Fumetto d'Autore ISSN: 2037-6650
Dal 2008 il Magazine della Nona Arte e dintorni - Vers. 3.0 - Direttore: Alessandro Bottero
A+ A A-

Y - l'ultimo uomo (RW - Lion)

ydi Giorgio Borroni. Yorick è un laureato in letteratura inglese nel tunnel della disoccupazione: gli riescono bene solo i giochi di prestigio con cui racimola qualche soldo e soprattutto è un asso nel mettere in pratica qualche nuova assurdità, come quella di comprare una scimmia per ammaestrarla (e così trovare un impiego come addestratore). Sembra un maestro nell’incasinarsi la vita più o meno volontariamente, al contrario della sua famiglia, composta da persone con i piedi per terra: sua madre è una deputata alla Casa Bianca, suo padre un professore e sua sorella un paramedico. Su una cosa Yorick è però deciso a rigare dritto: sposare Beth, la sua ragazza che al momento si trova in Australia in qualità di assistente a un antropologo; tuttavia, fedele al suo stile caotico di vita, il ragazzo le fa la proposta al telefono, senza neanche aspettare di darle l’anello ma rivelandole che ha speso ben 200 dollari per compragliene uno. La linea cade, forse Beth è rimasta sconcertata, oppure la cosa è dovuta al fatto che su tutto il pianeta è scoppiato l’armageddon. L’opzione meno probabile, questa volta è quella giusta: una sorta virus simile all’ebola ma ancora più devastante, stermina la popolazione maschile del pianeta. Quelli che possiedono il cromosoma Y in un batter d’occhio si accasciano in preda a emorragie fulminanti, morti stecchiti senza neanche il tempo di essere soccorsi. Tutti tranne Yorick, che inspiegabilmente sopravvive e non ha neanche un sintomo della strana malattia. I più adesso penseranno “beato lui!”, chi non vorrebbe avere l’esclusiva sul sesso femminile di tutto il pianeta? Eppure le cose non sono così semplici, perché quando gli uomini vengono a mancare si creano gravi squilibri che minano le fondamenta stesse della nostra società: femministe fanatiche credono che l’estinzione del sesso maschile sia un segno divino per la loro ascesa al dominio, così si mutilano di un seno riunendosi in bande di “amazzoni” il cui unico scopo e saccheggiare e scovare ipotetici maschi sopravvissuti per ucciderli; le vedove dei deputati alla casa bianca minacciano le deputate di sesso femminile perché aspirano all’eredità della carica dei mariti, mentre ovunque regna il caos e il mondo come lo conosciamo sembra un film di Mad Max.

Yorick, dunque, da banale fallito si ritrova fin troppo al centro dell’attenzione: sua madre vuole affidarlo a una dottoressa esperta in clonazione per ripopolare il mondo, le amazzoni vogliono la sua testa, mentre lui vorrebbe solo raggiungere Beth e terminare il discorso lasciato in sospeso...

Y - l’ultimo uomo sulla terra, è una serie targata Vertigo e risalente al 2002, sceneggiata da Brian K. Vaughan e illustrata da Pia Guerra.

Vaughan, classe 1976, per gli appassionati di fumetti è celebre anche per lavori come Ex Machina e Runaways, ma forse è noto ai più per la sua partecipazione attiva nella sceneggiatura di Lost, di cui Y ha l’aria di essere un antenato in formato cartaceo.

YLULTIMOUOMO006

 

Y ha infatti molto in comune con il serial televisivo dei naufraghi e non solo per l’argomento catastrofico, ma soprattutto per il taglio convulso, veloce e basato sui continui colpi di scena, così come sul cambio repentino di prospettive. Come in Lost, infatti, gli attori della vicenda con le loro vicissitudini vengono presi in esame uno ad uno creando dei siparietti che con brevi pennellate determinano il loro carattere e il loro ruolo nella società prima della catastrofe – per poi essere stravolti e riproposti dopo, mostrando al lettore l’evoluzione che ha avuto il loro status e come possono interagire con la vicenda. Abbiamo quindi la madre di Yorick, deputata democratica che ha reso la clonazione illegale affannarsi in tutti i modi per affidare il figlio alle cure della dottoressa che ha condotto esperimenti illeciti in materia; Alter, soldatessa dell’esercito israeliano che si ritrova da un giorno all’altro ad avere il comando delle truppe di una intera nazione; 355, agente segreto che deve fare da guardia del corpo all’ultimo uomo, e così via. le situazioni si avvicendano in maniera fulminea, caratterizzate da dialoghi arguti, taglienti e spesso conditi da un umorismo impareggiabile, intervallati da scene di azione che scoppiano repentine o dopo un climax di tensione: in questo modo, esattamente come accade in un telefilm, l’interesse del lettore viene costantemente mantenuto vivo e i punti morti risultano inesistenti. Certo, una situazione così assurda e pazzesca come l’estinzione completa della razza maschile è difficile da gestire senza creare qualche buco nella sceneggiatura e qualche episodio che non faccia gridare al “gratuito”, ma Vaughan riesce comunque a tenere ben saldi gli aspetti “seri” e quelli “comedy” della vicenda, cavandosela con un’ironia ben riuscita laddove la drammaticità viene compromessa. I temi scottanti come la pillola del giorno dopo o la clonazione sono sempre attualissimi, proposti sotto forma di satira sferzante, eppure senza mai prendere la strada dell’eccesso: un garbo in contrasto con la crudezza a cui ci ha abituato un Ennis o un Millar, eppure altrettanto efficace nel far sì che il lettore si ponga domande su determinate tematiche – pur continuando a godersi un’opera leggera come una sit com e allo stesso tempo appassionante come un serial.

Meno riuscita, a mio parere, la caratterizzazione dei personaggi a livello grafico, dotati di tratti spesso troppo simili: c’è di buono che questo problema affligge soprattutto gli uomini, e, con la loro dipartita, si riduce anche la confusione; per il resto lo stile ricalca senza infamia né lode i canoni estetici a cui fumetti Vertigo dello stesso genere ci hanno abituati e comunque, pur senza brillare, illustra sufficientemente bene quanto narrato.

La ristampa di Y, dunque, è un’ottima occasione per chi si avvicina per la prima volta a quest’opera come per tutti gli appassionati dell’horror nella forma più apocalittica e catastrofica ed è disposto a misurarsi con contaminazioni con il genere comedy.

 

Y - l’ultimo uomo

di Brian K. Vaughan e Pia Guerra.

Editore: RW Lion

3,90 euro

Magazine

Justice League - Una critica d'autore - Parte 2

21-11-2017 Hits:290 Critica d'Autore Redazione

  Justice League of Marvel   Di Alessio Sgarlato Dopo questa lunga ma necessaria premessa, veniamo all’oggetto del contendere, ovvero Justice League, il più bel sequel di Avengers uscito finora. I film Marvel e quelli della DC con questa pellicola si trovano a dover rendere conto allo spettatore di ingombranti somiglianze estetiche. Tanto negli...

Leggi tutto

Justice League - Una critica d'autore - Parte 1

20-11-2017 Hits:427 Critica d'Autore Redazione

  Marvel VS DC – La battaglia del secolo   Di Alessio Sgarlato   Nel 2016 esce Batman V Superman – Dawn of Justice e diventa immediatamente un film controverso, nel quale il pubblico non riesce a ritrovare lo spirito originale dei personaggi e delle storie che lo hanno ispirato. Eppure, per me si rivela...

Leggi tutto

La distopia ucronica di “Space Anabasis"

13-11-2017 Hits:435 Critica d'Autore Redazione

    Per aspera ad astra, deinde a caelo usque ad centrum!  La distopia ucronica di “Space Anabasis”: tra i giochi di potere, nella fantascienza del passato   Roma, anno 2770 ab urbe condita: un 2017 d.C. alternativo in cui, come recita la didascalia già dalla prima striscia: « L’impero ha tenuto il sistema...

Leggi tutto

I voli pindarici di Mister No

10-11-2017 Hits:603 Critica d'Autore Redazione

      In requiem del pilota Jerry Drake, paladino dei diritti umani nel fumetto italiano: verso il rilancio! Premessa: i vecchi nostalgici lo rivorrebbero dal 380. Difatti non tutte le cose, in ossequio alla realtà non (o anti ?) relativa, cominciano dallo 0 e proseguono direttamente con l’1, per poi giungere al 2...

Leggi tutto

C’è del Ferro in questo fumetto. Intervista alla casa editrice Ferrogallico

31-10-2017 Hits:1113 Autori e Anteprime Redazione

Di Alessandro Bottero Quando nasce una nuova casa editrice non si può che essere contenti. Significa che nonostante la crisi ci sono ancora  pazzi innamorati del fumetto. Ferrogallico è una casa editrice nata nel 2017, abbastanza snobbata da critica e pubblico (almeno quello che agita il mondo dei social) perché si...

Leggi tutto

Sulle orme di Magnus: intervista a Gabriele Bernabei (saggista e promotore del Magnus Day)

04-10-2017 Hits:1804 Autori e Anteprime Redazione

  di Giorgio Borroni. Nell’era di internet l’esperienza del fumetto si può vivere in tanti modi, non c’è che l’imbarazzo della scelta. Uno può essere un semplice lettore, un collezionista che con un semplice click può procurarsi più facilmente di una volta ciò che cerca, il professionista della tavola disegnata o sceneggiata...

Leggi tutto

Intervista ad Alessio Riolo, organizzatore di Palermo Comicon

21-09-2017 Hits:2039 Reportage Redazione

  Di Alessandro Bottero Palermo Comicon è arrivato alla terza edizione, e quest’anno si presenta particolarmente interessante. Prima di immergerci nella kermesse ecco quattro chiacchiere con il direttore/organizzatore/imperatore Alessio Riolo, che insiste & persiste nel promuovere il fumetto nell’antica terra di Trinacria.  Tra un’arancina e una cassata ecco la saggezza delle sue...

Leggi tutto