Fumetto d'Autore ISSN: 2037-6650
Dal 2008 il Magazine della Nona Arte e dintorni - Vers. 3.0 - Direttore: Alessandro Bottero
A+ A A-

Marvel's Iron Fist - La Serie TV

ironfistdi Leandro Amodio. Già da qualche giorno è disponibile su Netflix, la serie tv dedicata a uno dei personaggi cosiddetti "minori" della Marvel, ovvero il provetto in arti marziali Iron Fist. Le sue prime apparizioni in Italia, risalgono alla seconda metà degli anni settanta, all'interno del fumetto "Shang-Chi, maestro del kung fu", pubblicato dalla mitica Editoriale Corno. Ottimo biglietto da visita è la sigla d'apertura, dove le mosse acrobatiche vengono esaltate da speciali effetti grafici e una musica avvincente. Il primo episodio inizia col protagonista, Danny Rand (Finn Jones), coperto da abiti sporchi e logori, scalzo e con la barba incolta, intento a recarsi presso l'impresa di suo padre, la Rand Enterprises, per rivendicare la sua titolarità, pari al 51% delle azioni. Non appena fa il suo ingresso però, dato il look poco rassicurante, gli addetti alla sicurezza non ci pensano due volte a sbatterlo fuori, o almeno ci provano, perché subito lo vediamo esibire le sue abilità, che rendono vana la loro aggressione e gli permettono di recarsi facilmente ai piani alti, dove scopre che a comandare sono i cugini Joy e Ward Meachum. Con un candore disarmante rivela ai parenti la sua identità, ma questi, convinto che il vero Danny Rand sia morto, reagiscono con grande ostilità, e stavolta i buttafuori riescono ad allontanarlo dall'edificio. Il giovane però non si arrende, e dopo essersi recato là dove un tempo era casa sua, e aver fatto amicizia con un senzatetto, che grazie a un iphone rubato, gli fornisce preziose informazioni, ci riprova inutilmente con Joy, che in compenso resta esterefatta dall'evoluzione, con cui il cugino evita un taxi in corsa. Con Ward invece la discussione è decisamente più animata e avviene all'interno della sua auto, guidata però da Danny, memore solo dei rudimenti impartiti dal padre quand'era piccolo. Tutto ciò che rimedia è una rancorosa minaccia e per il momento decide di occuparsi d'altro. Si reca infatti presso un dojo gestito da Colleen Wing, una ragazza orientale conosciuta in precedenza (scambiandolo per un mendicante, gli aveva offerto del denaro), a cui chiede lavoro. Diniego anche in questo caso, ma almeno gli regala un paio di ciabatte. Una volta fuori però, gli uomini di Ward lo attaccano, dando inizio a un lungo combattimento, durante il quale Danny, con una maschera, si confonde tra la folla durante una festa popolare, per poi colpire di sorpresa gli avversari. Testimone oculare la stessa Wing, alquanto perplessa. Messo al corrente del tentativo fallito, Ward viene poi convocato da un personaggio misterioso, residente in un lussuoso attico: si tratta di suo padre Harold, lo zio di Randy, che tutti credono sia deceduto a causa di un cancro, ma in realtà ritiratosi a vivere come un agiato eremita. È lui che nell'ombra controlla la Rand Enterprises e comanda a bacchetta suo figlio, al quale comunica che ha già un piano in mente e di tenersi pronto. L'indomani Joy trova Danny direttamente nel suo ufficio, ma stavolta si mostra più accondiscendente. Non è altro che un raggiro, per attendere l'effetto del sonnifero aggiunto al caffè dell'ignaro cugino, che subito dopo si ritrova legato al letto di un ospedale psichiatrico. Alcuni flashback vengono disseminati nel corso della puntata, fornendo indizi sull'incidente aereo, che ha reso Danny Rand un orfano disperso sull'Himalaya, e sulla sua fanciullezza. Lo scopo di questi primi 57 minuti è quello di delineare i tratti essenziali dei personaggi, rimandando ulteriori approfondimenti agli episodi successivi (ma posso già dirvi che al termine del secondo, Danny sfoggerà il suo Iron Fist!). Prodotta dalla stessa piattaforma di streaming, la serie è caratterizzata da un sapiente equilibrio tra suggestivi combattimenti e una consistente narrazione, in grado di appassionare lo spettatore, che apprezzerà quindi l'opera nel suo insieme. Con questa iniziativa, Netflix ha saputo valorizzare ampiamente, un personaggio finora poco noto al grande pubblico, ma la cui popolarità, grazie al lavoro della prestigiosa azienda, è destinata a un considerevole incremento.

Titolo: Marvel's Iron Fist

Genere: azione

Episodi: 13

Durata: variabile da 50 a 61 min.

Audio: italiano

Magazine

L'Intervista - Paul Izzo, sceneggiatore per tutti i gusti

15-12-2017 Hits:32 Autori e Anteprime Giorgio Borroni

Oggi, qui in esclusiva su Fumetto d’Autore ho il piacere di intervistare un fumettista a 360 gradi, che può vantare esperienze che vanno dalla pubblicazione indipendente su web fino a collaborazioni con una testata del calibro di Diabolik. Ladies and Gentlemen, ecco a voi… Paul izzo! FdA: Benvenuto su FdA, Paul, tolgo...

Leggi tutto

BERSERK: LUCI E OMBRE

27-11-2017 Hits:624 Critica d'Autore Redazione

  Di Giorgio Borroni Un paio di anni fa, quando ancora frequentavo i gruppi facebookiani relativi ai fumetti, mi capitò di esprimere un paio di mie idee sulla deriva presa da Berserk, il celebre manga di Kentaro Miura. La fauna che più spesso è attiva sui social, si sa, per una bella...

Leggi tutto

Justice League - Una critica d'autore - Parte 2

21-11-2017 Hits:819 Critica d'Autore Redazione

  Justice League of Marvel   Di Alessio Sgarlato Dopo questa lunga ma necessaria premessa, veniamo all’oggetto del contendere, ovvero Justice League, il più bel sequel di Avengers uscito finora. I film Marvel e quelli della DC con questa pellicola si trovano a dover rendere conto allo spettatore di ingombranti somiglianze estetiche. Tanto negli...

Leggi tutto

Justice League - Una critica d'autore - Parte 1

20-11-2017 Hits:905 Critica d'Autore Redazione

  Marvel VS DC – La battaglia del secolo   Di Alessio Sgarlato   Nel 2016 esce Batman V Superman – Dawn of Justice e diventa immediatamente un film controverso, nel quale il pubblico non riesce a ritrovare lo spirito originale dei personaggi e delle storie che lo hanno ispirato. Eppure, per me si rivela...

Leggi tutto

La distopia ucronica di “Space Anabasis"

13-11-2017 Hits:858 Critica d'Autore Redazione

    Per aspera ad astra, deinde a caelo usque ad centrum!  La distopia ucronica di “Space Anabasis”: tra i giochi di potere, nella fantascienza del passato   Roma, anno 2770 ab urbe condita: un 2017 d.C. alternativo in cui, come recita la didascalia già dalla prima striscia: « L’impero ha tenuto il sistema...

Leggi tutto

I voli pindarici di Mister No

10-11-2017 Hits:1048 Critica d'Autore Redazione

      In requiem del pilota Jerry Drake, paladino dei diritti umani nel fumetto italiano: verso il rilancio! Premessa: i vecchi nostalgici lo rivorrebbero dal 380. Difatti non tutte le cose, in ossequio alla realtà non (o anti ?) relativa, cominciano dallo 0 e proseguono direttamente con l’1, per poi giungere al 2...

Leggi tutto

C’è del Ferro in questo fumetto. Intervista alla casa editrice Ferrogallico

31-10-2017 Hits:1628 Autori e Anteprime Redazione

Di Alessandro Bottero Quando nasce una nuova casa editrice non si può che essere contenti. Significa che nonostante la crisi ci sono ancora  pazzi innamorati del fumetto. Ferrogallico è una casa editrice nata nel 2017, abbastanza snobbata da critica e pubblico (almeno quello che agita il mondo dei social) perché si...

Leggi tutto