Fumetto d'Autore ISSN: 2037-6650
Dal 2008 il Magazine della Nona Arte e dintorni - Vers. 3.0 - Direttore: Alessandro Bottero
A+ A A-

Lilith (Bonelli)

lilithDopo nove anni Lilith chiude, e si tramutai in Gea II. (SPOILER - SPOILER- SPOILER)

Di Alessandro Bottero

Aspettavo Lilith 18 da nove anni, ossia da quando ho preso Lilith 1. Volevo sapere cosa sarebbe successo della lotta tra l’Umanità e il Triacanto. Volevo sapere se la missione di Lilith, agente inviata nel passato dagli ultimi superstiti dell’umanità per bloccare la minaccia che millenni prima aveva quasi sterminato la Razza Umana, il Triacanto appunto, sarebbe finita bene o invece no. Negli ultimi anni (ricordo che Lilith è semestrale, ossia 18 numeri equivalgono a nove anni), negli ultimi anni dicevo le cose si erano di molto ingarbugliate. Luca Enoch aveva iniziato a giocare con il genere narrativo dell’Ucronia, creando un passato nuovo e diverso. La Prima Guerra Mondiale era andata diversamente da come è andata nella nostra realtà, e ancora prima la Guerra di indipendenza americana era stata persa dai ribelli. Il continente americano per Lilith è diviso tra Impero inglese (dalla costa est fino alle Montagne Rocciose) e Impero Giapponese (dalla costa ovest alle Montagne Rocciose). E soprattutto Lilith aveva iniziato a dubitare della sua missione. Nel numero 17 addirittura il Triacanto, per bocca di una sua emissione animata, le aveva detto “Carina, ti hanno detto un sacco di balle. Io sono il vero futuro bello e meraviglioso della Terra. L’umanità è brutta. Hai visto che stanno sempre a combattere? Se mi lasci fare faremo tutti un bel salto evolutivo e vivremo tutti felici e contrenti. Basta sterminare l’Umanità e tutto andrà bene”. E io mi ero detto “Beh, ma non è possibile che finisca così. Enoch ha posto due possibili finali: A vince Lilith ed elimina il Triacanto, B Lilith NON elimina il Triacanto e perde. Sicuramente vedrai che ci sarà un colpo di scena finale e la conclusione della storia non sarà nessuna di queste. Enoch mi sorprenderà”.

Beh, non mi ha sorpreso. Quando è uscito il fumetto l’ho preso e l’ho letto di corsa. Alla fine vince il Triacanto. Lilith si lascia infinocchiare dal Triacanto, uccide il Nero, il compagno che l’aveva aiutata per 17 numeri (bella riconoscenza), si lascia ASSIMILARE dal Triacanto, TORNA nel futuro da cui è arrivata, adesso è LEI l’emanazione del Triacanto e si è convinta della bontà della visione del mondo del Triacanto (ossia l’umanità è una massa di brutti animaloni violenti, per cui prima la togliamo dalle palle meglio è) e stermina la sua famiglia e il resto dei superstiti. Poi il Triacanto germina, tutto il mondo diventa un bell’alberone fronzuto e la storia finisce con Lilith che riposa serena in mezzo a un letto di fiori.

Che cosa dovrebbe fare una recensione? Giudicare la tecnica della storia? Allora il giudizio è ovviamente positivo. Enoch sa raccontare, sa calibrare i tempi, sa scrivere battute efficaci, sa creare personaggi credibili, e sa gestire argomenti scabrosi.

Ma poi cos’altro dovrebbe fare una recensione? Esprimere cosa pensa il recensore. E allora sono insoddisfatto. Questa NON è la storia che mi aspettavo. Uno può dire “Beh, meglio così no? Enoch ti ha sorpreso”. Ma il punto non è questo. Questa non è la storia che mi aspettavo di leggere, perché è PROPRIO una delle possibili storie che Enoch aveva prospettato come soluzioni: A o B. Ossia non mi aspettavo che la conclusione fosse così telefonata. Speravo, mi aspettavo, sognavo, imploravo un colpo di scena. Una soluzione C, né con il progetto originale di Lilith, né col il progetto del Triacanto. Mi aspettavo una soluzione nuova che superasse l’alternativa A o B. E invece no. Il cedimento di Lilith, perché Lilith ha ceduto alle parole del Triacanto, inutile starci a girare intorno, praticamente era stato detto da subito, quando in uno die primi numeri il Nero ha detto a Lilith “Attenta, il Triacanto ti infinocchierà e ti farà dubitare della sua missione” Ed è esattamente quello che è successo. Mi sarei aspettato una conclusione in cui Lilith portasse a termine la sua missione in un modo diverso dall’eliminare il Triacanto (questo lo avevano capito tutti), ma NON lasciando che il Triacanto sterminasse l’umanità

E qui veniamo a Gea. La fine di Lilith è la stesa di Gea. Anzi la STRUTTURA narrativa di Lilith è la stessa di Gea. Impostazione problema – aggravamento problema – scentro finale – risoluzione del problema con, come risultato finale, la Terra tramutata in un enorme giardino mistico con un graaaaaaaande albero che ingloba l’essenza della nuova vita. Gea era più commedia, Llith più tragedia mistica, ma lo svolgimento è lo stesso.

Gea finisce con un grosso albero e l’instaurazione di una nuova era sulla terra. Lilith finisce con un grosso albero e la Terra che entra in una nuova fase della vita.

Se si scava sotto la superfice si vede come Enoch abbia raccontato sempre la stessa storia, ossia il percorso che fa arrivare la Terra in un nuovo ciclo spirituale.

È un bene? Boh, non lo so. Sicuramente è ripetitivo. Poi è fatto bene, ed è una narrazione sincera. Si coglie che Enoch crede veramente in questa visione dell’universo, una visione olistica in cui la materia e lo spirito sono una cosa sola.

È una visione delle cose molto legata al misticismo orientale, e non è un caso se le ultime parole della serie siano proprio quelle di un mistico orientale, e non occidentale.

Allora recensione: Lilith è stata una serie bella. Mi aveva creato molte aspettative per il finale. Poi è arrivato il finale. E la delusione è tanta.

D’altronde che volete fare se avete già i primi 17 numeri? Non prendere l’ultimo? Ovvio che lo prenderete. E magari vi piacerà anche e non concorderete con me. Ma forse uno sforzo di immaginazione in più ci poteva stare.

Ora però basta che la prossima miniserie non parli di nuovo di un grosso albero e dell’avanzamento spirituale della Terra. Una volta va bene. Due ancora ancora. Tre no, per pietà.

Magazine

Intervista a Gino Udina

23-06-2017 Hits:270 Autori e Anteprime Redazione

    Di Giorgio Borroni Dare un’occhiata agli scaffali dei fumetti in edicola negli anni ’90 era davvero un’esperienza. Usciva di tutto e di più: si andava dai cloni dei personaggi bonelliani più in voga, si passava ad antologici che contenevano delle vere perle o nefandezze grafiche e si finiva con albi dal...

Leggi tutto

DAIAPOLON: piccola storia di un grande robot rivoluzionario

07-06-2017 Hits:11548 Cuore e Acciaio Redazione

  di Tiziano Caliendo. Esistono opere che entrano di prepotenza nel palinsesto immaginario della cultura pop, ottenendo un successo fulmineo e dirompente. Alcune di esse perché ricoprono un indiscutibile ruolo pionieristico in un determinato mercato, come il caso di UFO Robot Grendizer in Italia, altre perché è destino che la riforma e...

Leggi tutto

Cagliostro E-Press distribuito in esclusiva da Manicomix

02-06-2017 Hits:679 Autori e Anteprime Redazione

Comunicato dell'Editore L’Associazione Culturale Cagliostro E-Press è felice di comunicare la firma dell’ accordo di distribuzione in esclusiva stipulato con Manicomix.     Questa partnership ha l'obiettivo di rafforzare la presenza dei fumetti made in Cagliostro nelle fumetterie italiane, dando ulteriore slancio a quella che è la "mission" ultima dell’Associazione, ovvero dare massima visibilità...

Leggi tutto

Novegro 2017 Spring Edition - Festival del Fumetto

27-05-2017 Hits:1067 Reportage Redazione

di Leandro Amodio. Nelle giornate del 20 e 21 maggio, il Parco Esposizioni di Novegro, frazione del comune di Segrate (MI), ha ospitato il Festival del Fumetto Spring Edition 2017. Dinanzi alla biglietteria, la fila era interminabile (per fortuna avevo l'accredito stampa), e l'interno era gremito di gente di tutte...

Leggi tutto

Intervista a Pietro Gandolfi, autore di The Noise

25-05-2017 Hits:1220 Autori e Anteprime Redazione

A cura di Giorgio Borroni Nel fumetto italiano da edicola l’horror manca da un bel po’. E io intendo l’horror vero, quello crudo e crudele che ti prende subito alla carotide senza neanche annunciarsi. Insomma, non mi riferisco all’horror patinato, lontano dall’underground che sfocia nel fantasy o se la cava con...

Leggi tutto

Intervista a Paolo di Orazio, il pioniere dell’horror estremo in Italia

12-05-2017 Hits:1410 Autori e Anteprime Redazione

di Giorgio Borroni Da ragazzi li nascondevamo sotto il letto dai rastrellamenti, guardavamo con un occhio le loro pagine e con l’altro la porta della camera: questo per percepire ogni minimo movimento ed evitare di essere colti in flagrante mentre li sfogliavamo. No, non erano i banali giornalini porno, erano opere che...

Leggi tutto