Fumetto d'Autore ISSN: 2037-6650
Dal 2008 il Magazine della Nona Arte e dintorni - Vers. 3.0 - Direttore: Alessandro Bottero
A+ A A-

  • Categoria: Fumetti
  • Visite: 334

SERGIO RAMELLI A FUMETTI

ramelliRiceviamo e pubblichiamo.

SERGIO RAMELLI A FUMETTI

Il 29 aprile esce in libreria, distribuito da Mondadori, la graphic novel sulla vita di Sergio Ramelli. Presentazione in anteprima a Milano e alla Camera dei Deputati nella sala stampa di Montecitorio.

La storia di uno degli omicidi politici più efferati e vigliacchi d'Italia per la prima volta raccontata in un albo a fumetti. Il 29 aprile 2017 uscirà, in libreria con la distribuzione Mondadori e nelle fumetterie con la distribuzione Panini, l'opera che racconta la vita e la morte di Sergio Ramelli, giovanissimo militante di destra del Fronte della Gioventù discriminato, perseguitato e poi brutalmente aggredito a morte il 13 marzo 1975 da un commando di militanti comunisti di avanguardia operaia.

L'opera sarà presentata in anteprima a Milano, venerdì 21 aprile alle ore 21, presso la Sala Consiliare del Municipio 3 di via Sansovino 9 con gli autori della Graphic Novel (Marco Carucci e Paola Ramella), gli Onorevoli Paola Frassinetti, Ignazio La Russa, Gaetano Pecorella e il Giudice Guido Salvini come relatori. La settimana seguente, giovedì 27 aprile, la graphic novel dedicata a Sergio Ramelli verrà presentata in Parlamento, alla Camera dei Deputati, nella sala stampa di Montecitorio.

L'albo dedicato a Sergio Ramelli è frutto di un lavoro durato più di un anno, con una sceneggiatura basata innanzitutto sugli atti del processo (non a caso, la prefazione del libro è stata scritta dal magistrato Guido Salvini, giudice istruttore del processo Ramelli – Porto di classe). Il volume, scritto da Marco Carucci e disegnato da Paola Ramella, fa rivivere direttamente il clima politico del periodo, un clima persecutorio, un clima di odio e di ingiustizia ricostruito anche attraverso testimonianze dirette. Il lavoro sui disegni, affidato alla disegnatrice Paola Ramella, è stato particolarmente lungo e complesso, reso ancor più difficile dalla scarsità di materiale fotografico dell'epoca su Sergio. L'autrice si è dovuta così immergere in una storia drammatica e intensa (oltretutto a lei sconosciuta prima che iniziasse a studiarla e a disegnarla), riuscendo a cogliere e rendere al lettore innanzitutto l'aspetto emozionale. Il connubio tra ragione, la base storica della vicenda, ed emozione, il lato artistico dell'opera, ha dato vita ad un'opera in cui Sergio Ramelli rivive nei suoi affetti, nei suoi trascorsi giovanili, nelle sue passioni sportive, nel suo impegno politico, nella quotidianità di un ragazzo di appena 18 anni. Un ritratto fedele che consegna ai lettori una vita spezzata, una tragedia familiare, un dramma generazionale, una ferita aperta. Un albo per capire una delle pagine di storia più vergognose, infami e abilmente rimosse d'Italia, simbolo di un'epoca in cui “uccidere un fascista non era un reato”.

SCHEDA:

Titolo: SERGIO RAMELLI – QUANDO UCCIDERE UN FASCISTA NON ERA REATO

Autore: Marco Carucci

Disegni: Paola Ramella

Formato: 24 x 17

Pagine: 144

Prezzo: 19,00 euro

Uscita in libreria: 29 aprile 2017

NOTE BIOGRAFICHE AUTORI:

Paola Ramella,
nata a Trieste nel 1970.
Laureata in giurisprudenza e insegnante di diritto, si dedica da anni unicamente alla professione di disegnatrice. Autrice autodidatta, ha pubblicato varie opere: fra i fumetti ricordiamo "Lions & Saints" (ed. Esaedro) e "Il verde bisbiglio ed il viola pensiero" (ed. Safarà). Insegna disegno, fumetto ed illustrazione a Trieste presso la scuola Grafite.

Marco Carucci,
nato a Milano nel 1973.
Dirigente d'azienda, militante, marito e padre di 5 figli. Lettore onnivoro, affamato di immagini e assetato di storie, è alla sua prima sceneggiatura.

Magazine

Anacanapana si presenta!

17-04-2017 Hits:384 Autori e Anteprime Redazione

Spazio alle autoproduzioni. SI presenta la rivista Anacanapana! La rivista “Anacanapana”, uscita su carta in due numeri a tiratura limitata nel 2009 e 2012, ripercorre le orme delle vecchie riviste-contenitore, con tante strisce umoristiche ed un po’ di materiale avventuroso. La gestazione è lunga e complessa, comunque alla fine la rivista...

Leggi tutto

Daltanious

11-04-2017 Hits:6713 Cuore e Acciaio Redazione

di Tiziano Caliendo. Lo scenario post-apocalittico è, da sempre, un topos importante nell’immaginario giapponese. Basti pensare a Violence Jack (1973), l’opera seminale del maestro Go Nagai, capace di anticipare di almeno otto anni il fulcro estetico e concettuale della trilogia milleriana di Mad Max, ossia il film Interceptor – Il...

Leggi tutto

Una storia del panopticon – Un capolavoro mancato

10-04-2017 Hits:449 Critica d'Autore Redazione

di Giorgio Borroni. L’ospedale psichiatrico di Panopticon Bentham è un edificio antico, lugubre e austero. Un luogo perfetto per racchiudere la sofferenza dei suoi degenti, per contenerne la malattia, ma anche per diventare teatro di eventi sanguinosi e indicibili. Nel 1912 il direttore della struttura, il dottor Bonticou, decretò la...

Leggi tutto

L'Uomo Bagno. Tra fumetto punk ed epica supereroistica.

06-04-2017 Hits:799 Critica d'Autore Redazione

di Giorgio Borroni. Se credete che Vito Angelo Vacca manchi di tempi comici, che sia fautore di un umorismo ormai obsoleto, oppure se semplicemente avete come metro quello dei fumetti umoristici di tendenza disegnati male, ecco, vi conviene mollare questa recensione e andare a leggere altri articoli. Anzi, se preferite...

Leggi tutto

XXXombies. Porno, Zombie e qualche occasione sprecata.

30-03-2017 Hits:770 Critica d'Autore Redazione

  di Giorgio Borroni. Ai loro occhi rossi, 30 centimetri di dimensione artistica sono solo un hot dog maxi; 2 meloni rifatti disgustoso cibo in scatola, se si buttano in mezzo a una ammucchiata è solo per abbuffarsi! Signori e signori, preparatevi a uno spettacolo mai visto: gli zombie invadono il...

Leggi tutto

Zombie Feast

13-03-2017 Hits:985 Critica d'Autore Redazione

di Giorgio Borroni. Allora, c’è un francese, un italiano e un tedesco... no, aspettate, non era così. Ricominciamo: c’è uno sfigato quattrocchi e sua sorella Barbara al cimitero che, ehm... no. No, accidenti, mi confondo... aspettate mi sa che era una via di mezzo. Com’è che era? Gesù, la memoria...

Leggi tutto