Fumetto d'Autore ISSN: 2037-6650
Dal 2008 il Magazine della Nona Arte e dintorni - Vers. 3.0 - Direttore: Alessandro Bottero
A+ A A-

O.Z. (LaPiccolaVolante)

ozdi Leandro Amodio. Il volume è liberamente ispirato al romanzo per ragazzi "Il meraviglioso mago di Oz", di cui segue la trama base, alterandola però sensibilmente, trasformando una favola dai toni innocenti e cordiali, in un mix di horror, erotismo e black humor. Nello stato americano del Kansas imperversa un tornado così potente, da sradicare la casa della protagonista Dorothy. Una cicatrice sulla guancia sinistra e, a eccezione dei calzettoni, che arrivano a metà coscia, per il resto appare "come mamma l'ha fatta", lasciando subito intendere al lettore, quanto l'ingenuità da questo fumetto sia assolutamente bandita. Atterra in un mondo terrificante, dove a darle il benvenuto sono creature mostruose note come mastichini, quindi si copre con un abito piuttosto striminzito, che a malapena riesce a coprire la parti basse, ed esce per rendersi conto della situazione. Scopre che una donna è stata travolta dalla sua dimora, mentre i mostri le si avvicinano sfoderando un sorriso inquietante. Giunge una creatura femminile con la corna da ariete, una maglietta nera che però non nasconde il seno, libero al vento, e senza alcuna veste dalla vita in giù. Si presenta alla protagonista come la strega del nord, e le riferisce di trovarsi nel magico mondo di Oz. Spiega inoltre, che la donna uccisa è la strega dell'est e, insieme a quella dell'ovest, rappresentavano la coppia cattiva, mentre le buone sono lei e la strega del sud. Per coronare il suo desiderio di tornare nel Kansas, Dorothy deve rivolgersi al mago di Oz, e per recarsi da lui, deve seguire un sentiero di mattoni gialli. Il cammino inizialmente è contornato da mostri di vario genere, e spaventapasseri cuciti insieme con pezzi di ossa. Di questi raccapriccianti pupazzi, uno accompagnerà la fanciulla, intenzionato a chiedere un cervello al mago. Proseguendo, osservano in cielo le città volanti della strega dell'ovest, con solo le gambe coperte e particolarmente vogliosa, decisa a vendicarsi per la morte della sua collega. Giungono poi alla città di ferro, controllata dall'essere di latta, il cui aspetto è tutt'altro che rassicurante. Anche lui decide di aggregarsi, desideroso di ricevere un cuore, per poter provare finalmente sentimenti umani. Il tragitto presenta poi un'opportunità di svago, ovvero lo Psicho Circus. Ed è qui che lo humor nero si scatena. Basti pensare al grande lanciatore di coltelli che non sbaglia mai un colpo (vedrete in che senso), e le oche carnivore (non invidierete il pubblico). Fra le varie attrazioni c'è il leone fifone, che del re della foresta però, ha solo capo e coda, invece il resto del corpo è umano, mentre dai polsi fuoriescono due coltelli in stile Wolverine. Stanco di essere etichettato come fifone, il leone fugge via e il suo numero viene sostituito dal racconto di un sedicente oracolo, nel quale il mago di Oz viene dipinto come un cinico tiranno, che ha seminato zizzania in un luogo un tempo pacifico e felice. Usciti dal circo, dei mostruosi insetti, fedeli alla strega dell'ovest, gli si parano davanti, intenzionati a divorarli. L'essere di latta però, riesce a scongiurare sul nascere tale pericolo, e subito dopo si presenta il leone fifone, che dal mago invece vuole il coraggio. Il traguardo è ormai vicino, ma il quartetto deve fare i conti con una donna albero, i cui seni si spalancano come la bocca di una pianta carnivora. La minaccia viene eliminata grazie all'intervento della strega del sud, una donna accessoriata col sesso maschile. Finalmente al cospetto del mago, si scopre che costui in realtà è un abile illusionista, e l'intero mondo di Oz è solo il frutto della sua opera. Decide di offrire a Dorothy la seguente scelta: prendere il posto della defunta maga dell'est o tornare in Kansas, avvisandola però, che in quest'ultimo caso potrebbe trovare una situazione differente, da quella lasciata all'arrivo del tornado. Caparbiamente Dorothy sceglie il luogo in cui ha sempre vissuto. Il mago l'accontenta e, una volta tornata nel punto preciso in cui era la sua casa, si renderà conto di quanto lui avesse ragione. Da segnalare i numerosi momenti di silenzio, in cui la narrazione è affidata esclusivamente alle immagini, mentre i dialoghi sono ridotti allo stretto indispensabile. Una rivisitazione decisamente singolare del celebre romanzo, la cui lettura non potrà di certo lasciare indifferenti.

Titolo: O.Z

Editore: La Piccola Volante

Autori: Paolo Massagli (testi e disegni)

Pagine: 200

Formato: 14×20 - Brossura Filo Refe - B/N

Prezzo: Euro 15,00

 

Magazine

Justice League - Una critica d'autore - Parte 2

21-11-2017 Hits:165 Critica d'Autore Redazione

  Justice League of Marvel   Di Alessio Sgarlato Dopo questa lunga ma necessaria premessa, veniamo all’oggetto del contendere, ovvero Justice League, il più bel sequel di Avengers uscito finora. I film Marvel e quelli della DC con questa pellicola si trovano a dover rendere conto allo spettatore di ingombranti somiglianze estetiche. Tanto negli...

Leggi tutto

Justice League - Una critica d'autore - Parte 1

20-11-2017 Hits:294 Critica d'Autore Redazione

  Marvel VS DC – La battaglia del secolo   Di Alessio Sgarlato   Nel 2016 esce Batman V Superman – Dawn of Justice e diventa immediatamente un film controverso, nel quale il pubblico non riesce a ritrovare lo spirito originale dei personaggi e delle storie che lo hanno ispirato. Eppure, per me si rivela...

Leggi tutto

La distopia ucronica di “Space Anabasis"

13-11-2017 Hits:365 Critica d'Autore Redazione

    Per aspera ad astra, deinde a caelo usque ad centrum!  La distopia ucronica di “Space Anabasis”: tra i giochi di potere, nella fantascienza del passato   Roma, anno 2770 ab urbe condita: un 2017 d.C. alternativo in cui, come recita la didascalia già dalla prima striscia: « L’impero ha tenuto il sistema...

Leggi tutto

I voli pindarici di Mister No

10-11-2017 Hits:516 Critica d'Autore Redazione

      In requiem del pilota Jerry Drake, paladino dei diritti umani nel fumetto italiano: verso il rilancio! Premessa: i vecchi nostalgici lo rivorrebbero dal 380. Difatti non tutte le cose, in ossequio alla realtà non (o anti ?) relativa, cominciano dallo 0 e proseguono direttamente con l’1, per poi giungere al 2...

Leggi tutto

C’è del Ferro in questo fumetto. Intervista alla casa editrice Ferrogallico

31-10-2017 Hits:1083 Autori e Anteprime Redazione

Di Alessandro Bottero Quando nasce una nuova casa editrice non si può che essere contenti. Significa che nonostante la crisi ci sono ancora  pazzi innamorati del fumetto. Ferrogallico è una casa editrice nata nel 2017, abbastanza snobbata da critica e pubblico (almeno quello che agita il mondo dei social) perché si...

Leggi tutto

Sulle orme di Magnus: intervista a Gabriele Bernabei (saggista e promotore del Magnus Day)

04-10-2017 Hits:1766 Autori e Anteprime Redazione

  di Giorgio Borroni. Nell’era di internet l’esperienza del fumetto si può vivere in tanti modi, non c’è che l’imbarazzo della scelta. Uno può essere un semplice lettore, un collezionista che con un semplice click può procurarsi più facilmente di una volta ciò che cerca, il professionista della tavola disegnata o sceneggiata...

Leggi tutto

Intervista ad Alessio Riolo, organizzatore di Palermo Comicon

21-09-2017 Hits:1990 Reportage Redazione

  Di Alessandro Bottero Palermo Comicon è arrivato alla terza edizione, e quest’anno si presenta particolarmente interessante. Prima di immergerci nella kermesse ecco quattro chiacchiere con il direttore/organizzatore/imperatore Alessio Riolo, che insiste & persiste nel promuovere il fumetto nell’antica terra di Trinacria.  Tra un’arancina e una cassata ecco la saggezza delle sue...

Leggi tutto