in questo formato, battezzandoli albi “formato Bottero”, come a dire “vabbé, sono una cazzata, ma che ci volete fare…dietro c’è Bottero che notoriamente non ci capisce nulla…”. È proprio vero che la simpatia nel mondo del fumetto deborda, eh? Nel 2004, come nel 2010.

Ed è simpatico, sei anni dopo, vedere come la cosa per cui ti hanno preso in giro, adesso sia diventata una cosa ovvia e sensata da un punto di vista commerciale.

Eri un precursore,  e nessuno se ne era mai accorto.

Il feticismo del Nerd, ossia  il desiderio bramoso di avere come traduzioni copie anastatiche dell’originale, è fortunatamente diminuito. Nessuno si strappa più i capelli se una copertina interna non è precisamente 17X 26, o se quel volume è mezzo centimetro più basso dell’originale.

Mi rimane il divertimento, avendo buona memoria, di vedere le stesse persone cambiare  idea a distanza di anni, senza però ammetterlo, ma semplicemente passando un velo di oblio sulle posizioni passate, né tantomeno ammettere di essere stati ingenerosi nei giudizi.

Ma la cosa non mi stupisce. Avere una memoria storica inesistente, è un toccasana per non dover mai ammettere di aver sbagliato.

A corredo dell'articolo una vignetta di Ice Heaven di Daniel Clowes pubblicato in Italia da Coconino Press.

Magazine

Casa Cagliostro a Lucca 2018: Chi, Cosa, Dove, Quando, Perché

25-10-2018 Hits:3507 Critica d'Autore Redazione

Di Alessandro Bottero Anche per il 2018 Lucca vedrà nei giorni di Lucca Comics & Games l’evento Casa Cagliostro, cinque giorni Autonomi & #EscLUSive nel centro della città. Chi Casa Cagliostro non fa parte di Lucca Comics. È uno spazio autonomo, indipendente, autogestito (termine che fa molto anni ’70 e che...

Leggi tutto

L'Intervista - Alessia Mainardi e Casa Ailus, destinazione Lucca 2018

25-10-2018 Hits:3345 Autori e Anteprime Redazione

Lucca 2018 si avvicina, scopriamo tutte le novità del collettivo Casa Ailus insieme alla sua vulcanica "capitana", la scrittrice Alessia Mainardi. Fumetto d'Autore: Buongiorno Alessia. Vorresti presentarti ai lettori del nostro sito? Alessia Mainardi: Buongiorno a tutti i lettori di Fumetto d'Autore. Di me posso dirvi che mi chiamo Alessia Mainardi, di...

Leggi tutto

L'Intervista - Paul Izzo, sceneggiatore per tutti i gusti

15-12-2017 Hits:12935 Autori e Anteprime Giorgio Borroni

Oggi, qui in esclusiva su Fumetto d’Autore ho il piacere di intervistare un fumettista a 360 gradi, che può vantare esperienze che vanno dalla pubblicazione indipendente su web fino a collaborazioni con una testata del calibro di Diabolik. Ladies and Gentlemen, ecco a voi… Paul izzo! FdA: Benvenuto su FdA, Paul, tolgo...

Leggi tutto

BERSERK: LUCI E OMBRE

27-11-2017 Hits:14894 Critica d'Autore Redazione

  Di Giorgio Borroni Un paio di anni fa, quando ancora frequentavo i gruppi facebookiani relativi ai fumetti, mi capitò di esprimere un paio di mie idee sulla deriva presa da Berserk, il celebre manga di Kentaro Miura. La fauna che più spesso è attiva sui social, si sa, per una bella...

Leggi tutto

Justice League - Una critica d'autore - Parte 2

21-11-2017 Hits:14956 Critica d'Autore Redazione

  Justice League of Marvel   Di Alessio Sgarlato Dopo questa lunga ma necessaria premessa, veniamo all’oggetto del contendere, ovvero Justice League, il più bel sequel di Avengers uscito finora. I film Marvel e quelli della DC con questa pellicola si trovano a dover rendere conto allo spettatore di ingombranti somiglianze estetiche. Tanto negli...

Leggi tutto

Justice League - Una critica d'autore - Parte 1

20-11-2017 Hits:14534 Critica d'Autore Redazione

  Marvel VS DC – La battaglia del secolo   Di Alessio Sgarlato   Nel 2016 esce Batman V Superman – Dawn of Justice e diventa immediatamente un film controverso, nel quale il pubblico non riesce a ritrovare lo spirito originale dei personaggi e delle storie che lo hanno ispirato. Eppure, per me si rivela...

Leggi tutto

La distopia ucronica di “Space Anabasis"

13-11-2017 Hits:14725 Critica d'Autore Redazione

    Per aspera ad astra, deinde a caelo usque ad centrum!  La distopia ucronica di “Space Anabasis”: tra i giochi di potere, nella fantascienza del passato   Roma, anno 2770 ab urbe condita: un 2017 d.C. alternativo in cui, come recita la didascalia già dalla prima striscia: « L’impero ha tenuto il sistema...

Leggi tutto