Fumetto d'Autore ISSN: 2037-6650
Dal 2008 il Magazine della Nona Arte e dintorni - Vers. 3.0 - Direttore: Alessandro Bottero
A+ A A-

  • Categoria: Fd'A
  • Visite: 12261

Barbara Canepa reagisce da primadonna ad una normalissima richiesta di intervista

Barbara Canepadi Alessandro Bottero

Un editoriale? No. Una precisazione, o meglio  "il punto di vista del direttore su un caso specifico" o meglio ancora "un corsivo".

Il nostro collaboratore Enrico Ruocco porta avanti da mesi l'iniziativa di intervistare autori ed addetti ai lavori. Lo fa secondo uno schema preciso, identico a quello usato in altri giornali e periodici, ossia un set di domande fisse. Nulla di scandaloso né di professionalmente scadente. Semplicemente uno schema accettato ed usato da tutti nel mondo della comunicazione, quando si realizzano interviste “veloci”.

In tutti questi mesi gli autori contattati hanno risposto normalmente e tranquillamente. Poi arriva Barbara Canepa.

Ecco la mail che le ha mandato Ruocco, così come l’ha mandata a tutti:

Ciao scusa il disturbo realizzo queste interviste a schema fisso per http://www.fumettodautore.com/
vorrei intervistare anche te
se ti va queste sono le domande grazie in anticipo

1 - Presentati ai lettori di Fumetto d’Autore
2 - Quando e perchè è nata la tua carriera
3 - Regalaci qualche aneddoto sulla tua carriera
4 - A quali progetti stai lavorando attualmente?
5 - Quali progetti futuri vorresti realizzare?
6 - Una cosa che rifaresti e una che non rifaresti nella tua carriera
7 - La tua serie preferita
8 - Il fumetto che avresti voluto disegnare tu
9 -  Com'è il tuo rapporto con il web?
10 - Parlaci della tua giornata tipo
11 - Il palcoscenico è tutto tuo. Parole in libertà ai lettori di Fumetto d’Autore

Come si può vedere Enrico si presenta, dice per chi è l’intervista, e da il link per controllare chi sia Fumetto d’Autore. Chiede se l’autore è interessato, e pone la cosa come una domanda, non una pretesa. Quindi NESSUNA mancanza di buone mabniere e NESSUNA mancanza di professionalità.

Però Barbara Canepa risponde così:

Buongiorno Enrico.

Senza insegnarvi le buone maniere e un po di professionalità, vi spiego perchè la mia risposta sarà negativa.

quando si cerca un autore o un artista ci si pone di conseguenza e con rispetto.

- uno, non ci conosciamo e solo per età e il fatto che sono donna, avreste potuto almeno darmi del "voi" la prima volta che mi scrivete. Mai visto una cosa cosi da nessuno in 20 anni.

- non fate neanche lo sforzo di riscrivere il mio nome, quando vi presentate.. visto che avrete mandato lo stesso messaggio a più persone credo.

- non vi presentate. Ma chi siete intanto??

- Le domande scelte , perchè identiche per tutti? almeno, lo sforzo di 2/3 personalizzate, no?

Se questo è l'interesse del vostro sito, beh, ne faccio a meno . Non mi interessa esserci.

non scrivetemi più, per favore . Non ho tempo da perdere con persone che non hanno nessun rispetto del lavoro di un artista.

Nessuno è al servizio di nessuno... Un po di etica professionale dovreste impararla, prima di fare una richiesta simile a chiunque.

Cordialmente

Barbara Canepa

Perché pubblichiamo il tutto? Perché non è accettabile che un ottimo collaboratore come Enrico, che usa la massima professionalità, e che RISPETTA tutti gli artisti che contatta, debba ricevere questi insulti da parte di una primadonna, come si sente Barbara Canepa.

L’etica professionale la conosciamo tutti, e la applichiamo.

Le buone maniere anche.

Forse Voi, signora Canepa parlate a Ruocco, ma in realtà vi rivolgete a Voi stessa?

Non Vi preoccupate. Non Vi contatteremo più, ma non perché ci sentiamo in difetto. Semplicemente perché le primedonne qui non hanno spazio.

Magazine

Intervista a Gino Udina

23-06-2017 Hits:270 Autori e Anteprime Redazione

    Di Giorgio Borroni Dare un’occhiata agli scaffali dei fumetti in edicola negli anni ’90 era davvero un’esperienza. Usciva di tutto e di più: si andava dai cloni dei personaggi bonelliani più in voga, si passava ad antologici che contenevano delle vere perle o nefandezze grafiche e si finiva con albi dal...

Leggi tutto

DAIAPOLON: piccola storia di un grande robot rivoluzionario

07-06-2017 Hits:11548 Cuore e Acciaio Redazione

  di Tiziano Caliendo. Esistono opere che entrano di prepotenza nel palinsesto immaginario della cultura pop, ottenendo un successo fulmineo e dirompente. Alcune di esse perché ricoprono un indiscutibile ruolo pionieristico in un determinato mercato, come il caso di UFO Robot Grendizer in Italia, altre perché è destino che la riforma e...

Leggi tutto

Cagliostro E-Press distribuito in esclusiva da Manicomix

02-06-2017 Hits:679 Autori e Anteprime Redazione

Comunicato dell'Editore L’Associazione Culturale Cagliostro E-Press è felice di comunicare la firma dell’ accordo di distribuzione in esclusiva stipulato con Manicomix.     Questa partnership ha l'obiettivo di rafforzare la presenza dei fumetti made in Cagliostro nelle fumetterie italiane, dando ulteriore slancio a quella che è la "mission" ultima dell’Associazione, ovvero dare massima visibilità...

Leggi tutto

Novegro 2017 Spring Edition - Festival del Fumetto

27-05-2017 Hits:1067 Reportage Redazione

di Leandro Amodio. Nelle giornate del 20 e 21 maggio, il Parco Esposizioni di Novegro, frazione del comune di Segrate (MI), ha ospitato il Festival del Fumetto Spring Edition 2017. Dinanzi alla biglietteria, la fila era interminabile (per fortuna avevo l'accredito stampa), e l'interno era gremito di gente di tutte...

Leggi tutto

Intervista a Pietro Gandolfi, autore di The Noise

25-05-2017 Hits:1220 Autori e Anteprime Redazione

A cura di Giorgio Borroni Nel fumetto italiano da edicola l’horror manca da un bel po’. E io intendo l’horror vero, quello crudo e crudele che ti prende subito alla carotide senza neanche annunciarsi. Insomma, non mi riferisco all’horror patinato, lontano dall’underground che sfocia nel fantasy o se la cava con...

Leggi tutto

Intervista a Paolo di Orazio, il pioniere dell’horror estremo in Italia

12-05-2017 Hits:1410 Autori e Anteprime Redazione

di Giorgio Borroni Da ragazzi li nascondevamo sotto il letto dai rastrellamenti, guardavamo con un occhio le loro pagine e con l’altro la porta della camera: questo per percepire ogni minimo movimento ed evitare di essere colti in flagrante mentre li sfogliavamo. No, non erano i banali giornalini porno, erano opere che...

Leggi tutto