Fumetto d'Autore ISSN: 2037-6650
Dal 2008 il Magazine della Nona Arte e dintorni - Vers. 3.0 - Direttore: Alessandro Bottero
A+ A A-

Liberazione animale (il Saggiatore)

libanimaledi Alessandro Bottero. Nel 1975 il filosofo australiano Peter Stinger pubblica la prima edizione di Animal Liberation, il primo testo filosofico dedicato al problema dei diritti degli animali. Trent’anni dopo la casa editrice il Saggiatore, ripubblica l’opera secondo l’edizione aggiornata del 2015. Quando apparve l’opera di Stinger provocò un terremoto nel campo dell’Etica. Partendo dall’Utilitarismo di Bentham e seguendo l’idea della massimizzazione dei benefici - I benefici maggiori per il numero maggiore – critica alla radice la concezione del rapporto tra esseri viventi umani e esseri viventi non-umani. Il punto di partenza per Stinger è nella capacità di provare sofferenza (capacità passiva) e nella volontà di ridurre tale sofferenza al minimo (volontà attiva). È questo e non il concetto etico di diritto – a differenza, ad esempio dell’opera di Tom Regan, altro esponente del mondo animalista, che invece basa la sua etica sui diritti intrinseci come il diritto di vivere – a dover guidare le scelte etiche di una società. Questo punto di partenza abbatte anche le differenze di valore tra umani e non umani. Una volta stabilito come dato di fatto incontrovertibile che anche gli esseri viventi non umani sono capaci di provare sofferenza e lasciati a se stessi in situazioni normali vogliono ridurre al minimo le possibilità di soffrire, allora ne consegue che è eticamente sbagliato infliggere sofferenze – ossia coartare la volontà di un altro essere vivente sia pure non-umano a non soffrire – mettendo in moto la capacità innata di soffrire. Posto poi che tutto il sistema dell’industria gastronomica soprattutto si basa su uno sfruttamento degli esseri viventi non umani, che ha come componente ineliminabile la sofferenza degli esseri viventi non-umani vittime di tale sfruttamento, la posizione eticamente accettabile è solo quella di non infliggere sofferenza, quindi tirarsi fuori dal circuito di sfruttamento. Ma per Stinger il punto non è solo non fare del male. Nelle sue opere successive a Liberazione Animale, ad esempio Pratical Ethics (1980) e l’ultimo The most good you can do (2015)iha elaborato la teoria dell’ Effective Altruism (Altruismo efficace) per cui non basta solo adoperarsi per ridurre la sofferenza altrui, ma esistendo varie possibilità di intervento la posizione eticamente giusta è farlo nel modo più efficace possibile. Liberazione Animale è il libro in cui Stinger conia per la prima volta il termine Specismo, ossia la forma di razzismo per cui una specie (quella umana) sarebbe di per sé superiore a tutte le altre. Stinger combatte questa posizione affermando una sostanziale uguaglianza tra specie diverse, uguaglianza basata appunto sull’argomento centrale della capacità di provare sofferenza. Bisogna però dire che Stinger non ha mai detto che esseri viventi umani ed esseri viventi non-umani (o volendo esseri umani e animali) siano identici. A pagina 24 del libro troviamo infatti questa frase: “Esistono senz’altro notevoli differenze tra gli umani e gli altri animali che devono dare luogo a qualche differenza nei diritti di ciascuno. L’ammissione di questo fatto ovvio tuttavia non è di ostacolo all’estensione del principio fondamentale di eguaglianza agli animali non umani.” È palese che vi siano differenze morfologiche. Come dice sempre Stinger a pag.24 “Poiché i cani non possono votare è privo di senso parlare di un loro diritto al voto”. Il punto nodale del volume non è affermare che uomini e animali siano identici sotto tutti i punti di vista. Il punto centrale è affermare il diritto degli animali (o più correttamente esseri viventi non-umani) a non soffrire, tanto più se la loro sofferenza è una conseguenza di un godimento perseguito dagli esseri umani nel cibo, nel vestiario o in altro, e quindi liberarli dalla loro condizione di schiavi sottoposti all’arbitrio e ai capricci di un’altra specie. Liberazione Animale in questi trent’anni è rimasto uno dei classici del pensiero anti-specista, e Stinger ha sviluppato il suo pensiero, sempre secondo una coerente linea utilitarista/edonista – ossia il massimo benessere per il massimo numero di soggetti coinvolti – applicando questa logica a temi di bioetica tra i più controversi come l’aborto, l’eutanasia neonatale, e alti ancora. Si può non condividere il suo pensiero, come ad esempio nello stesso campo animalista fa Tom Regan, ma sicuramente le sue provocazioni sono sempre una sfida ed un ottimo esercizio etico e logico.

 

Liberazione animale

Peter Singer

il Saggiatore, 318 pagine,Euro 19

 

Magazine

BERSERK: LUCI E OMBRE

27-11-2017 Hits:540 Critica d'Autore Redazione

  Di Giorgio Borroni Un paio di anni fa, quando ancora frequentavo i gruppi facebookiani relativi ai fumetti, mi capitò di esprimere un paio di mie idee sulla deriva presa da Berserk, il celebre manga di Kentaro Miura. La fauna che più spesso è attiva sui social, si sa, per una bella...

Leggi tutto

Justice League - Una critica d'autore - Parte 2

21-11-2017 Hits:747 Critica d'Autore Redazione

  Justice League of Marvel   Di Alessio Sgarlato Dopo questa lunga ma necessaria premessa, veniamo all’oggetto del contendere, ovvero Justice League, il più bel sequel di Avengers uscito finora. I film Marvel e quelli della DC con questa pellicola si trovano a dover rendere conto allo spettatore di ingombranti somiglianze estetiche. Tanto negli...

Leggi tutto

Justice League - Una critica d'autore - Parte 1

20-11-2017 Hits:847 Critica d'Autore Redazione

  Marvel VS DC – La battaglia del secolo   Di Alessio Sgarlato   Nel 2016 esce Batman V Superman – Dawn of Justice e diventa immediatamente un film controverso, nel quale il pubblico non riesce a ritrovare lo spirito originale dei personaggi e delle storie che lo hanno ispirato. Eppure, per me si rivela...

Leggi tutto

La distopia ucronica di “Space Anabasis"

13-11-2017 Hits:805 Critica d'Autore Redazione

    Per aspera ad astra, deinde a caelo usque ad centrum!  La distopia ucronica di “Space Anabasis”: tra i giochi di potere, nella fantascienza del passato   Roma, anno 2770 ab urbe condita: un 2017 d.C. alternativo in cui, come recita la didascalia già dalla prima striscia: « L’impero ha tenuto il sistema...

Leggi tutto

I voli pindarici di Mister No

10-11-2017 Hits:988 Critica d'Autore Redazione

      In requiem del pilota Jerry Drake, paladino dei diritti umani nel fumetto italiano: verso il rilancio! Premessa: i vecchi nostalgici lo rivorrebbero dal 380. Difatti non tutte le cose, in ossequio alla realtà non (o anti ?) relativa, cominciano dallo 0 e proseguono direttamente con l’1, per poi giungere al 2...

Leggi tutto

C’è del Ferro in questo fumetto. Intervista alla casa editrice Ferrogallico

31-10-2017 Hits:1530 Autori e Anteprime Redazione

Di Alessandro Bottero Quando nasce una nuova casa editrice non si può che essere contenti. Significa che nonostante la crisi ci sono ancora  pazzi innamorati del fumetto. Ferrogallico è una casa editrice nata nel 2017, abbastanza snobbata da critica e pubblico (almeno quello che agita il mondo dei social) perché si...

Leggi tutto

Sulle orme di Magnus: intervista a Gabriele Bernabei (saggista e promotore del Magnus Day)

04-10-2017 Hits:2239 Autori e Anteprime Redazione

  di Giorgio Borroni. Nell’era di internet l’esperienza del fumetto si può vivere in tanti modi, non c’è che l’imbarazzo della scelta. Uno può essere un semplice lettore, un collezionista che con un semplice click può procurarsi più facilmente di una volta ciò che cerca, il professionista della tavola disegnata o sceneggiata...

Leggi tutto