Fumetto d'Autore ISSN: 2037-6650
Dal 2008 il Magazine della Nona Arte e dintorni - Vers. 3.0 - Direttore: Alessandro Bottero
A+ A A-

Marvel's Iron Fist - La Serie TV

ironfistdi Leandro Amodio. Già da qualche giorno è disponibile su Netflix, la serie tv dedicata a uno dei personaggi cosiddetti "minori" della Marvel, ovvero il provetto in arti marziali Iron Fist. Le sue prime apparizioni in Italia, risalgono alla seconda metà degli anni settanta, all'interno del fumetto "Shang-Chi, maestro del kung fu", pubblicato dalla mitica Editoriale Corno. Ottimo biglietto da visita è la sigla d'apertura, dove le mosse acrobatiche vengono esaltate da speciali effetti grafici e una musica avvincente. Il primo episodio inizia col protagonista, Danny Rand (Finn Jones), coperto da abiti sporchi e logori, scalzo e con la barba incolta, intento a recarsi presso l'impresa di suo padre, la Rand Enterprises, per rivendicare la sua titolarità, pari al 51% delle azioni. Non appena fa il suo ingresso però, dato il look poco rassicurante, gli addetti alla sicurezza non ci pensano due volte a sbatterlo fuori, o almeno ci provano, perché subito lo vediamo esibire le sue abilità, che rendono vana la loro aggressione e gli permettono di recarsi facilmente ai piani alti, dove scopre che a comandare sono i cugini Joy e Ward Meachum. Con un candore disarmante rivela ai parenti la sua identità, ma questi, convinto che il vero Danny Rand sia morto, reagiscono con grande ostilità, e stavolta i buttafuori riescono ad allontanarlo dall'edificio. Il giovane però non si arrende, e dopo essersi recato là dove un tempo era casa sua, e aver fatto amicizia con un senzatetto, che grazie a un iphone rubato, gli fornisce preziose informazioni, ci riprova inutilmente con Joy, che in compenso resta esterefatta dall'evoluzione, con cui il cugino evita un taxi in corsa. Con Ward invece la discussione è decisamente più animata e avviene all'interno della sua auto, guidata però da Danny, memore solo dei rudimenti impartiti dal padre quand'era piccolo. Tutto ciò che rimedia è una rancorosa minaccia e per il momento decide di occuparsi d'altro. Si reca infatti presso un dojo gestito da Colleen Wing, una ragazza orientale conosciuta in precedenza (scambiandolo per un mendicante, gli aveva offerto del denaro), a cui chiede lavoro. Diniego anche in questo caso, ma almeno gli regala un paio di ciabatte. Una volta fuori però, gli uomini di Ward lo attaccano, dando inizio a un lungo combattimento, durante il quale Danny, con una maschera, si confonde tra la folla durante una festa popolare, per poi colpire di sorpresa gli avversari. Testimone oculare la stessa Wing, alquanto perplessa. Messo al corrente del tentativo fallito, Ward viene poi convocato da un personaggio misterioso, residente in un lussuoso attico: si tratta di suo padre Harold, lo zio di Randy, che tutti credono sia deceduto a causa di un cancro, ma in realtà ritiratosi a vivere come un agiato eremita. È lui che nell'ombra controlla la Rand Enterprises e comanda a bacchetta suo figlio, al quale comunica che ha già un piano in mente e di tenersi pronto. L'indomani Joy trova Danny direttamente nel suo ufficio, ma stavolta si mostra più accondiscendente. Non è altro che un raggiro, per attendere l'effetto del sonnifero aggiunto al caffè dell'ignaro cugino, che subito dopo si ritrova legato al letto di un ospedale psichiatrico. Alcuni flashback vengono disseminati nel corso della puntata, fornendo indizi sull'incidente aereo, che ha reso Danny Rand un orfano disperso sull'Himalaya, e sulla sua fanciullezza. Lo scopo di questi primi 57 minuti è quello di delineare i tratti essenziali dei personaggi, rimandando ulteriori approfondimenti agli episodi successivi (ma posso già dirvi che al termine del secondo, Danny sfoggerà il suo Iron Fist!). Prodotta dalla stessa piattaforma di streaming, la serie è caratterizzata da un sapiente equilibrio tra suggestivi combattimenti e una consistente narrazione, in grado di appassionare lo spettatore, che apprezzerà quindi l'opera nel suo insieme. Con questa iniziativa, Netflix ha saputo valorizzare ampiamente, un personaggio finora poco noto al grande pubblico, ma la cui popolarità, grazie al lavoro della prestigiosa azienda, è destinata a un considerevole incremento.

Titolo: Marvel's Iron Fist

Genere: azione

Episodi: 13

Durata: variabile da 50 a 61 min.

Audio: italiano

Magazine

Anacanapana si presenta!

17-04-2017 Hits:384 Autori e Anteprime Redazione

Spazio alle autoproduzioni. SI presenta la rivista Anacanapana! La rivista “Anacanapana”, uscita su carta in due numeri a tiratura limitata nel 2009 e 2012, ripercorre le orme delle vecchie riviste-contenitore, con tante strisce umoristiche ed un po’ di materiale avventuroso. La gestazione è lunga e complessa, comunque alla fine la rivista...

Leggi tutto

Daltanious

11-04-2017 Hits:6713 Cuore e Acciaio Redazione

di Tiziano Caliendo. Lo scenario post-apocalittico è, da sempre, un topos importante nell’immaginario giapponese. Basti pensare a Violence Jack (1973), l’opera seminale del maestro Go Nagai, capace di anticipare di almeno otto anni il fulcro estetico e concettuale della trilogia milleriana di Mad Max, ossia il film Interceptor – Il...

Leggi tutto

Una storia del panopticon – Un capolavoro mancato

10-04-2017 Hits:449 Critica d'Autore Redazione

di Giorgio Borroni. L’ospedale psichiatrico di Panopticon Bentham è un edificio antico, lugubre e austero. Un luogo perfetto per racchiudere la sofferenza dei suoi degenti, per contenerne la malattia, ma anche per diventare teatro di eventi sanguinosi e indicibili. Nel 1912 il direttore della struttura, il dottor Bonticou, decretò la...

Leggi tutto

L'Uomo Bagno. Tra fumetto punk ed epica supereroistica.

06-04-2017 Hits:799 Critica d'Autore Redazione

di Giorgio Borroni. Se credete che Vito Angelo Vacca manchi di tempi comici, che sia fautore di un umorismo ormai obsoleto, oppure se semplicemente avete come metro quello dei fumetti umoristici di tendenza disegnati male, ecco, vi conviene mollare questa recensione e andare a leggere altri articoli. Anzi, se preferite...

Leggi tutto

XXXombies. Porno, Zombie e qualche occasione sprecata.

30-03-2017 Hits:770 Critica d'Autore Redazione

  di Giorgio Borroni. Ai loro occhi rossi, 30 centimetri di dimensione artistica sono solo un hot dog maxi; 2 meloni rifatti disgustoso cibo in scatola, se si buttano in mezzo a una ammucchiata è solo per abbuffarsi! Signori e signori, preparatevi a uno spettacolo mai visto: gli zombie invadono il...

Leggi tutto

Zombie Feast

13-03-2017 Hits:985 Critica d'Autore Redazione

di Giorgio Borroni. Allora, c’è un francese, un italiano e un tedesco... no, aspettate, non era così. Ricominciamo: c’è uno sfigato quattrocchi e sua sorella Barbara al cimitero che, ehm... no. No, accidenti, mi confondo... aspettate mi sa che era una via di mezzo. Com’è che era? Gesù, la memoria...

Leggi tutto