Fumetto d'Autore ISSN: 2037-6650
Dal 2008 il Magazine della Nona Arte e dintorni - Vers. 3.0 - Direttore: Alessandro Bottero
A+ A A-

Lilith (Bonelli)

lilithDopo nove anni Lilith chiude, e si tramutai in Gea II. (SPOILER - SPOILER- SPOILER)

Di Alessandro Bottero

Aspettavo Lilith 18 da nove anni, ossia da quando ho preso Lilith 1. Volevo sapere cosa sarebbe successo della lotta tra l’Umanità e il Triacanto. Volevo sapere se la missione di Lilith, agente inviata nel passato dagli ultimi superstiti dell’umanità per bloccare la minaccia che millenni prima aveva quasi sterminato la Razza Umana, il Triacanto appunto, sarebbe finita bene o invece no. Negli ultimi anni (ricordo che Lilith è semestrale, ossia 18 numeri equivalgono a nove anni), negli ultimi anni dicevo le cose si erano di molto ingarbugliate. Luca Enoch aveva iniziato a giocare con il genere narrativo dell’Ucronia, creando un passato nuovo e diverso. La Prima Guerra Mondiale era andata diversamente da come è andata nella nostra realtà, e ancora prima la Guerra di indipendenza americana era stata persa dai ribelli. Il continente americano per Lilith è diviso tra Impero inglese (dalla costa est fino alle Montagne Rocciose) e Impero Giapponese (dalla costa ovest alle Montagne Rocciose). E soprattutto Lilith aveva iniziato a dubitare della sua missione. Nel numero 17 addirittura il Triacanto, per bocca di una sua emissione animata, le aveva detto “Carina, ti hanno detto un sacco di balle. Io sono il vero futuro bello e meraviglioso della Terra. L’umanità è brutta. Hai visto che stanno sempre a combattere? Se mi lasci fare faremo tutti un bel salto evolutivo e vivremo tutti felici e contrenti. Basta sterminare l’Umanità e tutto andrà bene”. E io mi ero detto “Beh, ma non è possibile che finisca così. Enoch ha posto due possibili finali: A vince Lilith ed elimina il Triacanto, B Lilith NON elimina il Triacanto e perde. Sicuramente vedrai che ci sarà un colpo di scena finale e la conclusione della storia non sarà nessuna di queste. Enoch mi sorprenderà”.

Beh, non mi ha sorpreso. Quando è uscito il fumetto l’ho preso e l’ho letto di corsa. Alla fine vince il Triacanto. Lilith si lascia infinocchiare dal Triacanto, uccide il Nero, il compagno che l’aveva aiutata per 17 numeri (bella riconoscenza), si lascia ASSIMILARE dal Triacanto, TORNA nel futuro da cui è arrivata, adesso è LEI l’emanazione del Triacanto e si è convinta della bontà della visione del mondo del Triacanto (ossia l’umanità è una massa di brutti animaloni violenti, per cui prima la togliamo dalle palle meglio è) e stermina la sua famiglia e il resto dei superstiti. Poi il Triacanto germina, tutto il mondo diventa un bell’alberone fronzuto e la storia finisce con Lilith che riposa serena in mezzo a un letto di fiori.

Che cosa dovrebbe fare una recensione? Giudicare la tecnica della storia? Allora il giudizio è ovviamente positivo. Enoch sa raccontare, sa calibrare i tempi, sa scrivere battute efficaci, sa creare personaggi credibili, e sa gestire argomenti scabrosi.

Ma poi cos’altro dovrebbe fare una recensione? Esprimere cosa pensa il recensore. E allora sono insoddisfatto. Questa NON è la storia che mi aspettavo. Uno può dire “Beh, meglio così no? Enoch ti ha sorpreso”. Ma il punto non è questo. Questa non è la storia che mi aspettavo di leggere, perché è PROPRIO una delle possibili storie che Enoch aveva prospettato come soluzioni: A o B. Ossia non mi aspettavo che la conclusione fosse così telefonata. Speravo, mi aspettavo, sognavo, imploravo un colpo di scena. Una soluzione C, né con il progetto originale di Lilith, né col il progetto del Triacanto. Mi aspettavo una soluzione nuova che superasse l’alternativa A o B. E invece no. Il cedimento di Lilith, perché Lilith ha ceduto alle parole del Triacanto, inutile starci a girare intorno, praticamente era stato detto da subito, quando in uno die primi numeri il Nero ha detto a Lilith “Attenta, il Triacanto ti infinocchierà e ti farà dubitare della sua missione” Ed è esattamente quello che è successo. Mi sarei aspettato una conclusione in cui Lilith portasse a termine la sua missione in un modo diverso dall’eliminare il Triacanto (questo lo avevano capito tutti), ma NON lasciando che il Triacanto sterminasse l’umanità

E qui veniamo a Gea. La fine di Lilith è la stesa di Gea. Anzi la STRUTTURA narrativa di Lilith è la stessa di Gea. Impostazione problema – aggravamento problema – scentro finale – risoluzione del problema con, come risultato finale, la Terra tramutata in un enorme giardino mistico con un graaaaaaaande albero che ingloba l’essenza della nuova vita. Gea era più commedia, Llith più tragedia mistica, ma lo svolgimento è lo stesso.

Gea finisce con un grosso albero e l’instaurazione di una nuova era sulla terra. Lilith finisce con un grosso albero e la Terra che entra in una nuova fase della vita.

Se si scava sotto la superfice si vede come Enoch abbia raccontato sempre la stessa storia, ossia il percorso che fa arrivare la Terra in un nuovo ciclo spirituale.

È un bene? Boh, non lo so. Sicuramente è ripetitivo. Poi è fatto bene, ed è una narrazione sincera. Si coglie che Enoch crede veramente in questa visione dell’universo, una visione olistica in cui la materia e lo spirito sono una cosa sola.

È una visione delle cose molto legata al misticismo orientale, e non è un caso se le ultime parole della serie siano proprio quelle di un mistico orientale, e non occidentale.

Allora recensione: Lilith è stata una serie bella. Mi aveva creato molte aspettative per il finale. Poi è arrivato il finale. E la delusione è tanta.

D’altronde che volete fare se avete già i primi 17 numeri? Non prendere l’ultimo? Ovvio che lo prenderete. E magari vi piacerà anche e non concorderete con me. Ma forse uno sforzo di immaginazione in più ci poteva stare.

Ora però basta che la prossima miniserie non parli di nuovo di un grosso albero e dell’avanzamento spirituale della Terra. Una volta va bene. Due ancora ancora. Tre no, per pietà.

Magazine

BERSERK: LUCI E OMBRE

27-11-2017 Hits:556 Critica d'Autore Redazione

  Di Giorgio Borroni Un paio di anni fa, quando ancora frequentavo i gruppi facebookiani relativi ai fumetti, mi capitò di esprimere un paio di mie idee sulla deriva presa da Berserk, il celebre manga di Kentaro Miura. La fauna che più spesso è attiva sui social, si sa, per una bella...

Leggi tutto

Justice League - Una critica d'autore - Parte 2

21-11-2017 Hits:761 Critica d'Autore Redazione

  Justice League of Marvel   Di Alessio Sgarlato Dopo questa lunga ma necessaria premessa, veniamo all’oggetto del contendere, ovvero Justice League, il più bel sequel di Avengers uscito finora. I film Marvel e quelli della DC con questa pellicola si trovano a dover rendere conto allo spettatore di ingombranti somiglianze estetiche. Tanto negli...

Leggi tutto

Justice League - Una critica d'autore - Parte 1

20-11-2017 Hits:858 Critica d'Autore Redazione

  Marvel VS DC – La battaglia del secolo   Di Alessio Sgarlato   Nel 2016 esce Batman V Superman – Dawn of Justice e diventa immediatamente un film controverso, nel quale il pubblico non riesce a ritrovare lo spirito originale dei personaggi e delle storie che lo hanno ispirato. Eppure, per me si rivela...

Leggi tutto

La distopia ucronica di “Space Anabasis"

13-11-2017 Hits:821 Critica d'Autore Redazione

    Per aspera ad astra, deinde a caelo usque ad centrum!  La distopia ucronica di “Space Anabasis”: tra i giochi di potere, nella fantascienza del passato   Roma, anno 2770 ab urbe condita: un 2017 d.C. alternativo in cui, come recita la didascalia già dalla prima striscia: « L’impero ha tenuto il sistema...

Leggi tutto

I voli pindarici di Mister No

10-11-2017 Hits:995 Critica d'Autore Redazione

      In requiem del pilota Jerry Drake, paladino dei diritti umani nel fumetto italiano: verso il rilancio! Premessa: i vecchi nostalgici lo rivorrebbero dal 380. Difatti non tutte le cose, in ossequio alla realtà non (o anti ?) relativa, cominciano dallo 0 e proseguono direttamente con l’1, per poi giungere al 2...

Leggi tutto

C’è del Ferro in questo fumetto. Intervista alla casa editrice Ferrogallico

31-10-2017 Hits:1554 Autori e Anteprime Redazione

Di Alessandro Bottero Quando nasce una nuova casa editrice non si può che essere contenti. Significa che nonostante la crisi ci sono ancora  pazzi innamorati del fumetto. Ferrogallico è una casa editrice nata nel 2017, abbastanza snobbata da critica e pubblico (almeno quello che agita il mondo dei social) perché si...

Leggi tutto

Sulle orme di Magnus: intervista a Gabriele Bernabei (saggista e promotore del Magnus Day)

04-10-2017 Hits:2258 Autori e Anteprime Redazione

  di Giorgio Borroni. Nell’era di internet l’esperienza del fumetto si può vivere in tanti modi, non c’è che l’imbarazzo della scelta. Uno può essere un semplice lettore, un collezionista che con un semplice click può procurarsi più facilmente di una volta ciò che cerca, il professionista della tavola disegnata o sceneggiata...

Leggi tutto