Fumetto d'Autore ISSN: 2037-6650
Dal 2008 il Magazine della Nona Arte e dintorni - Vers. 3.0 - Direttore: Alessandro Bottero
A+ A A-

I colori del vicino (RenBooks)

colorivicinodi Alessandro Bottero. Un uomo. Un innamorato. Un uomo innamorato che si ritrova chiuso in casa del suo fidanzato. Nell’appartamento accanto un altro uomo, che vorrebbe solo bersi un caffè in pace in balcone. LA storia è tutta qui. Un bozzetto breve, rapido come una freccia che dal dardo scocca e vola veloce di bocca in bocca. Cupido, che appare alla fine in versione Fanta-Punk, probabilmente non è estraneo a come si sviluppa la storia. Il proverbio dice l’erba del vicino è sempre più verde, e in questa variazione sul tema è il vicino ad essere più colorato (verde, giallo, rosso, blu…) della vita fin lì vissuta da Gaspare. La storia è garbata, ed essendo il BotMan un romanticone le storie che finiscono col lieto fine mi piacciono sempre. Appurato questo il mio timore è che la RenBooks si chiuda all’interno di genere troppo definito. Ma va anche detto che a-gli editori sono loro e pubblicano quello che gli pare; e- se ai lettori piace, va bene così. Il volume è carino, prezzo tutto sommato accettabile, ma forse alla fine rimane un po’ leggerino. È una storia in cui il sentimento è tutto. Si regge sui dialoghi, e sulla casualità dell’incontro fatale tra i due, da cui nasce l’amore. Una volta accettato il presupposto che l’amore è cieco e colpisce quando e come vuole, tutto ha un senso, anche che Gaspare si innamori di un altro uomo mezz’ora dopo la fine drammatica del suo rapporto. Ma come si dice sempre “Botté, perché devi scassare la minchia in questo modo spropositato? SI sono innamorati? Finisce bene? E allora a te che te ne frega?”.

 

I colori del vicino

Giulio Macaione

RenBooks, brossurato 52 pagine a colori, euro 8

 

 

Magazine

Intervista a Paolo di Orazio, il pioniere dell’horror estremo in Italia

12-05-2017 Hits:553 Autori e Anteprime Redazione

di Giorgio Borroni Da ragazzi li nascondevamo sotto il letto dai rastrellamenti, guardavamo con un occhio le loro pagine e con l’altro la porta della camera: questo per percepire ogni minimo movimento ed evitare di essere colti in flagrante mentre li sfogliavamo. No, non erano i banali giornalini porno, erano opere che...

Leggi tutto

Intervista con Brian Smuin

03-05-2017 Hits:578 Autori e Anteprime Redazione

  The Brian Smuin’s Interview. A cura di Giorgio Borroni.   A volte internet non è solo battaglie sui social, haters o groupie.  A volte internet ti offre la possibilità di allargare i propri orizzonti conoscendo artisti che provengono dall’altro capo del mondo, hanno lavorato per colossi dell’editoria o dell’intrattenimento, ma non vengono...

Leggi tutto

Terror INC: tra action e gore

02-05-2017 Hits:586 Critica d'Autore Redazione

di Giorgio Borroni. “Vivo per guerreggiare, ce l’ho nel sangue e se è quel che voglio io me lo prendo \ gli uomini che ho massacrato, i bambini schiavizzati e tutte le donne di cui ho abusato [...] Mangio le cervella dal teschio dei miei nemici \ e con orgoglio...

Leggi tutto

Anacanapana si presenta!

17-04-2017 Hits:873 Autori e Anteprime Redazione

Spazio alle autoproduzioni. SI presenta la rivista Anacanapana! La rivista “Anacanapana”, uscita su carta in due numeri a tiratura limitata nel 2009 e 2012, ripercorre le orme delle vecchie riviste-contenitore, con tante strisce umoristiche ed un po’ di materiale avventuroso. La gestazione è lunga e complessa, comunque alla fine la rivista...

Leggi tutto

Daltanious

11-04-2017 Hits:10542 Cuore e Acciaio Redazione

di Tiziano Caliendo. Lo scenario post-apocalittico è, da sempre, un topos importante nell’immaginario giapponese. Basti pensare a Violence Jack (1973), l’opera seminale del maestro Go Nagai, capace di anticipare di almeno otto anni il fulcro estetico e concettuale della trilogia milleriana di Mad Max, ossia il film Interceptor – Il...

Leggi tutto

Una storia del panopticon – Un capolavoro mancato

10-04-2017 Hits:932 Critica d'Autore Redazione

di Giorgio Borroni. L’ospedale psichiatrico di Panopticon Bentham è un edificio antico, lugubre e austero. Un luogo perfetto per racchiudere la sofferenza dei suoi degenti, per contenerne la malattia, ma anche per diventare teatro di eventi sanguinosi e indicibili. Nel 1912 il direttore della struttura, il dottor Bonticou, decretò la...

Leggi tutto