Fumetto d'Autore ISSN: 2037-6650
Dal 2008 il Magazine della Nona Arte e dintorni - Vers. 3.0 - Direttore: Alessandro Bottero
A+ A A-

LA SCUOLA SENZA PUDORE - CUTIE HONEY: The ORIGIN (J-POP)

gonagai2 1

di Matilde Losani. In Italia Go Nagai è diventato famoso soprattutto per i suoi robot (Atlas Ufo Robot Goldrake, Il Grande Mazinga, Mazinga Z, Jeeg Robot d'Acciaio), che hanno invaso le TV private, diventando un appuntamento imperdibile, segnando l'intera generazione degli anni '80. Tuttavia, molti ignorano che in Giappone questo mangaka è famoso anche per aver dato vita a personaggi di ben altra natura, con cui ha denunciato i mali della società e affrontato tematiche “scomode”.

La scuola senza pudore” è un'opera del secolo scorso (più precisamente datata 1968), il cui contenuto può essere sintetizzato con tre aggettivi: irriverente, scanzonato e surreale. Protagonista indiscusso è il piccolo ribelle di nome Yasohachi Yamagisti, affiancato dal timido Vicolo Cieco e dalla ninja Jubei, nella lotta più ardua per qualunque ragazzino: avere la meglio con le autorità costituite, tipiche di qualunque cultura e nazionalità, ossia i genitori e gli insegnanti, con cui si scontrano senza sosta e senza pietà per stabilire chi sia il più scaltro. In questo quadro di apparente normalità, si stagliano professori che si vestono da donne, padri che ingaggiano combattimenti all'ultimo sangue con i propri figli per i risultati scolastici, madri (o presunte tali) orgogliose dei propri figli oltre ogni ragionevolezza.

gonagai2 2

Il tratto inconfondibile del geniale Go Nagai ha dato vita a “Cutie Honey - The Origin”, che ha superato ogni mia aspettativa ed immaginazione. La storia è incentrata sulle vicende di una super-eroina con il prosperoso corpo da androide ed il cuore di fanciulla, che (come spesso accade) stravede per il proprio padre, scienziato dallo straordinario talento che morirà sotto gli artigli dell'organizzazione criminale chiamata “Panther Claw”. Da qui il desiderio di vendetta della devota figlia, la quale, grazie ad un messaggio “speciale” lasciatole dal suo creatore, scoprirà di potersi trasformare in tutto ciò che vuole, acquistando in tal modo un'incredibile forza e svariate capacità (come guidare qualunque mezzo di trasporto o eseguire sofisticate tecniche di combattimento), che le permetteranno di uccidere le pantere e fare giustizia. Ad ogni trasformazione (e non solo) Honey appare nuda e, in alcuni casi, completamente alla mercé di uomini e giovanotti, che, sebbene pronti ad aiutarla nella sua impresa, non possono fare a meno di palesare il forte desiderio sessuale che nutrono per lei.

Confrontato con il fumetto giapponese contemporaneo, la lettura di questi manga potrebbe far scappare un sorriso di sufficienza, ma se si considera il periodo storico in cui sono stati pubblicati – ossia quasi 50 anni fa – ed il pubblico a cui erano inizialmente presentati, allora le cose cambiano. Sesso, omosessualità, violenza e bizzarro eroismo fanno di Go Nagai un classico da leggere tutto d'un fiato.

 

LA SCUOLA SENZA PUDORE, Edizioni J-POP, sovracopertina, Euro 9,90

CUTIE HONEY – The ORIGIN, Edizioni J-POP, sovracopertina, Euro 9,90

di Go Nagai

Il volume è prenotabile e acquistabile anche presso:

Fumetteria Sturiellet

VIA DANTE DI NANNI 80/A - 10139 Torino (TO)

011 19457208

Magazine

Anacanapana si presenta!

17-04-2017 Hits:443 Autori e Anteprime Redazione

Spazio alle autoproduzioni. SI presenta la rivista Anacanapana! La rivista “Anacanapana”, uscita su carta in due numeri a tiratura limitata nel 2009 e 2012, ripercorre le orme delle vecchie riviste-contenitore, con tante strisce umoristiche ed un po’ di materiale avventuroso. La gestazione è lunga e complessa, comunque alla fine la rivista...

Leggi tutto

Daltanious

11-04-2017 Hits:6743 Cuore e Acciaio Redazione

di Tiziano Caliendo. Lo scenario post-apocalittico è, da sempre, un topos importante nell’immaginario giapponese. Basti pensare a Violence Jack (1973), l’opera seminale del maestro Go Nagai, capace di anticipare di almeno otto anni il fulcro estetico e concettuale della trilogia milleriana di Mad Max, ossia il film Interceptor – Il...

Leggi tutto

Una storia del panopticon – Un capolavoro mancato

10-04-2017 Hits:484 Critica d'Autore Redazione

di Giorgio Borroni. L’ospedale psichiatrico di Panopticon Bentham è un edificio antico, lugubre e austero. Un luogo perfetto per racchiudere la sofferenza dei suoi degenti, per contenerne la malattia, ma anche per diventare teatro di eventi sanguinosi e indicibili. Nel 1912 il direttore della struttura, il dottor Bonticou, decretò la...

Leggi tutto

L'Uomo Bagno. Tra fumetto punk ed epica supereroistica.

06-04-2017 Hits:829 Critica d'Autore Redazione

di Giorgio Borroni. Se credete che Vito Angelo Vacca manchi di tempi comici, che sia fautore di un umorismo ormai obsoleto, oppure se semplicemente avete come metro quello dei fumetti umoristici di tendenza disegnati male, ecco, vi conviene mollare questa recensione e andare a leggere altri articoli. Anzi, se preferite...

Leggi tutto

XXXombies. Porno, Zombie e qualche occasione sprecata.

30-03-2017 Hits:803 Critica d'Autore Redazione

  di Giorgio Borroni. Ai loro occhi rossi, 30 centimetri di dimensione artistica sono solo un hot dog maxi; 2 meloni rifatti disgustoso cibo in scatola, se si buttano in mezzo a una ammucchiata è solo per abbuffarsi! Signori e signori, preparatevi a uno spettacolo mai visto: gli zombie invadono il...

Leggi tutto

Zombie Feast

13-03-2017 Hits:1006 Critica d'Autore Redazione

di Giorgio Borroni. Allora, c’è un francese, un italiano e un tedesco... no, aspettate, non era così. Ricominciamo: c’è uno sfigato quattrocchi e sua sorella Barbara al cimitero che, ehm... no. No, accidenti, mi confondo... aspettate mi sa che era una via di mezzo. Com’è che era? Gesù, la memoria...

Leggi tutto