Fumetto d'Autore ISSN: 2037-6650
Dal 2008 il Magazine della Nona Arte e dintorni - Vers. 3.0 - Direttore: Alessandro Bottero
A+ A A-

Si chiamava TOMOJI (Rizzoli Lizzard)

tomojidi Matilde Losani. La storia di un approdo al sicuro porto della serenità, dopo tempeste, abbandoni e perdite. Il viaggio di una giovane donna che vive, in apparente superficie i propri dolori, ma che, come una conchiglia, secerne madreperla e s...a trasformare le proprie sofferenze in un tesoro nascosto di nome TOMOJI.
La storia inizia con l’incontro casuale e fugace della protagonista con Fumiaki e spiegherà come una bambina si è trasformata in una donna determinata, risoluta e capace. Sono proprio queste le caratteristiche che porteranno TOMOJI a dichiararsi a Fumiaki, usando sospirate parole dipinte su carta: “... se davvero desideri sposarmi vieni a prendermi al più presto. Sono pronta a venire via con te.”. Di fronte a questo meraviglioso affresco di sentimenti Fumiaki scoprirà di non poter fare a meno di Tomoji, rinunciando alle formali cerimonie nuziali per festeggiare, con pochi intimi, la loro unione.
Taniguchi narra questo processo interiore con delicatezza, conferendo al racconto la freschezza e la bellezza degli anni della protagonista, così come traspare icto oculi dalla copertina.
Tomoji: un nome che ciascuno di noi potrebbe prendere in prestito qualora, di fronte alle avversità e alle scelte sbagliate altrui, scegliessimo di fare spazio al perdono, alla speranza e all'amore, anziché al rancore e alla rabbia.

 

Si chiamava TOMOJI” di JIRÔ TANIGUCHI, Rizzoli Lizard.

Il volume è prenotabile e acquistabile anche presso:

Fumetteria Sturiellet

VIA DANTE DI NANNI 80/A - 10139 Torino (TO)

011 19457208

Magazine

Anacanapana si presenta!

17-04-2017 Hits:442 Autori e Anteprime Redazione

Spazio alle autoproduzioni. SI presenta la rivista Anacanapana! La rivista “Anacanapana”, uscita su carta in due numeri a tiratura limitata nel 2009 e 2012, ripercorre le orme delle vecchie riviste-contenitore, con tante strisce umoristiche ed un po’ di materiale avventuroso. La gestazione è lunga e complessa, comunque alla fine la rivista...

Leggi tutto

Daltanious

11-04-2017 Hits:6742 Cuore e Acciaio Redazione

di Tiziano Caliendo. Lo scenario post-apocalittico è, da sempre, un topos importante nell’immaginario giapponese. Basti pensare a Violence Jack (1973), l’opera seminale del maestro Go Nagai, capace di anticipare di almeno otto anni il fulcro estetico e concettuale della trilogia milleriana di Mad Max, ossia il film Interceptor – Il...

Leggi tutto

Una storia del panopticon – Un capolavoro mancato

10-04-2017 Hits:483 Critica d'Autore Redazione

di Giorgio Borroni. L’ospedale psichiatrico di Panopticon Bentham è un edificio antico, lugubre e austero. Un luogo perfetto per racchiudere la sofferenza dei suoi degenti, per contenerne la malattia, ma anche per diventare teatro di eventi sanguinosi e indicibili. Nel 1912 il direttore della struttura, il dottor Bonticou, decretò la...

Leggi tutto

L'Uomo Bagno. Tra fumetto punk ed epica supereroistica.

06-04-2017 Hits:829 Critica d'Autore Redazione

di Giorgio Borroni. Se credete che Vito Angelo Vacca manchi di tempi comici, che sia fautore di un umorismo ormai obsoleto, oppure se semplicemente avete come metro quello dei fumetti umoristici di tendenza disegnati male, ecco, vi conviene mollare questa recensione e andare a leggere altri articoli. Anzi, se preferite...

Leggi tutto

XXXombies. Porno, Zombie e qualche occasione sprecata.

30-03-2017 Hits:803 Critica d'Autore Redazione

  di Giorgio Borroni. Ai loro occhi rossi, 30 centimetri di dimensione artistica sono solo un hot dog maxi; 2 meloni rifatti disgustoso cibo in scatola, se si buttano in mezzo a una ammucchiata è solo per abbuffarsi! Signori e signori, preparatevi a uno spettacolo mai visto: gli zombie invadono il...

Leggi tutto

Zombie Feast

13-03-2017 Hits:1006 Critica d'Autore Redazione

di Giorgio Borroni. Allora, c’è un francese, un italiano e un tedesco... no, aspettate, non era così. Ricominciamo: c’è uno sfigato quattrocchi e sua sorella Barbara al cimitero che, ehm... no. No, accidenti, mi confondo... aspettate mi sa che era una via di mezzo. Com’è che era? Gesù, la memoria...

Leggi tutto