Fumetto d'Autore ISSN: 2037-6650
Dal 2008 il Magazine della Nona Arte e dintorni - Vers. 3.0 - Direttore: Alessandro Bottero
A+ A A-

Aspettando Mundial Goal #02

mundialgoalaspettando02

Vignetta di Enzo Troiano, Testo di Azad

Germania Ovest-Olanda 2 a 1: l'Imperatore e il Profeta

Avevamo lasciato la Germania Ovest uscire sconfitta dalla leggendaria seminfinale di Mexico '70 contro l'Italia della staffetta Mazzola-Rivera. Quattro anni dopo ritroviamo la Germania Ovest paese organizzatore e i ragazzoni teutonici in casacca bianca del CT Helmut Schon finalisti contro l'Olanda arancione.

La finale della prima Coppa del Mondo FIFA (la Coppa Rimet è andata assegnata definitivamente quattro anni prima al Brasile "tricampeao" di Pelè e compagnia sambante) diventa un curioso crocevia tra passato e presente. Da un lato la Germania Ovest di Kaiser Franz Beckenbauer rappresenta un modo di fare calcio consolidato dalla tradizione : Il libero, due marcatori, il terzino fluidificante a sinistra, l'ala tornante a destra, il mediano, il regista, la mezzapunta, il centravanti e l'attaccante di supporto possibilmente spostato sul centro sinistra. Dall'altro l'Olanda di Johan Cruijff e del santone Rinus Michels in panca professa il nuovo che avanza: il calcio totale. Gli olandesi sono l'Arancia di Meccanica di Germania e, dopo avere devastato nel girone di semifinale Argentina e Brasile, sono i favoriti alla finalissima. Hanno sbalordito tutti e senza bisogno di maschere, bastoni e bombette. Attaccano in otto e difendono in otto, non usano la marcatura a uomo ma contrastano l'avversario solo quando entra nella loro zona. Tutto gira intorno a Cruijff, il giocatore più forte del mondo dopo il ritiro di Pelè, un Profeta del pallone che forse solo Stanley Kubrick poteva raccontarci fino in fondo, altro che Alex di Clockwork Orange.

Calcio d'inizio alla favola. 16 passaggi di fila degli olandesi senza che i tedeschi vedano palla. L'eternità compressa in un lungo minuto. Poi Cruijff ferma le lancette e da centrocampo, da uomo più arretrato dei suoi, parte palla al piede destinazione la porta di Sepp Mayer. Hoeness lo abbatte. L'arbitro fischia il rigore. I polmoni dei tifosi olandesi non ce la fanno più a trattenere il respiro. Neeskens su rigore fa 1 a 0 con un tiro forte e centrale. Ed è lì, in quel secondo minuto, lungo come il primo, che finisce il mondiale di Cruijff e compagni. Come in tante favole che il calcio ha già raccontato o raccontarà negli anni a venire, succede che il meccanismo perfetto dell'Arancia Meccanica si inceppa poco prima di concludere l'opera. I tedeschi si buttano all'attacco. Kaiser Franz dirige l'orchestra, Hoverath conosce lo spartito, Gerd Muller è il solista. Al minuto 24 Holzenbein sfonda il Gulliver della difesa olandese e Jansen lo atterra. Di nuovo rigore. Paul Breitner fa 1 a 1. Jongbloed, la scimmia, il portiere degli arancioni, il vero punto debole dell'Arancia Meccanica, nemmeno tenta la parata del penalty, come farebbe un qualunque portiere da oratorio, "perchè in porta ci stai tu che sei il più scarso". Da quel momento in poi Cruijff scompare praticamente dal campo. Intrappolato nella gabbia tedesca diretta da Beckenbauer e massacrato dai tacchetti di Vogts perde la bussola. I teutonici ne approfittano e preparano il blitz per il sorpasso.

La scimmia Jongbloed salta a destra e a manca. Si oppone come può. La difesa orange concede più di quanto avesse mai concesso nelle precedenti partite. Senza Cruijff a fare da faro, la macchina perfetta si è scoperta imperfetta e gli automatismi si sono interrotti. Manca la corrente. Al minuto 43 Bonhof asfalta tutta la corsia di destra compreso Haan che prova a fermarlo. Cross al centro e Muller da una lezione di cosa può fare un centravanti vecchia scuola e vecchia maniera. Stop, finta di corpo a sbilanciare il difensore, un passo di danza indietro e poi un colpo ferino in avanti e la palla che rotola e il sacco che si gonfia. Gli occhi di Jongbloed, che guardano per sempre quella palla perfetta entrare in porta, fermi nell'intenzione di un tuffo disperato che non ci sarà mai. Fine primo tempo o forse no. L'arbitro inglese Taylor battibecca con Van Hanegem per una pallonata in faccia ricevuta poco prima, Cruijff, a ruota, protesta con ll giudice di gara per la collezione dei tacchetti degli scarpini di Vogts e amici che ha messo insieme fino a quel momento. Per tutta risposta Johan il Profeta si becca un cartellino giallo da cui non si riprenderà più. Il genio aveva un solo unico nemico: la propria fragilità.

Si ricomincia, secondo tempo, ma la confusione degli olandesi non produce nulla di logico, tantomeno il pareggio,. Il latte più è esaurito e la dea bendata concede solo due pali. Il nuovo che avanza arriva al novantesimo sconfitto. Al fischio finale Muller si piega sulle gambe tozze che a mala pena stanno nei pantoloncini da sempre. Inginocchiatosi, abbraccia tutti gli ottantamila presenti allo stadio. Kaiser Franz se la ride e alza la coppa da imperatore. Non più principe ereditario. Il pallone vecchia maniera non è stato sorpassato da un treno chiamato calcio totale. Cruijff medita vendetta. Non arriverà mai.

Magazine

Justice League - Una critica d'autore - Parte 2

21-11-2017 Hits:296 Critica d'Autore Redazione

  Justice League of Marvel   Di Alessio Sgarlato Dopo questa lunga ma necessaria premessa, veniamo all’oggetto del contendere, ovvero Justice League, il più bel sequel di Avengers uscito finora. I film Marvel e quelli della DC con questa pellicola si trovano a dover rendere conto allo spettatore di ingombranti somiglianze estetiche. Tanto negli...

Leggi tutto

Justice League - Una critica d'autore - Parte 1

20-11-2017 Hits:440 Critica d'Autore Redazione

  Marvel VS DC – La battaglia del secolo   Di Alessio Sgarlato   Nel 2016 esce Batman V Superman – Dawn of Justice e diventa immediatamente un film controverso, nel quale il pubblico non riesce a ritrovare lo spirito originale dei personaggi e delle storie che lo hanno ispirato. Eppure, per me si rivela...

Leggi tutto

La distopia ucronica di “Space Anabasis"

13-11-2017 Hits:448 Critica d'Autore Redazione

    Per aspera ad astra, deinde a caelo usque ad centrum!  La distopia ucronica di “Space Anabasis”: tra i giochi di potere, nella fantascienza del passato   Roma, anno 2770 ab urbe condita: un 2017 d.C. alternativo in cui, come recita la didascalia già dalla prima striscia: « L’impero ha tenuto il sistema...

Leggi tutto

I voli pindarici di Mister No

10-11-2017 Hits:608 Critica d'Autore Redazione

      In requiem del pilota Jerry Drake, paladino dei diritti umani nel fumetto italiano: verso il rilancio! Premessa: i vecchi nostalgici lo rivorrebbero dal 380. Difatti non tutte le cose, in ossequio alla realtà non (o anti ?) relativa, cominciano dallo 0 e proseguono direttamente con l’1, per poi giungere al 2...

Leggi tutto

C’è del Ferro in questo fumetto. Intervista alla casa editrice Ferrogallico

31-10-2017 Hits:1118 Autori e Anteprime Redazione

Di Alessandro Bottero Quando nasce una nuova casa editrice non si può che essere contenti. Significa che nonostante la crisi ci sono ancora  pazzi innamorati del fumetto. Ferrogallico è una casa editrice nata nel 2017, abbastanza snobbata da critica e pubblico (almeno quello che agita il mondo dei social) perché si...

Leggi tutto

Sulle orme di Magnus: intervista a Gabriele Bernabei (saggista e promotore del Magnus Day)

04-10-2017 Hits:1806 Autori e Anteprime Redazione

  di Giorgio Borroni. Nell’era di internet l’esperienza del fumetto si può vivere in tanti modi, non c’è che l’imbarazzo della scelta. Uno può essere un semplice lettore, un collezionista che con un semplice click può procurarsi più facilmente di una volta ciò che cerca, il professionista della tavola disegnata o sceneggiata...

Leggi tutto

Intervista ad Alessio Riolo, organizzatore di Palermo Comicon

21-09-2017 Hits:2040 Reportage Redazione

  Di Alessandro Bottero Palermo Comicon è arrivato alla terza edizione, e quest’anno si presenta particolarmente interessante. Prima di immergerci nella kermesse ecco quattro chiacchiere con il direttore/organizzatore/imperatore Alessio Riolo, che insiste & persiste nel promuovere il fumetto nell’antica terra di Trinacria.  Tra un’arancina e una cassata ecco la saggezza delle sue...

Leggi tutto