Fumetto d'Autore ISSN: 2037-6650
Dal 2008 il Magazine della Nona Arte e dintorni - Vers. 3.0 - Direttore: Alessandro Bottero
A+ A A-

Aspettando Mundial Goal #03

mundialgoalaspettando03

Vignetta di Enzo Troiano, Testo di Azad

Italia-Argentina 1 a 0: lancio, triangolo, tacco, tiro, gol... tutto di prima, o quasi.

Mondiali di Argentina. 1978. I mondiali di Videla. I mondiali dei giocatori che non partono con le loro nazionali per protestare contro il regime dei colonnelli. Lo fa Paul Breitner della Germania Ovest. Vuole emulare Johan Crujiff che non va in Argentina con la sua nazionale e ha rilasciato delle dichiarazioni contro il governo argentino. Il più forte giocatore del mondo (in quel momento) si scorda però di raccontare, preso dal furore dell'impegno politico, che durante le qualificazioni mondiali ha litigato con tutta la squadra orange, compreso il selezionatore, e ha rimediato anche un destro di Van Hanegem negli spogliatoi. Nemmeno lui andrà ai mondiali. Dopo il naufragio di Germania 1974, l'Italia arriva a questo nuovo appuntamento mondiale con una squadra completamente rinnovata e un mister tutto nuovo. Bearzot punta sul blocco Juve del Trap, che vince e convince anche se con un gioco sparagnino e catenacciaro, spesso più del dovuto. A Buenos Aires il 10 giugno, ore 19.15, allo Stadio Monumental, davanti a più di 70000 spettatori, si incontrano Italia e Argentina. E' l'ultima partita del gruppo 1. Le due nazionali sono a punteggio pieno. La partita non è influente per la qualificazione, ma l'Argentina vuole arrivare prima per rimanere a giocare le partite del turno successivo davanti al pubblico della sua capitale. In Italia è mezzanotte quando va in onda la diretta. I bambini non se ne vanno a dormire. I giornali titolano: "Gli azzurri ci tolgono il sonno".  Noi abbiamo paura di Mario Kempes, loro hanno paura di Antognoni. Inizia una partita a scacchi. Bearzot muove le sue pedine, il mister argentino, Menotti, risponde. Le iniziative si alternano. Al minuto 6 si rompe Bellugi che aveva il compito di scrivere la biografia delle gambe di Kempes. Entra Cuccureddu. Difesa italiana tutta juventina. Bettega dagli sviluppi di un calcio d'angolo impegna il portiere argenitno Fillol. Risponde Kempes con una punizione di sinistro. Zoff c'è. Ci facciamo un pò schiacciare e così a Kempes capita la palla buona sul destro, ma lui è un mancino puro. Il tiro finisce a lato accompagnato dallo sguardo magnetico di Dino Zoff. Fine del primo tempo. In Italia non dorme nessuno. Torniamo in campo e gli argentini ci schiacciano fin da dentro gli spogliatoi. Vogliono vincere. Noi non vogliamo perdere.  Bearzot dichiarerà l'indomani che i "titolari" hanno voluto esserci a tutti i costi. Minuto 68. Non ne abbiamo combinata una buona fino a quel momento. Non ci lasciano giocare. Causio sul centro sinistra la da a Bettega, Bettega la gira di prima su Rossi, Rossi, già un pò Pablito, di tacco la restituisce al volo a Bettega portandosi a spasso per le vie del centro quasi tutta la difesa argentina. Bettega stoppa in corsa portandosi avanti la palla, vede di sottecchi Tarantini che tenta una scivolata dsperata e Fillol che esce a valanga. Tiro ad incrociare. Bobby Gol esulta. La penisola nottambula appresso a lui. Al Monumental cala il silenzio per lunghi e interminabili secondi. I nostri mondiali di Argentina finiscono là. Forse ci fa male che tutti si mettano a fare paragoni tra i "messicani" e gli "argentini". Saremo comunque gli unici a battere i futuri campioni del mondo che esattamente quindici giorni dopo questa partita rimarranno per sempre nella storia con l'immagine di Tarantini che abbraccia Fillol accasciato per terra, sulle ginocchia, le braccia al petto incrociate, la testa china per l'incredulità del trionfo. L'Olanda ha perso la sua seconda finale mondiale consecutiva, ma questa è un altra storia e stavolta senza Johan Crujiff.

Magazine

Justice League - Una critica d'autore - Parte 2

21-11-2017 Hits:296 Critica d'Autore Redazione

  Justice League of Marvel   Di Alessio Sgarlato Dopo questa lunga ma necessaria premessa, veniamo all’oggetto del contendere, ovvero Justice League, il più bel sequel di Avengers uscito finora. I film Marvel e quelli della DC con questa pellicola si trovano a dover rendere conto allo spettatore di ingombranti somiglianze estetiche. Tanto negli...

Leggi tutto

Justice League - Una critica d'autore - Parte 1

20-11-2017 Hits:440 Critica d'Autore Redazione

  Marvel VS DC – La battaglia del secolo   Di Alessio Sgarlato   Nel 2016 esce Batman V Superman – Dawn of Justice e diventa immediatamente un film controverso, nel quale il pubblico non riesce a ritrovare lo spirito originale dei personaggi e delle storie che lo hanno ispirato. Eppure, per me si rivela...

Leggi tutto

La distopia ucronica di “Space Anabasis"

13-11-2017 Hits:448 Critica d'Autore Redazione

    Per aspera ad astra, deinde a caelo usque ad centrum!  La distopia ucronica di “Space Anabasis”: tra i giochi di potere, nella fantascienza del passato   Roma, anno 2770 ab urbe condita: un 2017 d.C. alternativo in cui, come recita la didascalia già dalla prima striscia: « L’impero ha tenuto il sistema...

Leggi tutto

I voli pindarici di Mister No

10-11-2017 Hits:608 Critica d'Autore Redazione

      In requiem del pilota Jerry Drake, paladino dei diritti umani nel fumetto italiano: verso il rilancio! Premessa: i vecchi nostalgici lo rivorrebbero dal 380. Difatti non tutte le cose, in ossequio alla realtà non (o anti ?) relativa, cominciano dallo 0 e proseguono direttamente con l’1, per poi giungere al 2...

Leggi tutto

C’è del Ferro in questo fumetto. Intervista alla casa editrice Ferrogallico

31-10-2017 Hits:1118 Autori e Anteprime Redazione

Di Alessandro Bottero Quando nasce una nuova casa editrice non si può che essere contenti. Significa che nonostante la crisi ci sono ancora  pazzi innamorati del fumetto. Ferrogallico è una casa editrice nata nel 2017, abbastanza snobbata da critica e pubblico (almeno quello che agita il mondo dei social) perché si...

Leggi tutto

Sulle orme di Magnus: intervista a Gabriele Bernabei (saggista e promotore del Magnus Day)

04-10-2017 Hits:1806 Autori e Anteprime Redazione

  di Giorgio Borroni. Nell’era di internet l’esperienza del fumetto si può vivere in tanti modi, non c’è che l’imbarazzo della scelta. Uno può essere un semplice lettore, un collezionista che con un semplice click può procurarsi più facilmente di una volta ciò che cerca, il professionista della tavola disegnata o sceneggiata...

Leggi tutto

Intervista ad Alessio Riolo, organizzatore di Palermo Comicon

21-09-2017 Hits:2040 Reportage Redazione

  Di Alessandro Bottero Palermo Comicon è arrivato alla terza edizione, e quest’anno si presenta particolarmente interessante. Prima di immergerci nella kermesse ecco quattro chiacchiere con il direttore/organizzatore/imperatore Alessio Riolo, che insiste & persiste nel promuovere il fumetto nell’antica terra di Trinacria.  Tra un’arancina e una cassata ecco la saggezza delle sue...

Leggi tutto