Fumetto d'Autore ISSN: 2037-6650
Dal 2008 il Magazine della Nona Arte e dintorni - Vers. 3.0 - Direttore: Alessandro Bottero
A+ A A-

Baby Jenus (Magic Press)

baby jenusdi Alessandro Bottero. È vero. Ci sono fumetti volutamente blasfemi e volgari. Fumetti che mettono alla base programmaticamente l’insulto voluto e consapevole alla religione cristiana e alla chiesa cattolica perché bisogna fargliela vedere a quei pretacci e al papa che rubano l’8 per mille e non fanno sposare mio cuggggino gay. Ci sono. È un dato di fatto. E come tutte le cose didascaliche e che servono solo a portare avanti una tesi ideologica sono di una pallosità e una pesantezza unica. Un po’ come i fumetti del Piccolo Pioniere o quelli che c’erano su Flecha (la rivista dei piccoli Franchisti nella Spagna degli anni ’30). Insomma anche nel caso dei fumetti anticlericali l’ideologia è la morte del divertimento. Poi c’è Jenus che è feroce, sferzante, sapido, pungente, ma NON ideologico e quindi diverte. O meglio A ME diverte. Ed essendo io – si sa – un bigottone cattolico che ce l’ha con chiunque sia progressista liberale bello bravo buono illuminato (o almeno così pensa una parte del fumettomondo che si diverte a sparare giudizi a cazzo) che Jenus mi piaccia dovrebbe essere fonte di sconcerto e stupore sommo. Eppure è così. E se Jenus mi piace Baby Jenus mi piace ancora di più. Lo trovo geniale. Leggendo questo volumetto la quantità di gag, di invenzioni, si giochi sul testo mi hanno ricordato i migliori battutisti nella storia del fumetto. Se proprio devo dirla, mi sembrava di leggere il miglior Ortolani. Consigliato? Assolutamente sì. Prezzo un po’ altino però. Ma per Baby Jenus un sacrificio si può fare.

 

Don Alemanno

Magic Press, cartonato 64 pagine a colori, euri 9,90

 

Magazine

Intervista a Pietro Gandolfi, autore di The Noise

25-05-2017 Hits:232 Autori e Anteprime Redazione

A cura di Giorgio Borroni Nel fumetto italiano da edicola l’horror manca da un bel po’. E io intendo l’horror vero, quello crudo e crudele che ti prende subito alla carotide senza neanche annunciarsi. Insomma, non mi riferisco all’horror patinato, lontano dall’underground che sfocia nel fantasy o se la cava con...

Leggi tutto

Intervista a Paolo di Orazio, il pioniere dell’horror estremo in Italia

12-05-2017 Hits:641 Autori e Anteprime Redazione

di Giorgio Borroni Da ragazzi li nascondevamo sotto il letto dai rastrellamenti, guardavamo con un occhio le loro pagine e con l’altro la porta della camera: questo per percepire ogni minimo movimento ed evitare di essere colti in flagrante mentre li sfogliavamo. No, non erano i banali giornalini porno, erano opere che...

Leggi tutto

Intervista con Brian Smuin

03-05-2017 Hits:628 Autori e Anteprime Redazione

  The Brian Smuin’s Interview. A cura di Giorgio Borroni.   A volte internet non è solo battaglie sui social, haters o groupie.  A volte internet ti offre la possibilità di allargare i propri orizzonti conoscendo artisti che provengono dall’altro capo del mondo, hanno lavorato per colossi dell’editoria o dell’intrattenimento, ma non vengono...

Leggi tutto

Terror INC: tra action e gore

02-05-2017 Hits:651 Critica d'Autore Redazione

di Giorgio Borroni. “Vivo per guerreggiare, ce l’ho nel sangue e se è quel che voglio io me lo prendo \ gli uomini che ho massacrato, i bambini schiavizzati e tutte le donne di cui ho abusato [...] Mangio le cervella dal teschio dei miei nemici \ e con orgoglio...

Leggi tutto

Anacanapana si presenta!

17-04-2017 Hits:926 Autori e Anteprime Redazione

Spazio alle autoproduzioni. SI presenta la rivista Anacanapana! La rivista “Anacanapana”, uscita su carta in due numeri a tiratura limitata nel 2009 e 2012, ripercorre le orme delle vecchie riviste-contenitore, con tante strisce umoristiche ed un po’ di materiale avventuroso. La gestazione è lunga e complessa, comunque alla fine la rivista...

Leggi tutto

Daltanious

11-04-2017 Hits:10718 Cuore e Acciaio Redazione

di Tiziano Caliendo. Lo scenario post-apocalittico è, da sempre, un topos importante nell’immaginario giapponese. Basti pensare a Violence Jack (1973), l’opera seminale del maestro Go Nagai, capace di anticipare di almeno otto anni il fulcro estetico e concettuale della trilogia milleriana di Mad Max, ossia il film Interceptor – Il...

Leggi tutto