Fumetto d'Autore ISSN: 2037-6650
Dal 2008 il Magazine della Nona Arte e dintorni - Vers. 3.0 - Direttore: Alessandro Bottero
A+ A A-

DETECTIVE CONAN, special cases vol 1


5142.1Dopo aver entusiasmato grandi e piccini grazie al cartone animato e agli albi regolari, ecco un nuovo capitolo: ‘Special cases’.

Che differenza c’è con la serie originale? Semplice: il detective Conan ‘originale’ è nato nel 1994 ad opera di Gosho Aoyama e continua tutt’ora ad essere pubblicato. Parallelamente è nata questa nuova testata i cui disegni sono realizzati interamente dagli assistenti di Gosho

Ma veniamo ala storia, la quale parte da una domanda molto semplice: cosa accadrebbe se la testa di un adulto dalle innate capacità intuitive si ritrovasse nel corpo di un bambino? Capite che lo sviluppo di questa domanda in un contesto narrativo alimenta migliaia di possibili trame.

La storia è incentrata su Shinichi Kudo, un liceale con l’hobby dell’investigazione poliziesca che, a causa di un farmaco sperimentale somministratogli da una misteriosa organizzazione, torna ad avere le sembianze di un bambino mantenendo però l’intelligenza e l’esperienza di un adulto.

Costretto a nascondere la sua vera identità, si fa chiamare adesso Conan e viene ospitato da Kogoro Mori (un detective imbranato) e da sua figlia Ran.

Circondato da intrighi, delitti, ricatti e rapimenti, Conan non si lascerà limitare dal suo corpo infantile per risolvere i casi e cercare un antidoto che annulli gli effetti del farmaco.

L’albo è diviso in ‘File’, ognuno di una ventina di pagine e contenente un caso da risolto.

I casi si dipanano in ambienti diversi l’uno dall’altro, con trame ogni volta originali, come originali sono le soluzioni e i trucchetti narrativi legati all’indagine e alla sua soluzione.

Il nostro piccolo detective si muove non solo con Kogoro e Ran (quindi nel ‘mondo degli adulti’) ma anche insieme ai suoi attuali compagni di scuola, bambini come lui. Questo ci porta a vivere le sue avventure da due punti di vista diversi.

Conan è un albo piacevole e interessante, ricco di spunti e di idee creative. L’idea di immergere un bambino col cervello da adulto in un mondo di omicidi e di intrighi rende la storia molto intrigante.

Oltre al fascino dell’indagine in sé, tra indizi e moventi, ci sono anche le soluzioni che trova Conan per non mostrare apertamente le sue intuizioni, facendole passare come curiosità di un bambino (aiutando così Kogoro a trovare e arrestare il colpevole).

Anche il vivere le indagini in due contesti separati, quello degli adulti e quello dei suoi compagni di classe, rende la storia variopinta, passando dalla tensione alla leggerezza che solo i bambini possono trasmettere (vedi ad esempio il file sul palazzo fantasma).

Ma il pezzo forte del fumetto sono senza alcun dubbio le indagini. Il lettore viene proiettato nella trama e stimolato ad indagare, a cercare indizi e soluzione al caso. Si passa dal ‘L’avevo capito!’ al ‘Non ci sarei mai arrivato’, tra l’orgoglio di sentirsi un po’ detective all’ammirare il genio creativo dell’autore che è riuscito a realizzare una trama con indizi fuori dal comune.

Gli episodi, come già detto, sono di una ventina di pagine ognuno. Da un lato è un peccato: le trame non sono così complesse ed articolate come si desidererebbe e i co-protagonisti non hanno molto spessore. Dall’altro, però, è proprio questo limite il suo punto di forza: tutto si svolge in modo molto veloce e diretto, senza girarci troppo intorno o complicare la storia al punto da mandare in confusione il lettore. La sua velocità tiene alto l’interesse e spinge il lettore a cogliere l’essenziale dalla storia, focalizzando l’attenzione solo sugli elementi utili per l’indagine, senza distrazioni.

I disegni sono piacevoli ma poco definiti e accurati. Ma questo è conforme con le esigenze narrative del fumetto. Un disegno troppo complesso avrebbe stonato con l’atmosfera diretta ed essenziale della trama.

Ciò nonostante, si scorge anche nel disegno una capacità di cogliere le sfumature, di calibrare bene vignette, i chiaroscuro, le inquadrature e gli ambienti.

I dialoghi sono in linea col racconto; non si perdono in commenti banali e fuoriluogo e sono anch’essi diretti e incisivi.

Conan è un fumetto che piacerà a grandi e piccini, ma soprattutto a tutti coloro che hanno sempre desiderato, almeno per una volta, vestire i panni di uno Sherlock Holmes dei tempi moderni e risolvere casi complessi stando però comodamente seduti sulla poltrona di casa propria.

 

 

 

DETECTIVE CONAN special cases  vol 1

Testi: Gosho Aoyama

Disegni: Eiichi Yamagishi

Editore: Star Comics

Bianco/Nero, PP 186, € 3,90

Magazine

Intervista a Paolo di Orazio, il pioniere dell’horror estremo in Italia

12-05-2017 Hits:553 Autori e Anteprime Redazione

di Giorgio Borroni Da ragazzi li nascondevamo sotto il letto dai rastrellamenti, guardavamo con un occhio le loro pagine e con l’altro la porta della camera: questo per percepire ogni minimo movimento ed evitare di essere colti in flagrante mentre li sfogliavamo. No, non erano i banali giornalini porno, erano opere che...

Leggi tutto

Intervista con Brian Smuin

03-05-2017 Hits:578 Autori e Anteprime Redazione

  The Brian Smuin’s Interview. A cura di Giorgio Borroni.   A volte internet non è solo battaglie sui social, haters o groupie.  A volte internet ti offre la possibilità di allargare i propri orizzonti conoscendo artisti che provengono dall’altro capo del mondo, hanno lavorato per colossi dell’editoria o dell’intrattenimento, ma non vengono...

Leggi tutto

Terror INC: tra action e gore

02-05-2017 Hits:586 Critica d'Autore Redazione

di Giorgio Borroni. “Vivo per guerreggiare, ce l’ho nel sangue e se è quel che voglio io me lo prendo \ gli uomini che ho massacrato, i bambini schiavizzati e tutte le donne di cui ho abusato [...] Mangio le cervella dal teschio dei miei nemici \ e con orgoglio...

Leggi tutto

Anacanapana si presenta!

17-04-2017 Hits:873 Autori e Anteprime Redazione

Spazio alle autoproduzioni. SI presenta la rivista Anacanapana! La rivista “Anacanapana”, uscita su carta in due numeri a tiratura limitata nel 2009 e 2012, ripercorre le orme delle vecchie riviste-contenitore, con tante strisce umoristiche ed un po’ di materiale avventuroso. La gestazione è lunga e complessa, comunque alla fine la rivista...

Leggi tutto

Daltanious

11-04-2017 Hits:10542 Cuore e Acciaio Redazione

di Tiziano Caliendo. Lo scenario post-apocalittico è, da sempre, un topos importante nell’immaginario giapponese. Basti pensare a Violence Jack (1973), l’opera seminale del maestro Go Nagai, capace di anticipare di almeno otto anni il fulcro estetico e concettuale della trilogia milleriana di Mad Max, ossia il film Interceptor – Il...

Leggi tutto

Una storia del panopticon – Un capolavoro mancato

10-04-2017 Hits:933 Critica d'Autore Redazione

di Giorgio Borroni. L’ospedale psichiatrico di Panopticon Bentham è un edificio antico, lugubre e austero. Un luogo perfetto per racchiudere la sofferenza dei suoi degenti, per contenerne la malattia, ma anche per diventare teatro di eventi sanguinosi e indicibili. Nel 1912 il direttore della struttura, il dottor Bonticou, decretò la...

Leggi tutto