Fumetto d'Autore ISSN: 2037-6650
Dal 2008 il Magazine della Nona Arte e dintorni - Vers. 3.0 - Direttore: Alessandro Bottero
A+ A A-

Liberazione animale (il Saggiatore)

libanimaledi Alessandro Bottero. Nel 1975 il filosofo australiano Peter Stinger pubblica la prima edizione di Animal Liberation, il primo testo filosofico dedicato al problema dei diritti degli animali. Trent’anni dopo la casa editrice il Saggiatore, ripubblica l’opera secondo l’edizione aggiornata del 2015. Quando apparve l’opera di Stinger provocò un terremoto nel campo dell’Etica. Partendo dall’Utilitarismo di Bentham e seguendo l’idea della massimizzazione dei benefici - I benefici maggiori per il numero maggiore – critica alla radice la concezione del rapporto tra esseri viventi umani e esseri viventi non-umani. Il punto di partenza per Stinger è nella capacità di provare sofferenza (capacità passiva) e nella volontà di ridurre tale sofferenza al minimo (volontà attiva). È questo e non il concetto etico di diritto – a differenza, ad esempio dell’opera di Tom Regan, altro esponente del mondo animalista, che invece basa la sua etica sui diritti intrinseci come il diritto di vivere – a dover guidare le scelte etiche di una società. Questo punto di partenza abbatte anche le differenze di valore tra umani e non umani. Una volta stabilito come dato di fatto incontrovertibile che anche gli esseri viventi non umani sono capaci di provare sofferenza e lasciati a se stessi in situazioni normali vogliono ridurre al minimo le possibilità di soffrire, allora ne consegue che è eticamente sbagliato infliggere sofferenze – ossia coartare la volontà di un altro essere vivente sia pure non-umano a non soffrire – mettendo in moto la capacità innata di soffrire. Posto poi che tutto il sistema dell’industria gastronomica soprattutto si basa su uno sfruttamento degli esseri viventi non umani, che ha come componente ineliminabile la sofferenza degli esseri viventi non-umani vittime di tale sfruttamento, la posizione eticamente accettabile è solo quella di non infliggere sofferenza, quindi tirarsi fuori dal circuito di sfruttamento. Ma per Stinger il punto non è solo non fare del male. Nelle sue opere successive a Liberazione Animale, ad esempio Pratical Ethics (1980) e l’ultimo The most good you can do (2015)iha elaborato la teoria dell’ Effective Altruism (Altruismo efficace) per cui non basta solo adoperarsi per ridurre la sofferenza altrui, ma esistendo varie possibilità di intervento la posizione eticamente giusta è farlo nel modo più efficace possibile. Liberazione Animale è il libro in cui Stinger conia per la prima volta il termine Specismo, ossia la forma di razzismo per cui una specie (quella umana) sarebbe di per sé superiore a tutte le altre. Stinger combatte questa posizione affermando una sostanziale uguaglianza tra specie diverse, uguaglianza basata appunto sull’argomento centrale della capacità di provare sofferenza. Bisogna però dire che Stinger non ha mai detto che esseri viventi umani ed esseri viventi non-umani (o volendo esseri umani e animali) siano identici. A pagina 24 del libro troviamo infatti questa frase: “Esistono senz’altro notevoli differenze tra gli umani e gli altri animali che devono dare luogo a qualche differenza nei diritti di ciascuno. L’ammissione di questo fatto ovvio tuttavia non è di ostacolo all’estensione del principio fondamentale di eguaglianza agli animali non umani.” È palese che vi siano differenze morfologiche. Come dice sempre Stinger a pag.24 “Poiché i cani non possono votare è privo di senso parlare di un loro diritto al voto”. Il punto nodale del volume non è affermare che uomini e animali siano identici sotto tutti i punti di vista. Il punto centrale è affermare il diritto degli animali (o più correttamente esseri viventi non-umani) a non soffrire, tanto più se la loro sofferenza è una conseguenza di un godimento perseguito dagli esseri umani nel cibo, nel vestiario o in altro, e quindi liberarli dalla loro condizione di schiavi sottoposti all’arbitrio e ai capricci di un’altra specie. Liberazione Animale in questi trent’anni è rimasto uno dei classici del pensiero anti-specista, e Stinger ha sviluppato il suo pensiero, sempre secondo una coerente linea utilitarista/edonista – ossia il massimo benessere per il massimo numero di soggetti coinvolti – applicando questa logica a temi di bioetica tra i più controversi come l’aborto, l’eutanasia neonatale, e alti ancora. Si può non condividere il suo pensiero, come ad esempio nello stesso campo animalista fa Tom Regan, ma sicuramente le sue provocazioni sono sempre una sfida ed un ottimo esercizio etico e logico.

 

Liberazione animale

Peter Singer

il Saggiatore, 318 pagine,Euro 19

 

Magazine

Masters of the Universe: storia di un cult - Parte #04

07-08-2017 Hits:451 Off Topic Davide Mosciaro

di Davide Mosciaro (QUI trovate le altre puntate) Tanto fu il successo da parte dei MOTU - che ricordiamolo sempre, è l’acronimo di Masters of the Universe -, che addirittura vennero suddivise in  ben 4 schiere di guerrieri. Una votata al bene, le altre tre votate al male: gli eroi di Eternia;...

Leggi tutto

Intervista ad Andrea Manfredini, nuovo Direttore Editoriale di Cagliostro E-Press

01-08-2017 Hits:773 Autori e Anteprime Redazione

Di Giorgio Borroni Di recente alla Cagliostro E-Press c’è stato un cambio di ruoli nella direzione editoriale e la patata bollente è passata ad Andrea Manfredini, già creatore del super eroe sopra le righe Lo Scarafaggio e al timone della serie fantascientifica "Incrociatore Stellare E. Salgari".Oggi abbiamo il piacere di torchiare...

Leggi tutto

Masters of the Universe: storia di un cult - Parte #03

26-07-2017 Hits:841 Off Topic Davide Mosciaro

di Davide Mosciaro (QUI trovate le altre puntate) Il cartone animato di He-Man è composto da due serie di 65 episodi ciascuna (per un totale di 130 episodi e ne era prevista pure una terza serie, che però non fece in tempo mai a vedere la luce in quanto i giocattoli non...

Leggi tutto

Gravetown 10th. Intervista a Paolo Zeccardo

25-07-2017 Hits:881 Autori e Anteprime Redazione

Di Giorgio Borroni Vi ricordate “Kickboxer”? Già, il film che lanciò Jean Claude Van Damme e che hanno di recente rifatto (male) con più budget e meno idee? Ecco, io quando da piccolo lo vidi al cinema ne rimasi estasiato: un tizio occidentale andava in Tailandia e faceva nero Tong Po, il...

Leggi tutto

Masters of the Universe: storia di un cult - Parte #02

11-07-2017 Hits:1270 Off Topic Super User

di Davide Mosciaro (QUI trovate le altre puntate) La dirigenza della Filmation era composta da tre persone: la coppia Lou Scheimer e Norm Prescott (adesso entrambi defunti), e il direttore artistico Hal Sutherland. Nel 1981 uscì BLACKSTAR (un cartone di genere fantasy), composto da 13 puntate, che però si rivelò un fiasco...

Leggi tutto

Masters of the Universe: storia di un cult - Parte #01

04-07-2017 Hits:1707 Off Topic Davide Mosciaro

di Davide Mosciaro (QUI trovate le altre puntate) Se esiste un’icona mondiale, per quanto riguarda la sezione giocattoli e cartoni, che hanno trasformato una semplice moda in un vero a proprio ‘dogma’, He-man and The Masters of the Universe rappresenta, almeno al pari dei Transformers, uno dei pilastri di maggior successo degli...

Leggi tutto

Intervista a Gino Udina

23-06-2017 Hits:2072 Autori e Anteprime Redazione

    Di Giorgio Borroni Dare un’occhiata agli scaffali dei fumetti in edicola negli anni ’90 era davvero un’esperienza. Usciva di tutto e di più: si andava dai cloni dei personaggi bonelliani più in voga, si passava ad antologici che contenevano delle vere perle o nefandezze grafiche e si finiva con albi dal...

Leggi tutto