Fumetto d'Autore ISSN: 2037-6650
Dal 2008 il Magazine della Nona Arte e dintorni - Vers. 3.0 - Direttore: Alessandro Bottero
A+ A A-

Lilith (Bonelli)

lilithDopo nove anni Lilith chiude, e si tramutai in Gea II. (SPOILER - SPOILER- SPOILER)

Di Alessandro Bottero

Aspettavo Lilith 18 da nove anni, ossia da quando ho preso Lilith 1. Volevo sapere cosa sarebbe successo della lotta tra l’Umanità e il Triacanto. Volevo sapere se la missione di Lilith, agente inviata nel passato dagli ultimi superstiti dell’umanità per bloccare la minaccia che millenni prima aveva quasi sterminato la Razza Umana, il Triacanto appunto, sarebbe finita bene o invece no. Negli ultimi anni (ricordo che Lilith è semestrale, ossia 18 numeri equivalgono a nove anni), negli ultimi anni dicevo le cose si erano di molto ingarbugliate. Luca Enoch aveva iniziato a giocare con il genere narrativo dell’Ucronia, creando un passato nuovo e diverso. La Prima Guerra Mondiale era andata diversamente da come è andata nella nostra realtà, e ancora prima la Guerra di indipendenza americana era stata persa dai ribelli. Il continente americano per Lilith è diviso tra Impero inglese (dalla costa est fino alle Montagne Rocciose) e Impero Giapponese (dalla costa ovest alle Montagne Rocciose). E soprattutto Lilith aveva iniziato a dubitare della sua missione. Nel numero 17 addirittura il Triacanto, per bocca di una sua emissione animata, le aveva detto “Carina, ti hanno detto un sacco di balle. Io sono il vero futuro bello e meraviglioso della Terra. L’umanità è brutta. Hai visto che stanno sempre a combattere? Se mi lasci fare faremo tutti un bel salto evolutivo e vivremo tutti felici e contrenti. Basta sterminare l’Umanità e tutto andrà bene”. E io mi ero detto “Beh, ma non è possibile che finisca così. Enoch ha posto due possibili finali: A vince Lilith ed elimina il Triacanto, B Lilith NON elimina il Triacanto e perde. Sicuramente vedrai che ci sarà un colpo di scena finale e la conclusione della storia non sarà nessuna di queste. Enoch mi sorprenderà”.

Beh, non mi ha sorpreso. Quando è uscito il fumetto l’ho preso e l’ho letto di corsa. Alla fine vince il Triacanto. Lilith si lascia infinocchiare dal Triacanto, uccide il Nero, il compagno che l’aveva aiutata per 17 numeri (bella riconoscenza), si lascia ASSIMILARE dal Triacanto, TORNA nel futuro da cui è arrivata, adesso è LEI l’emanazione del Triacanto e si è convinta della bontà della visione del mondo del Triacanto (ossia l’umanità è una massa di brutti animaloni violenti, per cui prima la togliamo dalle palle meglio è) e stermina la sua famiglia e il resto dei superstiti. Poi il Triacanto germina, tutto il mondo diventa un bell’alberone fronzuto e la storia finisce con Lilith che riposa serena in mezzo a un letto di fiori.

Che cosa dovrebbe fare una recensione? Giudicare la tecnica della storia? Allora il giudizio è ovviamente positivo. Enoch sa raccontare, sa calibrare i tempi, sa scrivere battute efficaci, sa creare personaggi credibili, e sa gestire argomenti scabrosi.

Ma poi cos’altro dovrebbe fare una recensione? Esprimere cosa pensa il recensore. E allora sono insoddisfatto. Questa NON è la storia che mi aspettavo. Uno può dire “Beh, meglio così no? Enoch ti ha sorpreso”. Ma il punto non è questo. Questa non è la storia che mi aspettavo di leggere, perché è PROPRIO una delle possibili storie che Enoch aveva prospettato come soluzioni: A o B. Ossia non mi aspettavo che la conclusione fosse così telefonata. Speravo, mi aspettavo, sognavo, imploravo un colpo di scena. Una soluzione C, né con il progetto originale di Lilith, né col il progetto del Triacanto. Mi aspettavo una soluzione nuova che superasse l’alternativa A o B. E invece no. Il cedimento di Lilith, perché Lilith ha ceduto alle parole del Triacanto, inutile starci a girare intorno, praticamente era stato detto da subito, quando in uno die primi numeri il Nero ha detto a Lilith “Attenta, il Triacanto ti infinocchierà e ti farà dubitare della sua missione” Ed è esattamente quello che è successo. Mi sarei aspettato una conclusione in cui Lilith portasse a termine la sua missione in un modo diverso dall’eliminare il Triacanto (questo lo avevano capito tutti), ma NON lasciando che il Triacanto sterminasse l’umanità

E qui veniamo a Gea. La fine di Lilith è la stesa di Gea. Anzi la STRUTTURA narrativa di Lilith è la stessa di Gea. Impostazione problema – aggravamento problema – scentro finale – risoluzione del problema con, come risultato finale, la Terra tramutata in un enorme giardino mistico con un graaaaaaaande albero che ingloba l’essenza della nuova vita. Gea era più commedia, Llith più tragedia mistica, ma lo svolgimento è lo stesso.

Gea finisce con un grosso albero e l’instaurazione di una nuova era sulla terra. Lilith finisce con un grosso albero e la Terra che entra in una nuova fase della vita.

Se si scava sotto la superfice si vede come Enoch abbia raccontato sempre la stessa storia, ossia il percorso che fa arrivare la Terra in un nuovo ciclo spirituale.

È un bene? Boh, non lo so. Sicuramente è ripetitivo. Poi è fatto bene, ed è una narrazione sincera. Si coglie che Enoch crede veramente in questa visione dell’universo, una visione olistica in cui la materia e lo spirito sono una cosa sola.

È una visione delle cose molto legata al misticismo orientale, e non è un caso se le ultime parole della serie siano proprio quelle di un mistico orientale, e non occidentale.

Allora recensione: Lilith è stata una serie bella. Mi aveva creato molte aspettative per il finale. Poi è arrivato il finale. E la delusione è tanta.

D’altronde che volete fare se avete già i primi 17 numeri? Non prendere l’ultimo? Ovvio che lo prenderete. E magari vi piacerà anche e non concorderete con me. Ma forse uno sforzo di immaginazione in più ci poteva stare.

Ora però basta che la prossima miniserie non parli di nuovo di un grosso albero e dell’avanzamento spirituale della Terra. Una volta va bene. Due ancora ancora. Tre no, per pietà.

Magazine

Sulle orme di Magnus: intervista a Gabriele Bernabei (saggista e promotore del Magnus Day)

04-10-2017 Hits:695 Autori e Anteprime Redazione

  di Giorgio Borroni. Nell’era di internet l’esperienza del fumetto si può vivere in tanti modi, non c’è che l’imbarazzo della scelta. Uno può essere un semplice lettore, un collezionista che con un semplice click può procurarsi più facilmente di una volta ciò che cerca, il professionista della tavola disegnata o sceneggiata...

Leggi tutto

Intervista ad Alessio Riolo, organizzatore di Palermo Comicon

21-09-2017 Hits:940 Reportage Redazione

  Di Alessandro Bottero Palermo Comicon è arrivato alla terza edizione, e quest’anno si presenta particolarmente interessante. Prima di immergerci nella kermesse ecco quattro chiacchiere con il direttore/organizzatore/imperatore Alessio Riolo, che insiste & persiste nel promuovere il fumetto nell’antica terra di Trinacria.  Tra un’arancina e una cassata ecco la saggezza delle sue...

Leggi tutto

Analogie kafkiane tra Egon Schiele e Angelo Stano

12-09-2017 Hits:1239 Critica d'Autore Redazione

    Le atmosfere gotiche nell’opprimente angoscia di un comune tratto artistico di Roberto Scaglione   Forse non aveva tanto torto Hugo Pratt a definire il fumetto quale “letteratura disegnata”, con un chiaro omaggio autoreferenziale alle proprie indelebili opere ed in particolare alla più rilevante, quel Corto Maltese che lo rese celebre come uno dei...

Leggi tutto

Monolith - il film: Recensione e Analisi

21-08-2017 Hits:2371 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

di Lorenzo Barruscotto (contiene – forse - spoiler) Il nostro Lorenzo Barruscotto, titolare della seguitissima rubrica Osservatorio Tex, recensisce Monolith, il film coprodotto da Sky che vede l'esordio alla produzione cinematografica di Sergio Bonelli Editore.Il fim, distribuito in 200 sale, dal 12 agosto, giorno della prima, al 20 agosto ha incassato 265.808...

Leggi tutto

Masters of the Universe: storia di un cult - Parte #04

07-08-2017 Hits:2214 Off Topic Davide Mosciaro

di Davide Mosciaro (QUI trovate le altre puntate) Tanto fu il successo da parte dei MOTU - che ricordiamolo sempre, è l’acronimo di Masters of the Universe -, che addirittura vennero suddivise in  ben 4 schiere di guerrieri. Una votata al bene, le altre tre votate al male: gli eroi di Eternia;...

Leggi tutto

Intervista ad Andrea Manfredini, nuovo Direttore Editoriale di Cagliostro E-Press

01-08-2017 Hits:2589 Autori e Anteprime Redazione

Di Giorgio Borroni Di recente alla Cagliostro E-Press c’è stato un cambio di ruoli nella direzione editoriale e la patata bollente è passata ad Andrea Manfredini, già creatore del super eroe sopra le righe Lo Scarafaggio e al timone della serie fantascientifica "Incrociatore Stellare E. Salgari".Oggi abbiamo il piacere di torchiare...

Leggi tutto

Masters of the Universe: storia di un cult - Parte #03

26-07-2017 Hits:2552 Off Topic Davide Mosciaro

di Davide Mosciaro (QUI trovate le altre puntate) Il cartone animato di He-Man è composto da due serie di 65 episodi ciascuna (per un totale di 130 episodi e ne era prevista pure una terza serie, che però non fece in tempo mai a vedere la luce in quanto i giocattoli non...

Leggi tutto